Terenzio Traisci: dai provini al successo

20 Mag
Terenzio Traisci in una posa plastica

Terenzio Traisci in una posa plastica (da Facebook)

Terenzio Traisci, comico e formatore, è un esempio interessante di storia di successo. Come attore comico ha sempre fatto ridere, con gag visuali sviluppate grazie anche alle lezioni di Jango Edwards. Però, per un lungo periodo ha sempre mancato l’appuntamento decisivo, che fosse il provino per Zelig o Colorado oppure la finale di un concorso. L’Amministratore di questo blog è stato tra i primi a credere nelle sue capacità, che però non sempre riuscivano ad emergere.

Lo stesso Terenzio racconta nelle sue “lezioni” che incolpava di ciò gli autori che non lo capivano, il sistema che era sbagliato, eccetera. Questo provocava rabbia e frustrazione, cosa penalizzante per chi deve salire sul palco e divertire. Poi è successo qualcosa: c’è stata la svolta, grazie al rimboccarsi le maniche, la responsabilità di non scaricare le colpe sugli altri; grazie anche ai “Consigli giusti” e al trovare la propria identità lavorativa per inseguire i propri sogni, con l’approdo all’Edutainment, che è la formazione unita all’intrattenimento.

La svolta  di Italia’s got Talent: Terenzio è stato finalista in una fortunata edizione di Italia’s Got Talent, quella del 2012, su Canale 5. Le performance sono state affrontate con maggiore cura verso se stesso, rispetto allo stress del passato che consumava concentrazione e salute fisica. I risultati si sono visti. C’è stato anche il togliersi la soddisfazione di essere in TV davanti a milioni di spettatori.

Terenzio Traisci a Italia's got Talent

Il percorso era ancora arduo. Terenzio aveva molte idee nel campo della formazione e dell’Edutainment, tra queste quella del Video Curriculum, che però faticavano a trovare uno spazio. Per affermarsi come Psicologo FormAttore Comico ed esperto di gestione dello Stress la strada era lunga. C’era il pericolo di ricadere nelle stesse dinamiche negative dei provini comici. Per un certo periodo ha girato l’Italia con lo Yoga della Risata, anche se il riconoscimento di storia di successo non era ancora arrivato.

C’è stato un investimento nel training, tra cui il corso intensivo UPW di Anthony Robbins, l’Academy  di Roberto Re o i principi di mail marketing di Roberto Cerè. Questi ultimi applicati con cura, come si può vedere dalla Landing Page del suo sito. Non è così scontato che ci sia il form d’iscrizione semplice e messo in primo piano affiancato da un efficace video emozionale. La pagina fan di Facebook conta quasi 40.000 like. Lì si possono vedere le date del suo tour “Felicemente Stressati” che riempie teatri e sale conferenze, questo sì indice dell’attuale successo.  

Uno show di Terenzio Traisci in cui si apprende come “vincere lo stress imparando a ridere” ha uno stile misto: si integrano i principi della formazione con quelli della comicità. Dalla riuscita del mix si determina che il pubblico sia attento, rida molto e impari qualcosa da applicare nella vita o sul lavoro. Terenzio è padrone della scena, la tiene per sé anche per 2 ore abbondanti senza stancare. L’esperienza passata di animatore qui torna utilissima e mai disprezzabile.

Ma ciò che interessa a tutti è una storia di superamento dei problemi dovuti alla tensione e di una ricerca e scoperta della propria identità. Bravo Terenzio!

sala polivalente Serravalle (San Marino)

Il pubblico della sala polivalente Serravalle (San Marino) giovedì 19 maggio 2016

Ananas Blog

Annunci

10 Risposte to “Terenzio Traisci: dai provini al successo”

  1. obiettivo maggio 21, 2016 a 10:20 am #

    terenzio, bravissimo ragazzo, grande umiltà e bel ridere. bravo!

  2. Sincero maggio 20, 2016 a 10:23 am #

    E’ bello sapere che ci sono delle persone veramente dedite a far ridere la gente, dei veri professionisti della comicità, ed è questo che i telespettatori si aspettano di vedere anche in TV.
    Purtroppo, fino ad oggi la TV ci ha imposto di vedere adulti di circa 40 anni fare battute sceme con parrucche e tormentoni, ma le cose stanno cambiando perché gli ascolti diminuiscono di anno in anno, anche se insistono nel far credere il contrario.

    • ananasblog maggio 20, 2016 a 10:34 am #

      Tu potresti prendere esempio superando la rabbia verso Made in Sud! L’A

      • Sincero maggio 20, 2016 a 11:13 am #

        Verso la comicità scadente caro amministratore.

        • ananasblog maggio 20, 2016 a 11:25 am #

          Parlavo del tuo atteggiamento soggettivo verso… Non dell’oggetto in questione.

          • Sincero maggio 20, 2016 a 12:48 pm #

            Caro Amministratore, i miei commenti su tutti i programmi (Zelig, Colorado, Made in Sud ed Eccezionale Veramente).
            sono simili, ma in genere trascrivo quello che gira continuamente sui social e sui giornali online, per cui è tutto documentato.
            Made in Sud è la fotocopia di Colorado (peggiore visto che i presentatori sono sempre gli stessi come anche il cast, ed è assurdo se si parla di Televisione) ma è PAGATA DA TUTTI NOI ITALIANI CON IL CANONE RAI ed a distanza di tempo è diventata ripetitiva fino alla nausea facendo sempre una comicità terra terra per bambini piccoli. Sei libero di essere un fan di Made in Sud mentre io sono un fans di Salemme, Zalone Verdone ect, come lo sono ancora di Totò, Troisi, Benigni ect, oltre a quelli che hanno il coraggio oggi di fare la SATIRA contro la politica, la religioni, l’isis, e sono loro che dovrebbero fare dei programmi pagati da tutti noi Italiani con l’aggiunta magari di qualche comico che faccia veramente ridere.
            Bisogna leggere i commenti dei telespettatori, prima che li cancellino, e gli ultimi 2 commenti su questo programma su facebook di Rai2 sono: “–CHE SCHIFO DI PROGRAMMA — Programma inguardabile! Non fa per nulla ridere!!! “. Adios!

    • Anonimo maggio 20, 2016 a 12:44 pm #

      Pensa io sono un comico di 40anni che non mette parrucche, non usa tormentoni e per di piu’ sono un gran figo😂😂😂😂!

  3. Felipe maggio 20, 2016 a 8:53 am #

    e soprattutto è una delle più belle persone che abbia mai incontrato

    • Anonimo maggio 20, 2016 a 8:54 am #

      sorry, sono Felipe

    • ananasblog maggio 20, 2016 a 9:32 am #

      Ciao Felipe! Concordo! L’A

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: