Le battute non hanno diritto di controreplica

26 Mar

Fiumi di repliche alle battute scritte

Uno degli aspetti più bizzarri di chi scrive battute online è il prendersi un po’ troppo sul serio.  La satira su web, forse, ci ha fatto credere di essere un po’ tutti dei piccoli Woody Allen dal genio riconosciuto a livello mondiale. Invece, sulle battute, dovrebbero esistere solo due fattori:

  1. La battuta.
  2. La reazione del pubblico (di apprezzamento o di rifiuto).

A traino della reazione del pubblico può esserci qualche improvvisazione, ma questo riguarda gli spettacoli live e fa parte del bagaglio tecnico di un comico. Laddove la battuta è scritta, c’è qualcuno che l’ha scritta e c’è qualcuno che la legge. La megalomania dei battutisti satirici porta a rifiutare le reazioni dei lettori. Porta a replicare alle loro reazioni (cosa insopportabile davvero). Facciamo alcuni esempi:

Qualcuno si è offeso

Il battutista online scrive post su post per sputtanare coloro che si sono offesi leggendo le loro battute. Così li fa passare per ipocriti e bigotti e stupidi… Amico mio: se qualcuno si è offeso è perché tu hai scritto delle cose che risultano offensive per il suo l’universo di valori. Se ha frainteso è perché ciò che hai scritto gli è risultato incomprensibile, non si è piegato in due dal ridere ed era nel suo pieno diritto.

Qualcuno replica

Il battutista online si indigna se qualcuno replica alle sue battute, soprattutto se riguardano temi scottanti come la politica. Se per esempio la battuta riguarda i 5 Stelle o il PD, scandalosamente qualcuno dei 5 Stelle o del PD si risente e si dà da fare per sfanculare l’autore… Amico mio, se scrivi battute che sono degli editoriali in miniatura, aspettati pure che qualcuno “apra il dibattito”.

Trollare 

Battute provocatorie possono generare una risposta forte (per esempio se si fanno su chi è appena morto)… Amico mio, premesso che non sei un genio della provocazione e neanche del black humor, altrimenti a quest’ora saresti a Hollywood o a sceneggiare per Netflix, la tua provocazione che cos’era se non una trollata? Le risposte che ricevi sono risposte a una trollata. Semplice no?

Non fa ridere

Di fronte a questa semplice reazione, ci si inchina, la si prende in saccoccia e la si porta a casa. E’ un verdetto che va rispettato… Amico mio, non fare come certi comici scadenti che di fronte a una serata andata male se la prendono col pubblico.

Appurato che esistono solo due fattori (la battuta e la reazione alla battuta), appurato che di Woody Allen non ce ne sono, qualsiasi reazione a una reazione del lettore è fuori luogo. Figuriamoci poi quelli che fanno lo screenshot per sputtanare l’utente insoddisfatto, quelli che lo bannano, quelli che cercano di dimostrare quanto idioti siano gli altri paragonati al loro indiscutibile genio.

Non siete Woody Allen, questo si è capito. 

Ananas Blog

6 Risposte a “Le battute non hanno diritto di controreplica”

  1. Marco marzo 29, 2018 a 8:42 am #

    Non sono per niente d’accordo. Sarò d’accordo il giorno in cui ai comici sarà riservato lo stesso trattamento e lo stesso rispetto di qualsiasi altro artista. A un cantante che fa una canzone da ballare vai forse a dirgli “non fai ballare?” No, al limite nn lo balli e fine. A un attore a teatro vai forse a ribadirgli tutto il tempo “non sai recitare”? Non credo, anzi in genere a teatro uno spettacolo può piacere o meno ma non c’è questo astio.
    A un attrice porno che non è sexy e non ti fa venire perdi del tempo della tua vita per scriverle “sei inchiavabile tesoro”? No, ti cerchi un altro video. I comici invece se toccano nervi scoperti è più forte di te il bisogno intrinseco di dover fargli sapere tutto il tuo dissenso. Magari non hai neanche capito la battuta (e vi do una notizia: se non ridi è perchè non l’hai capita. Capire una battuta vuol dire che la pallina entra nel flipper e fa tutto il giro per poi uscire dall’altra parte. Quando non la capisci vuol dire che non hai fatto tutto il ragionamento, la pallina non fa tutto il giro e tu non ridi. è una mancanza tua che non hai gli strumenti per capirla non del comico! Fai un doppio senso sessuale che è la tecnica comica più becera in assoluto a un bambino che non sa cosa vuol dire fare sesso e inspiegabilmente non riderà! è colpa della battuta? No è colpa del target sbagliato!)
    I comici sono socialmente più in basso delle pornostar, rendetevi conto!
    Poi se uno fa ridere o no, tu commentatore di stacippa di social chi stracazzo sei per dirlo? Hai una qualche competenza in merito? No, vuoi solo far sapere a tutti che tu sei indignato per ricercare approvazione cercando altri stronzi che non l’hanno capita come te al solo fine di sentirti meno stupido e meno solo!!!
    E ripeto, alle rockstar non lo fai! Se Slash sbaglia una nota a un concerto non vai a rompergli i coglioni quindi sei stronzo due volte e anche opportunista e senza palle!!!!
    Il comico sa già se è divertente o no anche senza la tua supervisione egregio presuntuoso di sta minchia! Se il pubblico ride fa ridere sennò niente, la tua opinione tientela per te!!!
    Hanno inventato i like e i dislike apposta per evitare che vi facciate venire il ciclo a comando ma voi invece avete quest’ossessione di far sapere a tutti che siete indignati, come se aveste una qualche cazzo di autorità! Non è così! Non vi si incula nessuno!! Scendete!!!

    • ananasblog marzo 29, 2018 a 9:17 am #

      >I comici sono socialmente più in basso delle pornostar, rendetevi conto!
      Non esageriamo. Non mi risulta facciano fare alle porno star gli editoriali a Di Martedì, per esempio, o affidino loro trasmissioni di prima serata.

      >Capire una battuta vuol dire che la pallina entra nel flipper e fa tutto il giro per poi uscire dall’altra parte.
      Vero, ma non sempre. A volte c’è la presunzione (nella nostra mente) di come sia il flipper.

      >Hanno inventato i like e i dislike apposta
      Stendiamo un velo sulle logiche che governano i social network.

      Ribaltiamo il punto di vista: se appuriamo che in certi casi il pubblico è ignorante, perché replicare? Tanto ignorante rimane, anzi trollandolo lo si eccita ancora di più nella sua ignoranza. Hai mai provato a discutere con un fanatico grillino o leghista o berlusconiano o renziano? Tempo perso

      L’A

      • Marco marzo 29, 2018 a 9:40 am #

        Credo che dopo anni di Zelig, Colorado e imitazioni sceme i nuovi comici risentano di una sorta di “disagio” dovuto al fatto di essere stati sminuiti per molti anni e questo comporta che alla prima frase fuoriposto ci si senta attaccati e si reagisca forse in maniera eccessiva pretendendo un rispetto maggiore. è una situazione comune fra quelle categorie che per anni vengono denigrate socialmente e rappresentate in modo parodistico. è stato così per i rapper italiani rappresentati per decenni come dei bambini scemi, lo è per i comici e lo sarà per gli youtuber in futuro che devono vedersi rappresentati da gente come Frank Matano (infatti il film dei The Jackal pur avendo una buona qualità viene spesso stroncato da chi sta nel settore solo perchè fatto da Youtuber).
        Credo che sia inevitabile come lo è la faida Stand up/Cabaret, perchè serve a sfogare una frustrazione interna dovuta a un forte pregiudizio. Non durerà per sempre, prima o poi la rabbia andrà scemando ma credo sia indispensabile passarci per arrivare a un equilibrio.
        Vedila così: fra 10 anni quando Daniele Raco avrà 60 anni, Montanini ne avrà 50 e torneremo ad avere delle icone comico satiriche mature di una certa età che parleranno di cose col punto di vista di chi ha un bagaglio forte la comicità riacquisirà una certa autorevolezza che per anni è andata persa e per farlo occorre fare casino.

        • ananasblog marzo 29, 2018 a 2:55 PM #

          quando Raco avrà 60 anni e Montanini 50… chissà cosa come sarà il mondo 🙂

  2. Ma marzo 26, 2018 a 10:16 PM #

    Ma soprattutto non siete Woody Allen. E ricordatevi che non siete Woody Allen. E per carità tenete a mente che non c’è nessun Woody Allen qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: