Claudio Bisio, fermati adesso che è il momento giusto!

25 Gen

Claudio Bisio, che simpatico umorista!

 

Claudio Bisio, fermati adesso che sei diventato campione d’incassi al cinema. E’ il momento giusto. Non aspettare che il tempo ti logori, che la ripetizione ti renda bollito. A fine stagione consegna la stella da sceriffo prima che l’artrite creativa ti impedisca di galoppare via.

Quanti demasiado corazon vuoi ancora fare? Quante volte vuoi ancora sgranare  gli occhioni di fronte all’ennesima battuta sulla tua calvizie? Quanti “il prossimo comico è…” vuoi lanciare? Non senti l’avvoltoio del Bagaglino (quello finale) girare sul tuo bel capoccione sferico?

Ci pensi da tempo, vero? Non hai ancora trovato il modo. Se te ne vai potresti assaggiare un calo di popolarità, qualcuno potrebbe dire che lontano da Zelig non sei nessuno. E’ un rischio che vale la pena di correre (perché tanto lo diranno lo stesso).

Lo sai che stai contribuendo a un format bollito, ripetitivo, commerciale? Fatto bene, con grande professionalità, ma intriso di muffa, mediasettizzato fino al midollo, così innocuo che Fedele Confalonieri non ha mai alzato una volta la cornetta per richiamarvi.

Bisio, la tua generazione ha vinto: siete diventati miliardari! (Alla faccia di Gaber…)

Sognavate di cambiare il mondo, non ci siete riusciti, ma avete peggiorato il mondo del cabaret. E’ diventato una fabbrica insulsa e coatta di pezzi televisivi. Te ne sei mai accorto Bisio? Nella testa dei comici c’è solo il pezzo tv serializzato, magari pensato (sognato) con te come spalla. Il crollo culturale è stato drammatico, sotto l’onda anomala del marchio Zelig (doppiato, con gli stessi metodi, da Colorado).

Quando vedi tutta quella gente ai provini, quando pensi al ricambio continuo di comici che c’è stato in questi anni, non ti viene qualche sospetto? Conosci le loro storie? La loro disperazione? La loro estrema stanchezza? Probabilmente hai intuito qualcosa, ma forse sei in una condizione in cui non puoi pemetterti dei dubbi. Hai visto cosa è successo a Vanessa Incontrada? Quell’ambiente ha seri problemi con le “voci dissonanti”: sono viste come una minaccia.

Hai idea di come vengono trattati certi comici? Quelli che contano poco e che affollano i laboratori? Probabilmente odieresti essere trattato in quel modo (“sei preso, no non lo sei più; sei televisivo, no, non sei più televisivo”, routine che va avanti per anni e anni).

Bisio, la qualità cabarettistica televisiva è crollata. Tutto è diventato un tritacarne commerciale. Tu e altri vi siete arricchiti (certo, senza rubare a nessuno). Il resto si è impoverito. Vuoi arrivare davvero allo status in cui si raschia il fondo del barile? Vuoi ancora fare le facce buffe di fronte all’ennesimo comico che ha solo 5 minuti e non saprebbe affrontare il pubblico.

Si è creata una generazione di cabarettisti che non hanno uno spettacolo completo, ma selezionati secondo lo sguardo gelido dell’utilità televisiva.

Bisio, molla adesso finché sei in tempo. Puoi andare avanti all’infinito a ripeterti. I 5 milioni di telespettatori forse riuscirai ancora a tenerli lì a lungo. Ma sempre più spesso si leggerà, nei tuoi gesti, la stanchezza di chi si sta ripetendo all’infinito.

I media (in ritardo) registrano un invecchiamento che in realtà c’è già da tempo. Forse è il caso di saltare sul cavallo e abbandonare la città al suo destino, dopo tutto, senza che tu lo sappia davvero, è già diventata una città fantasma.

Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

 

5 Risposte a “Claudio Bisio, fermati adesso che è il momento giusto!”

  1. Anonimo gennaio 26, 2012 a 3:13 PM #

    ma credete che a Bisio interessino le sorti del cabaret?…un comico sarà sempre un disperato anche se ricco e famoso.
    Quando il buon Giancarlo lavorava 15 ore al giorno, faceva sala e metteva le basi ai comici era molto più allegro e felice di adesso che è gonfio di soldi.
    E’ il potere bellezza…

    • ananasblog gennaio 26, 2012 a 3:27 PM #

      >era molto più allegro e felice

      Sei uno di quelli che l’hanno visto allegro!

  2. luj gennaio 25, 2012 a 8:56 PM #

    Non saprei a me sembra già bollito da anni

  3. Anonimo gennaio 25, 2012 a 12:31 PM #

    Mi sembra un po’ come la Guerra di Piero.
    Fermati Bisio fermati adesso lascia che il vento ti passi un po’ addosso, dei comici in battaglia tu porti l’azione chi diede la vita ebbe in cambio un’apparizione.

Trackbacks/Pingbacks

  1. benvenuti nel paese dei bolliti! « - gennaio 26, 2012

    […] Marcuzzi va dietro al Grande Fratello e si sta spegnendo a poco a poco. Di Claudio Bisio si è già detto, la cosa strana è che in un solo anno si è bollita pure la Cortellesi, mediasettizzata, col […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: