Sanremo: un festival (quasi) senza comici

10 Feb

il Teatro Ariston (immagine di pubblico dominio)

Si è appena conclusa la 70° edizione del Festival di San Remo, condotta da Amadeus e caratterizzata da un successo incredibile a livello di ascolti, di diffusione social e, perché no, anche di conflitti (vedi Fiorello/Tiziano Ferro. Morgan/Bugo etc.)

Allo stesso tempo, questa edizione si è caratterizzata per la totale mancanza di guest comiche. Forse perché ogni spazio è stato cannibalizzato da uno show man completo come Fiorello, forse perché questo tipo di ospitate risultano ormai datate oppure fuori luogo.

Eppure sembra ieri che il comico, spesso in forma di monologo, costituiva uno degli eventi del festival, in grado di fare rumore generando anche polemiche furiose.

Nel 2013 Claudio Bisio fece il simpatico umorista bravo, ma cauto, Nella stessa edizione Maurizio Crozza era caduto in un’imboscata di fischi da parte di (si immagina) supporter berlusconiani.

Nel 2015 Angelo Pintus al top della popolarità non riuscì a entrare in sintonia col pubblico dell’Ariston. Nel medesimo festival Alessandro Siani incappava in una battuta non felicissima. Notare come si sia trattato di quattro top comedian. Nel 2019; sotto Baglioni, la pattuglia prevedeva Paolo Cevoli, il mago Forest, Pio e Amedeo. Con la clamorosa “esclusione” di Saverio Raimondo dal dopo festival.

Nel 2017, grazie a Carlo Conti c’era stata un’ultima fiammata con Gabriele Cirilli, Enrico Brignano, Luca e Paolo, Virginia Raffaele, Geppi Cucciari, Paola Cortellesi. 

Quindi cosa resta in questa edizione del 2020? L’apertura e la chiusura. Gigi e Ross (affiancati da Ema Stokholma) hanno condotto Prima Festival, l’anteprima alle dirette del Festival vero e proprio.

Poi si è distinto Valerio Lundini (direttamente da “Battute?”), ne L’Altro Festival (l’ex “dopo festival”) che andava in onda a un orario impossibile su Ray Play e tuttora visibile  (vedi qui) condotto da Nicola Savino. La trasmissione è riuscita ad avere uno stile leggero e divertente e Valerio Lundini ha ben figurato col suo stile distaccato, surreale.

Ananas Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: