La seconda puntata di Zelig Off 2012

25 Set

La puntata seconda di Zelig Off, a rimorchio di Colorado, ha totalizzato 995.000 telespettatori, alzando uno 10,44% di share. A grandi linee si è visto:

Giuseppe della Misericordia, entra a schiaffo esordisce col pezzo già serializzato e il tormentone ripetuto 3 volte; torna la dottoressa Federica Ferrero, Andrea Perroni (che andrà a Zelig nel settore “canzoncine – Duo Idea – De Marco”, in quota Roma).

I Pali e Dispari coi due operai (dall’Arcimboldi), INCREDIBILE: le bravissime Short Girl direttamente da Italia’s Got Talent!!! (il grande lavoro dei laboratori?), il pezzo è impostato praticamente uguale a ciò che fanno i Senso D’Oppio (nel montaggio della musica e nelle interazioni), mentre nel varietà di Canale 5 era  un po’ diverso (vedi video).

Omar Fantini monologo (con clownerie stile Debora Villa), Bruce Ketta il comico di cortesia (so cambiati i personaggi!), Maria di Nazaret – Marco Guarena (nel suo spettacolo Ninfo Point e Maria di Nazaret come sono scalettati?), Paci e Bottesini con “si narra” (che sia l’anno buono?), La Famiglia Sticozzi (pezzo divertente), Marco Ferrari e Luca Bondino (già Zelig Off).

Pezzo migliore della serata: Le Short Girls (quando è giusto è giusto: ottimo lavoro degli autori… di Italia’s got Talent).

Considerazioni: cronaca “surgelata” guardando MediaVideo. Digitando “MediaVideo – Zelig Off” appare il sito di “piratestreaming” dove Zelig Off risulta già scaricabile… Che dire: guardando i pezzi si vede già la precottura, si intuisce già dove potrebbero essere posizionati a Zelig – Tensostruttura: tutto nello stile “pezzi di ricambio”.

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

18 Risposte a “La seconda puntata di Zelig Off 2012”

  1. Pratico settembre 27, 2012 a 1:27 am #

    Gradirei anche un commento sulle battute della ferrero: “Abbiiamo inventato un orologio per ciechi” “Ah, col metodo braille?” “No, è che fanno schifo tanto…” e il concorso a premi per i malati di psoriasi: il gratta gratta e vinci. Ma da che mente vengono queste idee? solo geni del male possono meditare tali inutili e stupide nefandezze che creano il gelo anche tra gli spettatori seduti in platea al tempio (mettete le risate finte a questo punto, meno imbarazzanti dell’era glaciale che dallo schermo penetra fino in casa). Allora meglio gli americani che parlano di p***ini con fastidiosa leggerezza ma sono graffianti.

    • Anonimo settembre 27, 2012 a 11:04 am #

      l’umorismo “nero” è sempre esistito, da alcuni è apprezzato da altri no! come tutta la comicità è soggettiva non oggettiva. si chiama cabaret!! puoi anche non guardarlo, ma se si inizia a censurare battute non così pesanti in “terza serata” , si prende una brutta china…….. ah ma forse preferisci il bagaglino!!!

      • Pratico settembre 27, 2012 a 12:04 PM #

        l’umorismo “Nero” perchè sia efficace deve essere intelligente. Che sia terza quarta quinta serata. per me non c’è intelligenza in quelle battute. Per me se si osa lo si deve fare fino in fondo, con intelligenza, altrimenti meglio lasciar perdere. E non è neanche umorismo nero. E non mi pare ci siano stati boati di approvazione. Forse siamo tutti da “bagaglino”!!!

      • Anonimo settembre 29, 2012 a 12:20 PM #

        Scusatemi ma qui non si tratta assolutamente di umorismo in nessuna forma, si tratta semplicemente di ironizzare su malattie come la psoriasi, malattie che rendono chi ne soffre psicologicamente sottoposti ad enormi stress, a non accettare il proprio corpo, a vergognarsi di stare in mezzo alla gente e non hanno certamente bisogno che qualche demente derida pubblicamente il loro problema. Non so quanto la signora e chi ha permesso che lo spezzone andasse in onda troverebbero divertente essere ricoperti di macchie pruriginose e alle volte dolorose. Esistono numeri verdi per dare sostegno a chi ne soffre e poi arriva questa che in televisione dice ‘che schifo’. Be cara tu mi fai schifo e chi la difende dovrebbe solo vergognarsi. Se ve lo state chiedendo: sì, io soffro di psoriasi!

        • Pratico ottobre 1, 2012 a 9:18 PM #

          Concordo perfettamente con l’analisi di “Anonimo 2”. Anonimo 1 mi dava del fan del Bagaglino perchè non ho apprezzato le “Battute”. Mi spiace, non sono radical chic e non è che tutto quello che dice la sinistra è oro colato, men che meno per ciò che riguarda l’umorismo. Ah, mi pare che Zelig sia molto più vicino al Bagaglino di me. Saluti.

          • Serpeco ottobre 2, 2012 a 4:11 PM #

            Domando ad Anonimo2 Se fosse stato/a un artista con la psoriasi, avresti avuto lo stesso pensiero?..e a Pratico,
            se fosse stato un cieco?

            Sarebbe carino sapere cosa ne pensate.

  2. Pratico settembre 27, 2012 a 1:12 am #

    Qualcuno mi sa spiegare il senso di mettere 2 trasmissioni di cabaret sullo stesso canale, la stessa sera, lo stesso giorno una dopo l’altra? Una tattica per non far rimanere in memoria nessuno dei partecipanti?

  3. casagrande settembre 26, 2012 a 12:04 PM #

    Posso solo dire una cosa: leggo commenti un pò troppo trachant. Chi conosce il settore dello spettacolo sa bene che per ogni linguaggio esistono competenze e abilità diverse: teatro, cabaret, cinema e televisione sono linguaggi diversi in contesti diversi. Conosco bravissimi attori di prosa che su un palco come quello di zelig non saprebbero come muoversì. Cos’ come spesso chi fa venire giù il teatro poi non buca il video.o magari chi buca il video a teatro risulta inconsistente. la comicità è una materia insidiosa: da una parte c’è molta richiesta e reclutamenti continui (provini per le tv, laboratori, concorsi etc), e quindi molta sovraesposizione, dall’altra ci si approccia alla comicità spesso senza avere una formazione teatrale, nemmeno di base.
    Io credo che chi si butta nel tritacarne televisivo (che si chiami esso zelig o colorado o vattelapesca) senza avere una formazione almeno basica – che vuol dire un biennio in cui studi dizione, recitazione, voce, corpo etc.. – rischia di esporsi al ridicolo o al banale.
    chi utilizza invece la vetrina tv come promozione delle serate live, magari non sfonda in tv, ma è bravissimo a teatro e gli va bene così. A me sembra che il livello della prima puntata – devo guardarmi tutto per lavoro – fosse più alto. Katia è simpatica e mi sembra a suo agio, certo un pò di lavoro in più sui testi dei presentatori si potrebbe fare. Però mi sembra che la coppia funzioni. Una ultima cosa: gli spettatori come voi giudicano ciò che vedono ed è giusto così. vorrei solo invitare a riflettere sul fatto che, quando si guarda ad un prodotto finito, è buona cosa ed etica – consideare come si è giunti a quel prodotto. Ovvero: siamo sicuri che il basso livello sia da imputare solo ai comici e agli autori? O non è forse vero che l’imposizione di tempi di produzione strettissimi giocoforza sacrificano la qualità? Date ad un comico di talento l’opportunità di provare, scrivere, sedimentare, studiare, confrontarsi senza fretta con il pubblico, e ne avrete un bravo professionista. magari non di vostro gusto, ma bravo.

    • ananasblog settembre 26, 2012 a 12:27 PM #

      >dall’altra ci si approccia alla comicità spesso senza avere una formazione teatrale, nemmeno di base

      C’è l’ampio fenomeno dei comici che non hanno i tempi comici, ed è sempre brutto fare nomi…

      >quando si guarda ad un prodotto finito, è buona cosa ed etica – consideare come si è giunti a quel prodotto

      Ecco: Colorado e Zelig Off a budget ridotto, assemblate in gran fretta e mandate in onda nel periodo in cui la raccolta pubblicitaria è in crisi epocale e l’economia è in piena recessione (la ripresa è prevista per il 2013). Le due trasmissioni sono accorpate così come si radunano in un solo scaffale le provviste di una dispenza semivuota, con una strategia che le rende quasi indistinguibili come stile l’una dall’altra (a parte che Katia è più sexy di Belen). L’Amministratore

  4. Alter Bactaer settembre 26, 2012 a 7:45 am #

    Come d’abitudine, non vedo la trasmissione da parecchio tempo, nè nel formato small e nemmeno in quello large, mi basta quello che mi raccontano. Guarena è parecchio che fa il pezzo della Madonna in serata, mettendosi semplicemente un foulard azzurro in testa. Lui è cresciuto in ambiente oratoriale e forse è proprio per questo che il pezzo gli viene bene, senz’altro meglio di quell’altro sul venditore di cassette porno. Francamente non credevo che qualcuno accettasse di passare un simile pezzo “religioso” in tivù, e su questo mi sono sbagliato. Non credo però di sbagliare quando dico che la comicità in tivù è ormai costretta ad andare all’arrembaggio, anche rischiando denunce da parte dei telespettatori più pruriginosi e pii. Sono il primo a dire che il cabaret, quando è fatto in locali o in teatro, non conosce nè fanti nè santi, ma in televisione forse ci vorrebbe maggior discernimento. Forse sto proprio invecchiando…

    • giovanni novembre 30, 2012 a 5:52 PM #

      Ma non sei il solo che sta invecchiando, c’è anche Marcolino…..quindi ammetti che ninfopoint è una cagata volgare che zelig poteva evitarsi e che maria di nazareth è una roba improponibile in tv da 10anni e sempre con le stesse battute. A 33anni (all’esordio!!!!) faceva pure Giuseppe con un coraggio,li’ si davvero, ma perchè non pensare di sfondare in tv con una bomba del genere ah ah!!! Del falegname è rimasta la battuta migliore passata a maria : quella sull’Ikea!!! Pensa te, che genio. Poi con i 2 ladroni Gnomiz a Torino ci hanno propinato l’intero presepe e due palle cosi’ come quelle dell’aleberello di Natale!!!! E’ alla frutta, non basta stare attaccati alle chiappe di Perone x anni e fare sagre o feste di associazioni, oratori, curia, cooperativeeeee ma perfavore!

  5. Anonimo settembre 25, 2012 a 4:45 PM #

    Da spettatore dico che : Katia Follesa non è adatta al ruolo di presentatrice. Spesso si parlano sopra l’un l’altro. Spesso grida. Ed è fortemente a disagio. Cerca di far ridere in modo forzato e non naturale. Non si capisce mai dove è diretto lo sguardo.
    Pezzo migliore della serata? Mariah di Nazareth. Ottimo nei tempi, coraggio e “qualcosa di diverso”. Chissà se arriva la denuncia per vilipendio alla religione.
    Bravi anche il “si narra” peccato che acerbi di battute. Su tutti i “si narra” solo una chiusa è riuscita. Con il lavoro dei laboratori mi sarei aspettato chiuse moooooolto divertenti. L’idea non è male.
    Tutto il resto boiate…grosse boiate. Non c’è bisogno di frequentare laboratori per i pezzi che sono andati in onda. Basti pensare che Grillo, per fare un esempio, lo imita anche Sergio Friscia…a suo tempo su raidue….poi è bastato mettere l’appellativo “comico di cortesia”…
    Le short Girls seppure carine nell’idea…un minutaggio troppo ampio. Stancante. Non vedevo la comicità. Attrazione più per un pubblico di bambini che da cabaret vero e proprio. Idea comunque già vista…tra l’altro proprio a colorado tempo a dietro. Rivederle una seconda e terza volta stancherebbe.
    Omar Fantini a disagio con il monologo. Raccontato malissimo per essere un professionista.
    La famiglia sticozzi divertente? Allora siamo alla frutta.

    • giovanni novembre 30, 2012 a 5:41 PM #

      Marcolino ma perchè non ti firmi eh? Ci doveva essere la citazione dell’amico Alter B. già amico dei tuoi amici Gnomiz se no chi se ne accorgeva di un pezzo da oratorio? Da 10anni Guarena ha tentato in tutti i modi di fare sti 10minuti all’anno in tv, peccato che Maria di Nazareth, giustamente, per anni non è mai stata considerata nei laboratori di Zelig, sempre segato.Oltre al fatto che nei vecchi testi, quelli x gli amici del cab e associazioni onlus, i testi f tuttossero tuttaltro da oratorio ma offensivi e volgari : vedere reazioni su internet! Qualcosa di diverso? quando non ha piu’ battute e da 10anni ha stufato tutti? Si trova di meglio in quasi tutte le parrocchie. Quale scaletta, spettacolo???? un po’ di monologhi banali sulla mamma, un po’ di ninfo point, un po’ di maria, si fa ascoltare suono fax porno e la canzone cantate scritta dalla Cortellesi poi tutti a nanna.Cosi’ x 10anni, sempre uguale. Sarà quello che solo quando zelig lab è finito al Cab è stato preso? A 44anni nessuna capacità di intrattenimento, fa cose da dilettanti e qualcuno ha il coraggio di pubblicizzarle su questo blasonato blog, complesso di invisibilità dopo aver tanto sgomitato e censurato critiche? Mah….

  6. parere personale settembre 25, 2012 a 3:04 PM #

    commento di uno spettatore che ha visto 20 minuti e basta:
    le Short Girls sono state penose: un’idea vecchia mutuata dal mondo dei buskers, senza spunti comici. Sbadiglio.
    Maria di Nazareth…. un costume raffazzonato che neanche gli amici alla tua festa di compleanno! però complimenti per il coraggio (finalmente un po’ di satira religiosa) e poi diverse battute azzeccate. Mi è piaciuto (nonostante il costume).
    Bruce Ketta mi è parso un pezzo tirato via (o forse la presenza di Beppe Grillo è talmente forte che ci ho messo mezzora per togliermi l’immagine dell’originale dalla testa)
    Omar Fantini bravo ma con un testo banalotto e incoerente: un personaggio che prima è al limite del tetraplegico per via della cuffia stretta, poi torna normale, poi torna impossibilitato dalla cuffia… senza consequenzialità logica pur di strappare una battutina.
    Pali e Dispari bravi, peccato per una battutaccia riciclata male da Facebook: “alle olimpiadi abbiamo vinto pistola, fucile, carabina, se scoppia una guerra medievale stiamo tranquilli” (più o meno, eh) quando ovviamente avrebbe dovuto dire “abbiamo vinto fioretto, spada, sciabola” perchè la battuta avesse senso! Chissà se i comici pensano a quello che dicono.

    Una bella sorpresa Katia, disinvolta nella presentazione, coi tempi buoni, anni luce sopra la sopravvalutatissima Mannino.

    • ananasblog settembre 25, 2012 a 4:01 PM #

      >le Short Girls sono state penose: un’idea vecchia mutuata dal mondo dei buskers, senza spunti comici

      PP, ciao, bisogna dire che le Short Girls a Italia’s Got Talent erano utilizzate meglio, il pezzo era più originale. Sì, Katia Follesa è una sorpresa positiva, il problema è che fa più ridere di molti comici, quindi è impossibilitata a fare da spalla. L’A

      • Anonimo settembre 25, 2012 a 9:55 PM #

        Sorpresa positiva?!?!! Mah…

        • marcoso settembre 29, 2012 a 11:58 am #

          mi piacerebbe capire se l’anonimo che stronca tutto e tutti è sempre la stessa persona.. e soprattutto se è del settore…

    • giovanni novembre 30, 2012 a 5:53 PM #

      Vedere risposte nei 2 post precedenti dei soliti noti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: