Pronto? Sono il Gino…

7 Dic

Come costruire una trasmissione di prima serata.

 
Grazie ai potenti mezzi, Ananas Blog è riuscito a compiere delle intercettazioni telefoniche in cui si svela come si costruisce una trasmissione di prima serata che faccia grandi ascolti. Quello che emerge è: grande creatività, direzione artistica mirabile, fingere che ci sia un lavoro di squadra, pelo sullo stomaco che, crescendo a dismisura, ha invaso tutto il corpo. Ecco la trascrizione: 

Pronto? Sono il Gino… No, non Gino il commercialista! Parlo col Mago, quello con la giacca rossa… Sì, il Mago Forest!… La memoria a volte! Come va? Ce l’avresti 15 pezzi da 10 minuti per la prossima edizione di Zelig?… Come sarebbe a dire “vediamo”? Fai i tuoi numeretti, 5 battute all’inizio (te le fai scrivere), poi coinvolgi la Paola e il Claudio, che così si allunga il brodo… Hai già fatto tutti i giochi dell’Enciclopedia Magica Mondiale? Non te ne puoi inventare altri 15?… Prendi un autore, gli fai mettere giù le idee, tanto quelli sono come i criceti nella ruota: li metti davanti al computer, non smettono più… Comunque questa estate ci siamo divertiti in Sardegna!… Ah, in Sardegna c’era Raul Cremona? Vabbè, ciao (riattacca).

Bene, adesso gli è venuto il cagotto! (si frega le mani) Michele, buono  che sto lavorando (gli tira un boero al rum) vediamo un po’ chi c’è nella lista (compone un altro numero)

Pronto? Sono il Gino… No, non Gino il gommista! Parlo con quello che fa le differenze tra Milano e Roma?… Sì, Enrico Bertolino!… Oh Signùr la memoria! Come stai?… Ascolta, per la prossima edizione di Zelig al Franco Parenti, cioè gli Arcimboldi mi faresti un 15 monologhi da 8 minuti?… Inizi con 5 o 6 battute forti sull’attualità, poi ci attacchi il monologo di quando c’erano le Fiat 1100 coi sedili in simil pelle… Cosa? Hai già fatto tutti i monologhi su tutti gli oggetti del passato, compreso il Registratore Geloso?… Fatti aiutare da uno dei nostri autori, che ci dai 300 euro a pezzo, così ci abbasso lo stipendio ed è contento lo stesso… Anzi, pagalo con la SIAE, poi a fine anno gli dici: “ho fatto poche serate, c’è crisi, mi dispiace… ” Allora aspetto! Un abbraccio, spero di rivederti nella mia villa nel comasco… Ah, non ci sei mai stato? Mi sarò confuso con Samuele Frix, quello che fa i monologhi dell’automobilista incazzato… Ciao, ciao (riattacca)

Bene, abbiamo messo sotto pressione anche il Bertolino! (Si lecca i baffi) Giancarlo, non grugnire!… Qualcuno lo può portare fuori a fare una passeggiata? Quando sta troppo senza fare pipì mi diventa nervoso… Ogni tanto, poi, bisogna dargli un comico esordiente da sbranare: lo maltratta un po’ così si illude di contare qualcosa… Ma vi devo spiegare tutto? (Compone un altro numero)

Pronto? Sono il Gino… No, non Gino er Puzzone che c’ha la trattoria in via Cola di Rienzo, il Gino di Bananas! Parlo con quello che fa il filippino? Marco Marzocca, giusto!… Scusa ma ogni tanto ho dei vuoti di memoria… Senti, non è che mi faresti un 15 puntate del filippino per la prossima edizione di Zelig?… Cosa vuol dire che ormai ti sei stufato di farlo?… Ascolta, entri a sorpresa, “Signò, signò”, il Bisio fa gli occhietti sgranati che fanno simpatia, tu gli hai rotto qualcosa in casa, poi improvvisate, che siete bravi… Anzi, ti do un’idea: dalla puntata numero 8 presenti tua moglie, che è la Cortellesi con la parrucca, che dice anche lei “Signò Signò”!… Pensaci bene, non vorrei che poi la gente si scordasse di te, sai com’è la gente… A proposto, quando passo da Genova vengo a trovarti… Ah, non sei di Genova? O Gesù la memoria! Allora torna a trovarmi nel mio chalet a Cortina… Ah, non ci sei mai stato? Era Kledi? Comunque bella l’idea delle terzine di Dante sulla colite… Ciao ciao! (Riattacca)

Bene, bene, scommettiamo che il Marzotto, il Marzullo, il Marzocca ci cade nelle fauci anche quast’anno?… Cos’è sto digrignare denti?! Gliela avete data la pastiglia blu al Carlo? Provvedere, per favore, che mì go da lavurà… Poi però ditegli anche di non vestirsi (smorfia di disgusto) da proletario, che la gente pensa che non lo paghiamo… (compone un altro numero)

Pronto, Raul Cremona? Hai visto che mi sono ricordato il tuo nome al primo colpo?… Non sei Raul Cremona, sei il Mago Forest? … Ascolta, se lo senti digli che l’ha cercato il Gino, se, per favore, mi porta 15 pezzi da 10 minuti per la prossima edizione di Zelig… Magari scrivili tu… Ciao! (Riattacca)

Qualcuno ha il numero di quello col camice e l’occhio nero?… Sì, Paolo Migone, bravo (tira un Bacio di dama come ricompensa)… Gli devo chiedere se c’ha pronti 15 monologhi sulla moglie che ti rompe le balle… A proposito, ricordarsi di offrire a Mario Monti le quote di Smemoranda attualmente di Massimo Moratti, che adesso è in fase discendente e non mi interessa più la sua amicizia…

Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

 

4 Risposte a “Pronto? Sono il Gino…”

  1. Ghiro dicembre 7, 2011 a 4:41 PM #

    Questa pero’ mi sembra una striscia di Disegni in prosa. Evidentemente la serializzazione funziona anche per chi la critica. State diventando più monomaniacali del solito. Chiamatevi, risolvete le vostre beghe una volta per tutte e tornate a parlare di comicità. Altrimenti i commenti latitano.. E a voi non fa piacere.

    • ananasblog dicembre 7, 2011 a 4:54 PM #

      >Questa pero’ mi sembra una striscia di Disegni in prosa. Evidentemente la serializzazione funziona anche per chi la critica.

      Magari fosse una striscia di Disegni. Purtroppo alcuni addetti ai lavori hanno commentato (privatamente) che a occhio e croce funziona proprio così, anzi nella realtà è più surreale. E’ un pezzo addolcente…
      L’A

    • A lavorare in miniera anzicchè copiare dicembre 7, 2011 a 7:19 PM #

      Si, certo si chiamano e uno dice all’altro: “Ma la finisci di rubare i pezzi ai cabarettisti emergenti e lasci stare il tuo baronato?”, e l’altro risponde “Ok, scusa quest’anno mi limiterò a rubare meno, magari a natale non fatturo…”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Zelig Off: le puntate finali (andate in onda a Natale) « - gennaio 2, 2012

    […] anticipato sia il suo repertorio che il modo con cui è stato reclutato per Zelig-prima serata (leggi post “Pronto? Sono il Gino…”) . In effetti il gioco è INTERMINABILE, un raschiamento del fondo del barile, tanto per dire che […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: