Tag Archives: Diffida balneare

Gino & Michele e il “fallo antisportivo”

18 Ott
Gino & Michele affrontano gli avversari offrendosi di 3/4

La ormai famosa “diffida balneare” che Ananas Blog ha ricevuto da Bananas srl (fine luglio con scadenza al grande esodo di ferragosto) potrebbe essere una cartina di tornasole per capire la mentalità zelighiana. Infatti Bananas srl aveva e ha tutte le possibilità per affermare le proprie ragioni senza ricorrere a un ultimatum che scade quando tutti hanno caricato l’ombrellone in macchina (leggi comunque il punto di vista di Bananas). (Nella foto le due menti più sublimi di Zelig)

Facciamo un esempio sportivo: quando l’Inter gioca contro una selezione del Trentino Alto Adige, di solito vince 16 a 0. Ma se l’Inter, in una partita simile, tentasse di segnare giocando la palla mentre un avversario è a terra, verrebbe sommersa dai fischi e dai “buuuuu” di disapprovazione.

C’è un episodio molto divertente a riguardo: quando è arrivata la lettera ho cercato l’avvocato che avrebbe dovuto rappresentarmi: mail, telefonate, sms… Nessuna risposta per giorni. Poi ricevo una sua mail: “Sono in vacanza a fare immersioni, non ti ho risposto perché ero sott’acqua…” (ah ah ah)

Era questo l’effetto che volevano ottenere? (buuuuuu!) Nonostante l’infinita sproporzione di mezzi hanno tentato di segnare un gol mentre gli avversari erano “a terra con i crampi”? (bordata di fischi). Che segnale si manda? “Siamo grandi e grossi, ma colpiamo alle spalle”? E pensare che questa è gente che è salita sul palco di piazza Duomo a “intestarsi” la vittoria di Pisapia.

Chi concepisce azioni simili merita di essere sfruculiato in eterno. Non so chi abbia avuto l’idea, ma d’ora in avanti ci saranno sempre gli sfottò ad accompagnare la “compagine” chi si è comportata senza un briciolo d’onore sportivo. Proviamo?

Gino & Michele… (Buuuuuuuuuu!)

Bananas… (Buuuuuuuuuu!) srl… (Buuuuuuuuuu!)

Gino… (Buuuuuuuuuuu!)  no, volevo dire Gino Latino il dj (ops, scusa)

Zelig… (Buuuuuuuuuuuu!)

L’Amministratore di Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

Buuuuuuuuuu

 

il prezzo della libertà

5 Ott

Un ringraziamento a chi ha contribuito…

Ananas ringrazia di cuore tutti quelli che hanno spedito un contributo per sostenere il Blog. E’ stato messo il pulsante “donazione” (in alto a destra sotto il logo) per pagare tramite paypal e carta di credito.

L’antefatto è noto: il Blog ha subito un attacco legale da parte di Bananas srl, tramite la cosiddetta “diffida balneare” (leggi post) una lunga e inusuale lettera di ben 7 pagine (la “memoria” di Silvio Berlusconi alla Procura di Napoli sul caso Tarantini-La Vitola era di appena 5 pagine!).

Uno dei pilastri della lettera è la bizzarra (e praticamente falsa) definizione di “Laboratorio Zelig”: una scuola di recitazione per aspiranti comici (leggi post sull’argomento). Ovviamente la cosa è stata elaborata per motivi ******, ma sembra che non si possa scrivere perché si rischia la querela.

Questo succede in Italia nel 2011: qualcuno vuole farti dire che le patate crescono sugli alberi e se dici che crescono sotto terra (come è evidente a tutti) rischi una denuncia per diffamazione aggravata da mezzo agricolo! 😉

Comunque occorre rispondere a questo tipo di attacco e ciò ha dei costi, occorre che un legale di fiducia prenda in mano la situazione, anche se da questa “parte” non c’è la minima intenzione di incentivare la litigiosità a mezzo avvocati.

Personalmente ho deciso di mettere un quota minima di donazione di 10 euro, proprio per fare sì che più gente possibile dia un piccolo contributo (in modo che siano tante “gocce” una dopo l’altra a “scavare la roccia”).

Ananas Blog è un tentativo di avanscoperta: proviamo a vedere cosa succede se mettiamo un minimo di controinformazione, di libertà di parola e di espressione in uno degli ambienti più chiusi in se stessi che esistano: il cabaret in Italia.

Qualcuno doveva cominciare. Bisogna sempre “immolarsi” un po’, correre dei rischi. Aprire un sentiero nuovo è sempre faticoso. Poi sarà più facile per gli altri seguire la strada tracciata.

Ehi, tu, pensi che le informazioni, i dibattiti e le inchieste che leggi ESCLUSIVAMENTE su questo blog piovano dal cielo? Ti sbagli di grosso. Nulla di concreto piove dal cielo, bisogna costruire ogni cosa un mattone alla volta.

Comunque un grazie davvero sentito a chi ha contribuito: avete dimostrato di essere persone di valore che tengono (come valore assoluto) alla libertà di parola.

L’Amministratore di Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

la scuola di recitazione più pazza del mondo

26 Set
un autore automatico gonfiabile
La definizione di Laboratorio Zelig che ci ha fornito Bananas srl (“unicamente una scuola di recitazione e scrittura rivolta ad aspiranti comici che intendono intraprendere la strada del cabaret”) è oggetto di attenzione da parte degli studiosi.
Da qui in poi Bananas srl è stata ufficialmente rinominata “Panzanas”. (Vedi anche video di risposta del blog) . La definizione è stata veicolata da una coraggiosissima “diffida balneare” (spedita al mattino del 28 luglio con scadenza alla vigilia di ferragosto. Questa, signori, è la sinistra che amiamo!)
Pare  che codesta scuola abbia caratteristiche talmente bizzarre da essere uniche nel suo genere. Infatti si tratta di una “scuola di recitazione” (e anche di scrittura) in cui:

1) Non esiste alcun modulo d’iscrizione in cui si declinano i dati anagrafici dell’iscritto e in cui si evidenziano i termini e le regole del corso.

2) Non esiste alcun piano didattico.

3) Non esiste alcuna durata prestabilita della scuola (può durare 1 anno come 10 e oltre).

4) Non esiste alcun approfondimento delle capacità comico attoriali (dal mimo al clown all’uso della voce a qualsiasi esercizio o tecnica di recitazione). Insomma è una scuola di recitazione dove non si insegna recitazione.

5) Vengono represse attivamente molte delle basi del cabaret professionale (improvvisazione, clownerie, interazioni col pubblico).

6) Le esibizioni avvengono esclusivamente di fronte a un pubblico pagante.

7) I partecipanti firmano una dichiarazione di prestazione d’opera gratuita (nonostante in una scuola, la “prestazione” dovrebbe avvenire da parte degli “insegnanti” verso gli “allievi”).

8 ) I partecipanti firmano una liberatoria in cui dichiarano che la loro esibizione è totalmente frutto d’improvvisazione (non si capisce come, visto che è una scuola e le recite quindi dovrebbero essere frutto di un “insegnamento”). Ma la cosa che stupisce è che durante questa scuola non si fa minimamente improvvisazione.

9) Gli allievi spesso partecipano allo stesso corso, contemporaneamente, in laboratori differenti (come se uno si iscrivesse alla facoltà d’ingegneria in 3 o 4 città diverse).

10) le serate di scuola di recitazione assomigliano quasi totalmente al format televisivo di cui (guarda caso) sono anche serbatoio (simili nella conduzione, nella scaletta, nel tipo e nella durata dei pezzi).

11) Molti dei partecipanti hanno un curriculum e un’esperienza nettamente superiore a quella degli “insegnanti”.

12) Molti dei partecipanti sono veterani o professionisti o, comunque, non rientrano assolutamente nella definizione di “aspiranti comici”.

13) Molti dei partecipanti sono iscritti alla Siae ed esibiscono anche loro repertorio professionale.

14) Il criterio di insegnamento/selezione è esclusivamente quello della validità televisiva. Si incoraggia ciò che è televisivo e si lascia deperire ciò che non lo è (a meno che non serva a rendere più efficace la recita di fronte al pubblico pagante).

15) Gli insegnanti, in realtà, vengono chiamati “autori” e nessuno si è mai sognato minimamente di chiamarli insegnanti. Allo stesso modo, nessuna comunicazione ufficiale di Zelig ha mai descritto i laboratori come “scuola di recitazione e scrittura”.

16) Gli autori sono, parallelamente, autori della trasmissione televisiva a cui i laboratori sembrano essere completamente omogenei (guarda qui).

17) Gli autori o insegnanti non sono in grado, nella maggioranza dei casi, di esibire le materie che dovrebbero insegnare (scrivere battute, apportare modifiche, curare la regia, elaborare un testo in proprio, come stare sul palco).

18) Il peso creativo è scaricato, nella quasi totalità, sugli allievi, come se fossero loro a insegnare (e a produrre) il risultato finale (alla faccia della “scuola di scrittura”).

19) LA MOTIVAZIONE DEI PARTECIPANTI NON È DIDATTICA, MA ESCLUSIVAMENTE RELATIVA ALLA SPERANZA DI ANDARE IN TV.

20) Molte delle esibizioni fatte durante la cosiddetta scuola di recitazione, uguali o con piccole modifiche, finiscono in televisione (guarda caso).

Queste sono 20 anomalie e, a volerne cercare, se ne troverebbero molte altre. I casi sono due: o si tratta del corso di recitazione più pazzo e anomalo del mondo oppure la definizione fornita da Bananas srl è falsa e Bananas ha dichiarato il falso (sapendo di farlo) su un documento ufficiale.

I laboratori Zelig sono scuole di recitazione solo per aspiranti comici?

Berlusconi credeva che Ruby fosse la nipote di Mubarak?

Qualcuno pagò una casa con vista sul Colosseo al ministro Claudio Scaiola senza dirglielo?

Ad Arcore si svolgevano cene eleganti?

Sono 4 domande a cui è difficile dare una risposta …

La Redazione di Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

Ananas Blog risponde con un video…

13 Set

Una risposta video alla “versione di Bananas srl” sui Laboratori Zelig…

Dopo aver ricevuto la definizione esatta di cosa sia un laboratorio Zelig (leggi post precedente) vale a dire:

 “unicamente una scuola di recitazione e scrittura rivolta ad aspiranti comici che intendono intraprendere la strada del cabaret”

Ananas Blog ha deciso di abbandonare l’uso della parola e di produrre un commento video, visibile cliccando qui sotto:

Guarda il video di commento alla versione di Bananas srl sui Laboratori Zelig.

Bene, avete visto? Adesso è tempo di meditare…

La Redazione di Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

 

La versione ufficiale di Bananas srl

12 Set

Bananas srl fornisce una definizione ufficiale di “Laboratorio Zelig”

 

 

Finalmente, dopo tanti anni, Bananas srl ha definito con precisione cosa sia un “Laboratorio Zelig”.

La definizione ci è arrivata su un documento ufficiale: la famosa Diffida Balneare, giunta a fine luglio con scadenza alla vigilia dell’esodo di ferragosto.

I laboratori non sarebbero una divisione di ricerca e sviluppo, come dichiarato in un’intervista dall’Amministratore Delegato Roberto Bosatra.

Non sarebbero neanche uno dei 3 pilastri su cui si basano gli ottimi risultati economici di Bananas srl, (assieme all’agenzia e alla coproduzione televisiva) come affermato nero su bianco nei bilanci del 2008 e del 2009.

Insomma, i Laboratori Zelig sono:

“ESCLUSIVAMENTE UNA SCUOLA DI RECITAZIONE E SCRITTURA RIVOLTA AD ASPIRANTI COMICI CHE INTENDONO INTRAPRENDERE LA STRADA DEL CABARET.”

Bene, prendiamone atto…

La accendiamo? Ci mettiamo sopra il timbro? La incidiamo nel bronzo?

Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: