Archivio | ottobre, 2012

il trucco di Hallowen, i consigli di Alice Mangione

31 Ott
Vale la pena segnalare il video parodia di Clio make up, apparso sul canale You Tube del Trio Cantù (gruppo comico composto da: Vincenzo Albano, Ciccio Rigoli, Alice Mangione), in cui la bravissima Alice si produce nei consigli su come truccarsi da Kristen Stewart, la star di Twilight.

Il video, partendo praticamente da zero, sta facendo (meritatamente) molti contatti. Buon Hallowen a tutti!
Ananas Blog

Elisabetta Gregoraci condurrà Made in Sud: noooooooo

31 Ott

 Non appena Belen Rodriguez si è dimostrata ininfluente a Colorado (lo show è filato liscio senza di lei, senza perdere uno spettatore), è subito arrivata una brutta notizia: Made in Sud, la trasmissione appena promossa su Rai 2, sarà condotta da un’altra regina del gossip: Elisabetta Gregoraci, moglie di Flavio Briatore (leggi articolo su TvBlog).

La Gregoraci porterebbe così via il posto a Fatima Trotta, che aveva contribuito al successo del format affiancando Gigi e Ross (loro confermati) per tutte le stagioni andate in onda su Comedy Central. Fatima potrebbe aver pagato il fatto di essere di una bellezza normale, di non essere abbastanza gnocca (per gli standard tardo berlusconiani). Inoltre è evidente la  speranza di guadagnare tante prime pagine e di andare anche al traino del successo di The Apprentice (se sei brava, sei fuori).

Alcuni commentatori ci segnalano che Fatima Trotta farà parte della squadra, che la Gregoraci sarà una “presenza aggiunta”. Resta comunque una domanda: perché? Perché mettere una bellezza femminile briator berlusconiana non recitante? Scelta sessista? (mica mettono Gabriel Garko aggiunti a Gigi e Ross). Paura che il format non sia abbastanza forte? Bah…

“Che tristezza” vogliamo dirlo? Made in Sud (ogni mercoledì alle 23,40 a partire dal 7 novembre) parte male, molto male, piegandosi al ricatto del “personaggio famoso che farà tanto parlare i giornali e prenderà tante copertine” ma che, ormai si sa, non tira più nelle trasmissioni comiche, anzi le rende meno attraenti obbligandole a gag prive di tempi comici.

Non si sa se si sia trattato di una “pistola alla tempia” (cambiate conduttrice o non se ne fa niente) oppure se i creatori di made in Sud abbiano accettato di buon grado.  Di solito quando un format fa il salto di qualità, si cerca di portare in “serie A” l’intera squadra, per non pedre la sana alchimia che si è creata. Nell’articolo si dice addirittura che Elisabetta Gregoraci abbia portato via il posto a ex veline come Melissa Satta e Federica Nargi e all’ex letterina Alessia Ventura, segno che Fatima Trotta non è stata considerata neanche di striscio.

Ecco, un format che è già vecchio e che vale la pena di non guardare. Buuuuuuuuuu (NDR: non ascoltatelo e guardatelo!)

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

La vignetta del momento: corto è più bello

30 Ott

Dopo che Belen Rodriguez ha dimostrato di essere un “di più” non necessario e che Maurizio Crozza sta sbancando sia ascolti che qualità con una trasmissione di solo un’ora, Marco Mengoli ci ricorda di quanto siano belle le cose brevi.

Ananas Blog

la puntata 7 di Colorado (senza Belen)

30 Ott

Libero dal peso di gag forzate

La settima puntata di Colorado, quella senza Belen Rodriguez per motivi di maternità, ha comunque raggranellato 2.763.000 spettatori e uno share del 10.9%. Lo scalettone è filato via liscio con Paolino Ruffini più a suo agio ed evidentemente sollevato (sappiamo bene quant’è frustrante fare delle gag con chi non ha i tempi comici). Vediamo alcuni high lights: parte l’apetta Nicoletta Nigro (gag numero 1 milione del comico che esce di scena e dopo un po’ si sente rumore di vetri infranti);

E’ arrivata la Giovanna, Rita Pelusio; Mariello Prapapappo, Gianluca Impastato (I Pilates dei Caraibi…); I Panpers con la parodia di Yahoo… eccetera eccetera; Gianluca Fubelli il più bello d’Italia, con Abatanpucci (molti ritengono che questo splendido truzzo sia la migliore interpretazione di Andrea Pucci); Angelo Pintus sulla vita del comico; i Gem Boy con la parodia di Matrix cui partecipa la ex del trota (ultimi residui di Colpo Grosso, Drive In, gli anni 80, l’immaginario berlusconiano…).

Gianni Cyano – Bazzoni con Alex De Santis (gag con le Coloradine. Gli stacchetti delle Coloradine ricordano quelli di Convenscion, a dimostrazione di quanto tutto siamo invecchiati); tutto fila liscio senza Belen… Herbert Cioffi con telefonate a schiaffo un po’ alla De Angelis; Andrea Pucci monologo classico con finale poetico; Mimmo Quaqquaraqquà con la cinese Luna: battuta numero 1 miliardo con la chiusa sul cibo in calabrese (ma non siamo tutti stanchi lui compreso?); Michelangelo Pulci, Mario, 42 anni, il politico smemorato.

I Turbolenti con gli angeli (schema classico by Turbolenti); finalmente l’esordio di Carlo della Santa, uno dei migliori interpreti della comicità visual, con le fototessera; Barbara Foria che vorrebbe sostituire Belen, poi farà un monologo; I Panpers vita da zombie; Moglie Modello Annalisa Aglioti; Enzo e Sal con l’urlo di Munch (una profezia di Ananas Blog, fatta dopo la prima puntata, che si autoavvera); Andrea e Simone con lo sketch tipo Strano Interludio di Eugene O’ Neil.

Poi, in ordine sparso: l’importante esordio di Eugenio Chiocchi, comico di grande mestiere,  maestro nell’arte dell’improvvisazione sul pubblico, dopo le due puntate di un altro professionista come Carlo Bianchessi. Chiocchi fa Salvador Daqui (ex “domande inquietanti” che fu mezzo massacrato dagli autori di Zelig NDR); Stefano Chiodaroli, il panettiere (qualsiasi cosa si dica, c’è qualcuno che protesta ;)…

Jason Max Pieriboni; Gianluca Fubelli col Giulio Cesare; Alessandro Bianchi con Lesc Dubrov; la rivelazione Alberto Farina; Cioffi e D’ambrosio, Dario Cassini…

Pezzo migliore della serata: Carlo della Santa.

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

Zelig Off: la puntata numero 7

29 Ott

La settimana puntata di Zelig Off, di domenica 28 ottobre ha  raggiunto 752.000 telespettatori con uno share del 5,54%. Al comando i conduttori Davide Paniate (auto promossosi lo Stramaccioni del cabaret italiano) e Katia Follesa (la Josefa Idem della risata). I contenuti della trasmissione ad altissimo contenuto, causa sovraffollamento, di “cetriolo” (ah se certe nuche potessero parlare!) sono stati i seguenti:

I Beoni con gli interventi a schiaffo (già promossi a interagire coi conduttori, buon segno?); Andrea Perroni con i romani ai concerti (pezzo da battaglia molto Continua a leggere

Candidati al “passo indietro”

27 Ott

“Ehi, venite con me in Africa?” “Gino, diglielo tu che noi preferiamo andare in vacanza in Messico!”

Il termine “rottamazione” è stato portata in auge dal candidato alla segreteria del PD Matteo Renzi, ed è un modo brutale di dire che la vecchia leadership deve farsi da parte. “Autorottamazione”, invece, viene usata quando il leader decide da solo di non ricandidarsi. E’ successo recentemente a Veltroni, D’Alema, Berlusconi (subito dopo fulminato dalla condanna al processo Mediaset).

Per non usare parole irrispettose, parliamo piuttosto di “passo indietro”, cioè di quel passo volontario che anticipi il declino definitivo. Claudio Bisio lo ha compiuto quest’anno, anche se  Continua a leggere

Fenomeni emergenti: Alberto Farina e Fabio di Dario

25 Ott
Alberto Farina e Fabio di Dario: stralunati a confronto

Tra le novità “giovani” di questa  stagione comica spiccano (rispettivamente) gli stralunati Alberto farina (Colorado) e Fabio Di Dario (Zelig Off). Sembrerebbero i più divertenti tra le nuove leve. Tutti e due in scena con la comicità in sottrazione sotto forma di monologo. Più dilatati i tempi di Alberto Farina, più schizzato Di Dario (con qualche accento alla Kalabrugovic).

Fabio Di Dario arriva dal gruppo milanese Democomica, Alberto Farina probabilmente da Continua a leggere

Milano ladrona, Satiriasi non perdona?

25 Ott

Nella programmazione di Zelig Cabaret, viale Monza 140, Milano, spiccano le serate di venerdì 26 e sabato 27 ottobre dedicate a Satiriasi, cioè la realtà romana che sta tenendo alta la bandiera dello “stand up comedian “e della “satira senza concessioni televisive”. Saranno della partita Francesco De Carlo, Filippo Giardina, Giorgio Montanini e Pietro Sparacino.

Non è forse incomprensibile questa presenza proprio nel regno della banalizzazione commerciale del cabaret? Si tratta di un segreto di Pulcinella: dalle parti di Bananas c’è un certa ammirazione verso i ragazzacci di Satiriasi, i quali approdano in una Milano sconvolta dagli scandali, dal declino sia del sistema di potere di Formigoni che della qualità del cabaret.

Lì c’è Comunione e Liberazione; qua Sottomissione e Tormentone; lì lo scandalo della sanità, qua quello delle liberatorie. Intanto Berlusconi ha appena annunciato che non si candiderà a premier. Mentre Formigoni insedia una giunta regionale provvisoria, Zelig si appresta all’ennesima banalissima stagione tv, in piazzale Cuoco (attualmente occupato dal Circo di Mosca, che passerà il testimone ad altri ex comunisti).

Ma i ragazzi di Satiriasi riusciranno a non farsi contaminare dalla decadenza dell’ex capitale morale? Verranno avvicinati da anziani autori scorbutici che gli daranno pacche sulle spalle dicendo “bravi, mi avete fatto ridere”? Qualcuno gli dirà: “Beeeee, perché non venite nel mio laboratorio?” oppure: “Perché non fate delle battute a schiaffo invece dei monologhi?… Stiamo lavorando a un format per Sky”… Sono insidie pericolose!

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

La puntata 6 di Zelig Off (in differita)

23 Ott

Davide (Stramaccioni) Paniate dà la carica a Katia Follesa

La puntata 6 di Zelig Off, di domenica 21 ottobre, ha totalizzato 846.000 telespettatori, per uno share del 6,36% (1.765 click su Mediaset Video). Vediamo quali comici si sono alternati sotto la guida di Davide Paniate, autodefinitosi lo Stramaccioni del cabaret italiano e di Katia (lady Gaga) Follesa: dopo una leccatina al direttore di rete, arriva il sempre timido Giovanni Langella.

Andrea Perroni coi romani ai concerti (pezzo funzionale); seconda leccata al direttore di rete (grazie per averci spostati arbitrariamente alla domenica, slurp); Gaetano Massaro il timido (fece Zelig Off nel 2004); Antonio Ornano (direttamente da Zelig Continua a leggere

La puntata sesta di Colorado

23 Ott

Ma è Bobo Vieri? ah ah ah…

La puntata numero 6 di Colorado ha inorgoglito 2.873.000 telespettatori, elevando uno share del 11,09%. I contenuti sono stati i seguenti: Bazzoni con Baz Premium (l’anno prossimo Baz Cloud), esordisce Herbert Cioffi con telefonte a schiaffo (vagamente De Angelis); Nicoletta Nigro l’Apetta (Apenelope Cruz, la prossima volta L’Ape Peronata?) fresca di agenzia Ridens, diventerà l’idolo dei più piccoli?; I Panpers, “ex parodia Yahoo Answer” presentati solo c0l loro nome  (mo’ robe da matti NDR).

I Fichi D’India, classico, con la rapina in Banca; è arrivata la Giovanna – Rita Pelusio; il Più bello d’Italia Gianluca Fubelli, con guest di Pintus (Abatanpucci, ci manchi!); Andrea Viganò Pistillo; Diego Abatantuono che fa l’orso… ah, no, è la pubblicità (prossimamente interprerà il gorilla battutista del Crodino); Gianni Cyano – Bazzoni con Ale De Santis, gag con le Coloradine (tornano i vecchi tempi delle Olgettine che dicevano battute?) espressione finto Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: