Defendemos la Tirchieria!

23 Nov

Nel 2008 l’edizione di Zelig aveva come slogan “Defendemos l’alegria” che se non sbaglio fu visto scritto da qualche parte a Cuba (paese noto per le sue simpatie democratiche).

Lo slogan profuma di quel terzomondismo un po’ fighetto, col cuore all’Avana e il conto corrente all’Unicredit (Buena VISA Social Club oppure Buena Vista Social Golf Club).

Lo slogan era (ed è) anche vagamente orwelliano dato che, causa sovraffollamento e mancanza di risposte, il morale di chi gravita attorno a Zelig è mediamente basso. Sarebbe stato più giusto e più onesto: Incrementamos la Malinconia.

Comunque, dopo aver parlato del bilancio Bananas 2008, bisogna soffermarsi su un dato di fatto: su 14 milioni 855.781 euro di fatturato, c’è un utile di 1 milione e 300.000 euro (e questo sarebbe già un motivo sufficiente per garantire a chi frequenta i laboratori un rimborso spese).

Poi ci sono quasi 10 milioni di euro (9.744.851) che vengono spesi per servizi, “comprese le prestazioni professionali dei soci.”

È un fiume di denaro che non sfiora minimamente quelli che sono i veri consulenti e i veri prestatori di servizi di Bananas srl: i comici. (Vedi articolo: la soluzione perfetta dei rimborsi spese)

C’è un gruppo di persone che fornisce per tutto l’anno una quantità di idee, di pezzi, di battute, di sketch. Lo fa gratis, anzi a proprie spese. Quasi sempre a fondo perduto. Talvolta fai per 2 anni un pezzo e poi ti ritrovi che fanno a Zelig Off qualcosa di simile, senza neanche sapere qual era il tuo lavoro degli ultimi 2 anni (com’è successo a Matteo Marini)

Queste persone in realtà appartengono a una divisione interna a Bananas (questi laboratori li consideriamo un po’ come la nostra divisione “ricerca & sviluppo, come ha dichiarato Roberto Bosatra).

Queste persone sono i veri consulenti di Bananas, sono la vera linfa di un mondo in crisi creativa, quasi incapace ormai di partorire idee proprie, che si è costruito una riserva infinita di materiale a cui attingere (che il sistema scarichi sui comici l’onere creativo è risaputo. Sul blog ci sono esempi illuminanti di questo soprattutto alla voce “testimonianze critiche verso Zelig” . Che esista una “sterilità creativa” dei vertici e degli autori è altrettanto risaputo, da chi conosce l’ambiente, ovviamente e il diritto di cronaca porta a raccontare le specificità dell’ambiente.)

Però queste persone non prendono un euro (dei quasi 11 milioni di euro tra utili e servizi!!!). Hanno solo la speranza di centrare il Superenalotto della popolarità che però, di anno in anno, ha il montepremi sempre più basso.

Allora qual è lo slogan adatto, quello più simile alla realtà? Ovviamente:

Defendemos la Tirchieria!!!

Hasta il blog siempre!

LR

20 Risposte a “Defendemos la Tirchieria!”

  1. ALF novembre 25, 2010 a 11:14 am #

    Un chiarimento di natura economica. Del tutto disinteressato. Leggo raramente il vs blog. Lo trovo di natura faziosa e mi diverto a leggere alcune cose. Se però si entra in un campo che non si conosce, come l’economia,bisogna quantomeno documentarsi, per non fare figure da ignoranti (gente che ignora). Mi spiego: il 7% del fatturato bananas leggo essere destinato ai collaboratori, di fatti è la parte destinata ai dipendenti a tempo indeterminato e determinato. Nella voce “servizi” entrano in bilancio tutti i pagamenti resi agli artisti per le loro prestazioni occasionali. Parliamo di cabaret e spettacolo, quindi un artista viene pagato a serata, nel momento in cui rende un servizio. Se Checco Zalone prende per esempio 100.000 euro per una serata (cifra inventata) va nella voce “servizi”. Che i soci di bananas possano per vie traverse far figurare nella voce servizi delle spese personali, non è una cosa impossibile, per carità. Ma che venga fatto credere agli utenti che non masticano economia che bananas possa intascare 9 milioni di euro di servizi è ridicolo, oltre che una lettura da prima elementare.
    Tutto ciò semplicemente per precisione.
    Alf.

    • ananasblog novembre 25, 2010 a 11:46 am #

      >Un chiarimento di natura economica
      ALF, in effetti è quello che c’è scritto: ci sono dei virgolettati (“comprese le prestazioni professionali dei soci.”) ed è citata la fonte. Nessuno fa credere niente (e lo zelighiano doc che si è trattenuto a lungo spara gli insulti nell’ultima riga: ridicolo, da prima elementare, cioè: non capisci niente) . Ho cercato a lungo di spiegare all’amico Ale Betti (di cui ricalchi lo stile) che gli articoli vanno interpretati per quello che c’è scritto e non travisati. Comunque le risorse per pagare un rimborso ai comici ci sono, oh se ci sono!
      RG

      • ALF novembre 25, 2010 a 4:31 PM #

        se si guarda alle parole con i paraocchi eviterò di scrivere in futuro. Non sono uno zelighiano come dite, ma uno apartitico e apolitico che ama la comicità ma non le idiozie. Una cosa è mettere le virgolette una cosa è far intendere. Nell’articolo fate capire al lettore palesemente che in una azienda gli introiti siano anche i milioni spesi in servizi, cosa che non è reale. Non difendo nessuno, solo l’informazione corretta.

  2. antinore wild novembre 25, 2010 a 10:16 am #

    il principio dell’imprenditore privato può essere a discapito del cittadino… conosciamo tutti gli industriali italiani che vorrebbero far lavorare gli operai e sentirsi dire grazie a fine mese perchè gli danno lavoro… e decoro nel lavorare per la loro azienda.
    Però qui si tratta di una società nata da principi di generosa solidarietà, di condivisione, di umanità nei confronti della gente… dei valori da sempre a sinistra… a zelig si facevano spettacoli di beneficenza per chi stava peggio di noi… non c’è da ricordarsi solo del “negretto malato” della foto di emergency ma anche di una condotta di vita civile e di un senso civico che ormai non interessa più a nessuno.
    Eppure sono le stesse persone che parlavano di partecipazione a manifestazioni, di diritti e altri valori.
    Ora fanno alleanze con ordini politici completamente opposti alle loro idee… a associazioni cattoliche che rasentano la P2…

    Poi magari si cancella o si ofusca tutto con un sorriso e nessuno ci pensa… siete comici… portate simpatia e celebrità nelle case degli italiani. Il problema è proprio questo: che ora si ride anche poco con voi.

  3. ananasblog novembre 24, 2010 a 12:16 PM #

    Ananas Blog ha appena compiuto 5 mesi e ha superato i 55.000 contatti (c’è una fidelizzazione dei lettori).
    Pochi segnali dai peones zelighisti, a parte i concetti “non capisci un tubo” e “scrivi solo boiate”. Nella “Fazenda di viale Monza” c’è un tasso di scolarizzazione democratica molto basso.
    Quanti laboratori ha fatto per diventare così bravo?…
    http://espresso.repubblica.it/multimedia/video/27099844
    Immaginiamo fosse passato davvero da un laboratorio: “Mmmmm, nooooo, le battute sul Papa… non andrà mai in televisione…”
    L R

    • cadmio novembre 24, 2010 a 7:56 PM #

      Il buon Vetrio auspica: “Con la metropolitana da Zelig ci si mette un attimo ad arrivare in piazzale Loreto”
      Dire che è una coglionata pari all’inermità del moderatore che non c’è è più o meno grave della citazione in sè? Cancellar una miriade di commenti (tra cui probabilmente questo) è lasciar che un idiota si esprima così va bene?

      • Vetrio novembre 24, 2010 a 8:35 PM #

        cadmio … non sono stato offensivo.
        Ho solo detto la verità.
        Se un personaggio come Silvio Berlusconi usasse lo stesso metodo di BANANAS, sareste a fargli le pulci ogni tre secondi.
        Invece in sordina ci sguazzano e si arricchiscono e i comici come delle pecore a dargli ragione mi FATE PENA, non so come riusciate a guardarvi allo specchio ed a trasmettere dei valori ai vostri figli nel caso ne aveste …. mi auspico altresì, che persone come voi non si riproducano, ne gioverebbe l’umanità intera.

        • Vetrio novembre 24, 2010 a 8:57 PM #

          P.S.
          Cadmio, quando riporti qualcosa scritto da altri, riporta la frase per intero sino al punto …. demagogico sino al midollo.

          • cadmio novembre 25, 2010 a 12:12 am #

            Ma fatti vasectomizzare tu, vedrai che smetti anche di parlare a vanvera. Ti immagino mentre dai craniate sui muri rimescolando i neuroni e distillando cazzate random come quelle appena lette

            • Vetrio novembre 25, 2010 a 6:51 am #

              Pensala come vuoi Cadmio, ma dovrai scusarmi ma la condotta Zelighiana o Bananasiana come linea di pensiero e per la crudezza dei fatti è associabile a come si compertavano i proprietari e padroni nel film “Novecento” che ad un pensiero sociale.
              perlomeno alla società un tempo llasciavate le risate ultimamente neanche quelle, ve le fate voi nei vostri uffici alle spalle dei comici.

              • cadmio novembre 26, 2010 a 12:51 am #

                Se ti piace pensare che trovare idiote le tue riflessioni possa provenire solo dal mondo Zelig, nel cui alveo mi ci incastri a forza, fallo pure. E’ un mood di questo bog: se non la pensi come me sei il nemico. Modernamente penoso, puzza di gin sulla cravatta, candele spente, ingenuità irrepressa. Sfogati pure, se ti aiuta con l’ipertensione.
                Adios

                • Vetrio novembre 26, 2010 a 6:01 am #

                  Cadmio!
                  Tu invece rifugiati nel nichel … troverai la carica.

      • ananasblog novembre 25, 2010 a 10:11 am #

        >Il buon Vetrio auspica: “Con la metropolitana da Zelig ci si mette un attimo ad arrivare in piazzale Loreto”
        >Dire che è una coglionata pari all’inermità del moderatore che non c’è è più o meno grave della citazione in sè? Cancellar una miriade di commenti (tra cui >probabilmente questo) è lasciar che un idiota si esprima così va bene?
        Cadmio, o chi per lui: sei riuscito in 3 righe a insultare 2 volte un commentatore e una volta il moderatore! Questo è l’esempio negativo di prosa da commento acido. Piazzale Loreto è grave perché lì vicino ha la sua sede Lele Mora? Non potresti commentare il contenuto dell’articolo? saresti il primo peone zelighista a farlo, vedrai che Il Fazendero non ti frusta, vai tranquillo.
        La Redazione

        • cadmio novembre 26, 2010 a 1:02 am #

          non ho insultato nessuno più di quanto quel nessuno abbia già fatto lasciando solo i commenti che argomentano a favore le sue tesi. Tanto il caro vecchio Giuliani della storia (e non il mio fazendero) vi schiaffeggia già senza soluzione di continuità.

          • Anonimo novembre 26, 2010 a 1:11 am #

            Ah, così, dalla lettura degli ultimi post saresti il classico studente che si bloccherebbe all’esame di ragioneria 1 e virerebbe su scienze politiche. è un condensato di castronerie da guinness: se non sai leggere un bilancio evita di metterti così in ridicolo. Questo è il mio commento al contenuto dell’articolo. Accettalo, sarebbe tua la prima volta, vedrai che il tuo orgoglio legnoso non ti frustera (o frustrerà) per questo.

  4. Torre Pedrera novembre 24, 2010 a 10:23 am #

    E’ la solita regola commerciale: più guadagni più diventi tirchio. Meno male che non fatturano 40 milioni di euro, diventerebbero ancora più tirchios!!!… oltre a farti esibire a tue spese, ti farebbero anche pulire il palco. Carramba che utile!

  5. anominato novembre 23, 2010 a 9:04 PM #

    Paolo una domanda esplicita …. la figura di merda la stai facendo tu.

  6. Vetrio novembre 23, 2010 a 8:31 PM #

    Ma che esploda per DIO, possibile che si faccia cadere il governo guardando anche nel buco del sedere al premier, facendogli le pulci se racconta barzellette o se va a tr–e, lo si passa per un ladro se cerca di far varare delle leggi a suo favore o se costruisce qualcosa con i soldi degli italiani …. e questi di BANANAS 2 magazzinieri, un barista ed alcuni giannizzeri fanno quel ca—-o che vogliono della comicità e dei comici in italia.
    Con la metropolitana da Zelig ci si mette un attimo ad arrivare in piazzale Loreto, dovrebbero portarli in visita ai lampioni e ricordargli cosa succede ai dittatori, perché tali sono.

    Voi comici che per un passaggio televisivo ed riconoscimento stradale da parte dei lobotomizzati televisivi, avete polluzioni notturne …. MI FATE PENA!!

    Immagino il sorriso sarcastico sui volti dei capi di questa struttura, che con le tasche piene leggono e non commentano.

  7. Paolo novembre 23, 2010 a 7:05 PM #

    Solo tu non ci guadagni un cazzo a fare sta figura di merda che fai?

  8. Maurizio Giuntoni novembre 23, 2010 a 12:05 PM #

    Grazie all’Ananas ora sappiamo chi è alla frutta, ma storicamente nel campo artistico (e non solo in quello) succede sempre così; L’agricoltore che produce la frutta guadagna molto meno del grossista e del fruttarolo ( anzi a volte ci rimette), Salvo Randone e forse anche il povero (?) Califano hanno chiesto la pensione di povertà per riuscire a non morire di stenti,Michael Jackson forse è stato ucciso per permettere ai suoi manager di recuperare i debiti contratti dall’artista mentre Marilin Monroe ha fatto la fine che qualcuno augura a Patrizia Daddario (e mi scusi la Monroe per il poco felice parallelo). Facciamo come l’agricoltore… andiamo al mercato a vendere la merce da soli; oggi ci sono i GAS (Gruppi Acquisto Solidale) ed è ben noto che il gas produce la fiamma ed a volte puo’ anche esplodere. Ovviamente senza mancare di rispetto al fruttarolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: