il punto di vista di Bananas srl (riceviamo e pubblichiamo)

7 Ott

Bananas srl, tramite avvocato, ha inviato ad Ananas Blog una propria precisazione sull’articolo pubblicato il 5 ottobre (il prezzo della libertà) in cui si parlava della cosiddetta “diffida balneare”, delle spese legali che sta comportando e della sottoscrizione aperta per sostenerle almeno parzialmente. La parola, quindi, a Bananas:

“A differenza di quanto Lei sostiene, Bananas non ha sferrato alcun attacco legale nei Suoi confronti, ma proprio per evitarlo, si è limitata a segnalarLe che alcuni Suoi interventi (alcuni più di altri) per i toni usati eccedevano, ad avviso di Bananas, il legittimo diritto di critica, invitandoLa ad assumere le iniziative da Lei ritenute più opportune.
E probabilmente tale richiesta non doveva essere così infondata se tale esigenza è stata colta anche da Lei che, in un post pubblicato il 10 agosto, ha annunciato come il blog sarebbe stato sottoposto a “revisione”.
La “diffida” è stata gioco forza “balneare” (come da Lei qualificata, con encomiabile senso dell’umorismo….) per il semplice fatto che i post a Lei segnalati sono stati (prevalentemente) pubblicati in periodo pre-balneare.
Bananas mai ha interloquito con Lei, né mai ha interferito con le affermazioni contenute nel Suo blog.
E quando non ha proprio potuto evitare di farlo, non si è immediatamente rivolta all’Autorità Giudiziaria, ma l’ha invitata a considerare se in qualche circostanza, diciamo così, nella foga della polemica, potesse avere ecceduto, offrendoLe la possibilità, nei modi che Lei avesse ritenuto adeguati, di effettuare a mente fredda eventuali correzioni.
Ecco, di fronte a questo comportamento, francamente stupisce che oggi Lei si rappresenti ai Suoi lettori come vittima di un violento attacco legale, invocando solidarietà, magari sull’onda di quella massicciamente riconosciuta ad altri soggetti protagonisti di recenti vicende di cronaca (è davvero spericolato individuare punti di contatto tra Lei e Wikipedia in nome della difesa delle libertà digitali), e al punto addirittura di promuovere una raccolta di fondi per far fronte a minacce legali che, quanto meno nei termini da Lei prospettati, ad oggi non esistono.

Avv. Paolo Cecchi”

11 Risposte a “il punto di vista di Bananas srl (riceviamo e pubblichiamo)”

  1. Alter Bactaer ottobre 8, 2011 a 11:20 am #

    Vabbè dài, abbiamo scherzato come giustamente dice il Ruben Marosha. E se qualche altarino è stato scoperto un più del dovuto (nel senso chè è stato detto un pò più in giro)…è nella naturale evoluzione dei fatti. Perchè, comunque, di fatti e non solo di parole si tratta. O no? Vogliamo chiedere un ulteriore parere legale? Se si, fatelo con avvocati amici (meglio se fratelli o comunque parenti stretti) perchè ‘sti pareri costano!

  2. Anoninomo ottobre 7, 2011 a 4:57 PM #

    Se uno mi dice tramite avvocato che uso toni “diffamatori, calunniosi e lesivi dell’immagine di Taldeitali, dei suoi amministratori, dei suoi soci, o degli artisti che essa rappresenta” … minimo che vado da un’avvocato a chiedere consulenza. la prima L’avvocato te la passa ma le seguenti le paghi.
    Scusate se mi permetto, è comunque una mia congettura priva di fondamento ed è solo un pensiero…Ho l’impressione che abbiano lanciato il sasso e ora ritraggano la mano.

    • ananasblog ottobre 7, 2011 a 5:11 PM #

      >Se uno mi dice tramite avvocato che uso toni “diffamatori, calunniosi e lesivi dell’immagine di Taldeitali, dei suoi amministratori, dei suoi soci, o degli artisti che essa rappresenta” … >minimo che vado da un’avvocato a chiedere consulenza. la prima L’avvocato te la passa ma le seguenti le paghi.
      >Scusate se mi permetto, è comunque una mia congettura priva di fondamento ed è solo un pensiero…Ho l’impressione che abbiano lanciato il sasso e ora ritraggano la mano.

      Anoninomo, dici cose abbastanza di buon senso. Ovviamente il 99% di chi riceve simili missive va subito (a meno che non sia ferragosto) da un legale a chiedere una consulenza. Riguardo a cosa sia il sasso e quali siano state le intenzioni della mano, non sono io che devo rispondere: loro sanno se era un sasso, una carezza o un pugno o un pugno che si è trasformato in carezza (celentanamente parlando)
      L’Amministratore

      • Anoninomo ottobre 7, 2011 a 7:36 PM #

        Vedo che siamo in sintonia Pallivicinamente parlando.

        Mi è sembrato un venir meno alle accuse cha avevano mosso, il dire che non erano così determinati mi è parso come un voler addolcire la loro posizione nei confronti di chi legge questo blog o vede i commenti su google, che magari stia ricominciando il periodo elettor…scusate il periodo di promozione di Zelig in Tv e debbano far vedere che sono dei buoni? Come sempre sono delle congetture e pensieri non basati su fatti certi, avvocato! sono solo delle supposizioni.

  3. Andrea ottobre 7, 2011 a 3:09 PM #

    – per quel che riguarda le spese legali, è sufficiente che documenti le spese affrontate o che affronterai con regolari fatture. Anzi, doveroso.

    – è poi vero che uno magari la donazione la può anche fare per il lavoro svolto dal blog, non solo per la (possibile) causa legale. Chiedi bene al donatore per quale motivo manda il suo denaro!

  4. Marco ottobre 7, 2011 a 2:26 PM #

    cos’è , ti ci volevi fare la cresta?

    • ananasblog ottobre 7, 2011 a 2:45 PM #

      >cos’è , ti ci volevi fare la cresta?

      Ci mancava pure questa…

  5. ananasblog ottobre 7, 2011 a 2:17 PM #

    ALCUNE precisazioni per rendere ai lettori più chiara la questione:

    A) il blog ha già completato da tempo una revisione di alcuni passaggi, chiarendo meglio l’aspetto formale di certi concetti, lasciando intatto il contenuto.

    B) Nella lettera di Bananas srl (soprannominata “Diffida Balneare”) si parla di “contesto gravemente diffamatorio” poi peggiorato ulteriormente da “argomentazioni odiose” relative all’inchiesta sulle liberatorie (innescate dal video di Ruben Marosha). Si conclude parlando di contenuti “diffamatori, calunniosi e lesivi dell’immagine di Bananas, dei suoi amministratori, dei suoi soci, o degli artisti che essa rappresenta”.

    C) l’inchiesta sulle liberatorie ha inizio il 13 giugno 2011, periodo che può essere definito “prebalneare” o meno a seconda di quanto siano lunghe le proprie vacanze.

    • ruben marosha ottobre 7, 2011 a 7:16 PM #

      ammazza che casino h scatenato…era uno scherzo!
      ora ci si mettono pure gli avvocati di mezzo a giudicare “encomiabili sensi degli umorismi vari”…certo sembra che i lab li facciano pure per certi studi legali…

      • Anoninomo ottobre 7, 2011 a 8:08 PM #

        Ma non menartela, pensa che se fossi stato una farfalla e se sbattevi le ali in un lab. di Zelig alimentavi un terremoto a Colorado. Shanti Marosha, non hanno il senso dell’umorismo per questo hanno fatto i soldi.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Gino & Michele e il “fallo antisportivo” « - ottobre 18, 2011

    […] senza ricorrere a un ultimatum che scade quando tutti hanno caricato l’ombrellone in macchina (leggi comunque il punto di vista di Bananas). (Nella foto le due menti più sublimi di […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: