l’irresistibile ascesa dell’Arsenale Kappa

2 Giu
l'immagine della pagina di Arsenale Kappa

l’immagine della pagina di Arsenale Kappa

Segnaliamo l’impetuosa espansione dell’Arsenale Kappa, il collettivo di satira online capitanato da LVIX (già cattivo più temibile del web) al secolo Luisella Scheggia. La pagina Facebook (guarda qui) ha raggiunto in un tempo brevissimo più di 38.000 “mi piace” e promette di salire ancora in modo esponenziale. La “casa madre” Kotiomkin conta 108.000 “like” ma raggranellati in un tempo molto più dilatato (2 anni e qualche mese). Inoltre quei centomila e passa sembrano un po’ messi nel freezer, laddove (sul web) i numeri sono alla base di tutto e dovrebbero veicolare sia iniziative che progetti di convogliare raccolta pubblicitaria.

Il profilo Twitter di Arsenale Kappa (vedi qui) conta 40.300 followers, preso in mano da LVIX meno di un anno fa. Fin qui è stato la “santa barbara” del collettivo. Adesso c’è anche l’espansione su Facebook. In generale si nota una forte vitalità. Le battute dell’Arsenale K sono sempre ai primi posti nelle classifiche dei più popolari su Twitter, è uscito un primo libro “Bordate di Satira” (leggi qui), si conta una collaborazione attiva con la Rai (Hastag Radio Uno) e con altre realtà.

Insomma è possibile che l’Arsenale Kappa “metta la freccia” e sorpassi? 

Ananas Blog (Bisognerebbe imparare come si sta al mondo, ma è molto meglio combatterlo)

Annunci

26 Risposte to “l’irresistibile ascesa dell’Arsenale Kappa”

  1. Carlo giugno 5, 2015 a 7:16 am #

    E poi c’era la marmotta che confezionava la cioccolata

  2. Henry Letta (@LettaPremier) giugno 4, 2015 a 6:36 pm #

    Cerco di riassumere. Dalla fonte citata da “Carlo” sembra che i 38.000 likes vengano dal merging di una pagina Facebook in quella di Arsenale. E questo spiega il balzo in una notte. Se poi la pagina facebook in questione quei likes li aveva presi grazie ad Arsenale, allora direi che ci sono in giro molto rosiconi privi di talento che dovrebbero osservare mesi di silenzio.

    • Carlo giugno 8, 2015 a 7:06 am #

      Infatti…vedo i like alle battute, a migliaia, una ressa proprio…due sono le cose o sono 38000 morti o le battute fanno cagare. O entrambe le cose. 😀

  3. Alberto Sgabelli giugno 3, 2015 a 8:51 pm #

    La solita figura da cioccolataio. Sei più disinformato tu di Scajola. Hai mai pensato di fare l’amministratore di condominio?

  4. Carlo giugno 3, 2015 a 12:29 am #

    Secondo una fonte pare che una pagina con 38mila Like ha chiuso ed ha trasferito i suoi Like su arsenale. Se anche fosse vero, dimmi tu dov’è questa irresistibile ascesa…

    • ananasblog giugno 3, 2015 a 7:05 am #

      Chiedi alla fonte come mai nelle statistiche risulti una tendenza di nuovi like omogenea rispetto a settimana scorsa (dovrebbe esserci un picco mostruoso di un giorno e basta).
      Dato che LVIX non commenta l’arcano, diciamo che:
      a) la vitalità su Twitter è reale, non solo per i 40.000 e passa follower.
      b) allo stesso modo c’è una progettualità, non solo il libro, non solo la collaborazione a una striscia quotidiana su Radio 1, eccetera.
      c) tempo fa auspicai uno “Spinoza professionale”, poi arrivarono Kotiomkin, Prugna, eccetera che ammazzarono qualsiasi possibilità anche remota di arrivare a questa cosa. Purtroppo furono inseriti criteri di “parassitismo” autorale (scrivi, scrivi, che forse ti pubblico). Adesso se c’è qualcuno che possa creare qualcosa in cui si arrivi a monetizzare è proprio l’Arsenale Kappa. Operazione difficile, ma sarebbe una bella cosa.
      d) inutile fare 100.000 like se non c’è un progetto. Ananas Blog ha solo 160 iscritti su FB eppure spacca di brutto.
      L’A

      • Carlo giugno 3, 2015 a 9:35 am #

        intanto si parla della pagina fb e non di twitter dove a fronte di 4000 like nei post ci stanno una dozzina di like o le battute fanno cagare o c’è qualcosa che non va. Per quanto riguarda la monetizzazione a me non interessa, mi chiedo però anche facendo riferimento ai tuoi post sui servi della gleba quanto gli autori delle battute ne siano effettivamente a conoscenza.

        • ananasblog giugno 3, 2015 a 10:32 am #

          tema da affrontare a meno che non si voglia morire di creatività gratuita. L’A

          • Carlo giugno 3, 2015 a 11:02 am #

            su questo mi trovi d’accordo. La monetizzazione non è il male assoluto, ma solo se diventa l’unico scopo, perdendo di vista la qualità. O vogliamo ritrovarci Colorado e Zelig nel web? Perchè al momento il livello è quello tranne rare eccezioni come Spinoza in primis.

      • gavellonzo giugno 3, 2015 a 6:16 pm #

        delle tre l’una, gavelli: o sei di parte, ma non sarebbe una novità; o sei disinformato, ma non sarebbe una novità; o sei un bamba, e sarebbe solo una conferma. O forse tutte e tre: parziale, disinformato e bamba.

        • ananasblog giugno 3, 2015 a 9:01 pm #

          Voto per il bamba (mi piacciono le conferme).
          Detto questo di solito, se si parla di disinformazione, si dovrebbero citare le informazioni corrette che qui nel tuo commento non leggo.
          Per cui rimane un commento spiritoso e basta.
          L’A

          • gavellonzo giugno 3, 2015 a 9:15 pm #

            disinformato perchè le tue informazioni sono farlocche (tra l’altro non eri tu che sparavi sentenze sulle pagine facebook che crescono troppo in fretta?). ignorante, perchè parli di cose che non conosci se non per sentito dire. di parte perchè se usassi un metro e una misura, metà delle cose che hai scritto dovresti cancellarle, perchè incoerenti con qualcosa che hai scritto in altri momenti. e, da ultimo, sei tu che fai il giornalista critico, quindi raccogli tu le informazioni che ti servono per scrivere qualcosa di intelligente, documentato e onesto.

            • ananasblog giugno 3, 2015 a 10:31 pm #

              Beh, allora: la collaborazione con hashtag radio 1 è vera. Così come il libro bordate di satira. Che la pagina Twitter abbia 40.000 follower è vero. Che venga retwittata spesso anche su questo non ci piove. I 38.000 like della pagina pure. Sono stati comprati? Ci vogliono le prove. Dimmi cosa c’è di inesatto. Confondi la verità oggettiva con quella soggettiva. A te sta tutto sui maroni, padrone di pensarlo, ma è una tua opinione. L’A

              • gavellonzo giugno 4, 2015 a 10:11 am #

                E chi nega che siano informazioni vere. Il problema, caro gavelli, è che la tua analisi fa acqua da tutte le parti. diciamo che è tirata lì per rompere le palle a qualcuno, che è l’unica cosa che sai fare veramente, e priva di ogni onestà intellettuale. Se fai un libro e vendi tre copie (e tu ne sai qualcosa), se fai una trasmissione radio e non ti ascolta nessuno (e magari sai qualcosa anche di questo), se hai 38mila like che spuntano in una notte (e, no, questo è un tipo di risultato che non ti riuscirà mai) e lì si fermano…sei un cialtrone che pensa di fare degli scoop. questa è la verità oggettiva. e pensa che a me arsenale piace, sei tu che sei fuori fase.

                • ananasblog giugno 4, 2015 a 10:24 am #

                  >diciamo che è tirata lì per rompere le palle a qualcuno

                  Fai i nomi per favore. L’A

    • Henry Letta (@LettaPremier) giugno 4, 2015 a 6:32 pm #

      Beh, se la pagina che aveva i 38mila like li aveva fatti con battute di Arsenale, allora il conto di Ananas torna, no? Infatti torna alla perfezione.
      Torna anche che i likes per battuta siano pochi se era una pagina dormiente, tenuta lì a prendere likes. Chi ha pensato a likes comprati non ha capito un cazzo di nulla. Ma parla. Cadendo come un fesso in una trappola sputtanatoria orchestrata a meraviglia.

  5. stefano giugno 2, 2015 a 8:00 pm #

    Il tempo “Brevissimo” è una notte… informati bene 😀

    • ananasblog giugno 2, 2015 a 8:18 pm #

      Cosa vuoi insinuare? L’A

      • Carlo giugno 2, 2015 a 8:19 pm #

        In una notte tutti quei like non ti viene un sospetto?

        • ananasblog giugno 2, 2015 a 8:44 pm #

          Dici che siano stati co***rati? Ma perché non fate affermazioni chiare invece di fare affermazioni retoriche? Fornite degli screenshot, cifre, dati, date. Lavorateci sopra. L’A

          • Carlo giugno 2, 2015 a 8:47 pm #

            Fai un salto sulla pagina fb di Arsenale…

            • ananasblog giugno 2, 2015 a 9:09 pm #

              https://www.facebook.com/ArsenaleKappa/likes

              Ma ritieni abbiano “barato”? Da qui non si capisce, ovvio

              • Carlo giugno 2, 2015 a 9:13 pm #

                In poco tempo che vuol dire?Qualche mese qualche giorno? Lo hai chiesto? E poi una pagina da 38000 like e con così pochi like per ogni post? Non ti sorgono dubbi?

              • luisona giugno 2, 2015 a 9:17 pm #

                Quiz: hanno 40.000 like alla pagina e una media di 15 like alle battute.
                Cosa sta andando storto?
                😉

                • ananasblog giugno 2, 2015 a 9:24 pm #

                  Nessuno però osa formulare un’accusa precisa. Tutti fanno domande ributtando la palla qua. Sì la cifra di like è bassa comunque. Rispondendo anche a Carlo. Vediamo se si alza, magari sono andati a dormire in 40.000 tutti in una volta… L’A

                  • Carlo giugno 2, 2015 a 9:29 pm #

                    ehehehehe e vediamo…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: