Colorado: la sfida impossibile

27 Mar

Sulla prossima edizione di Colorado c’è molta incertezza. Per diversi motivi. Forse si può parlare di “commissariamento” da parte di Italia 1 (e, in senso lato, da parte di Mediaset). Il nuovo capo progetto non sarà più un addetto ai lavori cabarettistici, come Cesare Vodani, ma un uomo di televisione, vale a dire Dario Viola, autore anche dello show dei record.

Se così fosse, sarebbe comunque difficile rianimare uno show che, assieme al confratello di viale Monza 140, ha praticamente disossato la comicità italiana diventando, di anno in anno, sempre più inguardabile (festa festa festa, fa girare la testa testa testa, la teeeeeeesta).

Il primo scoglio da superare sono i 155 minuti da riempire quando tutti i monologhi, tutti gli interventi a schiaffo, tutti i “pupazzetti”, tutti i personaggi, tutti i calembour, tutte le battute, tutte le interazioni, tutte le offese tra i conduttori sono già stati usati in ogni variazione possibile.

Il secondo scoglio è che mancano talenti (oh, come mai?) e che, se ci sono, vengono portati in tv già bolliti e serializzati. Anche qui l’assurdo sovraffollamento gioca il suo ruolo decisivo.

Il terzo scoglio sono proprio le necessità della rete: obbligare degli over 50 a vestirsi da pupazzi (perché fino a una cert’ora ci sono i bambini davanti allo schermo), durare fino alle 0,30 per salire come share, eccetera, tutte necessità commerciali che hanno contribuito a uccidere la comicità italiana, che in realtà è stata già commissariata da anni.

Ci vorrebbe una lunga pausa di riflessione da parte sia di Zelig che di Colorado, un po’ come i divieti di pesca in mare, in modo che sia il novellame che i pesci più grossi inizino a respirare un po’ e a riprodursi seguendo cicli più naturali. L’unico varietà che ha funzionato bene è stato Italia’s got Talent. Forse ci sarà la tentazione di trasformare Colorado più in uno spettacolo d’arte varia, ma anche questo sarebbe uno snaturamento totale.

Insomma, si tratta di una missione impossibile: trasformare qualcosa di bollito in materiale fresco appena colto. In bocca al lupo comunque.

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: