Simone Barbato: il più amato di Zelig?

11 Feb

la locandina c'è, ma la tournee dov'è?

Ieri sera Zelig ha ottenuto un più che buono 23,1% di share e 6.249.000 telespettatori. Forse il numero è un po’ drogato dal fatto che tutta Italia è sotto la neve e se sta in casa davanti alla tv. Comunque è un messaggio a chi a ogni calo di share ripete: sono alla frutta. Alla frutta lo sono creativamente; moralmente non hanno mai assaggiato neanche gli antipasti, ma commercialmente sono vivi.

Il dato più interessante è stata la presentazione con grande enfasi di Simone Barbato, messo ad aprire la serata.  Sembra infatti che il Mimo di Zelig (come si autoproclama la sua pagina Facebook) abbia quel tipo di consenso che accomuna i grandi e i più piccoli, insomma che mette d’accordo tutti.

Ieri sera è addirittura partita una richiesta di bis e il pubblico sembrava conoscere bene le sue interpretazioni storiche come “la morsa” o “la farmacia”. E poi Bisio ci credeva di più rispetto agli altri comici su cui “timbra il cartellino” con poca convinzione e la consueta professionalità.

Dall’osservatorio in miniatura di Ananas Blog, il “mimo di Ovada” è fonte di una messe notevole di contatti. “Claudio Bisio versus Simone Barbato” (leggi il post) che risale addirittura al giugno del 2010, continua a essere letto soprattutto da chi  digita “Simone Barbato” sui motori di ricerca (vedi immagine sotto):

il "long seller" Claudio Bisio versus Simone Barbato. I picchi coincidono con la prima serata Zelig

Ovviamente, come si sa, Ananas Blog è l’unico sito di informazione della Corea del Nord cabarettistica. Quindi tutti quelli che cercano qualcosa tipo su Google finiscono qua. Ma la sproporzione tra quelli che cercando info su Simone Barbato sono approdati al blog e gli altri è imbarazzante. Egli ha totalizzato 2.505 “termini di ricerca”, il secondo è Federico Basso con 396; terzo Rocco Ciarmoli con 275 (ma che conta un “Rocco Zelig” a 303). Quinto Il “Sindaco di Ibiza Colorado” a 242.

Ma l’altro lato della popolarità televisiva come viene vissuto?  Difficile reperire informazioni su di lui. Pare non abbia un sito ufficiale. Non ci sono schede del suo spettacolo. Anche se “smanettando” risulta ci sia un “Rido & Canto” in cui si esibisce nella doppia veste di tenore e comico, accompagnato dal maestro Dennis Ippolito; e un minishow da 20 minuti con spalla l’amico Roberto Giordano.

Su youtube si possono trovare molte esibizioni canore di notevole spessore, come per esempio Granada (guarda video) sempiterno cavallo di battaglia del grande Claudio Villa.

Insomma, un artista poliedrico che fa tv per poi “investire” in progetti di qualità? Questo era un luogo comune degli anni d’oro del cabaret (faccio tv per fare teatro), anche se adesso i progetti di qualità sono quasi estinti.

Comunque, da quel che sembra, il più amato dal pubblico.

Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

21 Risposte a “Simone Barbato: il più amato di Zelig?”

  1. Anonimo febbraio 12, 2012 a 7:06 PM #

    Scrivo solo per parlare di una cosa che troppo spesso giornalisti e blogger dimenticano, e utilizzano come dato di fatto: la pochissima affidabilità dell’auditel, rappresentata da sole 5000 famiglie. Teniamo conto che in famiglia ci sono ormai più televisori e che ognuno guarda quello che vuole, possiamo dire che forse questi 5000 dispositivi rappresentano 3000 persone su quasi 60 milioni.
    Aggiungiamo che probabilmente (con i soldi che girano dietro le grosse pubblicità lo darei quasi per certo) il sistema auditel è corrotto, viste le cause attualmente in corso.
    Quindi quando si parla di dati così precisi sugli ascolti, percentuali, milioni esatti di telespettatori a determinati orari… beh si parla di semplici supposizioni che sotto il profilo statistico potrebbero essere lontane anni luce dalla realtà 😉

    • ananasblog febbraio 13, 2012 a 12:55 PM #

      >beh si parla di semplici supposizioni che sotto il profilo statistico potrebbero essere lontane anni luce

      Non solo: guarda caso sembra che i dati siano spostati a “favore di Mediaset”
      http://www.tvblog.it/post/30367/auditel-sotto-attacco-per-lantitrust-sovrastima-i-dati-di-alcuni-canali
      L’A

    • misanzio andrea febbraio 13, 2012 a 6:28 PM #

      auditel e la cricca di zelig, il che suppongo sia un altro intervento coerente con il post; diciamo come le figlie degli autori e i giorni difficili della conduttrice, dico bene?

      • ananasblog febbraio 13, 2012 a 6:53 PM #

        >auditel e la cricca di zelig, il che suppongo sia un altro intervento coerente con il post; diciamo come le figlie degli autori e i giorni difficili della conduttrice, dico bene?

        Misanzio, perché sei sempre così polemico? Apriti un blog, aggiornalo tutti i giorni, così diventi un uomo “del fare” e ti rilassi (e ti confronti con le difficoltà e le dinamiche che la cosa comporta).
        L’Amministratore

        • misanzio andrea febbraio 13, 2012 a 7:31 PM #

          mi limito a domandarti se le regole che tu stesso hai deciso, valgono solo quando vieni sollecitato a rispondere puntualmente o solo quando portano acqua ad un mulino non meglio precisato ma simile al tuo. ivi compreso, scusa se insisto, il commento di Morselli e quello di mika di cui non basta mettere gli asterischi per ridurre la gratuita volgarità (il primo) e la volgarità delle insinuazioni (il secondo).

          ps per la curiosità di chi non ha potuto leggerlo, gli asterischi nel post di milka stanno per figlie:

          “Lo sapete che su facebook ci sono le ****** di quelli che hanno fondato Zelig che difendono a spada tratta la Cortellesi ? è pazzesco , lo squallore è anche questo”

          se non fosse gratuitamente volgare, perchè mettere gli asterischi? 🙂

          • ananasblog febbraio 14, 2012 a 9:28 am #

            >mi limito a domandarti se le regole che tu stesso hai deciso

            le regole sono: rispondo in prima persona di ciò che viene commentato qual’ora violasse qualche legge e lo rimuovo anche su richiesta avvocatizia (come capitato in passato). Per il resto ho la legittimità di decidere cosa viene pubblicato o meno, tu hai la legittimità di eccepire, ma alla fine decido io. Punto. Se mi commenti 10 volte con lo stesso concetto mi crei una confusione inutile e ripetitiva. Basta una. La gente capisce. Ne guadagna anche il messaggio che vuoi mandare.
            L’Amministratore

      • Lucio Sestio febbraio 13, 2012 a 8:15 PM #

        effettivamente a misa’…ha ‘mpo’ rotto er cXXXo!

  2. Maurizio Giuntoni febbraio 11, 2012 a 4:54 PM #

    A proposito di Simone devo spezzare una lancia a suo favore. Carlo l’ha preso per il c***o fin dalla prima volta che l’ha visto al Zelig Lab di Genova. Lui in realtà è un personaggio così anche nature, è eclettico ma anche ingenuo, è un pianista da urlo ed un tenore da paura ma anche un fedele mangiaostie ed a volte ti fa delle domande preoccupanti. E’ un folle genuino che ammiro perchè si è prestato al gioco e forse ha ottenuto più di quello che sperasse , contrariamente ad altri. Gli auguro di godersi questa celibrità e che trovi in futuro, quando i Bananaiani l’avranno scaricato (cosa che ovviamente conoscendoli accadrà), una dimensione ugualmente efficace per proseguire a convivere con la sua disarmante pazzia artistica.
    Quanto al resto scusate se mi permetto, devo dire che la Cortellessi ha fatto pena ( con la a) e Bisio si è dimostrato suo degno compare, mi congratulo invece con Antonio Orrnano ( anche lui concubino di Simone al Zelig Lab di GE) che ieri sera ha dato il meglio di se stesso. Il pezzo lo conoscevo già ma la forza ed energia con cui l’ha interpretato lo pongono secondo me ai livelli dei grandi.. Scusa Roberto ma stavolta anche un plauso è necessario..non tutti i mali vengono per nuocere…. anche se Bisio e la Cortellessi sarebbero da cuocere.

    • ananasblog febbraio 11, 2012 a 5:44 PM #

      >anche se Bisio e la Cortellessi sarebbero da cuocere.

      Diciamo che Bisio e la Cortellesi, sottotono, comunque si mangiano “col pane” Ruffini e Rodriguez e altre coppie di conduttori (e fanno pure la scarpetta). Però fanno peggio di quel che potrebbero, soprattutto Paola (involuta e poco naturale).

      >è eclettico ma anche ingenuo

      Ecco, questo preoccupa. Purtroppo il “sistema” è indifferente alle persone. ci sono le “vittime” e i “carnefici”. Sperèm che Simone Barbato non scivoli in quel ruolo lì (la vittima) perché nessuno lo aiuterebbe a tirarsi fuori, Ananas Blog a parte (schierato storicamente dalla parte dei più deboli). Suggerimento: leggersi e capire bene tutti i “meccanismi di manipolazione”. Se li conosci ne sei meno vittima. Per esempio, come difendersi dall’ansia delle “convocazioni del giovedì”? Rendersi conto che è un meccanismo di controllo usato per renderti debole e farti star male, aiuta molto.
      L’Amministratore

  3. punisher febbraio 11, 2012 a 4:45 PM #

    ognuno credo abbia il proprio modo di esprimere l’arte, il fatto che uno venga conosciuto con 5 minuti in tv ,non vuol dire che non abbia uno spettacolo dove porta il pezzo televisivo e tanto altro materiale parlato….in questo mondo manca l’UMILTà, TROPPA GENTE CHE ARRIVA IN TV E SI SCORDA DA DOVE ARRIVA…LA POSSIBILITà DI LAVORARE ESISTE ANCHE CON LA CRISI, STà NELL’ARTISTA A NON CHIEDERE CIFRE ESAGERATE ….BASTEREBBE RAGIONARE SUL FATTO DI PRENDERE UN GIUSTO CACHET , FARE PIù SERATE A PREZZO GIUSTO……tanti criticano zelig e colorado ,ma il peggio è tra i comici venduti e traditori….

  4. mika@gmail.com febbraio 11, 2012 a 1:06 PM #

    Lo sapete che su facebook ci sono le ****** di quelli che hanno fondato Zelig che difendono a spada tratta la Cortellesi ? è pazzesco , lo squallore è anche questo

  5. massimo MORSELLI febbraio 11, 2012 a 12:00 PM #

    c***o addirittura i bambini …NON SAPEVO CHE ZELIG FOSSE DIVENTATO ( NN E’ VERO LO SAPEVO ) UNO SPETTACOLO AD HUSUM DELPHINI …PER GL’INFANTI PIU’ PICCINI …IL MAGO ZURLI’ TREMA E L’ALBERO AZZURRO E’ PREGNO DI NEVE E DI PISCIO DI DODO’ ED IN QUESTO CASO ANCHE DELL’URINA DI BISIO E IL ****** DELLA CORTELLESI, CHE IERI MI SEMBRAVA APPUNTO ” ********” DI QUALCHE SCOMBUSSOLAMENTO *******…ALZO’ IL CALICE E DISSE” BEVETENE TUTTI ..QUESTO E’ IL MIO SANGUE”..

    • Anonimo febbraio 11, 2012 a 12:51 PM #

      certo che accusare l’ambiente di maschilismo per poi dare della mestruata alla cortellesi!

      • ananasblog febbraio 11, 2012 a 12:54 PM #

        >certo che accusare l’ambiente di maschilismo per poi dare della mestruata alla cortellesi!

        Iniziativa di un commentatore, da cui il blog si dissocia

        • Masetioyj Wandjjreed febbraio 12, 2012 a 4:14 am #

          Dissociarsi da quello prima no invece?!?! Che signore che sei gavelli (il minuscolo è voluto)! Prima per te provavo un po’ di pena, adesso neanche quella.

          • Masetioyj Wandjjreed febbraio 12, 2012 a 4:24 am #

            ahh adesso ho capito perchè non cancellate il commento di Massimo Elegantelli il Lenny Bruce di Bologna San Donato !

            Ananas Blog (schierato storicamente dalla parte dei più deboli)

            • ananasblog febbraio 12, 2012 a 10:27 am #

              >Ananas Blog (schierato storicamente dalla parte dei più deboli)

              per schierarsi, come requisito, bisogna rivelare ls propria identità, dovresti farlo anche tu (è liberatorio). Almeno Morselli ci mette nome, cognome, sito web, pagina facebook, si assume la paternità di ciò che dice.
              L’Amministratore

              • misanzio andrea febbraio 12, 2012 a 10:50 am #

                il mettere nome e cognome (come per altro faccio io) non esenta l’amministratore che comunque usa dei principi tipo (non c’entra, sei polemico, ecc.) dall’essere oggettivamente responsabile di quanto pubblicato. Qui ci sono almeno due post che nulla c’entrano: quello di Morselli che, a meno tu non lo condivida nei contenuti e nei toni potresti almeno redarguire, e quello di mika che con il mimo Barbato c’entra davvero poco. Naturalmente esiste la possibilità che tu li lasci esattamente perchè senza non ci sarebbe polemica e, senza polemica, ‘cadrebbero gli ascolti’. Per il resto, la domanda inerente il post è: Zelig, sfruttando Barbato, gli ha dato la possibilità di mangiare (e sono d’accordo con te che altri mangiano caviale dove Barbato mangia cipolle, ma comunque mangia). La tua proposta sarebbe, invece? Perchè ‘schierarsi con i più deboli’ in questo caso significherebbe iniziare ad immaginare un futuro per Simone Barbato dopo Zelig e provare a proporglielo. Magari a lui farebbe persino piacere

                • ananasblog febbraio 12, 2012 a 11:37 am #

                  >Perchè ‘schierarsi con i più deboli’ in questo caso significherebbe iniziare ad immaginare un futuro per Simone Barbato dopo Zelig e provare a proporglielo

                  Il blog contiene una “biblioteca” di informazioni utili su come funzionano certi meccanismi in cui cadono “le vittime”. Alcune persone si sono tirate fuori oppure hanno affrontato con più consapevolezza il tritacarne e hanno elaborato una “strategia d’uscita”. Chiunque ne esca con le ossa rotte può trovare qui (e da nessun’altra parte) un aiuto. Se poi contatta il blog (se vuole) avrà assistenza ancora più qualificata.
                  Qui e da nessun’altra parte, come sempre. Il futuro alternativo a Zelig può essere un progetto, ma ci puoi anche essere catapultato se, dall’oggi al domani, non ti chiamano più. Non lo decidi tu, decide il Gino, purtroppo.
                  L’Amministratore
                  PS messaggio a Misanzio: i commenti incriminati sono stati “asteriscati”

                  • misanzio andrea febbraio 12, 2012 a 12:14 PM #

                    Rimane che non dici nulla sui commenti dei ‘collaboratori’ alla Morselli/Mika. Anzi, fai proprio finta di non aver letto che qualcuno te ne chiede ragione. E anche che la biblioteca non dice molto sulle solide alternative che stai disegnando per loro. Mi piacerebbe che provassi a raccontare il TUO progetto, visto che quello del Gino contiene un po’ di soldi e un po’ di gloria. Effimeri/a sono d’accordo ma più del nulla. E se il Gino decide di non chiamarti più, be’ ci saranno pure delle alternative a venirsi a sfogare qui, spero. Anche in Chiesa puoi andare a confessarti, ma poi -se hai bisogno- ti offrono anche dei pasti. Perchè non provi a mettere insieme una lista di locali dove i cabarettisti possono telefonare? O di contatti locali? O di progetti minori non gratuiti? Perchè i professionisti che qui raccontano di riuscire a vivere del loro lavoro non si mettono seriamente in gioco, condivendo le proprie risorse con i tanti tanti Barbato-vittima. Questo sarebbe un progetto minimo, ma di sostanza. Prova a pensarci. Anzi perchè non lanci la campagna “Adotta un mimo”? Scherzo, ma davvero mi piacerebbe non dover più vedere quello schifo che ha scritto Morselli, incluso che non è che se uno si firma ha diritto a buttare m**da in modo così gratuito

    • misanzio andrea febbraio 11, 2012 a 1:38 PM #

      so che esco dal tema del post, ma mi sorge una domanda. per mera curiosità, esiste una regola assimilabile alla responsabilità oggettiva anche per i blog o solo per bisio rispetto a barbato? se sì, qualcuno mi spiega come mai l’unica iniziativa del blog è lasciare il post di massimo morselli (oggettivamente sgradevole) e scrivere “Iniziativa di un commentatore, da cui il blog si dissocia”? Inciso, non è nemmeno il primo in cui, lo stesso “commentatore” sparge insulti, diciamo così, un po’ a retto anale. Mi scuso per la domanda fuori tema.

      Dimenticavo, e le figlie dei fondatori di Zelig cosa c’entrano con Simone Barbato?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: