una rivoluzione Siae : arriva la “sentenza Bosman” del cabaret?

26 Giu
dopo il calcio viene rivoluzionato il cabaret? (dal sito di immagini gratuite Pixabay.com)

dopo il calcio viene rivoluzionato il cabaret? (dal sito di immagini gratuite Pixabay.com)

Si calcola l’importo in forma proporzionale, valutando i minimi d’uso dell’opera registrata del singolo artista...” Queste semplici annotazioni a margine di un documento Siae potrebbero costituire per la comicità italiana quello che è stata la Sentenza Bosman per il calcio (leggi qui) cioè un “documento” in grado di far cambiare lo stato delle cose, da usare per qualsiasi controversia futura.

LUOGO: Serata di cabaret in piazza con 3 comici che si alternano sul palco, tutti con uno loro spettacolo depositato, che fanno un 20 minuti a testa (giugno 2014). Documento di cui una copia è pervenuta a questo Blog.

PREMESSA: Ananas Blog da anni ha messo i riflettori sul problema cronico della “falsa dichiarazione” e della “falsa programmazione”: la Siae non viene “attribuita” correttamente, per giustificare questa anomalia si fanno firmare liberatorie fasulle o farlocche (tra l’altro è un reato, baby NDR). Questo è un problema.

Parallelamente può succedere che le Siae sul territorio  chiedano i minimi d’uso interi per ogni artista, anche se fa solo 5 o 10 minuti. Per esempio nella serata di cui stiamo parlando, la cifra pagata è di 330 e rotti euro (che è stata divisa per 3), ma l’organizzatore avrebbe potuto vedersi recapitare una richiesta di quasi 1.000 euro (330 x 3). Questo è un altro problema.

poche righe scritte a penna e ineccepibili, di una chiarezza disarmante

poche righe scritte a penna e ineccepibili, di una chiarezza disarmante

OVVIO? MICA TANTO – Gli importi del documento sono stati calcolati a Roma da un funzionario Siae, anche se lo spettacolo si è svolto nella dolce terra veneta. La proporzionalità dovrebbe essere data anche solo dal buon senso: ho uno spettacolo della durata di 100 minuti che vale 200 euro? se faccio 10 minuti mi devono essere corrisposti 20 euro (in una serata con più comici, laboratorio o concorso che sia). Ciò che succede sul palco corrisponde alla “modulistica” e ai pagamenti. E’ solo la fottuta verità.

Per quanto possa sembrare assurdo, questo blog si è scontrato a lungo con l’impossibilità  di sconfiggere il fenomeno della “falsa dichiarazione” e delle “liberatorie farlocche” nel cabaret. La falsa dichiarazione è sembrato un vizio cui nessuno, dai grandi produttori di comicità, fino agli organizzatori locali, volesse o potesse sottrarsi. Il problema non è solo legato alla proporzionalità, ovvio, ma quest’ultima potrebbe essere la chiave per regolarizzare un settore che vive miseramente sulla “piccola illegalità” e sulla compulsione a “mentire”. Adesso però non ci sono più scuse.

UN’OPPORTUNITA’: la sentenza Bosman del cabaret potrebbe essere una grande opportunità per i comici, ammesso che questa venga sfruttata. Vediamo quali vantaggi porterebbe:

Regolarizzazione di spettacoli, laboratori, concorsi (ciò che succede sul palco viene pagato).

– Tutela del diritto d’autore: ciò che un comico porta sul palco viene riconosciuto ufficialmente, non “occultato” da una liberatoria farlocca.  

– In una serata di laboratorio tutti i partecipanti che portano pezzi depositati, possono essere sia pagati che tutelati con un costo minimo.

– Affrontabilità dei costi per l’organizzazione (si paga il giusto, né più né meno)

– Incoraggiamento a iscriversi alla Siae e a creare opere tutelate (le false liberatorie fanno sì che i comici, al contrario, siano espropriati in continuazione della loro creatività).

– Ricavare un minimo di entrate solo dalla Siae (pur prendendo cifre “proporzionali”, basta poco per coprire la quota d’iscrizione e iniziare a guadagnarci qualcosa).

– Usare le esibizioni per qualsiasi controversia riguardo a presunti plagi (cosa impossibile se si firma una liberatoria falsa, in cui si dice che quella sera non si è fatto nulla di proprio).

Altri vantaggi trovateli voi, ce ne saranno tantissimi, però adesso non ci sono più scuse, eh! L’unico ostacoli è la vostra pigrizia mentale e la vostra animaccia ipocrita!

PS Ananas Blog possiede una copia del documento che non è stato pubblicato intero per motivi di privacy.

Post correlati: Realtà artistiche incontrano la Siae: verbale dell’incontro, un documento misterioso e sconvolgente… 

Ananas Blog (Long May You Run)

Annunci

13 Risposte to “una rivoluzione Siae : arriva la “sentenza Bosman” del cabaret?”

  1. Oppure... giugno 29, 2014 a 9:39 am #

    Noi da molti anni ci siamo dis-iscritti dalla Siae, e puntiamo solo sul cachet. Che così è privo di “costi aggiuntivi”. Per la tutela dei testi, ci sono altri modi (es: copyleft).

    Andrea

    • ananasblog giugno 29, 2014 a 10:01 am #

      Può essere (…) Conosco alcuni che si sono dis-iscritti poiché vivono di cachet e basta, ma considera chi elabora opere che invece vengono vendute, diffuse, distribuite, trasmesse, eccetera, lì so’ soldi. Prova a dire a Claudio Baglioni che deve vivere solo di serate ;). L’A

      • A giugno 30, 2014 a 11:11 am #

        (…)

        Comunque, tornando a parlare di Siae, ovviamente ci riferiamo al nostro caso, che viviamo di cachet con testi nostri, e non di opere scritte “da” o “per” terzi.
        A parte il fatto, che quando ci è capitato di vendere alcuni nostri testi a terzi (cosa in effetti successa con 5 diversi testi), l’accordo è sempre stato una tantum, e non di diritti ad ogni replica.
        E allo stesso modo, se un giorno mai compreremo un testo altrui, proporremo un pagamento una tantum, e non una % ad ogni replica

        Per dovere di cronaca, esistono anche questo tipo di accordi.

        A.

        • ananasblog giugno 30, 2014 a 12:04 pm #

          Difficile pensare a una transazione, immagina chi scrisse ‘O Sole Mio se avesse avuto la possibilità di transare e basta, che “sodomia” si sarebbe preso. L’A

  2. Un utente anonimo che se lo chiami Francesco si gira giugno 29, 2014 a 7:50 am #

    Ma la S.I.A.E. non potrebbe anche semplificare i metodi di pagamento? Nell’era degli smartphone non basterebbe dotare gli artisti di un “marker” personalizzato così un gestore può pagare con un sms?

    • ananasblog giugno 29, 2014 a 8:31 am #

      Carissimo, l’idea di informatizzare è ottima, bisognerebbe elaborare un progetto che comprenda anche la parte tecnica e iniziare a sottoporlo (è così che funziona). L’A

  3. Anonimo giugno 26, 2014 a 8:32 pm #

    C’è sempre l’escamotage: “firma che il tuo spettacolo è frutto di improvvisazione” ma uno iscritto SIAE non può farlo, non può nemmeno firmare una liberatoria che lo spettacolo non è tutelato per cui il cabaret viene alimentato da dopolavoristi della domenica attaccati a questo o a quel mentore che li manipola a piacimento. Ma tanto piuttosto che andare al cinema o a calcetto si tengono questo hobby che li gratifica dalle frustrazioni di una vita grigia esibendosi con i propri testi non tutelati e magari ci scappa pure le cinquanta euro quando va bene, se va bene, sennò lo stesso. E’ diventato uno sport per dilettanti (fuori regola s’intende) ma è lo specchio dei tempi.

    • ananasblog giugno 27, 2014 a 6:57 am #

      ora, da questo flusso di considerazioni negative, riusciamo anche a estrapolare qualche prospettiva futura? L’A

      • Anonimo luglio 2, 2014 a 1:59 pm #

        Ecco una soluzione: ispettori siae sul posto di rappresentazione, controllo titolo dello spettacolo sui manifesti ed effettiva documentazione relativa prima dello spettacolo, controllare le dichiarazioni autocertificate, controllare le musiche effettivamente usate, verifica delle agibilità di rappresentazione, controllo delle sicurezze. Si lavorerà meno? No. Lo faranno solo i professionisti.

        • ananasblog luglio 2, 2014 a 4:00 pm #

          è come mettere un commissario anticorruzione in ogni cantiere, difficilino. L’A

          • Anonimo luglio 5, 2014 a 12:25 pm #

            E’ come mettere un commissario antimafia all’interno di cosa nostra. Difficile, ma bisogna provarci, a meno che non ci sia già e nessuno se n’è accorto…

            • ananasblog luglio 5, 2014 a 12:47 pm #

              ecco, ma chi ci prova? i capitani coraggiosi vengano fuori L’A

Trackbacks/Pingbacks

  1. “Riso fa Buon Sangue” paga la SIAE ai concorrenti! | - settembre 4, 2014

    […] La novità è che, grazie all’interessamento del fondatore Enrico Cibotto, Riso fa Buon Sangue ha iniziato a pagare la SIAE anche ai concorrenti del concorso (ovviamente a quelli che si esibiscono con pezzi depositati). Ciò è stato possibile grazie al reperimento di un documento ufficiale in cui la cifra SIAE era calcolata con un criterio di “proporzionalità”. La cosa è raccontata nel post una rivoluzione Siae : arriva la “sentenza Bosman” del cabaret? . […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: