il caso di Marco Della Noce

19 Ott
Marco Della Noce

Marco Della Noce – Oriano Ferrari (immagine da Forlì24ore.it)

E’ recentissima la notizia delle disavventure occorse a Marco Della Noce, il popolare Oriano Ferrari di Zelig. In un’intervista rilasciata a Il Giorno (leggi qui) Marco ha rivelato di essere stato rovinato da una causa di separazione, con il pignoramento della partita IVA per pagare gli alimenti alla ex moglie e il conseguente collasso lavorativo. Attualmente ha subito lo sfratto dalla sua casa di Lissone e dorme in macchina.

Il collega Leonardo Manera ha prontamente riportato la notizia sulla sua pagina Facebook (vedi qui). Si sono moltiplicati i commenti, talvolta contro l’avidità delle donne nella cause di separazione a danno dei padri separati. Però molto forte è il filone propositivo degli addetti ai lavori che auspicano, propongono di fare qualcosa in aiuto. E’ probabile che nelle prossime ore e giorni ci sarà un fiorire di iniziative delle quali anche questo blog, nel suo piccolo darà notizia. Marco Della Noce va aiutato e questo darebbe prova che quella del cabaret è una community solidale a tutti gli effetti.

La tentazione: è certo che molti penseranno: “Marco Della Noce ha fatto il botto negli anni d’oro di Zelig, se non si è saputo gestire sono affari suoi”. Ciò è sbagliato anche perché dei retroscena della storia sappiamo poco e da quel poco non siamo in grado di giudicare. Sembrerebbe ricalcare (più in piccolo) lo stesso atteggiamento che ha colpito Asia Argento nella sua denuncia delle molestie subite dal produttore Harvey Weinstein (cosa si lamenta? se l’è andata a cercare).

Un’obiezione più accettabile sarebbe quella di chi potrebbe dire: “Dov’era la solidarietà dell’ambiente quando ero in mezzo a una strada o in gravi difficoltà economiche e i programmi televisivi mi chiudevano la porta in faccia?”. Questo è vero perché il lato oscuro del cabaret televisivo ha conosciuto “l’ascesa e la caduta” (come nel caso di Marco Della Noce) ma anche tante “cadute senza nessuna ascesa” (la stragrande maggioranza dei casi).

Questo è dolorosamente vero. Troppa gente è stata abbandonata a se stessa da un ambiente che ha fatto del cinismo e dell’indifferenza una propria vergognosa bandiera. Però se ne uscirà fuori solo recuperando empatia e solidarietà. Allora aiutiamo Marco Della Noce, ma facciamo anche un “inventario delle vittime” e aiutiamo anche loro.

Zelig che ha “monetizzato” bene sul lavoro di Marco Della Noce, non lo mette in programmazione da qui a dicembre (vedi calendario). Eppure la situazione difficile doveva essere nota da un po’ di tempo. Certo, ci sarebbe sempre il rischio di vedersi pignorare i guadagni di date ufficiali, però è proprio viale Monza 140 che più di ogni altro dovrebbe fare qualcosa.

Ananas Blog

48 Risposte a “il caso di Marco Della Noce”

  1. Marco novembre 5, 2017 a 2:40 PM #

    Comunque una cosa seppure off topic fatemela dire: quella cosa oscena che è Comedy Ring vogliamo parlarne? Adesso prendono un avanzo di Zelig, uno di Colorado. uno di Made In Sud e uno di Camera Cafè e li mettono assieme organizzando ste serate di Comedy Ring. Ora a parte Raco che stimo e che reputo artisticamente molto più alto di quanto non dica, ma avete idea di che cosa oscena deve essere? Poi la gente di Camera Cafè che cazzo centra? Perchè fare ste cose? La maggiorparte delle volte che vedo eventi simili la domanda che mi viene è “ma chi cazzo sono questi?” Se per contare qualcosa devi inserire “direttamente da..” vuol dire che il tuo nome è talmente irrilevante che senza una pseudo etichetta che ti qualifica come uno che è stato in tv non verrebbe nessuno. Vogliamo mollare la poltrona e andare avanti lasciando spazio al nuovo??? Del vecchio che avanza ne faremmo a meno..

    • ananasblog novembre 5, 2017 a 5:16 PM #

      Non capisco questo accanimento. Comedy Ring sembra una serata a cast come potrebbero essercene tante. Poi che ci sia gente che arrivi da Colorado, Zelig e Made in Sud… Quasi tutti arrivano da quelle parti lì 😉 L’A

      • Marco novembre 5, 2017 a 6:43 PM #

        Ho capito, ma a parte Raco non ne ho visto uno decente. Non è che ci fosse Cassini o Cacioppo o qualcuno che avesse un minimo di qualità. C’erano i peggio scarti in assoluto!

  2. Anonimo ottobre 24, 2017 a 8:51 PM #

    Anch’io fuori tema:
    scusate, ma la web radio di Zelig non esiste già più?

  3. Marco ottobre 24, 2017 a 5:15 PM #

    Vi segnalo l’apparizione di Montanini a “Pregiudizio Universale” programma che da quel che ho capito sarà uno spinoff de Le Iene annunciato dallo stesso Montanini su Facebook che da quel poco chi si è capito sarà realizzato assieme a Daniele Fabbri.
    Vi linko il video del monologo estratto dal programma realizzato nello studio de Le Iene qualche sera fa. https://www.facebook.com/leiene/videos/10155935447715530/

    • Sincero ottobre 25, 2017 a 8:06 am #

      Montanini è stato mandato via dalla RAI perché si occupa di SATIRA POLITICA, RELIGIOSA ect per cui solo a Le Iene gli possono dare lo spazio che merita, visto che è un programma seguitissimo da anni perché fanno servizi scomodi anche sui Politici, sui Vescovi ect.
      In RAI confermano solo i programmi Flop come Made in Sud pur di non far parlare di Satira Politica, Religiosa ect, tanto siamo noi Italiani a pagare, ed anzi sono appoggiati dai Politici e dalla Curia del posto….
      BRAVO MONTANINI finalmente un programma “libero” e per questo giusto per te che sei libero di dire la verità!

    • eugène ottobre 25, 2017 a 8:16 am #

      Deludente, banale, scontato e non fa ridere.

      • Marco ottobre 25, 2017 a 11:50 am #

        Si dice NON MI PIACE. Scendete dal piedistallo una buona volta. ^_^

        • eugène ottobre 25, 2017 a 3:56 PM #

          NON MI PIACE sarebbe già un successo, mi lascia totalmente indifferente. Ti anticipo la prossima domanda che mi vuoi fare: “Allora perchè hai bisogno di scriverlo?”. Per controbilanciare ed esprimere un pensiero su qualcuno che è sopravvalutato, in questo caso Montanini. Ritengo che finchè si spaccia per stand up questa cultura da mercato rionale, questa robetta, finto razzista, finto incazzata, finto proletaria (a “Le Iene” pensa te!) si rimane a livelli bassi. NON MI FA RIDERE, a te sì? Ti fa ridere? Ti fa pensare? Ti indigna? Ti muove del giusto passo contro la società? Finalmente uno che ha detto sborratina in tv? Si brindi! Allora penso che ne hai vista molto poca, di roba. “Scendete dal piedistallo una buona volta” detto per prendere le difese di Muntanini, fa tenerezza. Scusa amministratore se questo commento ha preso una piega che non c’entra col post, ma ha iniziato Marco. E gli è andato dietro Sincero. Gnè gnè gnè!

          • Marco ottobre 28, 2017 a 7:21 am #

            secondo me fare un discorso del tipo: “fa ridere o non fa ridere” o “sopravvalutato o meno” è limitativo. Io farei una domanda più ampia: secondo te la tv italiana ha bisogno di uno come lui o no? Secondo me si. Un personaggio stronzo, irriverente che attacca il pubblico, non cerca il fottuto consenso e sopratutto non cerca di stare simpatico a tutti ad ogni costo in quetso momento serve. Serve per rompere le regole, per abituare il pubblico a non crogiolarsi sugli allori cercando di rassicurarsi ma cercando proprio di offendersi. Secondo me l’offesa gratuita non è il mase assoluto. è un bene necessario: serve a far capire che a chi si offende cosa lo offende e da coa deve prendere le distanze e distaccarsi. Se ti offendono le battute sul veneto probabilmente sei attaccato alla tua regione in maniera morbosa. Se ti offende un monologo sull’italia sarebbe il caso che iniziassi a staccarti dalle tue icone. Se una battuta sui 5 stelle ti offende è perchè forse sei talmente accecato dalle tue convinzioni che attaccare il simbolo di offende. Di norma non sono mai le opinioni che offendono ma ciò che offende è quasi sempre quando si attacca un simbolo. Puoi bestemmiare tutto il giorno ma non puoi bruciare un crocifisso. E questo il pubblico ha bisogno di snetirselo dire. Ha bisogno di gente come Montanini che rompe il cazzo anche gratuitamente!

            • Anonimo novembre 5, 2017 a 11:11 am #

              Esatto Marco!!

    • rael novembre 13, 2017 a 10:52 PM #

      Debole, senza verve, la gente ride a forza solo se gli rivolge delle parolacce…una specie di difesa di Asia Argento camuffato da “satira cattiva”…inutilissimo. PS una cosa comica l’ha scritta l’utente SINCERO: Le Iene sarebbero un’oasi di libertà perché fanno servizi SCOMODI su politici? E com’è che il loro padroncino ha fatto qualsiasi reato (a parte l’omicidio) da 20 anni a questa parte, e non hanno mai fatto un servizio scomodo su di lui?

  4. Sincero ottobre 24, 2017 a 2:46 PM #

    Da davidemaggio.it: MAURIZIO FERRINI “Ho sofferto la fame” aveva dichiarato, la scorsa settimana, Maurizio Ferrini, nel corso di un’intervista a Il Sabato Italiano,programma di Rai 1 condotto da Eleonora Daniele. Nella puntata odierna di Storie Italiane, la conduttrice torna ad ospitare il comico “abbandonato” dalla tv e dal cinema sorprendendolo con un’irrinunciabile offerta.Durante l’ultimo passaggio televisivo, l’ex signora Coriandoli ha avuto nuovamente l’occasione di raccontare le proprie vicissitudini:
    “Ero un caso umano. Mi avvicinavo a tutti, facevo delle proposte, e gli altri scappavano…”
    Poi, ha ricordato come su di lui pesassero due ingombranti etichette, giudicato “inaffidabile e fuori di testa” dagli addetti ai lavori, tali da proibirgli di rientrare tra ‘i giri che contano’, sia sul piccolo sia sul grande schermo. Inoltre, ha citato i suoi amici e colleghi: da Renzo Arbore a Nino Frassica (con loro ai tempi di Quelli della notte su Rai 2), da Pippo Baudo al compianto Gianni Boncompagni, fino allo stesso Antonio Ricci, i quali hanno tentato, in molti modi, di riportarlo in video ma con scarsi risultati. A riuscirci è stata, invece, la Daniele, rivolgendogli un appello preciso: “…Voglio che tu stia con me in questi mesi di lavoro perché sei super, sei numero uno…”.
    Ecco finalmente qualcuno come ELEONORA DANIELE che non parla a vanvera, come fanno gli altri e senza collette nascoste di qualche spicciolo, ma con un vero lavoro.
    La RAI, che sta avendo un tracollo di risultati con ascolti bassi in tanti programmi, e che continuerà su questo strada in discesa riproponendo ancora programmi Flop della stagione passata come Made in Sud, ha almeno qualcuno ancora in RAI come la Eleonora Daniele che è una vera professionista (gli ascolti sono alti) e che fa qualcosa di veramente concreto per aiutare a far lavorare Ferrini. Prendete esempio da lei!!!

    • ananasblog ottobre 24, 2017 a 4:10 PM #

      Aspetta, vediamo come va. Se l’offerta andrà in porto. L’A

      • Luther Caligine ottobre 24, 2017 a 11:21 PM #

        La Signora Coriandoli…. Riccardo Bacchelli e’ vivo e lotta insieme a noi….

        • ananasblog ottobre 25, 2017 a 8:14 am #

          ricordiamo anche il grandissimo Salvo Randone che ne usufruì.
          Legge Bacchelli anche per i cabarettisti!!!
          L’A

  5. Luther Caligine ottobre 23, 2017 a 9:25 PM #

    ….Sochmacher andava a sciare…

    visto l incipit del video, è stato un po’ come sgranocchiare ghiaccioli al Polo, a meno 37, in compagnia di Eugene Ionesco….

    • ananasblog ottobre 24, 2017 a 9:29 am #

      Non si sa cosa c’entri questa segnalazione ma con Ionesco non è che dobbiamo cercare un senso letterale. L’A

      • Ionesco anchio ottobre 24, 2017 a 12:35 PM #

        cosa vuoi, conosce solo Ionesco e lo tira fuori ad ogni occasione pensando di darsi un tono…invece si rende solo riconoscibilissimo! 🙂

        • Luther Caligine ottobre 24, 2017 a 11:34 PM #

          Temo vi sia uno scambio di identità, situazione anch’essa ioneschiana.

          • Montanini anchio novembre 3, 2017 a 10:42 am #

            sì probabile…ad esempio Montanini quando trolla lo becchi subito perchè tacca a parlare di Aristofane, tipo quello di Ionesco

            • ananasblog novembre 3, 2017 a 11:04 am #

              Non è Luttazzi che parla di Aristofane? L’A

      • Luther Caligine ottobre 24, 2017 a 11:33 PM #

        Segnalavo la natura, seppur involontaria e postuma, decisamente surreale del primo monologo del video.
        La disgrazia di Marco, rispetto a quella di Michael, è fortunatamente reversibile.
        Mi sorprende non tanto che Della Noce sia finito a dormire in auto, quanto che sia passato in tv con tale, come definirla, con tali performances.
        Ricollocare, per usare una brutta parola, un 59enne non è facile, mi auguro che Marco possa avere un futuro dignitoso.
        Cercarlo lontano dal palco potrebbe essere un tentativo meno complicato, in ogni caso merita i nostri migliori auguri.

        • rael novembre 16, 2017 a 10:22 PM #

          Di gente scarsa ne ho vista in tv, ma a sti livelli è indifendibile.

  6. Anonimo ottobre 22, 2017 a 6:02 PM #

    Su Facebook Gallarini gli propone di riformare La Carovana anche per breve tempo girando teatrini con uno spettacolo nuovo.

    • ananasblog ottobre 24, 2017 a 9:21 am #

      Bene o male una spalla aiuta sempre. Paradossalmente Gallarini (che ho avuto l’onore di intervistare su questo blog) pur avendo avuto meno successo, si è saputo gestire meglio. Ed era anche questo il senso dell’intervista: come trovare altre strade quando tutto crolla e tutto cambia. L’A

      • Purtroppo ottobre 24, 2017 a 4:07 PM #

        Purtroppo qui, qualunque sia stata l’origine, c’è stato uno sconquasso che ha colpito un’artista di successo che poteva stare benone. Le altre strade non si possono percorrere se c’è il successo. Sarebbe come riuscire a mantenere il posto in fabbrica o in ufficio, mentre ti stanno facendo fare televisione tutte le settimane e duecento serate all’anno. C’è un altro comico, molto più in alto di Della Noce, anche lui incasinato da vicende personali, che sta accumulando ospitate e trafiletti sui giornali. Però lui ha il nome, altrimenti?

        • ananasblog ottobre 24, 2017 a 4:15 PM #

          Quello che suggerirei in caso di successo (cosa che non mi accadrà mai) è di:
          1) mantenere un tenore di vita medio non troppo alto, si sa mai. Poi spendi anche 30.000 euro per farti una vacanza, ma sono le spese fisse altissime quelle che ti fottono.
          2) investimenti a basso rischio e diversificati.
          3) team autorale alle spalle.
          Detto ciò, il comico di cui parli ha fatto coming out sulla sua situazione? L’A

          • Anonimo ottobre 24, 2017 a 4:39 PM #

            Ottimi suggerimenti!
            No, nessun coming out. Anche perché lavora e non è finito ne in macchina ne come Ferrini. Comunque era per dire che può accadere a qualsiasi professionista di successo, anche ad un negoziante di via Condotti. Coming out l’ha fatto ad esempio Claudio Lippi, truffato da qualche consulente infedele. Ma lui, a detta sua, è rimasto quasi a zero. Domanda: Gigi Sammarchi che fa la televendita di ristrutturazione bagni equivale a un coming out o lo pagheranno bene?

  7. Anonimo ottobre 21, 2017 a 8:28 PM #

    Sperperato o meno, di certo non è lui quello di cui dire “non si è gestito, chi se ne frega”. Anzi. Gli stronzi dei tempi d’oro erano altri (pochi). Uno in particolare dovrebbe finire a dormire non in macchina ma in bicicletta.

  8. ex moglie di cabarettista anchio ottobre 21, 2017 a 8:12 am #

    sempre tramite il Corriere.it arriva la replica della ex moglie di DellaNoce che lo accusa di aver sperperato tutto. A questo punto fuori dal GF il fratello scrauso di Belen e dentro di diritto il cabarettista clochardato. Gli ascolti e i relativi cachet s’impennerebbero, poi ospitate, serate e tutti vissero felici e contenti!

    • ananasblog ottobre 21, 2017 a 10:21 am #

      http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/17_ottobre_20/ex-moglie-marco-noce-ha-sperperato-tutto-io-non-c-entro-94225272-b5c2-11e7-8b79-fd2501a89a96.shtml?refresh_ce-cp
      Ovviamente non ho mai creduto alla narrazione della moglie avida e strega cattiva. Può essere che ci sia stato sperpero. Ovviamente se hai successo dovresti fare la formichina, investire in immobili e buoni del tesoro trentennali a bassissimo rischio, ma non tutti lo fanno. C’è anche da dire che non sempre le cartelle esattoriali riflettono la verità. Poi conosco il caso di un amico carissimo fregato dal commercialista, che si è tenuto i soldi destinati al fisco. L’amico ha pagato con enorme fatica tutte le cartelle esattoriali.
      Ma partiamo dalla situazione attuale: lasciamo “affogare” Marco Della Noce? Non mi sembra il caso. Se non ci sono sequestri in atto da parte della ex moglie potrebbe essere un buona notizia. Qualunque cosa sia successa, non deve provocare l’estinzione professionale e umana di Marco Della Noce.
      http://www.ilfoglio.it/innamorato-fisso/2017/10/21/news/forza-marco-della-noce-159025/
      Qui Maurizio Milani polemizza (non è la prima volta) coi comunisti miliardari. Il tema dei manager di sinistra diventati straricchi (a volte creando benessere, a volte creando miseria in un tritacarne di sfruttamento creativo) costituisce una ferita aperta e un fattore che non va mai scordato. L’A

      • ex moglie anchio ottobre 21, 2017 a 11:41 am #

        ma per quello parlo di lavoro! Fatelo lavorare! è il modo piu’ semplice e dignitoso per aiutarlo! DellaNoce SUBITO al GF vip, ovvero dalla D’Urso già domani che su queste cose, senza offesa per Marco, ci sguazza da una vita…gettone qua, gettone là…invece si tira in causa il comune di vattelapesca per assegnargli un sussidio o altro…la casa c’è, sta a cinecittà…al calduccio nel suo mondo davanti alle telecamere

  9. Sincero ottobre 19, 2017 a 9:44 PM #

    Marco Della Noce ha lavorato a Zelig-Mediaset (finalmente programma cancellato dai palinsesti Mediaset) ma anche in RAI ed ultimamente a Made in Sud-RAI nelle prime edizioni quando ancora gli ascolti erano alti (l’ultima edizione è stata la peggiore senza i comici migliori che sono andati via dal programma per essere sostituiti da comici di Zelig e Colorado, per cui si è aggiunta alla ripetitività di cose già viste e sentite anche la confusione più assoluta con ascolti bassissimi).
    Eppure, pare, che solo alcuni comici dell’ex Zelig “Nord” e/o Colorado dopo aver saputo delle vicissitudini di Della Noce, tra cui Stefano Chiodaroli, Francesco Rizzuto, Enzo Polidoro, Eugenio Chiocchi, stanno cercando di organizzare una serata con uno spettacolo per raccogliere fondi da dare al cabarettista. ”…Cercheremo – dice il mago Francesco Scimemi – anche di sensibilizzare l’amministrazione comunale di Lissone affinchè possa trovare al più presto al collega che per ora dorme in automobile una sistemazione dignitosa…”.
    Ci aspettiamo che anche i “comici” del “Sud” (Made in sud) si organizzeranno per aiutare il collega.
    Della Noce ha riferito di avere una nuova compagna ed una bambina piccola che come lui non hanno più niente, per cui sono costretti a vivere separati.
    Questa è una storia che accade a moltissimi padri in ITALIA che dopo una separazione non riescono a pagare sempre gli assegni di mantenimento ai figli, e con i pignoramenti non gli viene più permesso di lavorare.

    • Scusate ottobre 21, 2017 a 11:58 am #

      Scusate se lo dico, i comici di “Made in sud” hanno già fatto qualcosa per Marco, quando marco era ancora nel cast e già non se l passava benissimo. Ovviamente chi fa qualcosa per qualcuno, lo tiene segreto…

      • Sincero ottobre 21, 2017 a 1:46 PM #

        Proprio quelli di Made in Sud non tengono MAI nulla di segreto che subito pubblicano le foto, lo dicono alle radio degli “amici” per farsi pubblicità ect. AHAHAHAHAHAH
        A Della Noce non hanno regalato assolutamente NULLA visto che lui ha LAVORATO in RAI (la partita IVA non gli era stata ancora pignorata evidentemente) ed era conosciuto più di loro come DADO ed ha contribuito a fare gli ascolti alti nelle prime edizioni, mentre durante le serate super pagate sono sempre stati mandati i “soliti” a rappresentare il programma ….. direttamente da Made in Sud, e di certo mai è stato mandato a rappresentare Made in Sud Della Noce per “aiutarlo”!!!
        Che facessero ADESSO delle serate dando il loro cachet “dorato” (soprattutto quelli che non lo meritano) al collega che li ha aiutati!
        Per quanto riguarda la ex moglie oggi si è saputa la verità, e cioè che è stato lui a sperperare il denaro e fare debiti con altri creditori che gli hanno pignorato tutto. E’ giusto sempre sentire anche l’altra parte,ed è bene che il legale della ex moglie abbia rilasciato delle interviste per dire la verità.
        Certamente questi comici di Zelig, Colorado e Made in Sud guadagnano tantissimo grazie alla TV da anni, ed anche se nessuno più li guarda, insisteranno nonostante gli ascolti bassi finchè riusciranno a farsi mandare in onda appoggiati da politici, da milionari come Briatore/Gregoraci, da Cardinali “amici” ect……
        E’ un vero schifo!
        Se vogliono mandare in onda sempre gli stessi “raccomandati”, perchè dicono che i 40/50 comici dei 3 minuti sono sempre gli stessi in Italia facendo parte del gruppo di Abatantuono oppure di Mormone, allora NON ci facessero più pagare il CANONE. La Dallatana ha rinunziato a fare il Direttore di RAI2 ma prima si è assicurata di mandare in onda “A Casa di Mika 2”, che ha ricevuto anche un premio internazionale per la prima edizione, ed il programma con ARBORE e FRASSICA e sono programmi con VERI PROFESSIONISTI dello spettacolo.
        Con il nuovo direttore di rete Fabiano, che ha piazzato le sorelle Parodi a “Domenica” in con un FLOP da paura, non mi meraviglierei che mandasse ancora il programma FLOP Made in Sud con la Gregoraci/Briatore.
        Programmi INGUARDABILI dove regna la confusione più assoluta, con un miscuglio di cose ed un numero eccessivo di persone che non hanno ne capo e nè coda. Mai si è visto una cosa simile fino ad oggi in una TV di Stato! VERGOGNATEVI!

        • ananasblog ottobre 21, 2017 a 1:58 PM #

          buono per favore, stiamo sullo specifico: Made in Sud ha fatto lavorare Della Noce quando era fuori dal giro tv. L’A

        • Scusate ottobre 21, 2017 a 2:33 PM #

          Parlavo di collette interne…se non sai nulla non parlare a vanvera

          • Sincero ottobre 21, 2017 a 3:29 PM #

            Collette interne nascoste? E lo dici pure! Il nulla praticamente.
            Della Noce ADESSO si trova a dormire in macchina!!! SVEGLIA!!!!
            Una volta che la Politica in RAI ha deciso di permettere alla Tunnel di far pagare il biglietto per il programma Made in Sud ai telespettatori (sono le stesse persone che già pagano alla RAI il CANONE) perché più volte è stato devoluto al Cardinale invece di aiutare chi è caduto in disgrazia dopo la perdita del posto di lavoro, che sia il mondo dello spettacolo oppure una persona comune??? E questo è accaduto dopo il servizio del”Le Iene” che hanno documentato e mandato in onda il “lavoro in nero” e poi il licenziamento di padri di famiglia da parte della curia! E’ facile dare i soldi raccolti della gente comune in RAI (la RAI ha speso qualche milione di Euro per il programma FLOP) alla Chiesa per ricevere “appoggi” invece di rinunziare a far pagare il biglietto ai Telespettatori in un programma in RAI, mentre si può sempre organizzare una serata rinunziando per intero al proprio cachet per aiutare chi ha realmente bisogno?!?

            • ananasblog ottobre 22, 2017 a 9:58 am #

              Amico Sincero, cancello questo commento poiché va fuori tema e riprende l’annosa polemica su Made in Sud che abbiamo già trattato ad libitum in altre occasioni. L’A

  10. Alessandro Stamera ottobre 19, 2017 a 11:49 am #

    Non è riuscito a recuperare niente nemmeno con il doppiaggio di Cars 3?

    • ananasblog ottobre 19, 2017 a 11:58 am #

      Evidentemente no, a spanne: se ti pignorano la partita IVA è come versare benzina in un serbatoio bucato. L’A

  11. Esatto ottobre 19, 2017 a 11:35 am #

    Esatto Gavelli! I soldi che glieli diano Bisio o Bozzo!

    • ananasblog ottobre 19, 2017 a 11:54 am #

      Non usiamo semplificazioni superficiali per buttare tutto in vacca.
      Però Bisio (che deve l’inizio della sua fama all’aver fatto da spalla a Della Noce e ad altri cosiddetti “senatori”) ha un patrimonio immobiliare non indifferente, 12 case già nel 2010: http://fbechis.blogspot.it/2010/01/claudio-bisio-il-comico-che-ha-piu-naso.html
      “risulta proprietario di 5 fabbricati a Milano, due in provincia di Savona, tre a Firenze e due in provincia di Genova (ad Arenzano). In più ci sono cinque terreni nell’alessandrino e tre nel fiorentino.”
      Inoltre: https://designmoderno.it/la-casa-claudio-bisio/
      “La casa di Claudio Bisio è un’abitazione elegante, curata nel dettaglio ma molto vissuta: in pratica perfettamente in linea con il suo carattere e la sua personalità.”
      Ecco il pelatone nazionale potrebbe, magari in silenzio con discrezione per non avere poi alla porta un’orda famelica di scappati da casa… L’A

Trackbacks/Pingbacks

  1. Comici dalla D’Urso | - novembre 8, 2017

    […] sul palco, più difficile che possa diventare, lui, un caso umano. Eppure è successo di recente a Marco Della Noce, passato anche dalla D’Urso e a Maurizio Ferrini (in un contenitore simile però […]

  2. Paranoie Comiche il primo trailer | - ottobre 30, 2017

    […] e televisione. Diventa attualissimo  alla luce di ciò che è capitato a un comico popolare come Marco Della Noce e in misura minore anche a Maurizio Ferrini. Nel trailer si nota lo spaesamento prodotto anche solo […]

  3. il Team Autorale (che risolve) e come gestirsi la carriera | - ottobre 26, 2017

    […] post precedente (vedi qui) si è parlato delle difficoltà di Marco Della Noce, popolare Oriano Ferrari di Zelig (nel […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: