Flop comico a San Remo: Luca e Paolo non originali sul matrimonio gay?

15 Feb
Luca e Paolo matrimonio gay a San Remo

Luca e Paolo matrimonio gay a San Remo

Del flop comico di San Remo si è detto molto, soprattutto legato alle performance non brillanti di Angelo Pintus e Alessandro Siani, colpevoli di aver portato del repertorio un po’ fuori luogo (vecchie battute per Siani con luoghi comuni su nani e ciccioni e materiale da Colorado per Pintus), ma, si è detto, per fortuna ci hanno pensato Luca e Paolo a risollevare le sorti: “Con Luca e Paolo finalmente a Sanremo la satira decolla.” commentava quasi commosso l’Huffington Post (Leggi qui). Uno degli sketch più celebrati era quello delle nozze gay che si è chiuso addirittura con un sonoro “Vaffanculo” (vedi qui lo sketch su Rai.Tv).

Peppe e Ciccio matrimonio gay a Metropolis

Peppe e Ciccio matrimonio gay a Metropolis

Il meccanismo comico è semplice: di fronte all’altare Luca Bizzarri è entusiasta della vita a due, Paolo Kessisoglu invece, smonta tutto poiché ne vede l’aspetto negativo. Concetto: alla fine i problemi matrimoniali sono universali.

“Bravissimi, che bel lavoro anche di scrittura”, uno pensa finché non si ricorda che da almeno un anno e mezzo c’è uno sketch molto simile (uguale nell’impostazione, diverso nelle battute) sul matrimonio gay a opera del duo Peppe e Ciccio (Giuseppe Bonini e Francesco Nicotera) portato per 8 puntate a Metropolis 2 – Comedy Central (e non solo). Il meccanismo è pari-pari, uguale-uguale: davanti all’altare Francesco Nicotera (a destra come Luca) si entusiasma, Giuseppe Bonini (a sinistra come Paolo) smonta tutto.

Molto probabilmente, quasi sicuramente Luca e Paolo sono arrivati senza saperlo allo stesso meccanismo, però nessuno parli di “originalità” o di “satira a San Remo salvata da Luca e Paolo”. Il duo genovese ha interpretato la cosa con la consueta bravura, ma anche la performance di Peppe e Ciccio non è male, magari meno impostata attorialmente, ma più ruspante.

Il matrimonio gay di Peppe e Ciccio è stato visto a Metropolis 2 (seguitissima dagli addetti ai lavori), portato ai provini sia di Zelig che di Colorado (seguitissimi dagli addetti ai lavori) e, nella versione “un anno dopo il matrimonio” a Quanto manca? e a Quelli che il calcio… su Rai 2. Possibilissimo non sapere, ma seguendo un po’ ciò che succede in giro si sarebbe dovuto sapere. Ah, la distrazione dei vip comici! Vivono in un mondo tutto loro e frequentano solo altri vip comici… 😉

Ananas Blog (Long May You Run)

PS a quanto pare Peppe e Ciccio si sono detti lusingati da tutta la faccenda.

Annunci

4 Risposte to “Flop comico a San Remo: Luca e Paolo non originali sul matrimonio gay?”

  1. Sincero febbraio 15, 2015 a 6:34 pm #

    LUCA e PAOLO, come ho già detto, al festival di Sanremo mi sono piaciuti molto per la Canzone-satira sulla moda di ricordare gli scomparsi eccellenti in tv, da Lucio Dalla a Pino Daniele, per sottolineare che i Grandi Artisti ci sono e ci saranno per sempre con le loro canzoni, ma in TV bisogna fare lo scoop e tutti ne vogliono parlare in TV per ottenere più visibilità (senza una lacrimuccia oppure senza essere una persona veramente amica o parente degli Scomparsi per poter raccontare qualche aneddoto inedito sul/i grande/i Artista/i).
    Lo sketch sui gay non mi ha entusiasmato ma è un argomento attuale, e se n’è parlato al Festival anche con la canzone di MAURO/PLATINET e Grazia di Michele. Tutto è da vedere se Luca e Paolo hanno usato le stesse battute di Peppe e Ciccio.
    Ma dico io… prima di andare in TV che ci vuole a fare una brevissima ricerca su INTERNET e vedere su YOUTUBE se già ci sono state persone che hanno già fatto gli stessi personaggi ed usato le stesse battute???
    Luca e Paolo non sono stati originali sul matrimonio gay ma ci sono tantissimi altri che sulla TV generalista lo fanno da anni ed anni e continuano ancora ad andare in TV.
    I telespettatori delle TV generaliste, specie dalla RAI, pretendono di vedere dei bravi comici, come PANARIELLO, che siano ORIGINALI, TALENTUOSI ed UMILI (non occorre dire in TV che i biglietti di un programma televisivo vanno in beneficenza oppure che si da il proprio cachet in beneficenza perché moltissimi lo fanno, come lo ha fatto il Grande Alberto Sordi, ma non lo dicono ai giornali ed in TV per farsi pubblicità).

  2. Marghera febbraio 15, 2015 a 5:37 pm #

    Dovrebbero essere lusingati di essere in un blog tanto inportante per i complottisti degli Illuminati

Trackbacks/Pingbacks

  1. Colorado puntata del 20 ottobre 2016 (al 4% di share?) | - ottobre 21, 2016

    […] collegato: l’esordio stagionale di Peppe e Ciccio con gli sposi gay (con un curioso intreccio raccontato qui) A tal proposito, Giovanni D’Angella ha rivendicato la primogenitura del personaggio del […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: