la saggezza di Nancy Sinatra

25 Set

nancy-sinatra

Nancy Sinatra, figlia di Frank, ha un passato di ballate struggenti, vagamente ipnotiche, scritte da Lee Alzewood, un genere definito Cowboy Psychedelia o Saccharine Underground. Una di queste è So Long Babe, che invita a liberarsi dall’ossessione del successo, poiché talvolta l’andare via è più vincente del persistere.

Nancy Sinatra, con quell’aria indolente da gatta morta, tipica di chi è figlia di uno più che famoso, venuta fuori anche bella e sexy, che ha avuto pure successo di suo, ha qualcosa da insegnare ai comici di adesso? Sicuramente sì, a quelli che insistono troppo nonostante i rifiuti e le sconfitte; a quelli costretti  a una gara al ribasso per dover esserci a tutti i costi. Vediamo cosa dice il testo di So Long Babe (con sotto una traduzione a braccio):

I know you’re leavin’ babe, Goodbye, so long. I hope  someday somebody Listens to your song. Those bright lights never  ever Spell your name it’s true. Maybe a change of scene Will be the  best for you. (so che te ne stai andando, arrivederci, spero che un giorno qualcuno ascolterà la tua canzone. Quelle luci non hanno mai illuminato davvero il tuo nome. Forse un cambio di scena sarà la cosa migliore per te)
So long babe, so long babe, So long babe, so long babe So long babe
I know you’re leavin’ babe, Goodbye, so long. Pick up  the pieces And go back where you belong. You gave them all you had And what did they give you? Well they gave you nothin’ babe So give ‘em  nothin’ too. (So che te ne stai andando, arrivederci, rimetti insieme i pezzi e torna da dove sei venuto. Hai dato loro tutto ciò che avevi, ma loro cosa ti hanno dato? Non ti hanno dato niente, così non dar loro niente anche tu). 
So long babe, so long babe, so long babe So long babe, so  long babe, so long babe, So long babe.
I know you’re leavin’ babe, Goodbye and so long. You  never made it babe, I wonder what went wrong. They never understood your  songs, Here’s what you do Just walk away and leave ‘em, And let ‘em  come to you. (So che te ne stai andando, arrivederci, non ce l’hai mai fatta e mi chiedo cosa sia andato storto. Non hanno mai capito la tua canzone, è così che succede. Vai via e lasciali e lascia che siano loro a venire da te).
So long babe, so long babe…

Cosa si ricava da questo concentrato di saggezza pop? Che può succedere di non essere “capiti”, allora forse un cambio di scena diventa la cosa migliore. Se hai dato tutto, ma non hai ricevuto niente, allora è il momento di dare il “nulla” in cambio. Meglio lasciare che qualcuno ti cerchi…

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

6 Risposte a “la saggezza di Nancy Sinatra”

  1. Hanna giugno 7, 2018 a 12:35 PM #

    una brava attrice cinematografica. lei avrebbe recitato in questo film https://altadefinizione4k.net/141-chiudi-gli-occhi-2016.html

  2. Herbert giugno 7, 2018 a 12:27 PM #

    Massimo “sono ancora da decidere, mi sto confrontando con alcune

Trackbacks/Pingbacks

  1. La profezia della scomparsa del live (correva il 2010) | - giugno 7, 2019

    […] di tormentoni e andare a fare cose più consone alle proprie aspirazioni. Talvolta seguendo i consigli di Nancy Sinatra. i loro percorsi professionali e artistici sarebbero interessanti da raccontare… ma questa è […]

  2. Welcome to the Hotel Scalettone | - marzo 6, 2016

    […] volte per capire meglio la realtà basta una canzone. Vedi per esempio il post La saggezza di Nancy Sinatra. Allo stesso modo può essere interessante analizzare Hotel California (qui una traduzione) il […]

  3. guardatevi alle spalle (uno dei motivi per cui…) | - Maggio 5, 2015

    […] motivo è che ormai dell’ambiente si sa tutto, se ti vogliono ti dovrebbero venire a cercare (Leggi qui alcuni consigli). Il provino sin dai tempi del dominio Zelig è stato un modo di controllare le persone e metterle […]

  4. Colorado del 27 marzo 2015 dopo una settimana turbolenta | - marzo 28, 2015

    […] motorino, introdotto dalle Charleston che omaggiano Nancy Sinatra (a proposito di Nancy Sinatra, leggi qui). I Panpers e la Del Bufalo fanno la parodia di Take me to Church, di Hozier, un brano struggente […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: