Ananas Blog supera i 100.000 contatti!

24 Feb

Ananas Blog ha superato di slancio i 100.000 contatti in 9 mesi di attività. In questi mesi si è passati dalla “bestemmia” della critica al sistema comico (cosa impensabile prima) all’abitudine a confrontarsi almeno un po’ sui problemi.

Ricordiamo che il mondo del cabaret italiano era (ed è tuttora) uno degli ambienti più chiusi che esistano, mentre dovrebbe essere uno dei più liberi  e aperti, perché alimentato dall’energia e dal coraggio di chi sale sul palco.

La paura di parlare e di esprimersi è il sentimento più diffuso. Fa sempre una certa impressione ricevere confidenze, ascoltare di continuo racconti di esperienze negative, con la preghiera di non divulgarli.

Intanto il Web, Facebook, Youtube, Twitter e i Blogger, sono diventati determinanti nei cambiamenti che stanno sconvolgendo il Mediterraneo, i paesi arabi e quindi il mondo intero.

Fa un po’ tristezza constatare che Ananas, qua nel nostro orticello sovraffollato, sia l’unica voce critica di un certo “prestigio”. Ce ne vorrebbero almeno 10, 100, 1000.

L’emirato comico in cui viviamo è guidato da una gerontocrazia avida e mediocre, che sottopone i comici a un’estenuante trafila di sfruttamento della creatività.

Nel sultanato cabarettistico le informazioni vengono tenute nascoste, la creatività è a livelli minimi, l’empatia verso gli artisti è ridotta a zero. Qualsiasi porcata passa sotto silenzio.

Gli anni dal 2004 al 2006 sono stati difficili, ma tutti i segnali indicano che le cose stiano peggiorando. Allora c’erano meno laboratori, meno autori, meno burocrazia, meno comici, più lavoro, più serate, più opportunità di sfondare.

Adesso la sensazione è di trovarsi di fronte a un bordello di proporzioni colossali. Il bordello è tenuto in piedi dalla capacità dei comici di sopportare (da un lato) e dalla capacità del potere di mentire ai comici (dall’altro lato). Il potere li sottopone a uno sfruttamento sfibrante e umiliante, scandaloso anche per gli standard del difficile mondo dello spettacolo.

Le storie desolanti sono innumerevoli, a raccontarle tutte ci vorrebbe un secolo. Qualcosa nel blog si trova.

Ma, oltre al privilegio di raccontare il degrado, speriamo di poter raccontare anche i segnali di ripresa, di fine del degrado e di fornire un servizio di informazione sempre più efficiente e in tempo reale.

Il mondo si muove veloce, noi abbiamo ancora il problema di uscire dal medio evo!

Roberto Gavelli, Amministratore di Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

10 Risposte to “Ananas Blog supera i 100.000 contatti!”

  1. Il Colonnello di Ananasblog febbraio 24, 2011 a 8:55 pm #

    Chi lo avrebbe mai detto, all’inizio dell’avventura era un punto di domanda ora siamo una certezza, il tutto senza spot prima dei video o dei link.
    Qui si può parlare, educatamente ma ci si può sfogare.

    W ANANASBLOG

  2. Top Gum febbraio 24, 2011 a 4:54 pm #

    Errata corrige
    “Perché non fa Zelig che fa PIU’ ridere”

    Volendo lo si può ascoltare qui:

    http://www.deejay.it/dj/radio/programma/podcast/28/2011-02-24/Ciao-Belli/Il-concerto-di-Mariano-Apicella?idDetail=25379&idProgramma=8

  3. Top Gum febbraio 24, 2011 a 4:47 pm #

    Oggi in auto ascoltavo radio Deejay, e ad un certo punto un personaggio, Piero di Vicenza chiama l’Arcimboldi per avere informazioni sul rimborso dell’ unico biglietto venduto per il concerto di Apicella, Piero ha portato la centralinista del teatro a delle risate di pancia e la stessa ha risposto con testuali parole “Perché non viene a fare Zelig, almeno lei fa ridere”.

    Credo che Zelig perda punto mano a mano che va avanti.

  4. Andrea febbraio 24, 2011 a 2:35 pm #

    Ananas blog ha (avuto) il merito di toccare un argomento scomodo, esplicitando un malcontento che passava sottovoce ma che era sulla bocca di tutti i cabarettisti (riferendomi a quelli che “puntano alla tv” attraverso laboratori e concorsi).

    Ricordiamoci che il mondo della comicità ha molte altre forme, e molti altri artisti che non passano dalla tv né tantomeno dai laboratori.

    Personalmente, credo che per il blog sia giunto il momento di uscire dalla critica a tutti i costi a Zelig, ma di analizzare anche le altre trasmissioni, di sviscerare (nel bene e nel male) altri meccanismi, magari toccare altri ambiti della comicità (dal teatro ragazzi, al teatro comico, all’arte di strada, ecc ecc ecc ecc).

  5. A. febbraio 24, 2011 a 1:40 pm #

    Mi fa piacere per voi ma essere contattati non significa essere apprezzati e nemmeno importanti. Il mondo del web e’ bello per questo ci si contatta anche e solo per cazzeggiare. Avere e disporre di credibilità e’ sinceramente un’altra cosa. Complimenti comunque

  6. Shortcut febbraio 24, 2011 a 11:54 am #

    “Fa un po’ tristezza constatare che Ananas, qua nel nostro orticello sovraffollato, sia l’unica voce critica di un certo “prestigio”. Ce ne vorrebbero almeno 10, 100, 1000.”

    Se ci fosse scritto: “…sia l’unica voce critica di prestigio”. ma aggiungendo “UN CERTO” non cambia la direzione di veduta della frase?
    Quindi, voce critica di “UN CERTO PRESTIGIO”.
    Non è che ananas consideri ZELIG di UN CERTO PRESTIGIO ?

    • Pippo febbraio 24, 2011 a 12:38 pm #

      Può darsi che tu abbia ragione. Comunque poco importa, lasciamo pure che l’imam si autonomini tale.

  7. Pippo febbraio 24, 2011 a 11:37 am #

    >…constatare che Ananas, qua nel nostro orticello sovraffollato, sia l’unica voce critica di un certo “prestigio”
    Oppalà, l’ha detto!
    (da wik)Il termine prestigio (dal latino praestigum) significa “buona reputazione” o “alta stima”, nonostante in origine significasse “delusione” o “trucco magico”.
    Il prestigio è uno degli indici di considerazione sociale più o meno accentuata di cui beneficiano individui o gruppi facenti parte di una collettività in funzione della posizione che ricoprono, del potere i cui dispongono, della propria storia personale.
    Quando dal prestigio crederai di esser passato nel mito e all’immortalità avvisa ancora, come già ti premuri di fare.

    • ananasblog febbraio 24, 2011 a 4:30 pm #

      >Il prestigio è uno degli indici di considerazione sociale più o meno accentuata di cui beneficiano individui o gruppi facenti parte di una collettività in funzione della >posizione che ricoprono, del potere i cui dispongono, della propria storia personale.
      Pippo, prestigio è messo tra virgolette.
      L’A

      • Pippo febbraio 24, 2011 a 4:37 pm #

        Ah be’ allora…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: