il governo ha regolarizzato gli “stage selvaggi” (eppure nel cabaret c’è lo stage perpetuo)

3 Set

 

il ministro del lavoro Sacconi

Proprio alla vigilia di ferragosto, il governo varava la manovra di risparmio col decreto legge 138/2011 (poi è successo di tutto, una confusione pazzesca che non si è ancora risolta). Però la cosa interessante è che in quel decreto era contenuta, all’articolo 11, una regolamentazione degli stage (o tirocini). Leggi l’articolo su ilfattoquotidiano.it.

L’intenzione è quella di mettere un freno agli stage selvaggi usati spesso come fonte di produzione a basso costo, come fonte infinita di precarietà e sfruttamento, per favorire invece la creazione di nuovi posti di lavoro. La normativa sta creando notevoli difficoltà d’applicazione (leggi articolo su repubblicadegli stagisti.it

Sorvolando sulle difficoltà e le incongruenze, i punti considerati positivi sono:

“Il primo: stage solo ed esclusivamente per studenti, categorie svantaggiate (disabili, invalidi, tossicodipendenti, alcolisti, carcerati), neodiplomati e neolaureati.

“Il secondo: per chi ha conseguito il diploma o la laurea, possibilità di essere presi in stage limitata ai primi 12 mesi dalla fine degli studi: dopo questo periodo, l’inquadramento andrà effettuato con un vero e proprio contratto.

“Il terzo: stage lunghi al massimo sei mesi e durata superiore, sempre per un massimo di un anno come già prevedeva la norma precedente, permessa solo per i tirocini “curriculari”.

“L’intento dichiarato del ministero del Lavoro è quello di ridurre l’utilizzo dello stage, favorendo al contempo l’assunzione tramite contratti veri: tra cui, per i giovani, il famoso contratto di apprendistato, tutelante per il lavoratore e conveniente per l’azienda, che però negli ultimi anni ha stentato a decollare – forse proprio per la concorrenza sleale di altre forme più vantaggiose, come il co.co.pro e lo stage.”

Siamo lontani anni luce dal mondo rattrappito del cabaret, in cui ci si è inventati lo stage perpetuo, che non porta lavoro, ma che diventa “il lavoro”.

Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: