il primo video dell’infiltrato nei laboratori Zelig!

13 Giu

 

Ruben sta registrando...

È online il primo video tratto dal reportage che Ruben Marosha ha girato dietro le quinte dei laboratori Zelig. (Leggi intervista a Ruben). A questo (della durata di 6’35”), ne dovrebbero seguire altri tratti dalla totalità del materiale girato.

Vediamone le caratteristiche: le immagini sono prese con telecamera nascosta. La qualità è ovviamente bassa. Inoltre sono stati oscurati i volti, alterate le voci (che sono state sottotitolate), cioè  si è evitato qualsiasi riferimento utile all’identificazione dei presenti per non violare le norme in materia di diritto d’immagine e privacy. Questo rende il video di non facilissima “visione”.

L’ambientazione è nello stesso laboratorio, ed è suddivisa in 4 scene. Ruben, sotto le “mentite spoglie” di Humber Sorana, dialoga con: A) un comico B) un autore C) una rappresentante dell’organizzazione D) una cabarettista. In grafica sono presenti delle considerazioni scritte sul tema dei laboratori. 

Guarda il video completo di Ruben Marosha. (AGGIORNAMENTO AL 23.07.2011: DOPO LA RIMOZIONE DA YOUTUBE E’ STATO RIPRISTINATO AL SEGUENTE INDIRIZZO: http://vimeo.com/user7771448/videos)

Le 4 scene, nel montaggio, si intrecciano. Raccontiamole una per una:

A) UN COMICO: Ruben fa domande sull’utilità di così tanto lavoro gratuito. Il comico gli dà ragione, ma ammette che non ci sono alternative. Lui stesso frequenta 4 laboratori alla volta. Sembra rassegnato: o fai così o non hai speranze, anche se tanti fanno la fame e pochi si arricchiscono.

B) UN AUTORE: Ruben fa le stesse domande maliziose, l’autore (uno locale di supporto, non quello ufficiale di Zelig) gli conferma che si possono fare anni e anni di laboratorio, che le risposte ci sarebbero, ma che non verranno mai date.

L’autore fa una dichiarazione sorprendente (probabilmente una boutade): una dell’organizzazione Bananas gli ha detto che molti comici pagano per accedere ai laboratori, della serie: “qua fuori c’è la fila, quindi non fate troppo gli schizzinosi” (SICURAMENTE SI TRATTA DI UNA BATTUTA INFELICE, NON RISULTA CHE SIANO MAI ESITITE FORME DI “PEDAGGIO” PER ACCERE AI LAB ZELIG E CIO’ NON FA PARTE DEI METODI BANANAS).

C) UN’INCARICATA dell’organizzazione locale del laboratorio (quindi non appartenente a Bananas) gira con le due liberatorie che i comici devono firmare (su questo si apre un mondo: ne parleremo ampiamente in futuro). Lei ammette candidamente che: se non firmi non vai sul palco, che la firma ti toglie ogni possibile tutela su ciò che fai, che certifica la gratuità del tuo intervento, che la pratica deriva dagli accordi presi con Zelig/Bananas.

UNA CABARETTISTA, giustamente alterata, racconta che lei è iscritta alla SIAE, i suoi pezzi sono depositati, ma nella liberatoria questa opzione non è prevista (?!?).

Inizialmente si è rifiutata di firmare, per non dichiarare il falso, poi con la minaccia di non salire sul palco (pensiamo a tutti i sacrifici fatti e alle speranze bruciate per arrivare fin lì NDR) ha firmato la liberatoria.

L’autore Zelig, saputo delle sue resistenze, si “è inca***to” e non l’ha fatta salire comunque sul palco.

Il semplice episodio, così com’è raccontato, è di una tristezza unica, per la violenza coercitiva che contiene e per la ritorsione meschina verso chi ha osato porsi dei problemi, verso chi non ha accettato supinamente quello che viene richiesto dal sistema.

L’episodio è come un terremoto che rade al suolo uno degli argomenti usati ossessivamente da alcuni (o molto ingenui o molto in malafede): “Nessuno ti obbliga, non c’è la pistola puntata, uno partecipa a quel sistema per sua volontà”. Dicendo così si ignora quanto il sistema sia basato sulla coercizione e sulla violenza psicologica, su tante piccole “estorsioni” come quella documentata.  

Ruben fin qui ha fatto un ottimo lavoro. Si tratta di una innovazione: per la prima volta una video inchiesta sbarca nel mondo grigio e chiuso del cabaret zelighiano (in ritardo di almeno 10 anni). Professionisti tipo Le Iene o Report avrebbero fatto un lavoro molto più raffinato, ma le cose vanno paragonate al contesto: i primi televisori in bianco e nero erano molto più grezzi di quelli attuali full HD, ma costituirono una grandissima novità.

Quindi, Ruben, bisogna ammettere che, pur nella povertà assoluta dei mezzi che avevi a disposizione, sei stato grande!!!

Roberto Gavelli Amministratore di Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

 *qualcuno potrebbe erroneamente osservare (in buonafede o no) che il blog dia credito a personaggi la cui identità non è accertata. In realtà non è così: il materiale video di Ruben Marosha è stato girato davvero dietro le quinte di alcuni laboratori Zelig. Nessuno è stato capace di smentire questa cosa, anzi anche sul blog Ruben è stato oggetto di critiche proprio per questa azione specifica. Quindi c’è tutto il diritto di commentare il video in cui sono rappresentate dinamiche che, per chi ha letto il blog a fondo o per chi conosce l’ambiente sono esempi fulgidi di ciò che succede. Esempio: un comico afferma di frequentare diversi laboratori contemporaneamente. Questo è un esempio vivente del fenomeno “il nomadismo tra i laboratori” illustrato quando si ignorava addirittura l’esistenza di Ruben Marosha. Chiaroveggenza o semplice conoscenza dell’ambiente? La seconda.

29 Risposte a “il primo video dell’infiltrato nei laboratori Zelig!”

  1. Top Gum giugno 15, 2011 a 4:49 PM #

    Forse perché in quel minutaggio sii riconosce un monile al collo dell’ artista donna di una nota marca,si vede un tale allo specchio riflesso e una camicia a righe che reclamizzava Maurizio Costanzo.

  2. Massimo giugno 15, 2011 a 3:59 am #

    Ma chi vi obbliga ad andare?

    • Contadino giugno 15, 2011 a 7:03 am #

      “Ma chi vi obbliga ad andare?” …Non facciamo gli ipocriti bipartisan, si sa benissimo come un passaggio televisivo possa aiutare il comico, se te Massimo sei andato bene così, meglio per te, ma da una struttura potente ci si aspettava una serietà che io non ho mai visto. Chi ci rimette, come nella maggior parte delle cose in Italia, sono le persone corrette, che si fidano e pensano che per “arrivare” passo-passo sia giusto seguire un percorso “ufficiale” come viene dichiarato da anni dalla struttura Zelig: “Per accedere alla trasmissione televisiva bisogna fare i laboratori… ecc. ecc.” (Cosa addottata da un paio d’anni anche da Colorado, si vede ch l’idea a qualcuno rende…) . Insomma, sono d’accordo che nessuno, compresi i frequentatori dei lab non si possano nascondere dietro un dito o trovare scuse per la loro preparazione, ma siamo sinceri: un sistema, in teoria corretto, si è evoluto in una fabbrica di illusioni alla quale più persone approdano, più controllo e potere (anche economico) finisce nelle tasche di pochi. Per non parlare della omogeneità della proposta artistica… ma qui andremmo a incanalarci in un ginepraio parecchio intricato… Buona giornata. (P.S. se sei Pica, sappi che hai la mia immutata stima per la tua bravura)

      • Massimo giugno 15, 2011 a 10:50 am #

        Non son Pica, ma mi hanno preso, dopo anni di Lab, dove ho imparato a stare sul palco e ad avere tempi televisivi. Gli autori sono bravi (non tutti) e mi hanno aiutato tantissimo, accrescendo la mia autostima.
        Si vede che c’è l’altro lato della medaglia, no?

        • antinore wild giugno 16, 2011 a 8:46 am #

          Caro Massimo, si vede che c’era dell’altro… non c’è… i tempi migliori della struttura di Zelig sono andati.
          D’altronde se pensi che anche il sistema Laboratorio non è un’invenzione Zelighiana ma copiata paro paro da laboratorio Scaldasole e Caffè teatro… attribuendosi negli anni il concept di idea loro e invadendo il mercato con traoppi laboratori inutili che hanno poi ucciso il mercato del live ai cabarettisti esperti che facevano spettacoli singoli
          già… perchè forse non tutti sanno che i comici vivono essenzialemente di spettacoli e non tutti sanno che mica tutti i comici riescono a fare spettacoli di qualità da soli.

  3. Ciullo D'Alcamo giugno 14, 2011 a 2:21 PM #

    Ciao Cari, vorrei complimentarmi con Ruben. Voglio risottolienare che la vera prova attoriale l’ha data fuori dal palco e non sul palco. Con questo non voglio dire che sul palco non meriti, anzi l’ho visto e mi piace quello che fa. E’ comico, mi diverte e mi fa ridere. Quello che mi fa sorridere invece sono i detrattori di Ruben (ho inserito la parola detrattori perchè l’ho imparata stamattina, ogni giorno imparo una parola nuova. Ieri ho imparato obnubilato, ma non l’ho ancora utilizzata) che ancora stanno lì a dire: “Chissà cos’ha fatto” opure “è un coglione”. Intanto ci ha messo la faccia e non è poco. Poi trovo gravissimo che qualcuno possa supportare e sopportare lo sfruttamento di persone che, professionisti e non, si esibiscono e spesso portano a casa il risulatato e fanno si che le serate vadano avanti.
    Io ho avuto la fortuna di lavorare con un autore serio, che non mi ha stravolto il personaggio e mi ha dato un paio di imbeccate, ma mi sembra di capire che gli altri hanno lo spessore deontologico di uno scalttista. Un pò la differenza che ppassa tra il vetrinista e lo stilista. Per ora vi saluto, stiamo diventando come la repubblica delle banane, solo che qui in qualunque campo spazi o ti muovi sono sempre CETRIOLONiS. Saluti, pace e bacetti a tutti.

  4. Saturday Night Fright giugno 14, 2011 a 11:35 am #

    Una sola parola per descrivere il contenuto del video: agghiacciante!!!

  5. Vetrio giugno 13, 2011 a 8:29 PM #

    Si potrebbe provare però!!!!
    io ho lanciato un messaggio alle Jene.
    Fatelo anche voi e vediamo cosa succede?

    • ananasblog giugno 14, 2011 a 9:06 am #

      >Si potrebbe provare però!!!!

      Ma sì, perché no! Tieni presente che l’inchiesta è all’inizio. Bisogna lasciare che passino quei 10 giorni / 2 settimane per dipanare tutto quello che c’è da dire a riguardo…
      L’A

  6. Andrea giugno 13, 2011 a 2:59 PM #

    Sarei curioso di sapere… chissà se è un dato pubblico…

    – la siae delle serate Zelig Off a chi finisce?
    – le trasmissioni tipo Italia’s Got Talent, o Cultura Moderna (se vi ricordate) dove spesso ci sono artisti che portano i propri pezzi), pagano la Siae?

    • Claudio Masiero giugno 14, 2011 a 6:45 PM #

      Mamma RAI è anche peggio.

  7. arvydas sabonis giugno 13, 2011 a 2:44 PM #

    sinceramente sono un po’ deluso. non che mi aspettassi di vedere autori prendere la bustarella, ma mi sembra che alla fine vengano fuori cose che sapevamo già senza bisogno di un infiltrato che girasse un video. Cioè, se era per sentire l’opinione degli addetti ai lavori bastava una serata tra amici…

  8. Giovanni giugno 13, 2011 a 12:46 PM #

    Come fate a mandare i filmati alle Iene se mezze Iene sono comici che aspirano a Zelig? Complici, tutti complici.

    • ananasblog giugno 13, 2011 a 1:12 PM #

      >Come fate a mandare i filmati alle Iene se mezze Iene sono comici che aspirano a Zelig? Complici, tutti complici

      Giovanni, nessuno vuole mandare filmati a Le Iene. Qua le castagne dal fuoco bisogna cavarsele da soli.
      L’A

  9. Vetrio giugno 13, 2011 a 12:10 PM #

    Alle jene basterebbe cominciare con delle segnalazioni.
    L’unica perplessità è che non credo vadano contro la gallina dalle uova d’oro cioè Zelig, e di certo andare a parlare degli sfruttamenti basati sul sistema televisivo con mandatari, Gino e Michele, con la complicità di Bozzo, Bisio e soci di bananas (perchè non credo non ne sappiano nulla questi comSunisti)
    non vada a loro favore.

  10. Ziva giugno 13, 2011 a 12:04 PM #

    Più che le Jene ci vorrebbe la Finanza o l’ispettorato del lavoro!

  11. antinore wild giugno 13, 2011 a 11:55 am #

    vi immaginate l’inviato della Gabbanelli o una iena che insegue Gino e Michele che scappano, con una mano davanti alla faccia o per coprire la telecamera… in strada, viale Monza, c’è un auto che li aspetta (BMW 735 metallizzata con vetri scuri con adesivo sul retro “da vicino nessuno è diverso”) con a bordo Giancarlo Bozzo pronto a sgommare…
    gli inviati restano a secco… fino a quando esce da Zelig Claudio Bisio, che con calma serafica… risponde alle domande con “non so e non ne sapevo niente… e comuque ora festeggiamo Pisapia” con i modi di un avvocato della difesa…

    • ananasblog giugno 13, 2011 a 12:07 PM #

      >fino a quando esce da Zelig Claudio Bisio, che con calma serafica… risponde alle domande con “non so e non ne sapevo niente

      Antinore, questa sera su Iris c’è Puerto Escondido, in cui Claudio Bisio interpreta un personaggio che rifiuta la società consumistica e che si dichiara a favore degli oppressi e degli sfruttati. Fa ridere, ma si ride ancora di più alla battuta finale: il film è prodotto da Colorado! (ah ah ah).
      L’A

  12. Contadino giugno 13, 2011 a 11:31 am #

    Che vergogna, qui non ci fa una bella figura nessuno, ne la siae, ne i partecipanti, ma “Zelig” rivela veramente la sua faccia peggiore. Perchè non lo mandate alle Iene? O dobbiamo immaginarci che tanto sono tutti della stessa famiglia…

  13. Kadmio giugno 13, 2011 a 10:58 am #

    dovresti lavorare per la ‘ protezione testimoni’
    non si riconosce nessuno

    • ananasblog giugno 13, 2011 a 11:04 am #

      >dovresti lavorare per la ‘ protezione testimoni’
      >non si riconosce nessuno

      Kadmio, bisogna rispettare la privacy e il diritto d’immagine. Ma il video è reale (purtroppo).
      L’A

      • kadmio giugno 13, 2011 a 12:24 PM #

        stavo a scherzà
        si riconoscono tutti
        parlate tanto di rispetto e str**ate varie
        poi siete i prima a sputtanare le persone
        pensate che ora quelle persone potranno ancora farsi vedere nei giri zelig?

        • ananasblog giugno 13, 2011 a 12:33 PM #

          >stavo a scherzà, si riconoscono tutti
          Non sembra proprio. A meno che tu non abbia la vista da Terminator in grado di decrittare i pixel.

          >poi siete i prima a sputtanare le persone
          Si chiama diritto di cronaca. Tra l’altro non è nulla che non sia già stato denunciato sul blog, ma una conferma video ha un impatto immenso.

          Poi, Kadmio, facciamola finita con le solite accuse qualunquiste del tipo: “siete tutti uguali…” uguali un corno! (fatturo forse 16 milioni di euro io?) Sono argomenti usati per non vedere la realtà (brutta) che stiamo denunciando, ed è il sistema migliore per qualificarti come quello che attacca a testa bassa perché non ha argomenti.
          L’Amministratore

          • Kadmio giugno 13, 2011 a 2:42 PM #

            facciamo che mi dai 1000 euro per ogni persona che ho riconosciuto ?

Trackbacks/Pingbacks

  1. Ananas Blog compie 3 anni! | - Maggio 18, 2013

    […] del primo clamoroso video del reportage di Ruben Marosha dietro le quinte dei Laboratori Zelig (leggi post). Il video ha un effetto dirompente, tanto da essere molto “forte” anche adesso. Viene […]

  2. Ananas Blog non è responsabile… « - febbraio 16, 2012

    […] (13 giugno 2011) e rimosso dopo appena 2 giorni, fu in seguito messo su un’altra piattaforma (leggi post sul tema)  meno soggetta a […]

  3. il secondo, clamoroso video di Ruben Marosha « - dicembre 10, 2011

    […]  Segnaliamo la pubblicazione del secondo video girato da Ruben Marosha dietro le quinte degli Zelig Lab (guarda il primo video e leggi post di commento). […]

  4. in arrivo il secondo, incredibile video di Ruben Marosha!!! « - dicembre 6, 2011

    […] (Guarda il primo video e leggi il commento al primo video) […]

  5. I Laboratori Zelig: un sistema basato sull’illegalità? « - giugno 16, 2011

    […] video di Ruben Marosha (leggi il post di commento), girato con telecamera nascosta, mostra per la prima volta alcune delle anomalie croniche del […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: