Tag Archives: Aldo Giovanni e Giacomo

il nuovo spettacolo di Aldo Giovanni e Giacomo (in streaming)

30 Nov

AGG LocandinaQuesta sera ci sarà il debutto nazionale di Ammutta Muddica, nuovo spettacolo teatrale di Aldo Giovanni e Giacomo, presso il teatro Fraschini di Pavia, inizio di una tournee (vedi date) che fa presagire il sold out. Sono passati ben 7 anni dal fortunatissimo Anplagghed.

Per l’occasione il trio più amato dagli italiani offrirà una diretta streaming che comincerà alle 20,45 (sul canale youtube ufficiale di AGG) con contenuti speciali e i primi 10 minuti dello spettacolo. La “finestra” sarà visibile anche su Ananas Blog. Qui il significato del titolo:

Ananas Blog

Aldo Giovanni e Giacomo sbarcano su YouTube

20 Nov

Il trio comico indubbiamente più amato dagli italiani ha aperto un suo canale YouTube che verrà riempito di contenuti, non solo video inediti, ma anche interviste, news e contributi speciali oltre al repertorio classico.

Da segnalare le ombre dietro le quinte da Tel chi el telun:

E anche “Potevo rimanere offeso: il fischietto per cani”

Oltre a tanti altri…

Ananas Blog

benvenuti nel paese dei bolliti!

26 Gen

è ancora possibile far ridere quando si ha la pancia piena?…  “Arlecchino servitore di 2 padroni” è divertente, “Arlecchino socio di 2 padroni” mette tristezza. 

 La settimana che si appena conclusa ha visto l’ennesimo ritorno (attesissimo) di Serena Dandini, Piero Chiambretti e Daria Bignardi: 

 “In una tv vecchia anche il nuovo appare vecchio. Questa potrebbe essere la morale delle tre proposte del fine settimana – «Le invasioni barbariche», «The show must go off», «Chiambretti Sunday Show» – che, almeno nelle aspettative, avrebbero dovuto portare un po’ di aria fresca” (leggi articolo completo di Aldo Grasso):

E’ stata una gara a chi ci credeva di meno. La Dandini dopo una lunga battaglia (condivisa anche dal popolo della rete), è approdata a La7 per fare quello che faceva su Rai 3 (ma più lento).

Benvenuti nel paese dei bolliti, nel regno della serializzazione…

Fiorello è stato lontano un bel po’ di anni dalla tv, è tornato e ha fatto il botto, ma non sempre è così.

Abatantuono, carico di gloria, ha ripreso a fare (malissimo) il terruncello negli spot radio (so Dieco ti spieco); Aldo Giovanni e Giacomo si assicurano una pensione dorata producendo spot quasi dimenticabili (aridatece il Pianeta Papalla!), lo stesso vale per Neri Marcorè, che al limite strappa un mezzo sorriso, ma che poi ha il coraggio di portare Gaber e Pasolini a teatro.

Dovrebbe scattare il redditometro: quando passi il milione di euro, stai un po’ lontano dalla tv… Suggerimento al fisco: se vuoi scoprire un neo miliardario è semplice, è quello che sta facendo un omaggio a Gaber in teatro.

Persino il grande Luca Zingaretti si è esibito tristemente nello spot TeleTu, imitando malissimo il frate marchigiano, riabilitando per sempre il ciociaro Martufello… Victoria Cabello arranca a fatica nella conduzione di Quelli che il calcio (e si fa battere da Licia Colò)… Savino è stato promosso all’Isola dei famosi, a fare maluccio la spalla come la faceva a Colorado (ed esulta per un 13% di share), Isola dove sono tornati la Marini, Malgioglio, Cecchi Paone, Yespica…

La Marcuzzi va dietro al Grande Fratello e si sta spegnendo a poco a poco. Di Claudio Bisio si è già detto, la cosa strana è che in un solo anno si è bollita pure la Cortellesi, mediasettizzata, col sorriso di chi vede i “soldi veri” per la prima volta, fintissima, privata delle imitazioni, quasi cotta. 

Benvenuti nel paese dei bolliti… Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

Il film di Checco Zalone batte ogni record

18 Gen

Una rinascita del cinema comico?

Checco Zalone – Che bella giornata

Che bella giornata, il film di Checco Zalone, ha superato il record de La vita è bella di Roberto Benigni come maggior incasso italiano di tutti i tempi.

A questo risultato straordinario si aggiungono i successi del precedente film di Zalone, quello di Benvenuti al Sud e quello de La banda dei Babbi Natale di Aldo Giovanni e Giacomo.

Intanto è uscito Qualunquemente di Antonio Albanese e si prepara a invadere le sale Immaturi con Luca e Paolo.

Insomma, grazie alla montagna di incassi (dimostrazione che per muovere le cose devi fare il “botto”), si sta andando verso una fioritura di film comici appartenenti alla “commedia gentile”, contrapposta a quella “pecoreccia” del cinepanettone con Cristian De Sica (questo Natale battuto proprio da Aldo Giovanni e Giacomo).

Anche Zelig si sta attrezzando. È stato siglato un accordo tra Bananas e Colorado film per produrre due film l’anno (e poi c’è ancora qualche sprovveduto che pensa che le due realtà non siano pappa e ciccia e che non facciano monopolio).

Comunque era ora. Negli ultimi anni è stata pompata una massa enorme di comicità come mai si era visto in passato, con risultati inesistenti nel campo cinematografico e teatrale.

Non a caso gli artefici dei successi sopraccitati si chiamano Paolo Genovese, Luca Miniero, Gennaro Nunziante, cioè gente al di fuori dell’ossessiva fabbrica di pezzi televisivi.

Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

PS: aggiornamento: 24.01.2011, il film di Antonio Albanese sta sbancando i botteghini: 5.400.000 di euro d’incasso e 800.000 presenze nel primo week-end di programmazione.

I motivi per cui Aldo Giovanni e Giacomo dovrebbero…

3 Dic
Aldo Giovanni e Giacomo

Il Blog ha riassunto il “lato oscuro” delle politiche di Bananas s.r.l. e pubblicato un elenco dei “soci famosi”. Dando per scontato che questi soci non siano a conoscenza del sopraccitato lato oscuro, stiamo ipotizzando, per ognuno di loro, i motivi di un eventuale disagio.

Dopo aver parlato degli ipotetici motivi di disaccordo di Lella Costa, Enrico Bertolino, Paolo Rossi, passiamo ad Aldo Giovanni e Giacomo (Cataldo Baglio, Giacomino Poretti, Giovanni Storti) che hanno complessivamente il 3% delle quote di Bananas srl.

1) Come per gli altri c’è un motivo principale: quelle di Bananas sono politiche poco trasparenti, non molto corrette, che tendono a creare una precarietà diffusa e inusuale.

2) Aldo Giovanni e Giacomo hanno fatto una lunga gavetta, ma in un periodo in cui c’erano alternative, in cui per esempio Mai Dire Gol poteva fare da traino alla grande popolarità, al contrario della situazione attuale in cui si pensa che, se stai sulle scatole a Zelig e non hai i pezzi per Colorado (o viceversa), sei finito.

3) E’ difficile immaginare Aldo Giovanni e Giacomo che non danno certezze ai loro collaboratori, che tengono i loro colleghi “sulla corda” per anni e anni senza dare loro risposte. Probabilmente non  farebbero mai cose simili, la ditta di cui sono soci però lo fa. E’ la famosa empatia di cui in questi anni sembrano scomparse del tutto le tracce.

Tutto qui? Sì tutto qui… ed è sufficiente.

Operazione Trasparenza: è una sorta d’inchiesta che vuole cercare di far luce su uno dei luoghi più misteriosi del mondo dello spettacolo: Zelig/Bananas (o se preferite Area Zelig 51). In questo caso si tratta di informare i soci “vip” delle politiche più nascoste di Bananas. In seguito cercheremo di intervistarli uno a uno per conoscere la loro opinione a riguardo.

LEGGI: La mail informativa inviata ai soci Bananas:

All’attenzione di …

Le inviamo questa lettera in quanto socio di Bananas s.r.l.

Ananas Blog (www.ananasblog.wordpress.com) blog di analisi del “sistema comicità” italiano, ha condotto una serie di inchieste Continua a leggere

I soci di Bananas

16 Nov
Il meglio o quasi della comicità italiana

I dati contenuti in questo e in molti dei post che seguiranno sono già stati resi pubblici da una serie di articoli scritti da Franco Bechis vicedirettore del quotidiano Libero (e pubblicati anche sul blog dell’autore). L’obiettivo di Bechis era un attacco a chi ha il cuore a sinistra ma il portafogli a destra. Il nostro scopo è diverso, vogliamo sottolineare le “politiche antisindacali”, la scarsa trasparenza e lo sfruttamento selvaggio praticato di chi ha il cuore a sinistra e la precarietà (degli altri) a destra.

Abbiamo recuperato alcune delle fonti a cui ha attinto Franco Bechis per non doverlo citare in continuazione. Tramite una semplice visura online presso la Camera di Commercio, abbiamo acquisito il bilancio e lo statuto societario di Bananas S.r.l. (costo dell’operazione: 36 euro iva compresa).

Nel post precedente abbiamo fatto un riepilogo di quanto reputiamo ci sia di sbagliato nelle politiche Bananas (vedi link) soprattutto relativo all’abnorme sfruttamento delle risorse umane e alla negazione dei più elementari diritti degli attori/comici.

Per quale motivo lo statuto societario di Bananas diventa così interessante? Per i nomi (importanti) dei soci. Per esempio Gino & Michele (quota totale del 23% del capitale sociale equamente suddivisa), Giancarlo Bozzo (direttore artistico – quota dell’11,5%), Roberto Bosatra (Amministratore Delegato – quota del 6,5%) possono vedere il tutto da un punto di vista manageriale: usano al meglio le risorse umane per fare business. Ci sono centinaia di persone che accettano il lavoro gratuito e la precarietà, bravi loro che le hanno convinte!

Ma altri soci (che per vari motivi dovrebbero provare maggiore empatia verso gli attori comici) sono al corrente e approvano questi sistemi? Per esempio:

PAOLO ROSSI (Quota del 9%)

GIOBBE COVATTA (attraverso la Papero S.r.l. – 3%)

ANTONIO ALBANESE (2%)

LELLA COSTA (2%)

ENRICO BERTOLINO (2%)

CLAUDIO BISIO (2%)

RAUL CREMONA (2%)

DARIO VERGASSOLA (1%)

ALDO GIOVANNI E GIACOMO (Cataldo Baglio, Giacomino Poretti, Giovanni Storti, complessivamente 3% delle quote di Bananas)

GIALAPPAS BAND (Marco Santin, Giorgio Gherarducci, Carlo Taranto, complessivamente il 2%)

ELIO E LE STORIE TESE (tramite Hukapan S.p.a – 2%)

Il meglio o una fetta consistente  della comicità italiana potenzialmente riceve utili da Bananas (quindi indirettamente anche dal “sudore” della massa degli altri comici). L’aristocrazia o quasi della comicità italiana nella sua quasi totalità ha comunque una partecipazione interessata al mondo Zelig.

Ma tutti questi artisti (e soci) cosa ne sanno delle politiche di Bananas? Conoscono tutto o sono del tutto ignari? Approvano o meno questo tipo di politica? Ananas Blog si è impegnata a contattare ognuno di loro per verificarne l’opinione. (Continua…)

L’Amministratore di Ananas Blog Roberto Gavelli

 

 

 

 

Operazione Trasparenza: un’inchiesta il cui obiettivo è quello di fare luce sulle pratiche più sommerse del mondo della comicità, mettendone in evidenza i meccanismi che ne determinano la poca trasparenza.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: