Made in Sud, puntata del 30 settembre 2014

1 Ott
le Suddine, tra cui una di colore

le Suddine, tra cui una di colore

La seconda puntata di Made in Sud, del 30 settembre 2014, ha totalizzato 2.089.000 telespettatori e uno share del 9%. Qui su Tv Blog il live a cura di un resistente Alberto Graziola. La puntata è visibile qui su Rai Replay. Ananas Blog segue la puntata finché si può, dove lo consentano la noia, la sensazione di già visto, la stanchezza e la tristezza (leggi anche l’elogio di Made in Sud, per capire che il blog non è prevenuto).

Gigi e Ross aprono con battute sull’articolo 18 (la disoccupazione verrà garantita dallo stato), Paolo Caiazzo – Tonino Cardamone, ricicla un pezzo vintage sulla scuola (l’interrogazione) spacciandolo per satira, la prossima volta i telefoni a gettone e le musicassette?; Mariano Bruno la Mucca di Caserta, la cui battuta finale è sempre “Mmmmmm” (potrebbe andare avanti per altri 5 anni, Dio non voglia); Marco della Noce: “Sale iodato che iò dato, che iò dato”; I Ditelo Voi – Vampiri (“Io succhio il sangue” “Io succhio di frutta”; “”E’ una manifestazione no globul”) e questo è solo l’inizio… Pigro Man – Mariano Bruno che inizia facendo il finto invalido. 

Francesco Cicchella fa Kekko dei Modà sempre sofferente (calembour: un dente che va in Paradiso e incontra Beatrice: Dente Alighieri); Pasquale Palma l’ex fidanzato stalker di Fatima (tormentone per i bimbominkia: io non so stare senza te, non so…); parodia di Uomini e Donne con Nello Iorio, Salvatore Misticone e Francesco Albanese che firma anche la trasmissione (c’è anche il mitico Fabio Alisei); Alessandro Bolide concorrente del GF e di Pechino Express (a un certo punto Costantino della Gherardesca si toglie una banana da culo = purtroppo questa gag è andata in scena) ospiti Clementino e Paolo Maccaro (che hanno partecipato a Pechino Express); Mino Abbacuccio il timido (saluta Tittì).

Ivan e Cristiano, gli opposti, al centro olistico; Marco Capretti (sembra quasi l’unico superstite della colonia romana) con un monologo sui cinesi; Gigi e Ross nell’ormai consolidata parodia di Master Chef (il piatto preferito da Papa Francesco: le cape sante) concorrenti Ivan e Cristiano; Enzo e Sal, l’incazzatore personalizzato; gli Arteteca coi tamarri (“Vita, cuore, battito!” tormentone ripetuto in coro) vengono citati San Giovanni a Teduccio e San Giorgio a Cremano contrapposti a Saint Tropez; Alessandro Bolide a schiaffo (sono sereno).

Gino Fastidio abbandona il monologo dell’altra volta e torna con la chitarra rosatronica e parte subito con una canzoncina; Pasquale Palma Arancino; Massimiliano Damiani parodia di Wolverine in chiave romanesca (Damiani parte del duo Max e Scossa che a MiS facevano i cyborg) Max e Scossa si sono divisi? e che ne è dei CD Rom?… le Sex and Sud (un saluto a Floriana, ma anche alle altre) la cronaca finisce qui, si è fatto tardi…

Ananas Blog (Long May You Run)

Annunci

33 Risposte to “Made in Sud, puntata del 30 settembre 2014”

  1. anonimo ottobre 6, 2014 a 3:36 pm #

    A Made in Sud si sentono tanto importanti, ma non lo siete affatto!
    Chiunque vada in prima serata in una tv generalista e nazionale (come RAI DUE) deve accettare quello che dicono i telespettatori, senza intervenire in malo modo e da guappi minacciare di stare zitti.
    E’ chiaro che tutto questo grande successo che dite di aver raggiunto non esiste, non avete fatto ascolti del 20%/25%.
    Fate gli stessi ascolti di COLORADO (circa il 9%/10%) ! Adesso è uscito anche un film dei protagonisti di Colorado e sono andati a promuovere il film su RAI DUE a QUELLI CHE IL CALCIO. SVEGLIATEVI!
    Voi siete riconosciuti dalla gente che vi vede da anni ed anni in tv, ma il SUCCESSO è un’altra cosa e lo ha raggiunto solo ALESSANDRO SIANI.
    Vivete in un mondo tutto vostro, immaginario, forti del fatto che avete chi ha investito in questo progetto (copia Partenopea di Zelig) e sta facendo in modo da mandarvi ancora in onda, anche se si è toccato il fondo del barile.

    • ananasblog ottobre 6, 2014 a 4:55 pm #

      mo’ basta però dire sempre le stesse cose 😦

  2. Un utente anonimo che se lo chiami Francesco si gira ottobre 5, 2014 a 8:11 am #

    “le Suddine, tra cui una di colore”
    Di che colore? Verde, blu, amaranto? Roberto, proprio da te queste frasi fatte…

    • ananasblog ottobre 5, 2014 a 8:24 am #

      hai ragione, ma non sapevo come sottolineare questa mossa che sembra voler dire: ué pure nuie stiamo accorti ai “cambiamenti sociali”! L’A

      • Anonimo ottobre 5, 2014 a 8:55 am #

        Mamma mia gavelli! Quanti sottotesti inutili vedi in “made
        In sud”! Cerchi sempre la
        Provocazione perché sai che i post riguardanti l’argomento attirano commenti. Sei uno sciacallo del web! Magari made
        Ti piace pure, ma ti fa gola essere popolare con il tuo
        Blog.

        • ananasblog ottobre 5, 2014 a 12:20 pm #

          Il blog è popolare per altri motivi, comunque amo Napoli che è una delle città più belle del mondo (pur con tanti gravi problemi). L’A

          • Anonimo ottobre 5, 2014 a 4:19 pm #

            …e questo
            Che c’entra?!

  3. Anonimo ottobre 4, 2014 a 9:54 am #

    Se la RAI (Televisione pubblica Italiana) dice che nella prima edizione sono stati avvicinati al “programma” gli adulti, nelle seconda edizione gli adulti più giovani e alla terza edizione vogliono avvicinare il format “copia di Zelig del Sud” ai giovani (non si capisce questa necessità, evidentemente manderanno tutti del cast nelle scuole per ottenere più “mi piace” sui social network e vendere le agende), in un’eventuale nuova edizione (e si spera di non vederla se non cambieranno i vecchi comici, scenografia e sigla, che è peggiore della prima edizione) dopo chi restano? rimangono i neonati?
    Il fine di Rai2, infatti, è di svecchiare ulteriormente il target di telespettatori e gli autori dicono che questa volta saranno proprio le new generation della comicità a realizzare questo obiettivo. Ma quale new generation se i soliti comici hanno un’età media di 40 anni! (a parte i Malincomici).
    Se Teodoli ha la necessità di acquisire in prima serata spettatori giovani, che faccia un programma per i Giovani e con i giovani e, se per forza comico, con nuovi comici Giovani di età.
    Ormai non sanno più come giustificare ancora la presenza di Made in Sud in prima serata dove tutto è uguale (stesse persone, stessa scenografia, stesse battute). Che palle!
    Insistono con lo sbandierare dappertutto che Made in Sud è il fenomeno del momento. Ma del momento! Adesso il momento è finito! sono passati 10 anni (compreso commedy central)!
    Allora un’Università Italiana (con la RAI che riprende il momento del conferimento contestualmente su tutte le tre reti generaliste) dovrebbe dare la LAUREA HONORIS CAUSA a ZELIG e agli autori per il FORMAT (super copiato da Colorado e Made in Sud).

  4. Anonimo ottobre 3, 2014 a 11:17 am #

    Voglio subito precisare che non sono un comico,ma un telespettatore che guarda il cabaret in tv,io penso che gli autori di made in sud potrebbere dare spazio a nuovi comici in modo da rendere meno carichi i vecchi che ormai sono a corto di idee e contenuti.A meno che questa sia l’aultime edizione…………

  5. Anonimo ottobre 2, 2014 a 11:23 am #

    Ma chi vi credete di essere?
    Siete solo dei gran buffoni!
    Siete bravissimi a minacciare le persone e dare ordini.
    Se non volete che si dica la verità allora non andateci in TV in prima serata e restate a casa, in caso contrario accettate le opinioni di tutti, soprattutto queste che non potete cancellare come fate su facebook ect.

    • ananasblog ottobre 2, 2014 a 11:30 am #

      ssssh, tranqui, datti una calmata

    • deleted ottobre 3, 2014 a 12:17 am #

      Si ma tu intanto risichi di brutto e continuerai a rosicare caro anonimo….

  6. Anonimo ottobre 1, 2014 a 2:33 pm #

    Viva ARTISTI che hanno fatto conoscere la VERA e BELLA Napoli anche nel Mondo come Massimo Troisi, Eduardo e Peppino De Filippo, Totò, Sofia Loren, Massimo Ranieri, Caruso, De Sica, Lucio Dalla.
    Made in Sud è l’esatto contrario…

  7. deleted ottobre 1, 2014 a 2:31 pm #

    Ma è mai possibile che tutti gli abbonati rai e i rivoluzionari qui si fanno sentire solo quando va in onda MADE IN SUD????????????? Siete ridicoli il martedì andate al cinema così evitate di rosicare e mi riferisco a tutti gli autori e comici falliti che sanno solo criticare perché loro stanno sul divano a vedere comici bravi che lavorano in tv….

    • ananasblog ottobre 1, 2014 a 6:02 pm #

      ecco, giusto, indigniamoci per cose più importanti. L’A

  8. Anonimo ottobre 1, 2014 a 2:05 pm #

    Scusa gavelli, ma se ti annoia così tanto made in sud, tanto da recensirlo a metà, perché perdere tempo a farlo?! Occupa il tuo tempo a scrivere altro. Sei autore o l’hai dimenticato?! O scrivi questi post solo perché sai che “made in sud” attira sempre commenti?! Cosa sei?! La “barbara D’urso” di internet?!

    • ananasblog ottobre 1, 2014 a 5:53 pm #

      Made in Sud muove sentimenti contrastanti e occorre occuparsene. Cerco anche di protestare contro la noia del cabaret televisivo. Citando Totò: voglio vedere ste produzioni dove vogliono arrivare. L’A

      • Anonimo ottobre 1, 2014 a 6:56 pm #

        Allora fallo come si deve! Recensisci tutto il programma, non metà! E fallo con lo spirito giusto, senza voler creare scontri e senza la spocchia che contraddistingue sto blog

  9. Anonimo ottobre 1, 2014 a 11:57 am #

    Scrivere in merito all’inutilità (e per inutilità mi riferisco alla completa mancanza di comicità) di Made in Sud sarebbe superfluo, Voglio SOLO sottolineare che i “comici” di Made in Naples non solo hanno battute scadenti prive di qualsiasi concettualità comica, ma prendono in “prestito” battute dei colleghi. Vedi Gigi quando veste i panni di Mika e dice: in Italia c’è il sito archeologico…La SA /RC. Battuta di paternità di Francesco Arno andato in onda proprio a made in sud il 2 dicembre 2013. Che dire???!!! Se per mandare in onda cose nuove, si utilizzano battute di colleghi che non sono più nel cast della trasmissione, la domanda è: Ma gli Autori che ci stanno a fare??????? No comment……..

    • Anonimo ottobre 1, 2014 a 12:01 pm #

      Sai tutte Ste cose con precisione…sarai mica Francesco?!

      • Anonimo ottobre 2, 2014 a 3:36 pm #

        Non sono Francesco e non sono neanche un uomo, sono la presidentessa di un’Associazione Culturale di Cosenza che segue la comicità e le trasmissioni televisive che la riguardano. Ho visto Francesco Arno in TV e anche dal vivo ed ho riconosciuto la battuta essendo calabrese e molto attenta…..non è l’unico ad essere stato copiato(battute fatte utilizzando barzellette vecchie e stravecchie)!!! Io non sono Francesco,ma forse tu sei Gigi????????

        • Anonimo ottobre 2, 2014 a 4:24 pm #

          No…io sono spiderman

          • deleted ottobre 3, 2014 a 12:20 am #

            Come si chiama l’associazione? Difendiamo Francesco Arno???????? Ridicoli!!!!!!! Questa è bella

            • ananasblog ottobre 3, 2014 a 6:32 am #

              però qua i casi di battute altrui si accumulano 😛

            • Anonimo ottobre 3, 2014 a 10:26 am #

              Non si chiama Difendiamo Francesco Arno, si chiama “Diffidate dalle imitazioni….” E comunque io non ti ho offeso…ho soltanto detto le cose come stanno. Vedi Gavelli che ha sottolineato una sua battuta presa in prestito da Pasquale Palma. Tutto qui.

              • deleted ottobre 4, 2014 a 10:49 am #

                Hai una memoria incredibile tanto da ricordarti questa battuta nelll’unica puntata che ha fatto in tv Francesco Arno complimenti!!!!!!!!!!!!!!!

  10. Anonimo ottobre 1, 2014 a 11:01 am #

    Come ci si aspettava sono tornati gli OSPITI in aiuto per gli ascolti ed in questa puntata Clementino e Paolo che, purtroppo, sono stati eliminati da Pechino Express, ma, così, hanno potuto invitarli, ed hanno inquadrato spesso uno stilista famosissimo tra il pubblico (Rocco Barocco), come facevano con De Laurentiis ed i giocatori del Napoli (fra poco se il Napoli vincerà altre partite preparatevi a rivederli).
    Queste solo le grandi novità, mentre per il resto TUTTO UGUALE e dei RITORNI….
    Vecchie battute delle prime edizioni riciclate, e ritornano la chitarra rosatronica, e parte subito con una canzoncina alla rosatronica, ah Cert cert, Michael Bublè ect, mentre hanno cercato di fare e di dire qualcosa di nuovo con qualche personaggio nuovo che fa piangere (meglio mio figlio fa più ridere) e monologhi in mezzo al pubblico di mogli che vanno il sabato ai centri commerciali a spendere e che comandano in malo modo i mariti (ma chi se lo può permettere con i tempi che corrono di spendere tanti soldi, se si perde il posto di lavoro? forse parlava di lui..), e si vede il pubblico che sorride a stento per le telecamere per cui inquadrano sempre le stesse ragazze che ridono come pazze (??!) e, naturalmente, inquadrano Rocco Barocco;e potrei continuare all’infinito…..
    Noi Napoletani sappiamo che il troppo stroppia, ma a Made in Sud questo vecchio detto e/o modo di dire sembra non lo conoscano, anche se molti altri li hanno ripetuti fino all’esaurimento.
    Ormai il cabaret in TV è diventato un business e non importa se la qualità è scadente perché l’importante è continuare ad andare in onda in TV, ma è vergognoso che in RAI ciò accada (TV per i Bimbo minkia!!).
    Matteo Renzi ha detto a Fazio che ha lasciato la massima autonomia al presidente RAI, ai direttori di rete RAI a mandare in onda chi vogliono, ma l’importante e che sappiano che la RAI è lo STRUMENTO PRINCIPE PER USCIRE DALLA SITUAZIONE DI RECESSIONE ECONOMICA del nostro paese… in quanto la RAI E’ LA PROTAGONISTA DEI GRANDI VALORI EDUCATIVI E CULTURALI DEL NOSTRO PAESE…!…”
    In questo programma, ripetitivo, volgare,ect non sono presenti valori culturali ed educativi per i nostri figli (solo per i Bimbo Minkia) e per gli stranieri che guardano la RAI, come, invece, dovrebbe essere un programma sulla RAI TELEVISIONE DI STATO ITALIANA.
    CAMBIAMENTO in RAI!

    • Anonimo ottobre 1, 2014 a 12:36 pm #

      Come soffrite Made in Sud..dai dai continuate continuate che oggi non ho un cazzo da fare e vi leggo..

    • Anonimo ottobre 1, 2014 a 1:01 pm #

      Ua che palle!
      Tutti sto tempo da perdere?

      • deleted ottobre 3, 2014 a 12:22 am #

        È divertentissimo questo accanimento di frustrati su MADE IN SUD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: