Tag Archives: Cirilli

Comici che resteranno anonimi?

22 Feb

Un altro caso di presunto scippo da parte di Zelig…

l'Anonima Comici

Venerdì scorso a Zelig è andato uno sketch nuovo: l’Anonima Comici, con Leonardo Manera, Gabriele Cirilli, Paolo Scarpelli. Il meccanismo è semplice: sulla falsariga della Alcolisti Anonimi i comici devono disintossicarsi dal dire battute… e finiscono per dirne a raffica (guarda il video).

C’è arrivata una segnalazione sul fatto che lo stesso pezzo, uguale nell’impostazione,  viene fatto almeno dal 2009 da Omid Mlk (un comico di origine iraniana non sconosciuto a Zelig, passato anche da Stranger in the Night) assieme a Fabrizio Palma. Dovremmo riuscire a procurarci il video a breve.

Il pezzo è stato portato in vari laboratori (che sono quei posti in cui si provano i pezzi che altri faranno in tv…)

Omid Mlk (guarda il suo profilo su facebook) ha commentato con una certa amarezza e con signorilità: “Ho scoperto che a zelig Manera, Pablo e Cirilli hanno fatto un omaggio a me e Fabrizio Palma rifacendo pari pari il nostro pezzo dei comici anonimi!…”

Bisogna sempre tenere separato il format dal copione. Posso usare la stessa idea con “parole diverse”, ma l’idea rimane comunque quella. Per fare un esempio Paniate e Santonastaso, in passato, hanno fatto gli alcolisti anonimi, ma il pezzo era completamente diverso da quello visto a Zelig.

Inoltre, chi va per primo in tv brucia il pezzo a chi magari lo faceva da più tempo.

Non sappiamo cosa sia successo esattamente, ma il problema è sempre quello: la formidabile macchina autorale e di scoperta talenti è fatta da 25.000 ore di lavoro l’anno. La macchina tiene d’occhio 3/400 comici, e movimenta una cinquantina di autori (22 firmano la trasmissione, gli altri sono di supporto ai laboratori) quindi dovrebbe conoscere vita, morte e miracoli di quello che c’è in giro. Eppure ha dei “vuoti di memoria” clamorosi.

Roberto Gavelli Amministratore di Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

Zelig a 5.7 milioni di telespettatori

12 Feb

Ieri sera Zelig ha realizzato 5.7 milioni di telespettatori (Top Gum ci ha azzeccato), in leggero calo rispetto a settimana scorsa e al boom delle prime puntate (per i dati completi guarda tvblog). Si tratta comunque di cifre da capogiro rispetto alla crisi attuale.

La Cortellesi è regredita, quasi sempre impacciata a parte quando canta. Faccia buffa e occhi sgranati a manetta (a fine registrazione sarà coi lineamenti indolenziti) PS: articolo di Aldo Grasso sull’argomento.

Ieri il turn over selvaggio ha fatto registrare uno dei punti più bassi. Sembrava una puntata di fine stagione: monologhi vintage sulla telefonata con la musichetta in sottofondo e la voce registrata, sul fratello maggiore che ti passa i vestiti smessi, sui regali che ti fanno gli uomini. Lastrico si è buttato in endecasillabi su una crisi intestinale. Il Duo Idea sui Pooh da bambini.

Tenete presente che questo è il meglio della comicità italiana, in regime di quasi totale monopolio, distillato da centinaia di comici, per 25.000 ore di lavoro gratuito l’anno, per anni e anni.

Sono entrati in scena Antonio Ornano, Cirilli, Fullin (in promoziona sul suo libro). Sarà durissima arrivare in fondo alle 12 puntate. Tutto già visto, già sentito, ripetuto. Gl scontenti saranno tantissimi, quasi tutto il cast ne uscirà insicuro e destabilizzato (missione compiuta nell’ottica zelighiana: rendere la gente instabile).

C’è stato un gesto minimo di coraggio: Paola Cortellesi e Debora Villa hanno invitato ad aderire alla manifestazione “Se non ora quando?” di domenica 13 (vedi sito) che nasce come reazione allo scandalo Ruby. La spiegazione è stata timida, allusiva.

Zelig ha comunque battuto un colpo sull’attualità. Ma non potevano certo affermare che l’iniziativa va anche contro chi gli sgancia (tramite Mediaset) più di un milione di euro a puntata e che garantisce 65.000 euro a puntata alla Cortellesi, e che produce (tramite Medusa) il film Femmine contro maschi che Claudio Bisio non perde occasione di promuovere ogni settimana… e che garantisce a Ficarra e Picone ogni anno un’intera stagione primaverile su Striscia la Notizia.

La Redazione di Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: