I numeri dei laboratori Zelig: quanto conta la forza lavoro gratuita?

26 Mag

Se 25.000 ore vi sembran poche (a cura di Gat) *

Facciamo un po’ di statistiche sui laboratori Zelig. Ci sono quelli in giro per l’Italia: Como, Bologna, Firenze, Genova, Marghera, Napoli, Piacenza, Rimini, Roma, Rozzano, Torino; poi quelli con sede a Milano: Artistico, Sex & Zelig, Oggi Le Comiche, Zelig in English. L’elenco è un po’ in difetto, perché a Milano nascono spesso altri laboratori tematici, poi ci sono anche quelli estivi. comunque il numero è di almeno 15.

 Mettiamo che ogni lab faccia 12 serate a stagione: 15 x 12 = 180.

Vuol dire che nei 365 giorni di cui è composto un anno, una volta su due c’è una serata di laboratorio in cui si lavora gratuitamente. 

Se calcoliamo che una ventina di cabarettisti ruoti attorno a ogni laboratorio abbiamo che: 15 x 20 = 300 comici coinvolti in vario modo, cioè una cifra spropositata con cui si potrebbero mettere in piedi una ventina di trasmissioni, come minimo.

Ipotizziamo anche che per ogni serata si interpretino 15 pezzi scritti apposta per il laboratorio o che siano parte del repertorio dei comici: 180 x 15 = 2700:  migliaia e migliaia di sketch realizzati e messi in scena gratuitamente, durante 180 serate, da parte di quasi 300 comici. 

Quante ore impegna globalmente questo sistema? Mettiamo che il comico sia in ballo dalle 5 del pomeriggio fino a mezzanotte (compresi gli spostamenti), cioè una media di 9 ore.

Se in un anno le serate sono 180, e in ogni serata la media dei partecipanti è di 15, verrà fuori: 180 x 15 x 9 = 24.300, vale a dire quasi 25.000 ore all’anno di sacrificio non retribuito, da strappare letteralmente agli altri impegni.   

Insomma, abbiamo una forza lavoro che produce, produce, produce, senza alcuna contropartita e gratuitamente, da cui pescare quello che serve, concedendosi il lusso di poter mandare a male quasi tutto il resto. Lo spreco di energia, creatività, ore è enorme, quasi sempre senza alcun riscontro concreto. 

COMMENTO: se potessi disporre di 25.000 ore di manodopera gratuita, mi farei costuire una villa di lusso, poi direi a tutti: il laboratorio edile è finito, ma vedrete che vi chiamo quando dovrò costruirmi un castello.
Così non va: c’è una sproporzione abnorme, peggio del peggior call center nel paese dove ci sono meno diritti per i lavoratori. Questo va oltre la precarità: è sfruttamento allo stato puro.
Se 25.000 ore vi sembran poche…
* le stesse liberatorie dei laboratori Zelig parlano di “prestazione d’opera gratuita”, quindi è lavoro gratuito (anche e non solo) per ammissione stessa di Bananas srl
Annunci

14 Risposte to “I numeri dei laboratori Zelig: quanto conta la forza lavoro gratuita?”

  1. Anonimo giugno 3, 2010 a 5:58 pm #

    Per interrpere questo danno infame basterebbe che i comici non partecipassero più ai laboratori, che pretendessero di essere altrimenti, retribuiti, e che convincessero le giovani leve a gare altrettanto. È scandaloso che chi si é fatto una base su tematiche care ai lavoratori oggi mon solo se ne infischia ma pensa di essere spre dalla loro parte, e io lo so per certo. C’ho litigato, con Michele, il mozzati. Walter Leonardo

    • ananasblog giugno 3, 2010 a 6:18 pm #

      Comici, la categoria meno sindacalizzata dell’universo, speriamo che le cose migliorino…
      La Redazione

  2. claudio maggio 27, 2010 a 10:05 am #

    Lancio una domanda…

    Se fosse che i laboratori, nati per uno scopo nobile, siano vittime di uno sfruttamento atto alla creazione di un bacino di utenza che un giorno andrà a guardare la trasmissione televisiva,
    Nato dal desiderio ANSIOLITICO dei pubblicitari ?

    • ananasblog maggio 27, 2010 a 10:37 am #

      Sei comprensibile fino a un certo punto, però è vero che molte finalità dei lab non sono quelle dichiarate.
      La Redazione

  3. ananasblog maggio 26, 2010 a 2:08 pm #

    Ops, mi è appena giunta una smentita: 20/30.000 euro sono una cifra spropositata. Forse dipende dalle situazioni: c’è il pub, c’è il teatro, c’è il posto che si sostiene da solo, c’è quello che ha il patrocinio del comune.

  4. Claudio maggio 26, 2010 a 11:35 am #

    La domanda sorge spontanea: Ma i locali che ove sitengono i laboratori di cabaret, riconoscono soldi colore che gestiscono il lab. e se si in che forma?….quantifichiamo a sto punto 25000 ore sono tante.

    • ananasblog maggio 26, 2010 a 12:04 pm #

      Claudio, basta chiedere a un gestore. Credo che portare il marchio Zelig per un anno costi sui 20/30.000 euro al gestore del laboratorio, in passato è costato anche 50.000 euro, però un diretyto interessato saprebbe risponderti con precisione.

  5. Claudio maggio 26, 2010 a 11:29 am #

    Pensa che mesi fa ho lanciato un’idea dal nome COMICOOP L’IDEA DISTINTIVA e mi hanno cazziato quasi tutti. Dove spiegavo che dei comici in cooperazione potevano portarsi a casa al mese dalle 500 alle 1800 euro facendo 8 spettacoli.
    Secondo me bisogna cambiare i proverbi….
    Attiran di più L’ILLUSIONE di far televisione che un biglietto da 100 euro.

    Se dovesse essere in forma privata vi spiego come funzionava la cosa, onde evitare pensieri di pubblicità sul blog.

    Claudio Masiero

Trackbacks/Pingbacks

  1. La volta in cui potevamo salvare la comicità italiana | - luglio 11, 2015

    […] sketch prodotti “a fondo perduto”. Queste cose sono state scritte nel maggio 2010 (leggi qui). Adesso su Facebook c’è stata una riscoperta della cosa, ma solo dopo che il leone Zelig è […]

  2. Gli arrampicatori cabarettistici « - febbraio 7, 2011

    […] Lo stato del comico in Italia, sembra rispondere a questo criterio di selezione. Il sistema sembra che faccia di tutto per renderlo nevrotico, incattivito, instabile, frustrato. L’effetto è che egli diventa frenetico, si butta a capofitto nei laboratori, nei provini, all’infinito. Questo spiega anche le 25.000 ore di lavoro gratuito l’anno cui si sottopongono i comici Zelig (vedi link). […]

  3. I laboratori: una piramide senza vertice « - ottobre 9, 2010

    […] dei laboratori impegna circa 300 comici l’anno, che producono 25.000 ore di manodopera gratuita (vedi link). Se tutti questi si “diplomassero”, l’anno successivo il sistema avrebbe bisogno di altri 300 […]

  4. I laboratori sono il cuore del business Zelig? « - settembre 13, 2010

    […] EPPURE considerare i laboratori il cuore del business non è sbagliato. Non è un caso che l’attività che sarebbe alla base di tanta RICCHEZZA sia organizzata quasi interamente sulla MANODOPERA GRATUITA (circa 25.000 ore l’anno, vedi link). […]

  5. Guida al sito (per chi leggesse per la prima volta) « ananas - luglio 31, 2010

    […] Per la prima volta si è cercato di analizzare i numeri dei laboratori Zelig, presunta palestra per i comici, in realtà fonte di 25.000 ore e passa di manodopera gratuita l’anno (vedi I numeri dei laboratori Zelig). […]

  6. I Laboratori di Colorado « ananas - giugno 4, 2010

    […] un modo di ricalcare la politica Zelig che gode di 25.000 ore di impegno gratuito all’anno (vedi post), e andrebbe a inflazionare ulteriormente un sistema già […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: