Nemico Pubblico la puntata del 3 luglio

5 Lug

Giorgio Montanini

Domenica 3 luglio su Rai 3 in seconda serata c’è stata la terza puntata di Nemico Pubblico (399.000 spettatori e il 3.96% di share) con Giorgio Montanini a cui è legato un fenomeno strano: alcuni commentatori del blog (che riflettono probabilmente un sentimento diffuso) lo ricoprono di insulti. La cosa è talmente esagerata che rischia di sortire l’effetto opposto. Il nucleo di tutto è il negazionismo, lo sparare a zero su Montanini che, può anche non piacere, ma qualcosa di importante è innegabile stia facendo. E’ possibile che tutto questo nervosismo sia un indice della crisi del cabaret tv, reduce dall’esperienza umiliante di Eccezionale Veramente e triturata dall’attesa di cosa decideranno quelli di Colorado. La negazione di Montanini servirebbe a dire che siamo tutti nella stessa barca fatiscente e che non ci sono vie d’uscita.

Apertura a Francesco Capodaglio. Montanini che ha incontrato un prete senza vocazione. Sei un prete, nun magnà, sei obeso, fai un sacrificio. Invece per servire Dio: non scopa. Candid Camera col barbone rovinato dalle banche. Montanini: ogni volta che vedo un barbone in strada, lascio sempre dei soldi. Lascio solo due euro, dovrei dare 100 euro al giorno, sarebbero soldi sottratti al gioco d’azzardo, droga, puttane. Sitcom Reparto maternità (con Francesco de Carlo e Daniele Fabbri): il figlio che potrebbe essere gay, arriva il Papa in visita. Montanini limona a bocca aperta una 18enne! Ospite Francesco Montanari (il libanese) Romanzo Criminale è stato venduto in tutto il mondo. Come mai I Cesaroni non va in Francia? Un attore scarso che odi? (Montanini suggerisce Raul Bova).  Contro ospite Graziano Scarabicchi. Musical coi Bugiardini: mi hai accoltellato il cuore. Francesco de Carlo si innamora di un’assassina di quelle famose in tv. Monologo conclusivo. Se il prete fosse umile, quando ti confessi ti direbbe: io non so niente, sono stato solo in seminario. Ma come tutti quelli in divisa si monta la testa. Come l’ausiliario del traffico.

Ananas Blog

Annunci

41 Risposte to “Nemico Pubblico la puntata del 3 luglio”

  1. Cosa luglio 13, 2016 a 6:29 am #

    Grillo e Brignano cenano assieme. Montanini si ritorce nella biro.

    • ananasblog luglio 13, 2016 a 8:36 am #

      Picco lo capolavoro di ermetismo. Chissà cos’avrà voluto dire… Il poeta nel primo verso apre con un’immagine allegorica, poi vira sul ritorcersi in una biro, azione ovviamente impossibile da compiersi che forse è la metafora della scrittura intorcinata. I due periodi sembrano non c’entrare nulla l’uno con l’altro, a meno che non si intenda che mentre Grillo e Brignano se la godono (chissà cosa si diranno? Grillo: Belìn, la Raggi a Roma. Brignano: Ce lo so, hai voluto i raggi de le ruote, adesso pedala) Montanini sta a scrive de pompini e Vaticano. L’A

      • Cosa Non luglio 13, 2016 a 8:14 pm #

        Grazie per la recensione.

      • Cosa Non Si Fa luglio 18, 2016 a 7:50 pm #

        Chiave di lettura del poeta. Brignano fu criticato da Montanini, Grillo è il nuovo bersaglio della satira. Il ritorcersi nella biro, sta a sottolineare la difficoltà che potrebbe trovare nello scrivere qualcosa con un fondamento veritiero. Richiamando il “Ritorcersi nella bara”.
        Ma devo ammettere che i critici a volte danno un plus valore ai poeti.

  2. Non luglio 9, 2016 a 12:22 pm #

    .. mi firmerò. Non conosco personalmente Montanini, ma da ciò che leggo non mi sembra uno sprovveduto. Quando mi chiesero un parere sul suo comportamento e su ciò che diceva, la mia risposta fu “Si sta adattando al sistema e cerca di sfruttarlo per non essere sfruttato dallo stesso”. Consigliai al mio interlocutore di non agitarsi, in quanto avrebbe fatto il suo gioco. Portandogli l’esempio che se qualcuno ti violenta e ti agiti, nello stupratore aumenta l’eccitamento. (solo un esempio, nessuna allusione). Di Montanini non me ne frega un cazzo e tanto meno guardare ciò che fa, ma se le scelte che fa sono target per raggiungere un obbiettivo che lo porterà ad una stabilità, che giochi pure. Personalmente sul palco ho portato sempre aneddoti e scene di vissuto personale. Che io fossi stato nei miei panni o nei panni di un carattere ben preciso. Tranne nelle opere teatrali, quando il regista decide e sancisce tempi e se.
    Purtroppo il mondo del cabaret è gestito da marescialli che criticano, additano ed allontanano dai giochi coloro che li superano in talento e qualità.
    I più grandi artisti hanno sempre fatto di tutto, dalla barzelletta alla macchietta, comico e drammatico senza batter ciglio, sempre grandi erano e rimarranno.
    Certo è differente sparare su un attore noto e di fama nazionale, come Brignano. Che sparare su persone sconosciute. Se spari su Brignano, miri in alto e lo fai per creare rumore, attirare l’attenzione, buona o grama che sia. “Parlate pure male di me, l’importante che ne parliate”. Sugli sconosciuti è cattiveria e meschinità, frutto di un’autostima esagerata.

    • Giorgio Montanini luglio 9, 2016 a 6:27 pm #

      Quando non me ne frega un cazzo di una cosa, non vado a parlarne in giro o nei forum.
      Detto questo, l’esempio dei barzellettieri è improprio.
      Mi spiego.
      Moltissimi comici di altissimo livello, hanno fatto una comicità popolare basata su stereotipi ecc ecc.
      Stiamo parlando di quasi un secolo fa, in ogni caso più di mezzo secolo.
      La comicità evolve.
      Lenny Bruce negli USA ha fatto quello che succede nella pittura, nel cinema o nella musica…ha portato qualcosa di totalmente nuovo.
      Da lì sono partiti tutti gli altri.
      Negli Stati Uniti, i comici più famosi oppure approdati al cinema, la Stand Up di Lenny Bruce è diventata la comicità di riferimento.
      Comici satirici e velenosi, presentano gli Oscar e i Golden Globe.
      Fare le barzellette negli anni 50 era una cosa, farle adesso (artisticamente) assume tutto un altro significato.

      Per quanto riguarda i personaggi, se parli di prosa è un conto…ma se parli di comicità, per andare sul palco e travestirti devi avere un motivo ben preciso.
      Devi essere un performer come Albanese oppure un comico satirico talmente micidiale da doverti travestire per far passare quello che dici.
      Alcuni comici statunitensi utilizzano il personaggio per mitigare la bestialità del contenuto che veicolano, senza quella maschera il pubblico non accetterebbe un livello così alto di cattiveria.

      Qui stiamo parlando di comici che si travestono e l’unica motivazione che hanno è…che senza un vestito ridicolo non farebbero mai ridere.
      Trovo sia, sempre artisticamente, deprecabile.
      Nessuno dice che non debbano farlo, dico soltanto che dovrebbero lavorare nei villaggi.
      Oppure vorreste dirmi che tutti i tipi di comicità hanno pari dignità?
      Alvaro Vitali mi fa ridere, giuro…anche Banfi (che vale 10 Zalone)…pure Jerry Calà.
      Non è la risata da criminalizzare, la risata è un riflesso…nasce da stimoli studiati a tavolino.
      Tecnica.
      Proietti se raccontasse la barzelletta del fantasma formaggino, mi farebbe ridere.
      Pintus no.

      Ti devi chiedere perché ridi.
      Quando te lo chiedi, metti la risata con Alvaro Vitali ad un livello e quella con Lenny in un altro.

      • Non luglio 10, 2016 a 7:35 am #

        So che ti ha fatto piacere il mio commento e cerchi di stuzzicarmi. Mi sembrava di averti difeso, anche se non è nel mio stile spararle come te. Che non sei una cosa. La comicità non si sta evolvendo. La comicità è sempre la stessa, sono i comici che stanno implodendo e si ritagliano dei ruoli a loro congeniali e li esaltano. Sembrano oramai dei lavoratori della fiat, che dicono di costruire la Nuova 124 spider abarth” e in realtà cuciono solo i poggiatesta. Metterla insieme tutta ci riuscirebbero? Ora Proietti farebbe ridere sicuramente con il formaggino, la sua simpatia e la tecnica farebbero la differenza. Ma non riderebbero tutti, Proietti a molti è antipatico. Ridere per non pensare e ridere pensando, penso sia la grande differenza. Ma il pensare di essere i migliori a far ridere, questo è il problema. Guarda ad esempio il post di ananasblog sul resoconto del guinnes del primate, cazzo ho scritto primate, scusate la e e la i sono vicine sulla mia tastiera. 🙂 Trovo sia un resoconto sulle emozioni dell’organizzatore, non un accenno, almeno a prima lettura ben in evidenza, su come sia andata la kermesse dal punto di vista,affluenza pubblico, quanti comici, quanti soldi hanno dato in beneficenza e quanti ai comici. Insomma la solita manfrina auto celebrativa a sostenere il super IO dell’organizzatore. Una sorta di “Beneficienza senile”.

        • Giorgio Montanini luglio 10, 2016 a 5:18 pm #

          Volevo anche scriverlo che m’ha fatto piacere, perché argomenti e sei circostanziato.
          Tutti gli altri vomitano insulti, ma nel discorso non ci va nessuno, se ne guardano bene.

          Non ero polemico, credimi.
          Solo all’inizio quando dici che non te ne frega un cazzo…l’ego sussulta.
          A parte questo ho dato la mia opinione.

          Sul fatto che credo di essere il migliore a far ridere, ti giuro che non lo penso.
          Sul fatto che la comicità sia sempre la stessa…i meccanismi comici sì, la comicità no.
          Cambia con la società.
          Anche la satira da duemilacinquecento anni fa sempre la stessa cosa, ma evolve in base ai cambiamenti della società.

          • Non luglio 10, 2016 a 8:37 pm #

            Io passo e chiudo, grazie per la conversazione.

      • Anonimo luglio 10, 2016 a 1:07 pm #

        Come vivi male figlio mio! Sembri uno di quei pensionati che ancora stanno in piazza a raccogliere firme per quei partiti di merda! Ma goditi quei due soldi che stai guadagnando, scopa e non rompere il cazzo!

        • Giorgio Montanini luglio 10, 2016 a 5:19 pm #

          Se non vivessi male non farei il comico.
          Grazie al fatto che faccio il comico, vivo un po’ meglio.

  3. Giorgio Montanini luglio 6, 2016 a 6:31 pm #

    Non ce la faccio a non rispondere, uno fico non lo farebbe mai.
    Vabbè.

    Gli ascolti decontestualizzati non vanno mai commentati, prima regola della televisione, chi ha un minimo di esperienza in questo campo lo sa bene.
    Nemico Pubblico parte senza traino, vuol dire che non c’è un programma che fa il 12% in prima serata e poi, immediatamente dopo, arrivi tu a sfruttarne la scia.
    Tutti i programmi seconda serata sono condizionati dal programma che c’è prima, elementare regola di chi si approccia a leggere l’auditel la mattina.
    Poi si vede il palinsesto delle altre reti e noi lottiamo con gli europei e l’indotto che crea.
    A questo, si aggiunge il fatto che tra il film che ha fatto raitre e nemico pubblico c’è mezz’ora di tg.
    Per questo esistono le curve degli ascolti, per vedere che patrimonio ti lascia un tg o la trasmissione prima di te.
    Noi non abbiamo nessun tesoretto, gli spettatori sono tutti consapevoli e cambiano canale per vedere Nemico Pubblico.
    Esempio: parti col 2%, fai il 4, si parla di risultato positivo.
    Nemico Pubblico inoltre non fidelizza come Gazebo, per un anno intero, ma fa otto puntate l’anno.
    Quindi si parte sempre da zero, ogni stagione.
    ABC della lettura degli ascolti.
    Detto questo, non è un programma che fa sfracelli.
    Galleggia sulla sufficienza.
    Come ascolti…come qualità credo sia molto al di sopra della media.

    Capitolo vita personale.
    Vengo da una famiglia proletaria di 4 figli, padre autista di autobus e madre casalinga, non ho una lira.
    Adesso guadagno molto bene, ma non ho una lira di famiglia.

    Tutto quello che dico sul palco è vero, un comico che sale sul palco e racconta esperienze che non ha vissuto fa un errore madornale, è piatto e poco credibile.
    Anche questa è la regola numero uno della comicità.
    Non del manifesto di Satiriasi.

    Sull’arroganza, stendo un velo pietoso.
    Sono arrogante solo con chi, palesemente ignorante e sotto anonimato, si permette di vomitare stupidaggini.
    Potere della banda larga.
    Chi mi conosce sa che sono di tutt’altra pasta.
    Però con i leoni da tastiera mi piace essere sprezzante, arrogante e superbo.

    Sull’andare a sistemare scaffali, mah…vedremo.
    Ho la sensazione che l’aria tiri da un’altra parte, però tutto può essere.
    Se accadesse, non me ne farei un cruccio…lo dico sempre, giro una cassetta de frutta sotto casa vostra, ci salgo sopra e faccio lo spettacolo.
    Faccio tv perché posso fare cose in linea con quello che sono artisticamente.
    La tv per me è un mezzo, per molti è un fine…la differenza è tutta lì.
    Quella differenza che porta un uomo di mezza età a travestirsi da coglione pur di essere inquadrato un minuto e mezzo.

    • Anonimo luglio 7, 2016 a 3:34 pm #

      Esatto ! E’ questa la differenza! Travestirsi da coglioni o esserlo! Tu non ti devi travestire. Tu lo sei.

      • Giorgio Montanini luglio 7, 2016 a 3:47 pm #

        Questa m’è piaciuta.

        • Non luglio 9, 2016 a 12:33 pm #

          Carina ma grammaticamente scorretta. “Travestirsi da coglioni o esserlo” i coglioni sono due. Montanini non lavora da solo? Spero che l’anonimo non insegni a nessuno a scrivere battute altrimenti sai il male che farebbe.

  4. kid luglio 6, 2016 a 10:10 am #

    Lascio solo due euro, dovrei dare 100 euro al giorno, sarebbero soldi sottratti al gioco d’azzardo, droga, puttane. … Ma Montanini è ludopatico, drogato e puttaniere? Se no di chi parla allora?

    • ananasblog luglio 6, 2016 a 11:07 am #

      può essere ci sia del vero 😉

      • Kid luglio 6, 2016 a 11:10 am #

        mmmmm mi sa che fa il personaggio!

        • Kid luglio 6, 2016 a 11:12 am #

          non so se è proprio da stand up 🙂

          • Kid luglio 6, 2016 a 11:24 am #

            nel suo pezzo tradisce almeno 3 dei 15 punti del manifesto di satiriasi:

            2) Niente travestimenti, si entra col proprio nome e cognome un asta un microfono e il proprio bagaglio di vissuto.
            ( bagaglio vissuto?) se scavo è pure uno coi soldi.

            12) Il populismo e il parlare alla pancia delle persone creano grasse risate e facili consensi ma uccidono la qualità dello spettacolo.

            Fare un pezzo sui preti che mangiano e non scopano è banalissimo rientra nel comma sopracitato.

            In più e racconta una cosa che la gente già pensa e come dice il comma:
            15) Se il pubblico è già d’accordo con quello che stai per dire forse non c’è bisogno che tu lo dica.

            • Alessandro Stamera luglio 6, 2016 a 11:50 am #

              2: è probabile che in passato abbia davvero avuto problemi del genere
              12: onestamente non capisco cosa ci sia di populista nel monologo sul prete.
              15: ognuno ha il suo punto di vista sulle cose, quindi Montanini avrà pensato di trovare qualcuno contrario al suo parere. Del resto, anch’io, pur apprezzandolo come comico, non condivido alcune sue idee.

              • Kid luglio 6, 2016 a 12:13 pm #

                Bè dai fare battute su un prete che non scopa … secondo me sono proprio chiacchiere da bar, non mi ha detto niente di nuovo.

                Per quanto riguarda il suo essere artista maledetto trovo che sia solo un atteggiamento non sostenuto da vita vissuta. Credo di più a Paolo Rossi ecco.

                il punto poi 15 credo che lo abbia toppato in pieno. Perché sostenere che i preti devono trombare è un pensiero diffuso e quindi sposa il pensiero del pubblico e secondo il comma 15 si può evitare di dirlo. ( Il comma non l’ho scritto io )

                • Kid luglio 6, 2016 a 12:16 pm #

                  Detto questo viva lo stand up e chi prova a farlo!

                • Ambivo Turpione luglio 6, 2016 a 12:16 pm #

                  Ma questa è follia, chi se ne frega del manifesto di satiriasi! non è il libretto di Mao. Cercate una carcassa che non c’è, mi sa che resterete a digiuno anche oggi.

                  • Kid luglio 6, 2016 a 12:22 pm #

                    Hai ragione. Ma quando se la pigliano con il mondo del cabaret e poi scrivono che lo stand up non è cabaret? Mi viene da chiedermi di cosa stiamo parlando? È come se un cestista dicesse che il calcio è una merda. Entrambe hanno a che fare con la palla ma sono due cose diverse. quindi? che te ne frega di quello che fa Brignano se ti occupi di una cosa diversa?

                    • Kid luglio 6, 2016 a 12:28 pm #

                      Comunque sia bene inteso massima stima a Montanini, Almeno lui ci prova! Chiaro non è Carlin, Lanny Bruce O Grillo ma credo che lui lo sappia

            • ananasblog luglio 6, 2016 a 12:42 pm #

              Devo dire che almeno questa è una critica motivata, bene per questo! L’A

              • Giorgio Montanini luglio 7, 2016 a 4:32 pm #

                Motivata ma sbagliata.
                Al resto ho risposto sopra…sul fatto che il pubblico sia d’accordo, non ci si riferisce al “tuo” pubblico, che ti sceglie.
                Se facessi quel monologo in piazza o in un teatro pieno di abbonati, verrei linciato o fischiato.
                Quel monologo sul prete è satirico anche solo per un motivo, gli anticlericali se la prendono col potere della chiesa, io con i preti che reputo ancora più dannosi.
                Nei confronti dei preti c’è molta più indulgenza…tranne quelli pedofili.

                • Ambivo Turpione luglio 8, 2016 a 12:13 am #

                  Condivido Giorgio

                • Kid luglio 9, 2016 a 11:10 am #

                  Grazie mille per la risposta! anche io volevo essere un po’provocatorio. con stima…vera!

  5. Zinco luglio 6, 2016 a 12:58 am #

    Sento un gran rumore di unghie sui vetri… Ah già ma come sempre è colpa di Colorado, di Zelig, ecc…. Ma prendersi le responsabilità per un misero ascolto

    • ananasblog luglio 6, 2016 a 8:13 am #

      Ragioniamo: Nemico Pubblico ha sempre fatto ascolti buoni, in linea col prodotto di punta equivalente della rete che è Gazebo. L’A

    • Alessandro Stamera luglio 6, 2016 a 11:51 am #

      A mio avviso, Montanini è penalizzato dal periodo estivo.

  6. Carissimo luglio 5, 2016 a 1:39 pm #

    Carissimo Amministratore , gli insulti a Montanini non sono dovuti alla crisi del Cabaret in Tv! Gli insulti a Montanini sono dovuti alla sua arroganza e alla sua maleducazione! ( artisticamente poi si crede 10 e vale 5 ) L’amichetto suo invece e’ gia’ sparito, parliamone!
    Sistemeranno scaffali tra 5, 4 , 3 …

    • ananasblog luglio 5, 2016 a 2:48 pm #

      Pare che l’amichetto sa ancora in pista… 😉

      • sei luglio 5, 2016 a 6:25 pm #

        😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂

      • Cosa luglio 5, 2016 a 7:20 pm #

        E in italiano?

    • Alessandro Stamera luglio 6, 2016 a 11:55 am #

      Come persona è quello che è, ma bisogna riconoscere che fa più ridere lui della maggior parte dei comici televisivi attuali. Poi, magari in altre situazioni potrebbe essere più graffiante, ma il fatto che faccia almeno ridere per me va già benissimo.

  7. Alessandro Stamera luglio 5, 2016 a 8:13 am #

    Nella battuta su I Cesaroni c’è un errorino: I Cesaroni, è un format spagnolo diffuso in vari paesi, e noi lo abbiamo comprato.

    • ananasblog luglio 5, 2016 a 8:17 am #

      nella battuta estesa faceva riferimento a Claudio Amendola che parla romanesco (vedi Rai Replay)

      • Alessandro Stamera luglio 6, 2016 a 12:02 pm #

        Ho visto ieri la puntata, ma non mi pare che abbia fatto una battuta del genere. Oltretutto, lui lo prende tanto in giro, ma Amendola ha recitato in Suburra che è anche stato venduto in altri paesi. Comunque, a parte questa inesattezza, sto seguendo assiduamente il programma, e lo trovo divertente ed inoltre offre degli spunti di riflessione. In alcune occasioni, potrebbe essere più graffiante, ma, come ho detto prima, già il fatto che il programma faccia ridere e che ci siano un po’ più di contenuti rispetto alla media degli altri programmi comici attuali mi va benissimo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: