Tag Archives: Fabio Fazio

a volte converrebbe una pausa Crozza Littizzetto Gialappas

23 Feb
aridateci Jerry Lewis

aridateci Jerry Lewis

Il Festival di Sanremo ha appena chiuso un’edizione deludente negli ascolti in cui, tra le altre cose, si è manifestata la stanchezza di certi meccanismi comici, che sembrano arrivati al capolinea. Luciana Littizzetto ha ripetuto le  battute con lo stesso stile, nella stessa modalità, con Fazio come spalla, che si sono viste migliaia di volte. soprattutto a Che tempo che fa. Certo, tutta roba che funziona, che ha dato grande popolarità e che potrebbe andare avanti per altri 10 anni. Però, forse, questa volta qualcosa sembra essersi rotta. Forse la stessa Littizzetto sarebbe intenzionata a prendersi una pausa.

CROZZA COPIA? 3

Lo stesso senso di stanchezza sembra aver preso Maurizio Crozza, che si è presentato anche con un’imitazione del neo premier Matteo Renzi molto macchiettistica, con parrucca e dentoni e voce stridula alla Jerry Lewis, infilando una serie di calembour che riabilitano di colpo Mariello Prapapappo di Colorado e Mariano Bruno di Made in Sud (guarda qui il video): Abbasserò il pil ma aumenterò il pilates, non è più tempo di tute blu, ma di blue tooth, basta welfare, più Woolrich (tristezza profonda).

Ma poi per non negarsi nulla, Crozza ha esibito una battuta che era girata già attraverso i noti collettivi di battute. Il senso della battuta nasce dalla promessa di Renzi di fare una riforma al mese e che la prima riforma sarà di allungare i mesi. Nel caso di Crozza “nel prossimo mese di marzo fatturare per due anni e mezzo“. Ma la primogenitura dovrebbe essere di Acido Lattico (vedi link) che risale al 4 giorni prima, al 18 febbraio:

Acido Lattico brucia Crozza?

Acido Lattico brucia Crozza?

Continua a leggere

Annunci

Brunetta, Fazio, Crozza, Grillo e la SIAE che approda in Parlamento

21 Ott
l'Onorevole Renato Brunetta

l’Onorevole Renato Brunetta

La questione della ripartizione Siae nelle trasmissioni tv è arrivata a sorpresa nei palazzi della politica, il 17 ottobre 2013, sotto forma di interrogazione, da parte del “fastidiosissimo” capogruppo PDL alla Camera, Renato Brunetta. L’azione rientra in un’offensiva concentrica partita sia dal PDL che dal Movimento 5 Stelle contro i compensi d’oro dei vip Rai. Uno degli effetti di questa offensiva è stato lo stop al passaggio di Maurizio Crozza a Rai Uno. L’interrogazione è stata presentata al Presidente della Commissione di Vigilanza Rai, Roberto Fico (M5S).

L’Onorevole Renato Brunetta (leggi articolo su Lettera 43) segnala che Fazio, oltre al compenso annuo di 1,8 milioni di euro, prenderebbe anche 4.000 euro per ogni puntata di Che Tempo che fa, essendo proprietario del format, cifra a lui dovuta per la licenza da parte della casa di produzione Endemoll; Fazio inoltre, percepirebbe la Siae firmando la trasmissione Continua a leggere

i misteri della “conduzione comica”: Victoria Cabello

5 Feb

Sono in arrivo le trasmissioni di Panariello (Canale 5) e della Guzzanti (La7). Con loro, buona parte degli Show Man e delle Show Girl saranno scese in campo, da Checco Zalone, alla Dandini e Chiambretti; da Maurizio Battista a Enrico Brignano (andati in onda su Rai 2). Intanto Bisio e la Cortellesi mantengono il primato degli ascolti, Crozza è diventato il numero 1, Savino ha la grande occasione de L’Isola dei famosi eccetera, eccetera.

La conduzione comica è un passaggio fondamentale per fare “carriera”, per fare il salto di qualità, ma anche per venire ridimensionati. La cosa strana è che le capacità di conduzione sembrano “immutabili”: metti qualcuno a condurre e si trascina i suoi pregi e i suoi difetti all’infinito. Ananas Blog dedicherà alcuni post a questo mistero, che è il più grande di tutti.

Cominciamo dalla brava Victoria Cabello: quando conduce Quelli che il calcio… (edizione che stenta negli ascolti) e c’è una gag, sembra divertirsi molto: spesso ride come una pazza, rovescia la testa all’indietro, si piega a metà, tutto molto spontaneo, però…

La “spalla comica” non dovrebbe avere un ruolo istituzionale? Nel senso che dovrebbe fingere serietà, in contrapposizione al comico che rappresenta il “momento di rottura”?  Un po’ come faceva Carlo Campanini con Walter Chiari o Mario Castellani con Totò? Oppure, senza andare troppo indietro nel tempo, come fa quella volpe di Fabio Fazio con la Littizzetto?

Si tratta di regole vecchie, obsolete, appartenenti a un passato remoto, che andrebbero rottamate? Eppure la vecchia tv in bianco e nero ce la portiamo ancora dentro. Italia 1, per esempio, farà una prima serata con la parodia dell’Odissea, chiaro rimando a quelle che il Quartetto Cetra facevano ne La biblioteca di studio 1. Bisio e la Cortellesi rendono omaggio a Don Lurio e Lola Falana (e a Mina e Gaber), qualsiasi comica un minimo ambiziosa si rifà a Bice Valori e Franca Valeri…

Insomma, se Victoria Cabello sottolinea qualcosa ridendo come una pazza, sottrae (forse) il metro di giudizio allo spettatore, l’unico che avrebbe il diritto di sganasciarsi. Certe gag possono essere irresistibili, altre meno, ma questo lo dovrebbe decidere (forse) chi guarda.

Eppure lo stile è quello, immutabile. Misteri della conduzione… Difetto macroscopico o innovazione nello stile? Mistero, appunto.

Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

Se Fabio Fazio tornasse a Quelli che il calcio…

5 Mag

Pare che Fabio Fazio possa tornare alla conduzione di Quelli che il calcio… (leggi l’articolo su TvBlog). Le ultime indiscrezioni danno Simona Ventura in rotta con la Rai, il nuovo Direttore Generale Lorenza Lei impegnata a eliminare i reality, Che tempo che fa invisa alla maggioranza. Nell’articolo si dice che:

“Aria di rivoluzioni in casa Rai dopo la nomina di Lorenza Lei a direttore generale. Gli ultimi rumors riferiscono di scenari inediti per il futuro di Fabio Fazio. Al conduttore potrebbe essere proposto il ritorno a Quelli che… al posto di Simona Ventura e, addirittura, Affari Tuoi su RaiUno. Il tutto, ovviamente, rinunciando al “suo” Che tempo che fa. Sarebbe fattibile? Fazio accetterebbe?”

E’ difficile che possa succedere, ma leggendo la notizia l’anima si tinge di nostalgia per quella che è stata una delle più belle trasmissioni d’intrattenimento di sempre: il formidabile Quelli che il calcio… di Fabio Fazio.

Simona Ventura, in sostituzione, ha messo in piedi un prodotto gradevole, ma per favore non confondiamo la carpa ai ferri col caviale! La trasmissione di Fazio rimanda a quando, ancora pochi anni fa, esisteva un “biodiverstià” comica e creativa, al posto dell’attuale “monocultura” triste, grigia e ripetitiva.

Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: