Partecipa anche tu a un brain storming con Luca e Paolo

12 Lug
Luca e Paolo tristi

con questo entusiasmo, l’importante è crederci

Alla notizia che Luca e Paolo condurranno la prossima edizione di Colorado, Ananas Blog, coi suoi potenti mezzi è riuscita a intercettare una prima riunione tra i due artisti genovesi. Siamo in grado di riportarvela integralmente. Scopo del brain storming è impostare lo stile di conduzione, tenendo presenti questi parametri: A) dare prova di affidabilità e portare a casa il risultato. B) prendere le distanze dal livello basso della comicità coloradiana. C) non prendere troppo le distanze, crederci almeno un po’. D) dare segnali che quella è la serie b artistica e che loro possono fare meglio. E) non esagerare coi segnali, ma fare in modo che siano comprensibili agli addetti ai lavori. F) inserire qua e là pezzi di bravura  per far vedere la loro superiorità come attori. G) fare un po’ di satira per non mostrarsi troppo inferiori a Crozza, ma senza provocare, per non passare da inaffidabili.

 LUCA – Belìn, allora, io faccio quello che ci crede un po’ di più, tu fai quello che ci crede un po’ di meno. Per esempio, se dobbiamo presentare Pucci, io parto con: “Adesso arriva un comico, un signore del palco, un idolo delle folle, una macchina da guerra della risata” (Prova vari toni finto entusiasti, ma professionali).

PAOLO e io dico “Checco Zalone!”

LUCA – Perfetto! E io dico: “magari!”

PAOLO dopo tiro a indovinare: Paolo Rossi no, Antonio Albanese no, Vincenzo Salemme no, quando scopro che è Pucci mi metto a piangere. Poi mi riprendo e, con grande professionalità, mi unisco alla presentazione salendo con la voce di 3 toni, chiamando la standing ovation con ritrovato entusiasmo. Poi all’ultimo secondo, prima che la camera stacchi, mi faccio crollare l’espressione facciale, con una smorfia di disgusto, a sottolineare che per me Pucci è un qualunquista di destra con un repertorio nazionalpopolare banalissimo. (Prova varie espressioni facciali di disgusto).

Così: A) siamo stati affidabili B) abbiamo preso le distanze C) un po’ ci abbiamo creduto D) abbiamo mandato dei segnali che giochiamo in serie b, ma senza farlo pesare troppo E) abbiamo mostrato la nostra bravura di attori con le intenzioni e i cambi di tono e di espressione F) non abbiamo esagerato abbiamo fatto un po’ i cazzari, nonostante ci riteniamo i  numeri uno G) abbiamo elencato i nostri attori di riferimento e mostrato che, volendo, saremmo anche in grado di fare satira alla Crozza,.

LUCA scusa Paolo, potresti caricare di meno tutto? Perché se ci metti troppo disgusto otteniamo l’effetto contrario: A) non risultiamo poi così affidabili, ma spocchiosi B) prendiamo troppo le distanze, passiamo per snob, stiamo sui coglioni C) è evidente che non ci crediamo e siamo qui solo per lo stipendio o perché lo special su di noi non ce lo producono D) se diamo troppo l’idea che siamo in serie b ci declassiamo anche noi E) non facciamo troppo gli attori, che poi dicono che siamo troppo teatrali e quel marchio lì è come la lebbra F) se i tempi comici sono troppo raffinati gli addetti ai lavori non li capiscono G) fare satira su Colorado è come dire che Brunetta è nano, troppo banale.

PAOLO urca hai ragione. Moderiamo tutto così non passiamo per quelli che fanno i fenomeni (anche se lo siamo, oh se lo siamo). Luca, cerca anche  tu di fare meno l’entusiasta, un pelino di meno, sennò è troppo da presa per il culo di quello che si sente più bravo, ma è costretto a fare Colorado.

LUCA – Sono d’accordo. Adesso esercitiamoci!

I due top player provano e riprovano, con grande professionalità i toni e le sfumature della conduzione. Per prendere le distanze, ma quelle giuste, senza esagerare, senza neanche calare troppo le braghe. Eppure siamo solo alla presentazione di Pucci, un comico che sta a Luca e Paolo come la kryptonite a  Superman, ma che, in qualche modo, andrà presentato.

Beh, ci sarà da non divertirsi…

Brain storming inventato a cura Ananas Blog

12 Risposte to “Partecipa anche tu a un brain storming con Luca e Paolo”

  1. Salasso luglio 25, 2016 a 12:07 am #

    Questo blog è patetico, triste e si inventa le cose. Si occupa di un tema a cui non frega un cazzo a nessuno, si occupa di gino, michele, colorado, made in sud, e zelig come se fossero i padroni del mondo e da loro dipendesse la felicità universale. Sale sul carro dei presunti vincitori (satiriasi & co) di una sfida che hanno loro stessi lanciato ma che nessuno ha accolto. L’amministratore quando posta qualcosa su fb racimola mediamente dai 3 ai 4 like ma cosa peggiore è che fa da appiglio a tutti i losers e i falliti della comicità… a chi pensa che dire sborra, cazzo, ingoio, Dio, Gesù, sia da rivoluzionari e da fighi mentre non hanno capito che sono solo dei bambini che hanno appena imparato a dire le parolacce e si esaltano a dirle ma che non fanno ridere, non fanno ridere MAI!! E hanno la presunzione spocchiosa di dare la colpa al pubblico “ignorante”… danno la colpa alla televisione ché chiede 3 minuti perchè loro ne hanno bisogno almeno 40 per far ridere UNA volta e si dimenticano che i grandi, anche quelli del passato, magari avevano a disposizione più tempo ma facevano ridere già dopo 4-5 secondi. Questo blog è patetico, triste e si inventa le cose!

    Caro comico, impara per prima cosa a far ridere, con qualsiasi mezzo, in qualsiasi modo. Impara che il primo oggetto di derisione e di comicità sei tu, con le tue manìe, i tuoi difetti, le tue nevrosi e le tue sfighe. Impara che non sei tu a dover educare il pubblico: per quello ci sono le famiglie, la scuola, le istituzioni culturali. Impara che tu devi per prima cosa far ridere ridere e ridere, se il pubblico è ignorante ridi e svela la loro ignoranza, se il pubblico è colto ridi e sfotti la loro cultura, fai cadere i pilastri inutili e fai ridere con il tonfo che provocherà la loro caduta. Fai cadere chiunque voglia salire su un qualsiasi scranno, fagli lo sgambetto mentre sale. Smentisci chi vuole insegnare non perchè sa ma perchè vuole insegnare per il gusto di insegnare. Svela la falsità e svela la verità. Fai ridere te stesso con te stesso ma soprattutto…

    Lascia perdere sto cazzo di inutile blog, rischi di condividere quello che scrive e a quel punto sei già fallito!

    • Salasso luglio 25, 2016 a 12:36 am #

      Ah… e ovviamente piglia per il culo anche me che ho cercato, con il mio commento, di insegnare qualcosa…

    • ananasblog luglio 25, 2016 a 8:08 am #

      Amico mio, le statistiche bisogna leggerle, questo blog ha raggiunto 1.253.000 visite, niente male per qualcosa che, dici tu, non interesserebbe nessuno. Da quel che mi risulta, andando in giro, lo leggono tutti o quasi nel settore. Il picco di visualizzazioni giornaliere è 2.647 (17 giugno 2014, complice un retweet di Fiorello). Il post più visto è “il cast di Zelig 2011” con 50.011 visite. Segue “In esclusiva: i guadagni e le cifre di Made in Sud” 14.023 visite. Poi “Il cast di Zelig 2012” 13.814 visite. Al quarto posto “Colorado nuova stagione puntata del 16.09.2013” 13.814 visite. Qui è il popolo che decide, visto che nessuno privilegia un argomento piuttosto che un altro.
      Questo per dire che Zelig, Colorado, Made in Sud, che non interesserebbero, interessano invece parecchio.
      Poi: 434.134 visite arrivano dai motori di ricerca, 68.328 da Facebook, 9.040 da Twitter.
      Buone vacanze! L’A

  2. Un utente anonimo che se lo chiami Francesco si gira luglio 17, 2016 a 7:41 am #

    Gavelli un giorno dovresti fare una lista dei presentatori ideali per Colorado!

  3. Sincero luglio 13, 2016 a 10:04 am #

    Che tristezza!
    Ma è possibile che le tv generaliste non abbiano di meglio da proporre al pubblico se non questi programmi ormai DECREPITI come Colorado e Made in Sud? (Zelig per fortuna finirà per sempre)
    I “boss” di Colorado (Abatantuono) e di Made in Sud (Siani) oltre a fare l’impossibile per mandare ancora in tv questi “programmi” pare che faranno anche un film insieme. Quindi, tutti insieme a farsi pubblicità reciproca ed aiutarsi,ma ancora per quanto tempo? E pare che anche Paolo Ruffini farà un film con Abatantuono ed un altro con De Laurentiis con gli Arteteca a Natale. Tutti insieme appassionatamente….. Ma che facessero solo i film e basta! Mentre il resto dei “comici” che non sanno fare altro (ripetitivi, battute banali e tormentoni), tutti a zappare!
    Ieri sera Briatore dal suo Ristorante extra lusso in Costa Smeralda si lamentava su la7 che la gente è poca nel suo locale e l’Italia deve solo incentivare il turismo per poter lavorare ed uscire dalla crisi, perché può fare solo quello, e poi noi Italiani siamo costretti a vedere in una Tv Statale e pagare la Moglie con il Canone RAI! Il sig. Briatore si permette nei salotti televisivi di spiegare al Popolo Italiano le cause della crisi e dare consigli, ma il Popolo Italiano è ben CONSAPEVOLE che la crisi viene dalla mal gestione dei Politici (magna magna) e da “Gente” che dirotta un’enorme mole di denaro, da banche e studi legali, verso paradisi fiscali come Panama.
    Il sig. Briatore parla di aumentare gli Aerei per la Sardegna per il suo business, e non fa nessun accenno a mettere “in primis” in sicurezza la rete ferroviaria Italiana per evitare stragi come quella di ieri in Puglia con lo scontro di 2 treni locali. E’ uno schifo!

    • Kid luglio 13, 2016 a 11:35 am #

      La vera tristezza è passare da un argomento così futile come la televisione e la sua proposta comica ad argomenti così gravi e seri come quello accaduto ieri in Puglia!

      • Sincero luglio 13, 2016 a 2:38 pm #

        Un’altra tristezza è la tua ignoranza! Ci sono le scuole serali, e, forse, solo così capirai che tutto fila.
        Adiòs!

        • Kid luglio 14, 2016 a 11:57 am #

          “… Ci sono le scuole serali, e, forse, solo …”
          Mi sa che della scuola serale ne hai bisogno tu … ma impara a mettere le virgole!

          • Sincero luglio 14, 2016 a 6:53 pm #

            Sei un GRANDISSIMO IGNORANTE!!! La punteggiatura non la conosci proprio. Vai a STUDIARE ignorante!

Trackbacks/Pingbacks

  1. Colorado, la prima puntata, 22 settembre 2016 | - settembre 23, 2016

    […] lo scalettone gira a vuoto, penalizzato pure dalla poca voglia di Luca e Paolo (qui un post profetico) dall’eccessivo turn over che si immagina renderà una marmellata buona parte del cast e dal […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: