Metropolis ai blocchi di partenza

18 Nov

Melita Toniolo

E’ in preparazione Metropolis, il nuovo show comico di Comedy Central, “erede” di Central Station che sarà condotto da Omar Fantini e dall’adorabile Melita Toniolo (già Coloradina). Come sappiamo la comicità italiana è l’ultimo rifugio degli anni ’80 e dell’immaginario tardo berlusconiano. Inoltre la maledizione di Bisio-Hunziker sembra non aver trovato ancora un esorcismo valido (lui, lei, ed ecco a voi, il prossimo comico è, battute offensive, gag telefonate).

Detto questo, attorno a Metropolis si sta creando un certo entusiasmo, sembra che l’energia sia quella giusta. Sono state registrate già 4 puntate delle 10 previste e la messa in onda sarà ogni giovedì alle 21 a partire dal 6 dicembre. Il cast sarà composto da un mix tra novità e comici più esperti.

Metropolis porterà un po’ di innovazione, contribuirà a un minimo di libera concorrenza nel panorama comico più sovraffollato che ci sia mai stato? Central Station, diciamolo, pur essendo frizzante e cool, non ha innovato una mazza, poiché è stato usato come riserva di pezzi di ricambio per le banali edizioni di Zelig e Colorado, alternando autori (sic) di queste due trasmissioni, creando lo strano fenomeno denominato Melassa Comedy.

Forse i tempi sono cambiati e la melassa sta diventando meno vischiosa, anche se c’è da notare il destino di Omar Fantini: recita accanto alle bellone (Melissa Satta, Melita Toniolo) e intervista Gene Wilder, mentre in un paese normale dovrebbe recitare accanto a Gene Wilder e al limite intervistare qualche bellona.

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

36 Risposte a “Metropolis ai blocchi di partenza”

  1. Alter Bactaer novembre 25, 2012 a 9:47 am #

    Rileggiti il mio primo blog sull’argomento Metropolis. Se poi ritieni di essere tu il mio nuovo insegnante di italiano, presentati.

  2. luigi novembre 22, 2012 a 5:24 PM #

    Caro Alter….faccio cabaret da 10 anni. Io ho fatto provini dove NON sono stato preso e altri dove mi è andata bene ma posso assicurarti che essere TROPPO BRAVI NON è un motivo di esclusione. Non diciamo cazzate per favore.
    Non credo nemmeno che un autore posa dire una cosa per far ingoiare meglio una pillola ad un comico…la verità è che il tuo amico ti ha detto una GRANDISSIMA CAVOLATA.
    Ripeto i motivi per cui uno non viene preso possono essere mille…ma essere TROPPO BRAVI non rientra tra questi.

    • ananasblog novembre 22, 2012 a 5:34 PM #

      caro Luigi lo stupidario autorale ai provini e ai laboratori è tristemente famoso. Un autore una volta mi confidò che diceva qualche cazzata tanto “quelli lì non capiscono un tubo”. Filippo Giardina racconta che io gli dissi che era troppo bello per far ridere. Io non ricordo, nego tutto, ma a volte i raggi Zeligx producono amnesia. L’Amministratore

      • luig novembre 23, 2012 a 9:46 am #

        Caro Gavelli …..tu sei un autore e conosci bene le situazioni di cui parliamo.Tu conosci bene quasi tutti gli autori del panorama nazionale e ti senti di affermare che i cabarettisti vengono scartati perchè troppo bravi?
        Tu scarti un cabarettista perchè fa troppo ridere?
        Gli autori che conosci scartano i comici con la motivazone ” fanno troppo ridere”?
        Non credo.
        ps. Alter conosce il cast di metropolis? Credo proprio di no…quindi come puo’ affermare che sono stati scartati quelli troppo bravi per prendere qqualli scarsi?
        Perchè dovete offendere il cast di una trasmissione senza NEMMENO SAPERE CHI DIAVOLO SONO?

        • ananasblog novembre 23, 2012 a 10:03 am #

          Ciao, io facevo il discorso delle motivazioni farlocche che si dicono ai comici spesso per finirlà lì. E’ anche vero che per esempio chi ha il mestiere di comico viene visto con sospetto. Ma ti sembra coerente che Carlo Boanchessi abbia fatto solo 2 puntate di Colorado e I Panpers tutte? (con 3 pezzi a serata). L’A

          • Arrant knaves novembre 23, 2012 a 10:55 am #

            Ma accettare il fatto che il resto del mondo abbia dei gusti diversi dai nostri no? Pensiamo che gli autori di Colorado abbiano fatto fuori uno come bianchessi (che oltre ad essere bravo è anche uno a cui non si può non volere bene) così a cuor leggero?

          • luig novembre 23, 2012 a 11:17 am #

            Ci sono molti comici in Tv che a me non piacciono e la discussione sarebbe lunga ma , come dicevi giustamente te, le motivazioni che vengono dette ad un comico per SCARTARLO sono farlocche appunto per finirla lì. Alter affermava con CONVINZIONE che gli autori cercassero comici tutti di basso livello per ” livellare” la trasmissione verso il basso . Questa è OGGETTIVAMENTE UNA CAZZATA.

            • Anonimo novembre 24, 2012 a 3:02 PM #

              Luigi! Bello trovare finalmente qualcuno con un pò di testa, su questo blog!

    • Alter Bactaer novembre 23, 2012 a 12:04 PM #

      Risposta a Luigi che non ama quando gli altri dicono cose che a lui non piacciono.
      Caro Luigi, tu fai cabaret da 10 anni ma mi sa che non parli molto con i tuoi colleghi, forse per timore di sentirti dire cose che tu non condividi.
      Io invece seguo il cabaret da più di 35 anni, come giornalista, autore e organizzatore, quindi, OGGETTIVAMENTE, di cazzate ne ho viste e sentite parecchie, e nessuna mi ha mai dato particolarmente fastidio.
      Vatti a leggere i post precedenti: mi sono limitato a riportare quello che un amico attore mi aveva detto dopo aver fatto i provini per Metropolis, e l’ho riportato poichè in passato, più volte, ho riscontrato situazioni del genere.
      Non conosco chi fa Metropolis, non so chi è stato preso e, se proprio la vogliamo dire tutta, manco mi importa.non avendoci nulla a che fare come non ho nulla a che fare, ormai da tempo, con nessun’altra fabbrica delle risate.
      Non guardo il cabaret in televisione, se devo scrivere di qualcuno me lo cerco sul web oppure lo vado a vedere live, sempre che il soggetto sia in grado di esibirsi dal vivo.
      Auguri a tutti i Luigi del cabaret.

      • luig novembre 23, 2012 a 6:35 PM #

        Se non sai chi è nel cast di METROPOLIS come puoi DIRE CHE IL TUO AMICO è piu’ bravo di quelli che sono stati presi?
        TU parli SOLO FIDANDOTI della FAVOLA che ti ha raccontato il tuo amico.
        Punto.

        • Alter Bactaer novembre 24, 2012 a 10:06 am #

          Luigio, facciamo a capirci. Non ho mai scritto che il mio amico è più bravo di quelli che sono stati presi a Metropolis, così come non ho mai scritto altre cose che tu invece mi accrediti: ripeto, vatti a leggere attentamente il mio primo blog. Perchè ti inventi le cose? Hai problemi?

          • luig novembre 24, 2012 a 11:46 am #

            Comuqnue finiamola qui . Non vale certo la pena litigare per una cosa cosi’.
            La pensiamo in maniera totalmente diversa. Pazienza.

            • ananasblog novembre 24, 2012 a 12:05 PM #

              questa discussione stava diventando davvero noiosa. Però è stata utile per capire una cosa: Metropolis muove interesse, quindi sul blog se ne parlerà di più del previso. L’A

              • arvydas sabonis novembre 24, 2012 a 12:41 PM #

                non credo che fosse tanto metropolis a destare interesse quanto il fatto che vengano inseriti commenti privi di senso da persone a cui l’amministratore dà più importanza di quella che meritano. Uno che dice di non guardare il cabaret in televisione non ha la competenza per poter parlare del cabaret moderno. è come se uno che usa il commodore 64 pretendesse di insegnarmi ad usare l’iphone

                • luig novembre 24, 2012 a 2:44 PM #

                  Bravo arvydas sabonis ottimo paragone 🙂
                  ma comuqnue credo che metropolis meriti attenzione …..

                • ananasblog novembre 24, 2012 a 3:41 PM #

                  Credo che la persona abbia la competenza.

                  • Anonimo novembre 25, 2012 a 1:35 am #

                    Dici? Il paragone di Arvydas Sabonis è calzante. SE non conosci cosa critichi…. cosa critichi?

  3. luigi novembre 22, 2012 a 8:51 am #

    ” Non è stato preso perchè troppo bravo?” hahahahahahhahahah
    CAZZO MA QUESTA FA RIDERE!!!
    Secondo me se il tuo amico al prossimo provino racconta questa FAVOLA li fa ammazzare da ridere e lo prendono sicuro!!

    • Alter Bactaer novembre 22, 2012 a 9:51 am #

      Caro Luigi, da quanto tempo frequenti o credi di frequentare il fantasmagorico mondo del cabaret? Se non hai mai sentito quella che tu definisci FAVOLA, immagino da poco, vero?

      • luig novembre 23, 2012 a 11:20 am #

        ps: io ho fatto un provino al PICCOLO di MILANO ….non mi hanno preso …..sai cosa mi ha detto Ronconi?
        ” Cazzo sei troppo bravo mi faresti scomparire gli altri…non ti prendo”
        hahahahahahha

        TE PARE CREDIBILE????
        apri gli occhi

      • Anonimo novembre 24, 2012 a 3:07 PM #

        Oso pensare che il ‘sei troppo bravo’ sia stata (semprechè la frase sia mai stata pronunciata) una pietosa bugia.
        E oso anche pensare che -dato che ti è stata riportata e tu in buona fede l’hai citata nel post- magari sia stato solo un auto-accomodamento della dura realtà da parte di qualcuno che magari ci sperava ma non è riuscito ad entrare.
        l’opzione ‘sei troppo bravo’ è risibile come motivazione per scartare un artista. Magari ce ne fossero di troppo bravi.
        Il problema è quello opposto.

  4. Antonio novembre 19, 2012 a 11:04 am #

    Central Station era una “confezione” carina per programma che stentava a raggiungere l’obiettivo. Per la serie: quando il pacchetto è piu bello del regalo. Qualche idea carina c’ era tipo la bambina di the ring, ma non elaborata a dovere secondo me. Fantini non mi sembra cosi originale nel ruolo di spalla, mi sembra piu che reciti il (non facile) ruolo di spalla comica in maniera abbastanza standard

  5. Alter Bactaer novembre 19, 2012 a 8:58 am #

    Un amico attore di cui non faccio il nome perchè non sono autorizzato, mi ha raccontato che dopo aver sostenuto un provino per Metropolis si è sentito dire da un autore che era molto bravo, fin troppo, e per questo non è stato preso. Al mio amico ho dovuto spiegare, (anche a lui come avevo già fatto in passato ad altri non pochi suoi pari in fatto di bravura), che indipendentemente dalla preparazione della persona che lo aveva rifiutato, nelle trasmissioni televisive di cabaret l’ordine di scuderia (sottotraccia ma comune a tutte le scuderie) è di tenere il livello costantemente uniforme, senza picchi che potrebbero evidenziare altrui scarsezze o comunque la pochezza dell’insieme. Le chiamano esigenze televisive.

    • Arrant knaves novembre 19, 2012 a 9:09 am #

      Sinceramente mi sembra un’ipotesi poco credibile, considerando che una trasmissione viene valutata dagli ascolti e quindi dal pubblico, non vedo il motivo perché le esigenze televisive debbano richiedere la mediocrità e non l’eccellenza. Mi sembra più plausibile che l’autore non abbia trovato il coraggio di dire al comico: “sei scarso” e gli abbia voluto addolcire la pillola…

      • ananasblog novembre 19, 2012 a 9:27 am #

        Non dimentichiamo certi big Zelig ogni anno costretti all’umiliazione di fare “il provino come tutti gli altri”. In questi anni il potere si è trasferito alla burocrazia. Imperdibile il saggio sui Buratori (scritto con Omar bashuner): https://ananasblog.wordpress.com/2012/01/30/i-buratori-burocrati-autori/
        Che sia mancanza di coraggio (come dice Arrant) o voglia di livellare la qualità (come dice Alter) si tratta comunque di un mondo che non ha ancora fatto i conti con le soglie minime di verità. E poi a cosa servono i provini quando sai a memoria chi fa cosa? L’A

      • Alter Bactaer novembre 20, 2012 a 8:16 am #

        Sinceramente mi sembra un’ipotesi poco credibile…

        Purtroppo non è una semplice ipotesi ma un dato di fatto riscontrato nel corso di parecchi anni. Aprite gli occhi, e le orecchie.

    • Anonimo novembre 19, 2012 a 4:30 PM #

      Penso sia giusto quello che scrivi. Infatti in questi programmi, i comici professionisti, quelli che vivono facendo spettacoli, convention, ecc… vengono spesso rimbalzati anche se propongono idee “televisive”. Non sempre, ma spesso.
      Alla fine gli autori scelgono chi fa il comico come hobby, come mai?
      A quando una regola che tuteli i professionisti che hanno partita iva e pagano le tasse e vivono facendo i comici?
      Evidentemente avere nel cast qualcuno che fa ridere davvero, nuoce alla mediocrità imperante?
      Un professionista che sa il fatto suo, infastidisce gli autori?
      Naturalmente le mie sono solo domande a cui non ci sono risposte.

      • arvydas sabonis novembre 19, 2012 a 10:11 PM #

        beh, ma ragazzi, ma ditelo prima. se per sfondare in tv è sufficiente essere scarsi e non avere la partita iva, allora ho un futuro davanti!

        • Anonimo novembre 20, 2012 a 2:56 PM #

          😀 ah ah ah grande!

      • Franco novembre 20, 2012 a 1:15 am #

        Tutti dilettanti con lavoro precario perchè devono essere a disposizione per una convocazione che arriva sempre all’ultimo minuto. Per cui: dilettanti e disoccupati meglio.

      • Matteo novembre 20, 2012 a 8:46 PM #

        <se le tue sono domande alle quali non ci sono risposte, perché perdi tempo a farle! I comici che lavorano in Tv sono professionisti, non esiste l'hobby. Vi riempite la bocca di cazzate…

        • Anonimo novembre 21, 2012 a 4:48 am #

          Avrei un’altra domanda: Matteo forse fai il comico per hobby? 🙂 In ogni caso l’hobby esiste. Ed è lampante quando si vedono alcuni personaggi sul palco nei live “veri”. Nella comicità dal vivo non si può fingere, non ci sono le risate registrate o pubblico compiacente… O fai ridere o scendi dal palco. E tutto il resto è silenzio. Ciao 😉

          • Anonimo novembre 21, 2012 a 4:38 PM #

            Scusate se m’intrometto ma forse il signore ‘anonimo’ del commento qui sopra non sa (è lecito credo) che se nelle prove di un programma il pezzo non fa ridere il pubblico in studio il pezzo lo cambiano. il pubblico serve a quello e non solo per applaudire. io ho visto qualche volta zelig dal vero e il pubblico rideva eccome, poi magari aumentano le risate ma quelle ci sono

            • Anonimo novembre 21, 2012 a 5:43 PM #

              Onde evitare equivoci, non parlavo di Zelig. Ma di un’altra trasmissione, visto che stiamo scrivendo sotto un post dedicato a Metropolis. Comunque il signore anonimo sa molte cose tranquillo, non sono uno sprovveduto. Parlo perché conosco le cose e so quello che dico. Ciao e grazie

    • Claudio Masiero novembre 20, 2012 a 11:09 am #

      Il mio regista, tempo fa recitò in una fiction nazionale. Si trovè di fronte ad un discorso analogo a quello di Alter Bacter, la pregarono di abbassare il livello di recitazione.

  6. arvydas sabonis novembre 18, 2012 a 9:53 PM #

    central station non era innovativo, mentre metropolis lo è… ma lo sai che gli autori sono gli stessi? oppure è del conte che dà quel tocco di innovazione? comunque w metropolis e soprattutto w fantini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: