Made in Sud in controtendenza nonostante…

6 Mar

Fatima Trotta valorizzata come donna

Come viene sottolineato in questa recensione su Tv Blog, a cura di Fabio Morasca, la prima puntata di Made in Sud 2019, lunedì 4 marzo 2019, non ha presentato alcuna speranza di rinnovamento, a partire dalla durata monstre, bel oltre la mezzanotte. La news del momento è un’altra, come fa notare Fabio Morasca ed arriva da Netflix:

“E’ notizia recente, infatti, del colosso Netflix che ha scelto di puntare sui comedian Saverio Raimondo, Francesco De Carlo ed Edoardo Ferrario per una serie di speciali fruibili sulla piattaforma. Stiamo parlando di quegli stand up comedian che hanno vissuto recentemente un periodo fortunato (e celere), dal punto di vista televisivo, che la tv, però, ha sedotto e abbandonato, nel tentativo di addomesticarli, di addolcirli o di snaturarli direttamente (ciò che è accaduto a Giorgio Montanini a Le Iene si fa fatica a capire e a spiegare).”

La sorpresa di Made in Sud è stata negli ascolti dell’esordio 1.955.000 spettatori e il 9,3% di share, nonostante la concorrenza de Il Nome della Rosa su Rai 1 e l’Isola dei Famosi su Canale 5. La conduzione a cura di Fatima Trotta che finalmente è stata valorizzata anche in quanto donna, Stefano De Martino che si è rivelato un ragazzo simpatico che sa stare al gioco, alternati a Biagio Izzo ed Elisabetta Gregoraci.

Come scritto più volte qui, una delle chiavi di lettura dell’efficacia di Made in Sud sta nella regia, davvero notevole pur in un contesto di contenuti abbastanza o del tutto datati. Poi bisogna capire anche da dove arrivano i numeri. Facciamo un piccolo esempio con questo blog: 

il picco di visite dovuto alla keyword Made in Sud

Come si può notare dalle statistiche c’è un picco di visite in corrispondenza della messa in onda della trasmissione in cui si superano le 400 visual. Cifre interessanti se si pensa che A) il blog viene aggiornato di rado. B) il blog è settoriale. C) non era stato scritto alcun post sull’esordio di Made in Sud. Sugli scudi il post sulle cifre e i guadagni di Made in Sud, del gennaio 2014 che che nel tempo ha totalizzato più di 20.000 visual. 

Questo significa nel piccolo un certo interesse, una “domanda” da parte degli utenti… che poi si riflette in grande nei quasi 2 milioni che hanno seguito il programma.

Questo al di là del merito artistico. Bisogna capire però che anche l’innovazione deve fare i “numeri” così… addavenì Netflix. 

Ananas Blog

Annunci

Tobuki, la Guida agli Spazi Teatrali 2019

20 Feb

La cover della Guida agli Spazi teatrali 2019

E’ uscita Tobuki la Guida agli Spazi Teatrali 2019 realizzata da Tom Corradini. Avevamo parlato della prima edizione della guida uscita l’anno scorso (leggi qui). In questa edizione non viene riportato nel titolo  la dicitura “Teatro Off”.  

“Cambiano formato  e contenuti, ma rimangono inalterate le sue finalità: essere un supporto per compagnie, operatori e professionisti del settore… Non solo più una guida esclusivamente dedicata ai cosiddetti teatri off , ma una pubblicazione più inclusiva, dedicata a tutti gli spazi teatrali interessati ad essere centri performativi aperti a nuove proposte di programmazione.”

Vediamo i contenuti della guida:

“140 spazi teatrali italiani e della Svizzera Italiana con contatti della direzione artistica, tipi di spettacoli ricercati, schede tecniche, costi di noleggio, opportunità di alloggio per le compagnie ospitate e tante altre informazioni utili per chi si occupa di distribuzione e produzione teatrale. L’edizione 2019 contiene anche un breve elenco di festival teatrali con contatti e informazioni sui periodi di iscrizione.”

“Il Formato Kindle della guida. Contiene le foto e link attivi degli spazi ed è possibile leggerla su qualsiasi dispositivo (ipad, computer, cellulare) grazie al software Kindle che Amazon mette gratuitamente a disposizione.” 

In parallelo c’è la nascita di un blog dal titolo omonimo: Tobuki – Teatro Senza Confini (vedi qui) “Un sito dedicato alla produzione teatrale e alle arti performative. Per vedere il mondo del teatro da dietro le quinte e per aiutare chi si occupa di teatro a livello professionale.” 

Punta molto sulla concretezza, è’ online da poco e merita tutto l’interesse suggerito da questo blog che, invece, sembra quasi ci sia da sempre 😉

Ananas Blog 

Il Trioreno: 3 ragazzi geniali di Bologna

4 Feb

Il Trioreno (dalla pagina FB di Bob Messini)

Ci sono vari modi di scoprire qualcosa, per esempio quando qualcuno di influente te la segnala. E’ successo a molti recentemente col gruppo comico Trioreno, che sono stati citati da Natalino Balasso nel suo formidabile Discorso di Capodanno 2019, (minuto 13.15) con le seguenti parole: “C’è stato un trio di comici a Bologna. Si chiamava Trioreno. Erano geniali, per questo non senti parlare di loro e continui a sentir parlare di Boldi e De Sica. Il Trioreno aveva dipinto lo spirito della nazione attraverso piccole cose, ad esempio attraverso la lettura dei segnali stradali…

Balasso cita appunto lo sketch dei segnali stradali, visibile anche su Youtube:

Quello che stupisce (il video è del 1988) è il ritmo, l’energia con cui vengono smontati i luoghi comuni, con un meccanismo di call and response (botta e risposta) che in musica è tipico del blues e che nel Trioreno (qui sta il genio) viene riportato alla comicità e fa ridere tanto, tantissimo.

Per tornare alle origini, la storia del Trioreno è semplice: formato dai bolognesi Roberto Onofri, Marcello Foschini, Roberto (Bob) Messini, con l’aggiunta di un autore dietro le quinte (Mario Giorgi); la loro carriera è cominciata vincendo il Festival di Loano nel luglio 1987, che ha spalancato loro le porte alla partecipazione a Drive In (stagioni 1987/1988).

Qui ricordo bene che, ai tempi, guardando Drive In la genialità del Trioreno era evidente, anche se un po’ penalizzata da un minutaggio troppo breve e da una scaletta che accumulava gag una via l’altra. Invece in ciò che è caricato online si intuisce quale può essere l’energia sprigionata dal Trioreno dal vivo. Qui un altro sketch notevole, dal titolo “Professore”.

La visibilità post Drive In ha portato ad alcuni anni di lavoro intenso. In seguito il rapporto con la tv è stato un po’ discontinuo. Citiamo: “Fate il vostro gioco” (Rai 2, 1988), Europa Europa (Rai1 2 1989 e 1990) Roxy Bar (1994) Colorado Café (2006).

Come ci ha raccontato Bob Messini, i ragazzi bolognesi del Trioreno non avevano l’idea di come si gestisca o si sfrutti il successo; di come ci si venda o si monetizzi al meglio. Ingenuamente pensavano che il mondo dello spettacolo non fosse composto al 10% di “arte” e al 90% di pubbliche relazioni.

Però la buona notizia è che il Trioreno c’è ancora, non si è mai separato. Un po’ come certe band che non si sciolgono e che sono sempre in odore di reunion. Non tanto tempo fa c’è stata la realizzazione di “Triage” una trilogia di corti teatrali. I tre stanno seduti e usano ritmi più lenti, non per perdita di energia, ma per scelta artistica.

Picasso ha detto che “I mediocri imitano, i geni copiano”. I ragazzi del Trioreno sono dei geni e non hanno neanche copiato… alla faccia di Picasso! 

Ananas Blog

Belen Rodriguez alla conduzione di Colorado

28 Gen

Belen Rodriguez (da TvBlog)

Come anticipato anche da Tv Blog (vedi qui) Belen Rodriguez condurrà la prossima stagione di Colorado (tra aprile e maggio 2018) al fianco di Paolo Ruffini (sembra ormai sicuro). Curiosamente l’ex di Belen, Stefano De Martino condurrà Made in Sud (vedi post) in un confronto a distanza tra gli ultimi due scalettoni comici della tv italiana.

Come fa notare Tv Blog, Colorado rientra dopo uno stop di più di un anno (ultima puntata il 4 gennaio 2018). Anche Made in Sud ha subito un periodo di ferma addirittura più significativo (ultima puntata 30 maggio 2017). Insomma, quella che era una grande macchina che produceva puntate una dopo l’altra a ritmi forsennati (come se non ci fosse un domani) si è parecchio diradata.

Da aprile a maggio (per Colorado) si conterebbero un 8 puntate. La corazzata di Maurizio The Manager Totti era abituata a macinare 22 prime serate l’anno (più gli incassi dei film) anche se si può consolare con altre produzioni come il Big Show con Adrea Pucci.

Sulla pagina Facebook della Colorado film sono segnalati due Colorado Lab finalizzati alla trasmissione, uno al Teatro Blu di Milano (qui) con la data prevista di martedì 12 febbraio; l’altro al Teatro Flavio di Roma (qui) martedì 29 e mercoledì 30 gennaio. 

Ananas Blog

Stefano De Martino condurrà Made in Sud (e Gigi e Ross?)

17 Gen

Stefano De Martino (da Cooming Soon)

Che fosse in arrivo una nuova edizione di Made in Sud era risaputo. Quello che ha stupito è la scelta del nuovo conduttore: Stefano De Martino (Es un empresario, modelo, showman, presentador de televisión, coreógrafo y bailarín profesional, ex marido de Belén Rodríguez y ex novio de Emma Marrone, da Wikipedia, olé). La scelta è stata confermata dal Direttore di Rai 2, Carlo Freccero in persona (vedi qui su Davide Maggio). L’arrivo di Stefano interrompe le due stagioni condotte da Gigi D’Alessio con risultati deludenti (sicuramente più per usura del format che per demeriti di D’Alessio).

Stefano De Martino sembrerebbe quanto di più lontano ci sia da una conduzione comica e dal fare da spalla ai cabarettisti. Però, come si dice, bisogna metterlo alla prova e vedere come sarà utilizzato. Ci si aspettava un ritorno al cabaret puro, a chi è abituato a dare i ritmi, a chi conosce a memoria gli artisti e i loro tempi comici, insomma qualcuno del calibro di Gigi e Ross (forse sono gli unici ad avere le coordinate per guidare la corazzata mormoniana). Già, appunto, Gigi e Ross…

Domanda numero uno: perché sono stati esclusi? Risposta: mistero. 

rivedremo scene come queste?

Domanda numero due: come stanno andando? Sicuramente lavorano tanto a Rai 2, anche se l’impressione è che stiano un po’ segnando il passo, che la loro carriera sia meno brillante del previsto. L’esordio fu col botto, con la conduzione di Sbandati, format molto interessante che però è stato cancellato dopo due stagioni. Rispetto al travolgente successo dell’originale francese, Sbandati ha sicuramente perso qualcosa in corso d’opera, andando un po’ a spegnersi.

Poi c’è stato Furore, 4 puntate + 1 per i 20 anni del programma in cui Gigi e Ross sono sembrati un po’ sottotono (leggi qui) come testimoniano anche gli screenshot. Scanzonissima (vedi qui) poteva essere la consacrazione in prima serata, ma anche qui forse qualcosa non è andata per il meglio nella loro performance. Successivamente c’è stata la partecipazione a B come Sabato che doveva ripetere i fasti di Quelli che il calcio… che però è stata chiusa in anticipo.

Ora è prevista la loro presenza a Improvviserai, con Ale e Franz sempre su Rai 2, che sarebbe un’evoluzione di Buona La Prima, anche qui però (si immagina) in una posizione di supporto ai top player Ale e Franz.

Conclusione: abbiamo un format in declino (Made in Sud) e due conduttori in stasi identitaria (Gigi e Ross) che unendosi potrebbero risolvere quasi tutti i loro problemi, ma che vengono tenuti separati. 

Ananas Blog

Il ritorno di Daniele Luttazzi in TV?

4 Gen

Daniele Luttazzi (da: biografie online)

Notizia davvero clamorosa con cui si è aperto il 2019, vale a dire il possibile ritorno di Daniele Luttazzi in TV, precisamente su Rai 2. La cosa è stata resa pubblica dalla conferenza stampa (vedi qui) del neo direttore Carlo Freccero (sotto la cui precedente direzione lavorò anche l’amministratore di questo blog, nel lontano anno 2.000). 

“Ci siamo incontrati, c’è in vista un progetto per l’autunno. La satira libera è un’altra caratteristica del servizio pubblico ed è finita l’epoca di Berlusconi e di Renzi.”

Chi segue questo blog sa bene quanto sia stato auspicato il rientro di Daniele Luttazzi sui palcoscenici che gli competono. Per tre semplici motivi: 1) le censure appartengono, come detto da Freccero, a un’epoca che ormai non esiste più. 2) I presunti casi di plagio, al di là di come la si pensi, non costituiscono un motivo di emarginazione o di ostracismo. 3) Daniele Luttazzi può piacere o meno, ma è innegabile che sia una spanna sopra quasi tutti.   

Facciamo un breve riassunto: già nel gennaio 2013 pubblicavamo il post Daniele Luttazzi assolto da ogni accusa di plagio, in cui si elencavano una serie notevole di “ruberie” avvenute nel mondo della comicità senza che nessuno battesse ciglio (Visto e considerato che: nel mondo della comicità il concetto di plagio e di copia è sostanzialmente nullo, frutto questo di una legislazione assente e di una consuetudine inveterata…). Ergo, Luttazzi meritava l’assoluzione piena a prescindere da colpe presunte o reali.

Nel marzo del 2015 veniva pubblicato il post Svelato il complotto ai danni di Daniele Luttazzi, che partiva dal fatto che Luttazzi fosse indagato per frode fiscale (poi assolto). Da lì si prendeva spunto per evidenziare una “congiura del silenzio” facile da spiegare: il nostro eroe stava bene lì dove stava. “Dove Luttazzi? Cosa sta facendo? Non sarebbe il caso tornasse in scena? Se fai queste domande a qualche collega o presunto tale, l’impressione è che tutto si risolva con “un’alzata di spalle”, anzi c’è quasi come un muro di gomma. E’ brutto dirlo, ma Daniele Luttazzi fa comodo lì dov’è. Un concorrente in meno.”

Insomma, l’accusa di frode fiscale era un ulteriore motivo per sancirne l’indegnità, mentre magari il sentimento dell’ambiente (che è sempre molto competitivo) era quello del “ma sì, un rivale di meno”.  

Il 22 aprile 2016 usciva il post: Urge il ritorno immediato di Daniele Luttazzi!!! Scritto in seguito a un clamoroso caso di plagio passato in tv in prima serata (pari, pari da George Carlin e Sergio Viglianese) senza che ci fosse alcuna conseguenza, anzi, con la promozione in finale dell’autore dello scippo. Era un ulteriore prova della non colpevolezza di Luttazzi.

Continua a leggere

Buona Natale e felice 2019!

17 Dic

Ananas Blog

Scapezzo finalmente online!

28 Nov

un fermo immagine plastico di Nicola Vicidomini in Scapezzo

Nicola Vicidomini ha appena caricato su Youtube il video del suo leggendario Scapezzo, spettacolo teatrale oltraggioso, che è stato ritirato dal live soprattutto per non dare una sensazione di riempimento e di dejà vu (in attesa di Fauno, il prossimo atteso spettacolo) quindi la fruizione su Youtube è l’occasione per chi se lo fosse perso di gustare questa singolarissima opera teatrale

Qui il video su Youtube: (si consiglia visione in full screen). Oppure nella finestra qui sotto:

Abbiamo approfittato dell’occasione per fare qualche domanda a Nicola Vicidomini. La conversazione è avvenuta in modo informale via telefono: 

Perché hai rilasciato Scapezzo su Youtube?

Dopo tre anni di sold out ho deciso di non replicarlo, così ho regalato al vento la ripresa realizzata nella Stagione 2016/17, tuttavia dal vivo rimane un‘esperienza che nessun video potrà mai restituire. Il mio linguaggio sta andando oltre, evidenza riscontrabile già in Veni Vici Domini, show di transizione e successo di pubblico la scorsa stagione.
Ora sto lavorando a Fauno, visione satanica. Debutterà al Teatro Bellini di Napoli il 6 Aprile 2019 per poi riapprodare al Vascello a cui sono molto legato.
Continuare a dipingere la stessa tela non mi riguarda. Me ne fotto del consenso. Mi annoia. Spero sinceramente di perdere un po‘ di pubblico attraverso questa nuova proposta.

Vuoi parlare del tuo libro “il nuovo libro di Piero Angela”?

Sta vendendo bene, sopratutto a Milano e Roma. Ultra Castelvecchi ha finalmente lanciato una collana che racchiude il meglio dell‘umorismo italiano del presente e del passato intitolata Veni Vidi Risi, magistralmente diretta da Stefano Sarcinelli: Marenco, Andreasi, Paolantoni, Luporini… Sono in ottima compagnia e con un libro esilarante.

C‘è qualche stand up comedian che ti piace? Continua a leggere

Il Cabaret delle Ragazze ai nastri di partenza

19 Nov

Sta per nascere il Cabaret delle Ragazze, basato su una comicità tutta al femminile. L’iniziativa è a opera dell’Accademia del Comico di Milano (qui il sito) e si svolgerà per una serata al mese (al giovedì) presso il Bistrot del Teatro Out Off di Milano (vedi qui). 

“Sempre di più si sente la necessità di dare spazio e voce all’espressione femminile, ma la nostra idea è di portare questo tipo di esperienza dal vivo, in un work-in-progress che mira alla costruzione di un gruppo che, serata per serata, continui a costruire uno spettacolo in cui ci sia spazio per la risata e anche per la riflessione.”

Vediamo un po’ come funzionerà: le serate saranno condotte da Rita Pelusio, Cristiana Maffucci e Laura Formenti, esponenti di rilievo della risata al femminile e docenti dell’Accademia, assieme alla Presidente dell’Accademia stessa, Sonja Collini. Lo stile sarà improntato su: 

“…diverse artiste di varia provenienza e stile. Un momento in cui comicità, teatro umoristico, musica e canzone, testimonianze e interviste collaborino insieme per raccontare e raccontarsi, e per far nascere nuovi stimoli e collaborazioni tra artiste, sotto la chiave dell’ironia e dell’umorismo.”

“La prima serata si svolgerà il 29 novembre 2018, queste le date successive: giovedi 20 dicembre, giovedi 24 gennaio, giovedi 21 febbraio, giovedi 21 marzo, giovedi 18 aprile, giovedi 23 maggio, giovedi 20 giugno.
Le artiste si ritrovano alle ore 17 di quel giorno per preparare in sinergia la struttura della serata. L’orario di inizio spettacolo è alle 21.30. Verrà proposto un biglietto di ingresso simbolico a 5 euro”

Diverse artiste, non solo comiche (gruppi, scrittrici, giornaliste)  hanno già aderito. L’elenco parziale comprende:

Anna Marcato e Cikale Hostress, Annalisa Dianti Cordone, Antonella Cavallo, Chiara Avanzo
Clara Campi, Corinna Grandi, Elena Ascione, Elisabetta Cois, Federica Ferrero, Federica Sassaroli
Francesca Puglisi, Gabriella Greison, Irene Geninatti, Livia Grossi, Luce Pellicani, Lucidosottile,
Mari Rinaldi, Martina Catuzzi, Mary Sarnataro, Michela Giraud, Nadia Puma, Rosy Cannas, Sonja Radaelli, Vanessa Giuliani.

Daje! 😉 

Ananas Blog 

Italian Stand Up il format su Zelig TV

8 Nov

Segnaliamo la partenza di un format di stand up comedy su Zelig TV (ora sul canale 63 del digitale terrestre): “Italian Stand Up” le cui registrazioni iniziano proprio questa sera, giovedì 8 novembre, presso la sede di viale Monza 140 Milano. Il cast della prima sessione (ne sono previste 4) è composto da Daniele Raco e Giorgio Magri (quindi: un veterano e un emergente). Qui l’evento su Facebook.

Altri comedian coinvolti dovrebbero essere: Luca Cupani, Daniele Fabbri, Davide Calgaro, Alessandro Ciacci, Daniela Delle Foglie, Luca Ravenna, Saverio Raimondo.

Il progetto si avvale della collaborazione di Aguilar Entertainment, agenzia emergente che si sta specializzando nella stand up comedy. In scuderia ci sono: Davide Calgaro, Martina Catuzzi, Alessandro Ciacci, Daniela Delle Foglie, Francesco Frascà, Michela Giraud, Nathan Kiboba, Saverio Raimondo, Stefano Rapone, Luca Ravenna, David Shushan, Daniele Tinti.

Ananas Blog 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: