L’inspiegabile caso di Carletto Bianchessi

1 Giu

Di Gat

 

Carlo Bianchessi

CARLO BIANCHESSI, ovvero l’energia dispiegata sul palco, l’abilità di aggredire il pubblico e di strappargli le famose risate di pancia, abilità che si manifesta e ottiene risultati anche nelle condizioni ambientali più difficili.

QUANDO si parla di lui, del fatto che non si è quasi mai visto in tv, ogni tanto qualcuno dei presenti dice che non si è rinnovato, che fa le solite cose da anni, eccetera. Succede sempre così: la colpa è del singolo, mai del sistema.
ALEGGIA talvolta la parola “ingestibile”. Cosa vuol dire? Siccome ci pagano (e talvolta anche bene) non dovrebbe spaventarci l’occasione di gestire un talento. Anzi sarebbe l’occasione per un “allenatore” di dimostrare che sa fare il suo mestiere.
ADESSO che in tv è passato di tutto, e che tante nuove proposte hanno una vita di un paio di anni (se va bene) oppure vivacchiano nelle retrovie, oppure cadono nel dimenticatoio; adesso che anche la “vecchia comicità” viene messa senza imbarazzi in prima serata; adesso che c’è un sacco di gente che sta al palcoscenico come Dracula sta all’aglio, pensiamo che la lontananza di Carletto Bianchessi dalla tv non abbia più motivo di esistere.
POSSIBILE che non ci sia un cavolo di talent scout che non riesca a trovare il modo di usare, al meglio, la sua energia esplosiva?
SI RIDE così poco in tv, in questi anni.
BIANCHESSI è un monologhista, e i monologhi sono stati sdoganati da un pezzo. Fa anche animazione sul pubblico, ma anche l’animazione è stata sdoganata: basta mettere una telecamera o due sul pubblico e il gioco è fatto.
BIANCHESSI fa troppo ridere? Non è televisivo? Non è televisivo far ridere? Ha troppa energia? L’energia in tv non funziona? La telecamera ha un filtro che trattiene la bravura e fa passare le “capacità scarse”? Domande senza riposta… 

10 Risposte a “L’inspiegabile caso di Carletto Bianchessi”

  1. Pietro Panicucci giugno 5, 2010 a 8:42 am #

    (http://www.youtube.com/watch?v=5VuqQm8cs0k)

    “Mia moglie si chiama Daria. Quando fa l’amore è una tromba d’aria”

    “Stavo pregando con un gruppo di orate”

    Sembra Albanese versione oratorio intervallato (in battuta) da momenti di Ezio Greggio

    • ananasblog giugno 5, 2010 a 9:48 am #

      Ciao Pietro.
      “This is a book – no, this is abbocca” (indicando la bocca)
      “July? Sì un gelait con la ppanna!”
      Questa è la Ricotta, che è andata in prima serata, con uno sketch che riprende il vecchio “Moet & Chandon – Mo’ esce Antonio.”
      Hai scritto un analogo post di protesta sul blog di Area Zelig? (http://www.areazelig.it/blog.php)
      Così, per par condicio, per far vibrare la tua indignazione a 360° sul cabaret obsoleto?
      A proposito: viva La Ricotta e il suo avanspettacolo.
      Comunque Bianchessi va visto dal vivo, come tutti.
      Anche gli attuali fenomeni tv vanno visti dal vivo.
      Perché c’è lo scarto di serate desolanti, col gelo tra il pubblico e i gestori di locali che non vogliono più artisti Zelig (a parte quelli che sono forti sul live).

      La Redazione

  2. io giugno 2, 2010 a 3:45 PM #

    carletto non andrà mai in tv perché gli autori sono spesso quelli che soffrivano la sua bravura quando loro tentavano di emularlo ! Grande carletto , grande comico e ancor prima grande persona.

    • ananasblog giugno 3, 2010 a 7:58 am #

      Caro Io, l’ipotesi è suggestiva, ma un po’ troppo semplificata.
      La Redazione

  3. Manuel giugno 1, 2010 a 9:49 am #

    Ah ah ah ah! Non so se Bianchessi faccia ridere o no, ma ‘sto post fa sbellicare! Complimenti!

    • ananasblog giugno 1, 2010 a 10:41 am #

      Bianchessi fa ridere, e questo post è più serio di quel che sembri 😉
      La Redazione

    • Anonimo giugno 1, 2010 a 9:09 PM #

      purtroppo per te caro Manuel, Carletto Bianchessi è energia pura su e giù dal palco ed è un grande esempio di come deve comportarsi un comico…il post, invece, è tristissimo perchè si rispecchia cruda realtà e non spiega come mai certi talenti naturali non vengano premiati come meritano…se ti capita vai a vedere lo spettacolo del mitico Bianchessi te ne renderai conto di persona

      • Manuel giugno 2, 2010 a 8:02 am #

        Su Bianchessi quoto, fidandomi, ciò che dice l’anonimo anonimo. Sul post confermo la mia prima e seconda impressione: fa ridere! Come il miglior Jerome K Jerome. Ma non ritenevo di offendere nessuno.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Carlo Bianchessi: l’importanza dei “mestieranti” « - ottobre 17, 2012

    […] dei primi post di Ananas Blog (leggi: l’inspiegabile caso di Carletto Bianchessi) si auspicava succedesse qualcosa di simile. Era il primo giugno del 2010, il blog aperto da appena […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: