perché non scrivere battute su facebook (e su spinoza.it)

22 Set
Un assiduo lettore del blog ha inviato alcune considearazioni sullo scrivere battute. Da tempo egli non le posta più su facebook (almeno quelle tradizionali) e trova deleterio fare la stessa cosa su spinoza.it, (il blog che rappresenta un riuscitissimo esperimento di “scrittura collettiva”) o in qualsiasi altro contesto simile.
Scrivere battute non è da tutti, è un’attività che dovrebbe avere un certo valore minimo garantito. Qualcuno riesce a farsi pagare per questo. In fondo si tratta dell’eterna lotta tra il lavoro gratuito e quello retribuito.
Il racconto è stato ripulito da troppe lungaggini e parolacce ma, evidentemente, c’è qualcuno che va in bestia quando vede troppo “dilettantismo” in giro… Buona lettura:

 

Da tempo non posto battute su Facebook. Non del tutto. Sì, metto “oggi è una bella giornata, ho appena fatto colazione” eccetera. Oppure se c’è proprio qualcosa che va commentata adesso e che domani sarà invecchiata e che ha un meccanismo non replicabile.

Ma le battute no, soprattutto quelle che riguardano i fatti del giorno. Mi viene la tentazione, sto lì sulla funzione “commenta”, ma poi mi chiedo: perché? Se riesco a raggranellare delle battute belle, se ho questa capacità, allora le metto da parte e ci faccio qualcosa di utile per me.

Ci sono tanti disperati che devono fare delle puntate di qualche trasmissione di successo (in tv, ma anche in radio) o che devono scrivere il loro libro, ma che hanno il repertorio in riserva, che non ce l’hanno proprio il repertorio. Ecco uno sbocco professionale: ti metti d’accordo per un tot a puntata, un tot a battuta e, se vali, ti ci paghi il mutuo della casa o la rata dell’auto o la spesa di un mese…

Anzi, in alternativa ci scrivi uno spettacolo per te o per qualcun’altro! Se va bene lo fai girare, ci prendi la Siae, ti fai pagare per lo sforzo, e via discorrendo.

 Il grande circo di Mark Zuckerberg (il fondatore di facebook NDR) ha già troppi numeri, troppe idee che circolano, le tue si perdono nell’oceano. Se non scrivi le tue minchiate nessuno lo nota, se le scrivi si perdono nel mare della gratuità.

Allo stessa maniera spinoza.it: 700 persone che mandano battute, 2 gestori del blog che firmano il libro. Il libro vendicchia bene, ma non è solo questa la storia: magari fai anche l’autore di Benigni (sai, sono quello di Spinoza…). Le battute sono bellissime, veramente (ci credo, 700 collaboratori…), ma quanto andrà avanti? Non si crea ricchezza, non hai visibilità, appena l’orgoglio di avere delle battute pubblicate sul blog…

Leggete le FAQ di Spinoza (leggi qui), buona parte delle FAQ tentano di giustificare il motivo di così tanta gente che lavora aggratis. Stesso meccanismo de Le Formiche. 

No, basta, se hai il segreto di come “trovare tartufi”, fatti pagare, oppure fatti un “risotto” e gustatelo tu. Centinaia di nasi che annusano il terreno e scavano per terra come dopolavoro non sono la stessa cosa!

RdT

Conclusione: segnaliamo un articolo uscito oggi su La Repubblica: “Così l’Italia spreca il tesoro di Internet” in cui vengono citate le cifre dell’occupazione tramite Internet: in Italia ci sono 700.000 nuovi occupati grazie alla rete (380.000 “posti distrutti” con un saldo attivo di 320.000).
Quindi: 700 persone impiegate e solo 2 professionisti (nel caso di Spinoza.it) è una cifra leggermente in deficit. Così come lo è: migliaia che scrivono, nessuno prende un euro (nel caso di Facebook) a meno che scrivere battute su Facebook non crei un indotto che adesso sfugge, ma che rende a chi le scrive.
Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

4 Risposte a “perché non scrivere battute su facebook (e su spinoza.it)”

  1. MARANZA settembre 23, 2011 a 12:51 PM #

    FESTIVAL NAZIONALE DEL CABARET
    scusate ma in questo post non era stato ancora scritto

  2. KL settembre 22, 2011 a 9:20 PM #

    avevo 16 anni ed ero ad una conferenza stampa di Arrigo Sacchi, allora CT della nazionale italiana (io ero telecronista in una piccola radio locale). Gli feci una bella domanda davanti a tutti e il giorno dopo me la ritrovai sul Corriere della Sera…per me fu un onore e non certo un furto!
    Ho sempre pensato che se sforno una bella idea oggi, ne sfornerò altre e migliori domani. Penso che per un comico, un autore, uno speaker….la battuta o la frase più bella sia sempre quella che deve ancora scrivere.
    Possono rubare le battute ma non la capacità di saperle scrivere o di saperle interpretare!
    Hanno paura dei “mangia idee” solo quelli che ne hanno poche e che allora devono tenerle chiuse in dispensa.
    Pubblicando delle battute in pubblico si può capire invece se possono piacere o meno, nel caso magari le si possono modificare, arricchire… Se alcune vengono rubate, pazienza, chi s’importa, non le ruberanno tutte!!!
    Inoltre la battuta in se per se non è determinante, lo è come viene interpretata! E’ più importante la persona, il carisma, la simpatia…(concordo al 100% con Masiero).

  3. Claudio Masiero settembre 22, 2011 a 7:13 PM #

    Spesso scrivo, commento, sottolineo, stuzzico su facebook spinto da uno spirito gogliardico, ludico un sano cazzeggio insomma.
    Mi è capitato di scrivere o commentare notizie, e sentire la mia battuta (pari uguale) in bocca a Fabio Fazio, maliziosamente ho pensato che l’avessero carpita dai miei righi, ma mi diverte di più pensare d’avere il guizzo comico che hanno alcuni che vivono scrivendo testi per delle trasmissioni televisive. Da quest’antefatto mi è scaturito un pensiero, che molti su facebook o altri siti scrivano soltanto per poter farsi notare, per emergere, per creare un precedente che gli possa in un qual modo far aprire una porta.
    Quando chiedevo di poter fare una serata mi chiedevano se avevo un “Seguito”, credo che la domanda spontanea per un comico quando un autore gli si presenta sia “Ma per chi hai scritto?”
    Seguendo questa rotta troveremo il perché molti frequentano Lab. con il MARCHIO o mettono le foto del profilo o della carta d’identità con un LOGO dietro.
    Tony renis pagò il cameriere di un albergo per farsi chiamare agni 10 minuti al telefono per creare brusio intorno al suo nome, ed ha avuto ragione, Vito Pallavicini ed altri grandi autori … ma questo sono racconti che mi hanno fatto personalmente che terrò per me.
    Personalmente credo non ci sia più niente da inventare, credo che vinca la simpatia, e l’energia che un artista emani sul palco a cambiar le sorti dello stesso.
    Domenica scorsa guardavo “I carabbinieri”, film con Andy Luotto, Gianni Agus, Leo Gullotta, Formica ..etc etc… Ho visto delle macchiette che hanno reso milionari personaggi di questi giorni considerati geniali ma che in realtà sono figli del copia e incolla.

    • ananasblog settembre 23, 2011 a 10:08 am #

      >… che molti su facebook o altri siti scrivano soltanto per poter farsi notare, per emergere, per creare un precedente che gli possa in un qual modo far aprire una porta.

      Può essere una forma di promozione in effetti.

      L’A

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: