Archive | dicembre, 2014

Comicità 2014, i migliori di categoria

30 Dic

dal sito di immagini gratuite Pixabay.com

dal sito di immagini gratuite Pixabay.com

Dopo le migliori trasmissioni del cabaret televisivo (qui) e i migliori nella categoria “monologhisti” (qui) ecco qua altre categorie che vanno sul podio degli Ananas Awards per il 2014.

Giudizio insindacabile del blog, cominciando da:

MIGLIOR DEMENTE

1) GINO FASTIDIO (Made in Sud) – probabilmente lavora sul principio di arrivare sul palco “già fumato”, forse è così anche nella vita, forse peggio, ma non si può negare che la sua demenzialità sia sincera. “Seghedé, seghedé” è il concetto più sensato che abbia saputo elargire all’umanità.

2) Rubes Piccinelli, Gianluca Impastato (Colorado) – il primo noto per la sua comicità surreale, si è messo in gioco vestendosi da Tarzan sgraziato e saltellante, il secondo nei panni di Mariello Prapapappo non ha paura di alcuna scemata, detta sempre con la tecnica del “ridersi addosso”.

3) TRAGIQUE SENTIMENTAL SONG (Metropolis e Zelig Uno) – Band umbra molto ruspante, sottofondo di Metropolis, riuscita nell’impresa di violare la sacralità del palco di Zelig Uno col “ballo della ciuffa”.

Tarzan - Rubes Piccinelli

Tarzan – Rubes Piccinelli

MIGLIOR PERSONAGGIO

1) SDRUMO (Alessandro Betti) Zelig e Zelig Uno – il rapper incapace di chiudere le rime, ottima spalla per le guest dei rapper veri. Bravura e tempi comici messi a punto da Alessandro Betti, che è (seppiatelo) anche un eccellente attore.

2) JOE BASTIANICH (Cristian Calabrese) Zelig Uno – arrivato in corso d’opera in una trasmissione in crisi, ha “timbrato il cartellino” in modo efficace. Soprattutto il “format Bastianich” ha in seguito consentito a Cristian Calabrese (che è spesso in anticipo su Crozza) di lavorare molto sul live. Continua a leggere

Comicità 2014, le classifiche individuali (monologhisti)

29 Dic
dal sito di immagini gratuite Pixabay.com

dal sito di immagini gratuite Pixabay.com

Ecco la seconda tornata degli Ananas Awards 2014, dedicati ai “best” delle trasmissioni comico televisive. Nel post precedente (leggi qui) l’attenzione era focalizzata sui format in senso generale (per esempio, “miglior trasmissione di prima serata: Zelig 18esima stagione”). Qui iniziamo a premiare le performance individuali cominciando dal classico monologo. Ci saranno delle “terzine”. Siete pronti?

MIGLIOR MONOLOGHISTA (CABARET)

1) ANGELO PINTUS (Colorado) – ha trovato una formula semplice, ma davvero molto funzionale: il monologo con imitazioni, che riesce a risultare piacevole sia ai bambini che agli adulti e che, trasportata in teatro, è protagonista di una fortunatissima tournee.

2) GIUSEPPE GIACOBAZZI (Zelig) – monologhi di costume vintage, clamorosa simpatia romagnola, decenni di esperienza di palco e anche di palchi minori, anche lui fortunatissimo nelle tournee teatrali.

3) ALESSANDRO SIANI (Made in Sud) – l’ospitata di Siani rappresenta sempre il momento clou di Made in Sud. Contenuti tradizionali ben fatti, napoletanità sempre un po’ alla “ricerca di Troisi”, sicuramente più popolare al sud, ma in grado farsi capire in tutta Italia, soprattutto nel passaggio (a volte di enorme successo) al cinema.

Angelo Pintus

Angelo Pintus

MIGLIOR STAND UP DI PRIMA SERATA

1) DANIELE RACO (Zelig Uno) – Una macchina da guerra da palco e da microfono, con ore e ore di repertorio, sempre in ottima forma anche in tv. L’unico cui Claudio Bisio, in passato, abbia usato nella presentazione la definizione di “stand up comedian”.  Continua a leggere

Comicità, le classifiche del 2014 (Ananas Awards)

27 Dic

 

dal sito di immagini gratuite Pixabay.com

dal sito di immagini gratuite Pixabay.com

Il 2014 volge al termine. Così, per buttarla in positivo, facciamo qualche classifica sul meglio del 2014, per quel che riguarda il cabaret tv, senza mettere il suo opposto (cioè “il peggio”). La classifica avrà un minimo di coerenza, pescando da generi omogenei tra loro, cioè soprattutto quelle trasmissioni che vedono i comici alternarsi sul palco. Voilà la prima tornata degli Ananas Awards:

MIGLIOR REGIA – Sergio Colabona (Made in Sud, Rai 2) così come Bisio è stato in grado di dare una marcia in più a Zelig, la regia di Made in Sud, estremamente professionale, rappresenta un valore aggiunto a una trasmissione che spesso “vola molto più in basso”.

MIGLIOR TRASMISSIONE DI PRIMA SERATA – Zelig (stagione 18, Canale 5) pur avendo perso molti colpi, il varietà Zelig riesce ancora a “cucinare” un prodotto dignitoso, soprattutto rispetto ai principali competitori. Meglio anche dello sperimentale Zelig Uno che ha deluso le aspettative.

MIGLIOR CONDUZIONE – Gigi e Ross (Made in Sud, Rai 2) altro punto di forza del discusso “varietà terrone”, Gigi e Ross con l’aggiunta della brava Fatima Trotta e della “credevo peggio” Elisabetta Gregoraci battono nettamente la concorrenza, andata nel frattempo in “confusione da turn over”.

Gigi e Ross, nettamente primi

Gigi e Ross, nettamente primi

MIGLIOR NOVITA’ – Stand Up Comedy (Comedy Central) qui non c’è concorrenza, gli stand up comedian del gruppo Satiriasi hanno portato in tv l’unica vera novità della stagione, l’unica iniziativa in grado di “fare la rivoluzione”. Continua a leggere

Buon Natale!

22 Dic

cri.ball-2037_1920

Ananas Blog augura a tutti un buon Natale! Ci sentiamo dopo Santo Stefano…

I provini per I REC in LOVE, sitcom “patrocinata” da Ananas Blog

16 Dic

 

dal sito di immagini gratuite Pixabay.com

dal sito di immagini gratuite Pixabay.com

Ananas Blog è sempre attenta alle innovazioni creative, visto che viviamo in un’Italia in cui la creatività comica sta viaggiando da tempo nel suo periodo più oscuro. A tal proposito, l’amministratore di Ananas sta lavorando a un progetto di sitcom dal forte contenuto innovativo. Si tratta di I REC in LOVE, che racconta le vicissitudini di una coppia di giovani videomaker. Ci sono alcune novità di linguaggio che non anticipiamo, sicuri (per il momento) di arrivare per primi anche rispetto agli “ammericani” (sssssh).

Per individuare la coppia di protagonisti con cui verrà girata la pilota, viene messo in atto un “provino online”, con caratteristiche “etiche” e a “chilometro zero”. Perché sottoporre i provinanti a durissime trasferte e a “mezze giornate” in cui se ne starebbero ammucchiati come bestie?  Soprattutto, perché usare i video dei provinanti per implementare format e portali che poco o niente hanno a che fare con il progetto vero e proprio? (vedi certi “Uffici Facce” NDR). Continua a leggere

Zelig, ultima puntata 2014

12 Dic
i telespettatori sono fuggiti in quella direzione

i telespettatori sono fuggiti in quella direzione

L’ultima puntata di questa strana 18esima stagione di Zelig, andata in onda l’11 dicembre 2014, ha realizzato 3.806.000 spettatori e uno share del 16,04%. Conduzione Alessia Marcuzzi (fresca sposa) e Raul Cremona. Ospiti Aldo Giovanni e Giacomo (in promozione col film di Natale) che verranno usati il più possibile e Mario Biondi. Qui il live su Tv Blog. Alessia e Raul iniziano con animazione sul pubblico, parte una clip del 1996, il primo minuto della prima stagione, entra Giovanni Storti che ripete la gag di allora. Paolo Arcuri a schiaffo. Maurizio Lastrico definito dalla Marcuzzi il più figo di tutti, con rime natalizie e scioglilingua.

Aldo Giovanni e Giacomo: sketch sui chirurghi, guest Gianluca De Angelis. Speed date con Marta e Gianluca (“Sei sadomaso?” “No, altoatesino”, “Il Camerun è tra il bagnum e il salottum”), guest Marcuzzi, Cremona. I Senso D’Oppio visual. Viene annunciata Sconsolata ed è un colpo durissimo: “Le mail sono anche le toil, a Mikonos nessuno mi conos 😦 l’irf, l’irpef, l’herpes, l’autoscazzo, la disinformatica 😦 touch screen: uno tace quando scriv, Wi Fi vuoi fai ciò che vuoi 😦 Cosmopulita, l’amore è eterno finché è duro.” Chiusura col consueto momento poetico. Continua a leggere

La morte a Colorado?

9 Dic

Capita che qualcuno presente ai provini di Colorado (Salumeria della Musica, Milano, ultime due serate con Ilaria Spada a co condurre) faccia notare che Gianluca Impastato (ex Turbolenti e top player della trasmissione) stia facendo il personaggio della “Morte” (giudicato da chi presenziava) del tutto simile a quello portato avanti da anni da Enrico Zambianchi. Gianluca, contattato, ha detto di non conoscere questo retroscena e che l’idea gli è arrivata dal gruppo autorale.

Antefatto: è abbastanza noto che Zambianchi faccia la Morte che costituisce (opinione mia e di molti altri addetti ai lavori e di una larga fetta di pubblico live) un gioiellino di umorismo nero con cui ha vinto concorsi nazionali importanti come Faenza Cabaret e il Festival del Cabaret Emergente di Modena. Si sa che questi concorsi hanno una folta partecipazione di comici, autori e agenzie di rilievo nazionale. Si sa che i concorsi di questo genere sono attentamente “monitorati”. Qui sotto un video di repertorio (con intervento sul conduttore Andrea Vasumi):

La morte è stata portata anche ai provini di Colorado nel 2011, come mi ha fatto notare lo stesso Zambianchi. Soprattutto è stata, per 3 anni di fila, il personaggio più popolare del laboratorio Zelig on the Road della Romagna (seguito da un autore passato poi a Colorado che però adesso dovrebbe non esserci più NDR) coi relativi provini a fine stagione. Si sa: le serate di laboratorio Zelig vengono interamente registrate e ai provini Zelig c’è, letteralmente, “il mondo”. Continua a leggere

Stand up comedy e ribellioni del pubblico?

6 Dic
Saverio Raimondo

Saverio Raimondo

Sta destando un certo scalpore su Facebook la notizia dell’incidente occorso a Saverio Raimondo (uno degli artisti di punta della satira italiana e parte integrante del gruppo Satiriasi) presso il Caffè Teatro di Vergera di Samarate, sabato 29 novembre 2014. A quanto pare c’è stata la “rivolta” di un gruppo di spettatori rispetto ai temi “scottanti” proposti dallo stand up comedian romano. Qui la discussione su FB dalla pagina di Maurizio Castiglioni, il patron del Caffè Teatro che, ricordiamo, è uno dei templi del cabaret italiano.

Castiglioni difende la scelta artistica e la qualità sia di Saverio Raimondo che della satira stand up, sdoganata in Italia dai ragazzi di Satiriasi. Attribuisce l’incidente a un errore di programmazione: il pubblico del sabato sera, non preparato adeguatamente a ciò cui avrebbe assistito (i “ribelli” erano lì per festeggiare un compleanno). Ecco, la spiegazione è semplice. Qualcuno su Facebook ha commentato che il pubblico italiano non è preparato alla stand up. Allora, verrebbe da dire, le centinaia di serate “bucate” dai comici televisivi? Quelle in cui il cabarettista è stato fatto scendere in anticipo dal palco per non irritare ulteriormente il pubblico? Vogliamo forse dire, con ciò, che il pubblico italiano non è preparato alla comicità televisiva commerciale? Continua a leggere

Zelig, la puntata del 4.12.2014 con Vernia e Capotondi

5 Dic

Speed Vernia Capotondi

La puntata 9 di Zelig, del 4 dicembre 2014, ha realizzato 3.611.000 telespettatori e uno share del 15,23%. Per la prima volta senza avere contro la fiction ammazza ascolti, della suora,  di Rai 1 (che ieri sera era in replica). Conduzione: Giovanni Vernia e Cristiana Capotondi. Ospiti: Gabriele Salvadores, in promozione all’interessante film fantasy “Il Ragazzo Invisibile”, Rocco Hunt e Francesco Renga. Qui su Tv Blog il live della puntata. Demasiado Corazon poi interazione tra conduttori (giovani e carini, puntano sulla tenerezza). I Beoni a schiaffo (battuta sull’onestà degli iuventini in area di rigore). Giuseppe Giacobazzi, monologo sulla rivista Men’s Health.

Paolo Arcuri a schiaffo (“E con le mani amore…” “Me so’ sempre trovato meglio”). Nuzzo e Di Biase a letto col tablet: “Mio marito è un pezzo di merda” (fischiano le orecchie a qualcuno NDR). Torna Giovanni Vernia in versione Johnny Groove, la Capotondi gli fa da spalla, interazione con Gabriele Salvadores e con tutto il pubblico (soggettiva schizzata di ciò che inquadra Salvadores con un I-Phone). I Senso D’Oppio col visual. Bonaria presa in giro di Vernia verso la Capotondi che sarà il leitmotiv della serata, assieme al concept: “Oh come siamo carini”. Continua a leggere

Colorado, la novità Ilaria Spada (e Cacioppo e Alisei)

3 Dic
una-foto-di-ilaria-spada-82923

Ilaria Spada

La notizia è abbastanza recente: Ilaria Spada, essenzialmente attrice di cinema e fiction, condurrà la prossima stagione di Colorado (a partire da gennaio 2015) al fianco di Paolo Ruffini. La vedremo in un prossimo film prodotto da Maurizio Totti cui Colorado fungerà da “traino”?

Tra le novità da segnalare l’assenza del top player Angelo Pintus, che riuscirà a fare solo un paio di puntate come ospite e il certissimo ritorno di Giovanni Cacioppo. Bazzoni non ci sarà a meno che non lo prendano come monologhista.

Sul piano autorale come al solito una certa dose di epurazioni e l’arrivo di Fabio Alisei (da Radio Deejay) che, cosa alquanto bizzarra, fino a una settimana fa firmava Made in Sud.

Poi la tendenza sarà quella di scimmiottare proprio Made in Sud, tentando di creare un gruppo fisso che fa sempre le stesse cose, con varianti minime (dopo stagioni di turn over demenziale). Ovviamente il cast dei senatori farà la parte del leone. Nelle serate di provini si sono visti parecchi comici da Zelig, passando per Fabio Di Dario, per arrivare a Massimo Bagnato ma, a quanto pare, le porte sono quasi del tutto chiuse…

Ananas Blog (Long May You Run)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: