Il film di Checco Zalone batte ogni record

18 Gen

Una rinascita del cinema comico?

Checco Zalone – Che bella giornata

Che bella giornata, il film di Checco Zalone, ha superato il record de La vita è bella di Roberto Benigni come maggior incasso italiano di tutti i tempi.

A questo risultato straordinario si aggiungono i successi del precedente film di Zalone, quello di Benvenuti al Sud e quello de La banda dei Babbi Natale di Aldo Giovanni e Giacomo.

Intanto è uscito Qualunquemente di Antonio Albanese e si prepara a invadere le sale Immaturi con Luca e Paolo.

Insomma, grazie alla montagna di incassi (dimostrazione che per muovere le cose devi fare il “botto”), si sta andando verso una fioritura di film comici appartenenti alla “commedia gentile”, contrapposta a quella “pecoreccia” del cinepanettone con Cristian De Sica (questo Natale battuto proprio da Aldo Giovanni e Giacomo).

Anche Zelig si sta attrezzando. È stato siglato un accordo tra Bananas e Colorado film per produrre due film l’anno (e poi c’è ancora qualche sprovveduto che pensa che le due realtà non siano pappa e ciccia e che non facciano monopolio).

Comunque era ora. Negli ultimi anni è stata pompata una massa enorme di comicità come mai si era visto in passato, con risultati inesistenti nel campo cinematografico e teatrale.

Non a caso gli artefici dei successi sopraccitati si chiamano Paolo Genovese, Luca Miniero, Gennaro Nunziante, cioè gente al di fuori dell’ossessiva fabbrica di pezzi televisivi.

Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

PS: aggiornamento: 24.01.2011, il film di Antonio Albanese sta sbancando i botteghini: 5.400.000 di euro d’incasso e 800.000 presenze nel primo week-end di programmazione.

Annunci

3 Risposte to “Il film di Checco Zalone batte ogni record”

  1. Giuseppe gennaio 18, 2011 a 5:10 pm #

    Bravo Antinore wild, manca il surrealismo di benvenuti, la stralunata Atina Cenci, il nuti del periodo d’oro, ma anche verdone lello arena e il compianto massimo troisi. Sarebbero anacronistici oggi senz’altro ma quanta poesia e garbo. Su un giornale oggi scrivevano: “nel paese di fellini e monicelli ciò che ci rimane al cinema è checco zalone”.

  2. antinore wild gennaio 18, 2011 a 10:15 am #

    bè benvenuti al Sud è un remake più brutto (e pieno di luoghi comuni) di “giu al nord” commedia francese molto più delicata e umoristica… non se ne può più di quel pelatone del BIsio che fa sempre le stesse cose… Siani il meridionale… si ride, ma sempre per terroni e polentoni… per concetti semplici e poveri… mai una vera invenzione…
    che popolo povero di vedute oltre che di cultura: ancora tutto uguale al periodo dell’unificazione dell’Italia e si che son passati 150 anni…

    PS: Francesco Nuti quanto manchi al cinema italiano…

  3. Giuseppe gennaio 18, 2011 a 9:59 am #

    Hanno vinto loro redazione! E’ inutile star qui a combattere contro i mulini a vento! Piacciono a tutti, fanno i remake in spagna, andranno all’oscar per i film stranieri. Viva l’Italia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: