ZELIG, LA CREAZIONE ARTIFICIALE DELL’ANSIA(2) Un anno con Ivan Zeligovic

20 Mag

di Gat

METTIAMOCI NEI PANNI DI IVAN, UN COMICO. NON IMPORTA SE LO FACCIA A TEMPO PIENO O COME SECONDA ATTIVITÀ, SE SIA UN MONOLOGHISTA O SE ABBIA DEI PERSONAGGI E DEI TORMENTONI FORTI. PROVIAMO A CAPIRE COME VERRÀ INTRAPPOLATO IN UNO STATO COSTANTE DI ANSIA.

AnanasBlog

 1) IL PRIMO PROVINO Ivan è con 30/40 comici in un teatro vuoto, di fronte a lui ci sono uno o più autori e il direttore artistico di Zelig. Farà un pezzo di 4 minuti. Difficile giudicare un artista da così poco, è come valutare Barcellona vedendo solo una ramblas, però se il responso sarà positivo, verrà convocato… per la trasmissione? No, per il laboratorio Zelig. 

2) IL LABORATORIO – Il posto è a 100 chilometri da casa di Ivan. Convocazione alle 17, prove e, se tutto va bene, esibizione la sera davanti al pubblico. Ogni mercoledì per 10/12 settimane: un impegno fisico e creativo che è gratuito e molto faticoso.

L’ansia inizia con le convocazioni. Ogni settimana, se nessuno si fa vivo, iniziano le paranoie: «perché non sono stato chiamato? Ho sbagliato qualcosa? Mi stanno facendo fuori?». Ivan aspetta che una mail o una telefonata lo liberino dallo stato di tensione.

Inoltre il lavoro potrebbe essere frustrante: difficile conoscere bene un artista vedendolo 5 minuti ogni tanto. I comici sono tanti, quindi nessuno fa un lavoro accurato sul singolo. È una catena di  montaggio: qualche opinione per ogni comico, e via. Ivan può essere disorientato, messo in grave difficoltà, costretto a riscrivere ogni cosa pur essendo in disaccordo con le indicazioni dell’autore, che ora è l’unico tramite verso il grande sogno.

 3) CONVOCAZIONE PROVINI – Ivan ha stretto i denti e completa il laboratorio. Ora ci sono i provini per Zelig Off. L’attesa è totale, la tensione pure.

Il meccanismo delle convocazioni è a Macchia di Leopardo: non tutti quelli del gruppo fisso del laboratorio verranno chiamati, che non tutti verranno chiamati nello stesso giorno, che alcuni dei più bravi, inspiegabilmente, non verranno convocati. Inoltre molti accederanno ai provini senza aver fatto alcun laboratorio.

Ivan viene a sapere di suoi colleghi che sono stati già chiamati, ma la sua mail e il suo cellulare tacciono. La tensione aumenta, finché non si scioglie quando arriva la benedetta convocazione.

 4) PROVINI ZELIG OFF – è una serata terribile, con una trentina di comici in scaletta. Ivan è il 25esimo, sa già che uscirà con un pubblico già stanco che avrà poca voglia di ridere. E se ci sono poche risate un pezzo comico perde molto.

Gli occhi vanno ai capi, quelli che possono decidere della sua vita, della sua fortuna, del suo futuro. Ogni tanto escono, parlano al cellulare, si distraggono. Sarebbe tremendo se, quando salirà sul palco, loro saranno distratti e non lo vedranno, annullando di fatto mesi e mesi di sacrifici.

Ma il pezzo va bene, i capi sono lì a vederlo, c’è ancora speranza.

 5) LABORATORIO ZELIG OFF – Dopo un’attesa snervante: paura di aver fallito, di dover ripetere tutto da capo, l’aver saputo che altri sono già stati convocati (notare la ripetizione ciclica di queste tensioni), Ivan viene scelto per il laboratorio di Zelig Off, in cui ci sarà il nucleo di comici che faranno la trasmissione di seconda serata, che non cambia la vita a nessuno, ma che può portare a Zelig in prima serata che, forse, cambia la vita.

Anche qui Ivan viene chiamato una volta sì e una no, alternando attese logoranti a serate di laboratorio cariche della paura di sbagliare. Vorrebbe capire le intenzioni di una direzione artistica che appare lontana e indecifrabile, ma è impossibile.

 6) ZELIG OFF – Ivan è scarico, stanco come un maratoneta a fine corsa. I tempi di registrazione di Zelig Off si avvicinano e lui non ha saputo ancora nulla. Si sa tutto all’ultimo istante, spesso si dimenticano anche di dire a uno che è stato scelto (è successo al povero Marino Guidi e a tanti altri). Oppure a volte ti dicono che sei stato preso e poi all’ultimo momento ti escludono. Non c’è il diritto di sapere, questo Ivan l’ha capito bene da un pezzo.

Finalmente arriva la convocazione per Zelig Off, per la seconda puntata. Come mai? Perché non partire dalla prima? Che senso ha?

Attraverso i soliti meccanismi in cui speranza, delusione e ansia si alternano, Ivan riesce a fare quattro puntate, la 2°, la 4°, la 6° e l’8°. Si viene chiamati al giovedì per registrare il lunedì e il martedì, l’attesa (come al solito) è quasi insopportabile.

4 puntate in modo sparso impediscono che il pubblico si affezioni, e anche che si possa proporre un discorso artistico coerente. Sembra che gli diano un assaggino tenendolo comunque affamato, anzi facendo crescere la sua fame a dismisura.

Intanto Ivan, che è in ballo da mesi e mesi, ha già rinunciato ad altre opportunità professionali. Zelig è la sua ossessione.

 7) DOPO ZELIG OFF – Ivan riceve messaggi di congratulazioni, molti l’hanno visto in tv, ma non ha migliorato la sua popolarità, nessuno l’ha chiamato per fare una serata, una convention, un festa di compleanno. È chiaro che è zelig in prima serata a far fare il boom. Ci sono comici che hanno fatto tutte le puntate di Zelig Off e lui, con le sue misere quattro, si sente meno di una riserva. Però una persona vicina alla direzione artistica gli dice che è piaciuto, che forse una chance C’è. È ciò che voleva sentirsi dire e quella speranza lo salva dalla depressione.

 8.) ANCORA UN LABORATORIO – Ivan sa che c’è un laboratorio gestito da un autore che stima. Pensa che se non ha ottenuto il meglio ci siano delle responsabilità dell’autore che l’ha seguito fin qui. Così decide di frequentare quel laboratorio, non rendendosi conto di essere tornato al punto di partenza. Il posto è a 300 chilometri da casa, ma l’autore è così gentile e disponibile…

 9) ATTESA INFINITA – Ivan consuma il suo tempo tra l’ennesimo laboratorio (è il terzo in 8 mesi) e la speranza sempre più debole di fare almeno un paio di puntate in prima serata, davanti a 7 milioni di spettatori, forse più. C’è qualcuno in trasmissione che gli sbarra la strada, che fa un pezzo simile al suo, ma se gli dovesse andare male potrebbe subentrargli… Ogni tanto gli arrivano segnali incoraggianti e questo succede fino alla fine. La vita è diventata un saliscendi emotivo.

 10) CHE FARE? – Zelig in prima serata è finito. È primavera. Ivan frequenta un laboratorio Zelig estivo. Vuole provare qualcosa di nuovo, ma non gli va tanto bene. È indeciso su cosa fare, se insistere sul pezzo vecchio oppure se fare altro. Quando ha iniziato era pieno di certezze, si divertiva, adesso è diventato tutto molto pesante. L’autostima è crollata. Intanto completa il quarto laboratorio Zelig in meno di un anno.

 11) SI RICOMINCIA DA CAPO – Ricominciano i due laboratori (assieme a tanti altri), quello a 100 km e quello a 300 km da casa. Potrebbe andarci senza fare il provino iniziale, anche se la prospettiva di passare un altro anno come quello trascorso è atroce. Ma è stato in vacanza, si è ricaricato.

È mercoledì, Ivan prepara le sue cose per essere puntuale alle 17. Il pezzo è memorizzato. Piacerà? È televisivo? Lo porterà al successo? La strada è lunga, infinita, ma bisogna percorrerla…

 COMMENTO FINALE – Ora dico io: ma che cazzo di vita è? (scusate la parolaccia) Ivan Zeligovic, assieme a tanti altri, è entrato in un meccanismo da cui non si esce più, che potrebbe andare avanti per 6, 7, 8, 9 anni (è successo, sta succedendo).

C’È DA NOTARE CHE NELL’ESEMPIO FATTO SOPRA EGLI SIA RIUSCITO NEL PRIMO ANNO AD APPRODARE ALMENO ALLA SODDISFAZIONE DI 4 PUNTATE IN SECONDA SERATA, MA AVREBBE POTUTO ANCHE ESSERE SCARTATO MOLTO PRIMA. IL SISTEMA ZELIG GLI AVREBBE COMUNQUE OFFERTO UN LABORATORIO, UN PROVINO, UNA SPERANZA CHE L’AVREBBE INDOTTO A NON ALLONTANARSI, A RIMANERE NEI DINTORNI, A DARSI DA FARE.
 LA STORIA DI ZELIG, TRA L’ALTRO, È PIENA DI COMICI CHE HANNO FATTO LA TRASMISSIONE DI PRIMA SERATA E CHE, ALLA FINE, SONO STATI RICONDOTTI DOCILMENTE AL LABORATORIO DI INIZIO STAGIONE, PER POI ATTENDERE LE CONVOCAZIONI PER ZELIG OFF, PER POI…
 INSOMMA, ZELIG HA UNA CARATTERISTICA: UNA VOLTA CHE SEI ENTRATO SARÀ DIFFICILISSIMO USCIRNE E, UNA VOLTA DENTRO, SI PRENDERÀ TUTTE LE TUE ENERGIE. DI ANNO IN ANNO.

20 Risposte a “ZELIG, LA CREAZIONE ARTIFICIALE DELL’ANSIA(2) Un anno con Ivan Zeligovic”

  1. al maggio 20, 2010 a 6:15 PM #

    era ora che qualcuno scoperchiasse questa fogna!

    • ananasblog maggio 21, 2010 a 1:41 PM #

      Speriamo di farlo bene 😉

      Redazione

      • Melady maggio 24, 2010 a 6:30 am #

        Vorrei porre una domanda in modo sarcastico ad Al….
        Ma nella fogna non è designata a far entrare le merde?

        • ananasblog maggio 24, 2010 a 8:01 am #

          Ehi, ehi, Melady (ma che strano nick…) andiamoci piano, il “grande moderatore” sente e vede tutto, anche se non interviene, potrebbe farlo in futuro…

          • Melady maggio 24, 2010 a 8:30 am #

            Forse hai ragione ” Grande Moderatore “….ma usare il plurale cacche non aveva lo stesso effetto, un eccesso di zelo cercando un tempo comico. credo si dica così, terrò presente per la prossima volta. chiedo venia.

          • Melady maggio 24, 2010 a 8:32 am #

            Forse hai ragione ” Grande Moderatore “….ma usare il plurale cacche non aveva lo stesso effetto, un eccesso di zelo cercando un tempo comico. credo si dica così, terrò presente per la prossima volta. chiedo venia.
            In quanto al Nickname, può esser letto in diversi modi.

            • ananasblog maggio 24, 2010 a 7:30 PM #

              L’è minga un palcoscenico che si cercano i tempi comici 😉
              G M

Trackbacks/Pingbacks

  1. provini 2012: quest’anno nessuna “spremuta”? « - maggio 17, 2012

    […] Sembra che quest’anno non ci saranno i famosi “provini televisivi” di fine maggio – inizio giugno, uno dei riti più solenni della liturgia zelighiana, rinominati anche “tritacarne” o “spremuta di sangue. Ai tempi belli si apprestava Zelig Off (che forse quast’anno non si farà) autentica trasmissione “specchietto per le allodole” e la tensione saliva al massimo. Il comico, grazie a ciò, era al servizio di Zelig praticamente tutto l’anno (vedi post “un anno con Ivan Zeligovic”). […]

  2. una clamorosa, agghiacciante testimonianza su Zelig Off (seconda parte) « - novembre 17, 2011

    […] Un anno con Ivan Zeligovic […]

  3. Zelig: manipolazione e uso del mistero « - maggio 16, 2011

    […] In modo diverso, ma usando la stessa tecnica di “reclutamento”, Zelig ha una serie di gradini, ognuno di questi basato sul mistero (non hanno ancora scelto, non si sa niente). Ogni passaggio comporta l’attesa di un altro passaggio. Non si finisce mai, anche quando dovresti essere arrivato in cima (leggi post Un anno con Ivan Zeligovic). […]

  4. Tre Alici nel Paese delle Meraviglie « - dicembre 12, 2010

    […] anche 10 anni a produrre “manodopera gratuita” per Zelig, senza ricevere nulla o quasi in cambio (vedi link un anno con Ivan Zeligovic). Non saprà del tritacarne dei provini e dei laboratori, vero gioco al massacro in cui le speranze […]

  5. I motivi per cui Aldo Giovanni e Giacomo dovrebbero… « - dicembre 3, 2010

    […] https://ananasblog.wordpress.com/2010/05/20/zelig-la-creazione-artificiale-dell%e2%80%99ansia2-un-ann…  […]

  6. I motivi per cui Enrico Bertolino… « - novembre 19, 2010

    […] https://ananasblog.wordpress.com/2010/05/20/zelig-la-creazione-artificiale-dell%e2%80%99ansia2-un-ann…  […]

  7. I laboratori sono il cuore del business Zelig? « - settembre 13, 2010

    […] sistema Zelig (Vedi link ansia 2) crea una RISERVA enorme di comici da cui PESCARE con comodo QUANDO SERVE. I comici sono tutti […]

  8. Guida al sito (per chi leggesse per la prima volta) « ananas - luglio 31, 2010

    […] stressati e perennemente senza risposte. In questa serie l’articolo più importante è Un anno con Ivan Zeligovic, che descrive come ciò avvenga in modo continuato e costruito ad […]

  9. Un mondo perfetto, dominato dalla paura « ananas - giugno 28, 2010

    […] LO STESSO SISTEMA prevede una naturale alternanza di speranze fatte crescere ad arte, tensioni portate alle stelle e inevitabili “mazzate” conseguenti (vedi post Un anno con Ivan Zeligovic). […]

  10. ZELIG, LA CREAZIONE ARTIFICIALE DELL’ANSIA(4). Alta pressione: come crearla « ananas - giugno 26, 2010

    […] di mentire, ma di nascondere la verità sulle scelte. Come è spiegato in un post precedente (vedi link) la mancanza di certezze induce i comici a diventare frenetici, a cercare di avere le risposte che […]

  11. Il nomadismo tra i laboratori « ananas - giugno 25, 2010

    […] aggiuntivo rispetto all’impegno già gravoso di laboratori, provini e convocazioni made in Zelig (vedi post ansia 2), è indicativo del fatto che la gente sia […]

  12. Precisazione al post su Marino Guidi « ananas - giugno 11, 2010

    […] PRATICHE vengono tuttora portate avanti con disinvoltura su centinaia di persone non solo da Zelig (vedi post ansia 2), ma adesso anche da realtà minori (vedi post Central […]

  13. ZELIG, LA CREAZIONE ARTIFICIALE DELL’ANSIA(3). Ricordo di Marino Guidi « ananas - maggio 21, 2010

    […] Marino, superato il brutto momento, aveva intrapreso il percorso pesantissimo descritto nel post 2 (https://ananasblog.wordpress.com/2010/05/20/zelig-la-creazione-artificiale-dell%e2%80%99ansia2-un-ann…). A Zelig Off aveva subito l’onta delle convocazioni a macchia di leopardo: chiamato a fare la […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: