Zelig Circus 2013: la prima puntata

15 Gen

Mr Forest e Teresa Mannino in black

Mr Forest e Teresa Mannino in black

La prima puntata di Zelig 2013, a conduzione non più Bisio, ma con Mr Forest e Teresa Mannino, ha totalizzato 4.720.000 telespettatori, per uno share del 17,06% (pochino data la curiosità per l’esordio e la presenza di Bisio). Vediamo subito i contenuti: la band di Giuliano Palma intona il classico Demasiado Corazon, entra Mr Forest con la Mannino che ballano, scenografia metropolitana cartonata. Ritorno di Lucio Wilson tra gli autori (hanno ammazzato il vitello grasso? Alla fine si ritorna sempre in viale Monza?); Mr Forest sembra più emozionato di Teresa Mannino. Primo comico: Simone Barbato, senza il traino energetico di Bisio (leggi post); I Beoni a schiaffo, direttamente da Zelig Off (nella casellina che fu di Bellani).

Giuseppe Giacobazzi accolto da una standing ovation, con un pezzo vintage sui giochi di una volta tipo l’altalena (tutto già visto ma fatto bene); Maria Pia Timo (2 romagnoli di fila) col pezzo della telefonista che perseguita i call center (da Zelig Off); Maurizio Lastrico col classicone del monologo dantesco (nel secondo endecasillabo già la parola “bagascia”) standing ovation finale; Andrea Perroni (direttamente da Zelig Off) che fa il concerto visto dai coatti romani (casella “le canzoncine” dello scalettone) sempre con buon mestiere, standig ovation finale; Mr Forest finalmente una battuta delle sue sulle mignotte, anche se la Mannino fa di tutto per coprirlo; Lonardo Manera che fa se stesso in vena di rivendicazioni.

Bisio Mago Klaus che rifà il verso a Zelig – facciamo cabaret (Bisio fa il mago e Forest fa Bisio, in quanti avranno colto la citazione colta?); Rocco il Gigolò Rocco Ciarmoli a schiaffo, nei suoi standard; I Pali e Dispari coi 2 operai stralunati (direttamente da Zelig); il grande Ennio Marchetto col numero di traformismo, ma non c’è la standing ovation; il ritorno numero 4 di Sconsolata – Anna Maria Barbera che entra al suono di “Non si può morire dentro” di Gianni Bella (gareggia in calembour con Mariello Prapappo: “il grande Batman Ghandi” “Martin Burgher King”); Nadia Puma con Mediaset Vintage (da Zelig Off);  tornano I Beoni (Andrea Carlini e Alessandro Squillace) a schiaffo.

Nuzzo e Di Biase col loro classicone (che fanno comunque minutaggio); Fabrizio Corona in imitazione da parte di Giovanni Vernia (che cerca di uscire da Johnny Groove) molto somigliante, se l’è studiato a fondo; Paolo Migone ancora con le donne che rompono i maroni (una raccolta firme affinché si tolga l’occhio nero e il camice, tanto è bravo e non ne ha bisogno); I Boiler (Federico Basso, Gianni Cinelli, Davide Paniate) intervistano i conduttori, Basso ripete la gag “Nemesi” di Renato Trinca (in passato si rischiavano denunce NDR). C’è Bisio tra I Boiler!; I Fichi D’India coi due candidati alle primarie, I Fichi D’India che sono passati da Colorado a Zelig con la stessa velocità con cui Giovanni Favia è passato con Ingroia.

Giuliano Palma canta tutta mia la città, siamo in zona seconda serata – Zelig Night. Speed date con Marta Zoboli e Gianluca De Angelis (orfani di Gianmarco Pozzoli impegnato nella fiction A due passi dal Paradiso con Terence Hill); Marco Guarena con Maria di Nazaret (direttamente da Zelig Off)… Eccetera eccetera.

Pezzo migliore della serata: Ennio Marchetto.

Per il momento la coppia di conduttori sembra fuori ruolo e con poca empatia reciproca.

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

Annunci

29 Risposte to “Zelig Circus 2013: la prima puntata”

  1. Luca gennaio 18, 2013 a 5:21 pm #

    Corona e’ stato condannato un’altra volta. Zelig continua comunque il processo di beatificazione e l’operazione simpatia? No comment.

    • ananasblog gennaio 18, 2013 a 8:03 pm #

      Le puntate vengono registrate con qualche giorno di anticipo. Non sappiamo cosa andrà in onda lunedì e c’è possibilità che non vada in onda nulla. L’A

      • Luca gennaio 19, 2013 a 2:51 am #

        Andrà in onda, senza dubbio. Porta ascolto. Ma meno di quanto vorrebbero.

    • Mauro Kelevra gennaio 19, 2013 a 10:07 am #

      Anche le iene ovviamente…

  2. Daniele Raco gennaio 16, 2013 a 7:37 am #

    Questa volta lo devo fare, grazie a tutti per le belle parole, qui e sul mio sito, il post che ho scritto e letto e riletto credo fosse anche a tratti ironico. Purtroppo da un pò c’è questo tizio che pare mi odi un tantino che si diverte con questi mezzi, arriva poi scompare, poi torna, con Gavelli (che ringrazio per la risposta) ne abbiamo già parlato.
    Detto questo una sola precisazione, NON sono depresso, sto benissimo, gioisco per quello che ho e per quello che sono, ho 40 anni ma, ad esempio, salgo su un ring e mi metto in gioco, mi spiace per l’anonimo ma qui ci sono e ci resto e il lettino dello psichiatra lo lascio a chi ha così poco nella vita da godere se non mi vede in TV, io intanto godo per quelli che vedo li e che, magari anche grazie a me, sono li, buona vita a tutti

    • Mauro Kelevra gennaio 16, 2013 a 8:55 am #

      Onestamente non ti conoscevo… ora ho visto dei tuoi soprattutto quello sullo sport. Onestamente, per me, è uno dei monologhi più belli visti in tv negli ultimi anni. Ora bisognerebbe interrogarsi sul perchè tu non stia tra le “stelle” della comicità, quella vera. Funzionano solo i personaggi? Lo stand up è impossibile?

      • Daniele Raco gennaio 16, 2013 a 9:49 am #

        Non è impossibile, è solo più difficile, intanto non lo fanno in molti, è un percorso molto più lungo (reso piacevole dal girare per serate senza portarsi valige piene di cose e vestiti) e in TV forse rende meno, ricordatevi sempre che il grande pubblico non è fatto da amanti del genere cabaret (che è e rimane di nicchia) ma da tutti e di tutte le età, forse, dico forse, la risposta è li, poi prendi questa risposta con le molle, io faccio il mio e non mi occupo di auditel, share e simili, a me la TV serve per fare più serate

        • Anonimo gennaio 16, 2013 a 3:11 pm #

          Zelig e’ orrendo altro che stelle. Io Daniele lo vidi a genova dieci anni fa, con un pezzo sull’areoporto. C era da schiantare. La Mannino e zelig sono una cricca. Ce ne sonO troppi scarsi di comici

    • Anonimo gennaio 16, 2013 a 3:08 pm #

      Mi volevo scusare con Daniele. Intendevo dire Che sei nel fiore della tua professione

    • Diego Carli gennaio 17, 2013 a 5:38 pm #

      Ciao Daniele sono Diego, ci siamo incrociati un paio di volte, ho letto il tuo post sul tuo sito: sì, forse è ironico ma anche amaro e io mi ci riconosco più nell’amarezza che nell’ironia, ma è giusto fare delle riflessioni come hai fatto tu su questa nostra professione che dire precaria è riduttivo. Anch’io mi sono chiesto spesso cosa farò da grande ammesso che mai lo diventerò ma soprattutto mi chiedo “ne è valsa la pena?”. A parte questo volevo rinnovare la mia stima per te non solo come comico ma come sportivo (mi piace moltissimo) come forse ti dissi a voce qualche tempo fa. Credo tu abbia più estimatori che detrattori. Spero di vederti quanto prima sul ring. Un abbraccio.

    • Anonimo gennaio 17, 2013 a 6:17 pm #

      Ciao Daniele, ho letto il tuo post. Vorrei vedere a chi, soprattutto prima di prendere sonno, non capita di interrogarsi e fare dei bilanci e, talvolta, farsi prendere da un filino di sconforto. Poi ci si dorme su, si rimettono un po’ di cose nella giusta prospettiva, ci si rimboccano le maniche. Il poveretto che ha scritto quel post non si merita neanche una cucchiaiata delle tue ****. Vai tranquillo!

      • Gianni - Le Barnos gennaio 17, 2013 a 6:19 pm #

        Il post di prima è mio, ho scordato di firmarlo.

  3. Anonimo gennaio 15, 2013 a 8:03 pm #

    Daniele Raco è un bravissimo comico. La Mannino dovrebbe fare altro e Foresta non è adatto a presentare questo format. I comici, salvando la pace di alcuni, non stupiscono. Si criticava Made in Sud, al confronto Made è il programma più bello del mondo. Dovrebbero sentirsi offesi quelli di Made a sentirsi copia di Zelig. Bisio la tua eredità non la sanno sfruttare e la trasmissione è mediocre. Lo share calerà sempre più. Secondo me, la prossima puntata tocca il sei di share.

  4. Ale Baldi gennaio 15, 2013 a 8:00 pm #

    Io frequento i famigerati laboratori tanto amati dall’amministratore, e trovo davvero difficile pensare che chi guarda e impara proprio nei laboratori, prova e riprova fino ad aspettare che il proprio talento (qualora ci sia), si faccia vedere da qualche parte … possa aver scritto un post di merda su Daniele Raco come quello qui in alto.

    Raco è un grande comico e siamo sicuri abbia ancora tanto da dire,
    lo stronzo quassù, se la smette di infamare i laboratori che fanno scuola comunque e da sempre, è sempre in tempo per un concorso alle Poste dove si raccontano
    delle barzellette davvero divertenti…

  5. billycristal gennaio 15, 2013 a 1:24 pm #

    Zelig diventa sempre di più un Bagaglino…tra un po’ arriveranno anche i sosia dei politici…

  6. unodeilab gennaio 15, 2013 a 1:15 pm #

    Io godo che non ci sia lui, leggete che ha scritto oggi, secondo me è stato scartato
    http://www.danieleraco.it/?p=519

    • ananasblog gennaio 15, 2013 a 1:50 pm #

      Trovo disgustoso godere di presunte difficoltà altrui. Stiamo parlando poi di un bravo comico che merita rispetto. L’A

    • Trendellemburg gennaio 15, 2013 a 4:08 pm #

      Sei un poveretto, Raco ha scritto con il cuore delle parole difficili da scrivere e si merita stima e ammirazione.

    • ALF gennaio 15, 2013 a 4:13 pm #

      Godi evidentemente perchè avrai qualchosa nei suoi confronti. Sono d’accordo con L’admin di ananas che trova il tuo comportamento disgustoso. Ho appena letto le parole di Raco. E Quindi? Parla contro la trasmissione? No. Parla di sè. Se sei “uno dei lab” sarai uno che forse non sfonda e prova invidia per un comico talentuoso come Raco.

    • dado tedeschi gennaio 15, 2013 a 6:44 pm #

      unodeilab (trova il coraggio di firmarti). Mi sono venuti tutti gli insulti del mondo, ma non avrebbero reso giustizia alla tua pochezza, e al nulla che sei. Primo perchè chi gode del male altrui è una merda che non merita rispetto, secondo perchè Daniele è una delle persone più vere e più pure di questo ambiente, e i suoi sentimenti veri meritano rispetto! Spero che il momento in cui ti ricorderai di avere un cuore sia per ** *******! Buone cose! Chiedo scusa ad ananas blog per i toni non proprio pacati… un Dado che (come Daniele) ci mette sempre la faccia!

      • dado tedeschi gennaio 15, 2013 a 6:47 pm #

        forse non è un caso che il post (scritto di getto e quindi assai più cuore che penna corretta) contenga come “ripetizione” proprio la parola RISPETTO (e aggiungerei RISPETTO a te, anche un acaro ha maggiore dignità)

  7. Luca gennaio 15, 2013 a 12:24 pm #

    Io mi sono annoiato. È un salto indietro di 10 anni. Si sono pure venduti lo storico tendone per farlo diventare PALA3 per esigenze di sponsor. (Nascono anche alcuni dubbi sul perché stia conducendo la Mannino a questo punto..). Per marchetto vale il solito discorso: ok 5 minuti, ma tutto lo spettacolo?!?

    • ananasblog gennaio 15, 2013 a 1:00 pm #

      Dovevano fare un anno di pausa

      • giovanni gennaio 15, 2013 a 10:15 pm #

        Col rischio che poi nessuno ne abbia nostalgia? Staccare la spina a un programma clinicamente morto. Un altro programma tutto nuovo? Contenitore nuovo, conduttori e volti nuovi? Noooo vero? Verrebbe a meno l’ennesimo ammortizzatore sociale, sai quanti disoccupati poi!

  8. Antonio gennaio 15, 2013 a 9:59 am #

    Standing ovation regalate però… Corona è stato il momento piu triste della puntata. Si la somiglianza c’è, ma poi sembrava che stessero andando a braccio, come nei peggiori schetc da villaggio. Perfino il pubblico in sala era abbastanza pietrificato.
    Concordo su Marchetto. Anche se secondo me non va presentato come un trasformista, ma piuttosto come un performer. Trasformista svia rispetto al contenuto dell’esibizione. Non male la tipa dei callcenter.
    Domanda sincera: Ma la gag dei beoni non vi ricorda quello che faceva Casalino? Mi pare che in uno dei suoi pezzi finisse proprio con “manda un sms anche tu…” https://www.youtube.com/watch?v=VmtoyjxVZK8

    • ananasblog gennaio 15, 2013 a 10:28 am #

      Somiglianza molto vaga tra I Beoni e Casalino, Vernia credevo di peggio. L’A

      • Antonio gennaio 15, 2013 a 10:32 am #

        Il pubblico invece… sperava di meglio 😉

        • Anonimo gennaio 15, 2013 a 5:42 pm #

          Ma perche c e un età per fare il comico? Daniele Raco avrà una quarantina di anni, a me sembrano parole di uno che e’ in depressione. Sentirsi vecchi a quaranta bisogna andare da uno psicologo rapidamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: