Tag Archives: I Fichi D’India

Colorado: alcune anticipazioni sul cast

10 Set

scene così non ne vedremo più?

La nuova edizione di Colorado (lunedì 17 settembre la prima puntata) si presenta con alcune novità interessanti. E’ stato rinnovato quasi del tutto il gruppo autorale con l’arrivo di un nuovo capoprogetto: Dario Viola, uomo di tv, e meno di cabaret. Significativo l’approdo di Beppe Tosco (autore della Littizzetto e di tutta la saga di  Convenscion), nome di peso che dovrebbe garantire una comicità più tradizionale (Colorado Reconvenscion?).

E’ difficile parlare del cast proprio per la presenza di una quantità notevole di artisti che sono “sacrificabili” (leggi post sull’argomento). Molte persone coinvolte potrebbero fare poche puntate, potrebbero essere tagliate all’ultimo momento. Questo crea una grossa nuvola di vaghezza, in cui parlare del cast diventa un tabù; che provoca affermazioni generiche tipo: “quest’anno avremo una quarantina di volti nuovi”

Comunque anticipiamo qualcosa: tra i Top Player significativo il ritorno del grande Stefano Chiodaroli col personaggio del panettiere; tornerà anche Fabrizio Casalino che tanta gloria ha saputo raccogliere in passato. Dopo le canzoni è approdato al monologo di satira e pare sia convincente; ritorno per altri 2 veterani, Bianchi e Pulci, coi personaggi dei due politici e anche per Rita Pelusio (è arrivata la Giovanna già rodato a Zelig Off) e Dario Cassini.

E’ confermato Marco Bazzoni (nonostante un lungo travaglio e molte perplessità, riproporrà Baz), DJ Angelo, Pucci, I Fichi D’India, I Gem Boy, Angelo Pintus, I Panpers… Invece I Turbolenti sembra si presenteranno con pezzi singoli, quindi abbandoneranno per il momento gli sketch di gruppo (quello degli angeli dev’essere sembrato poco convincente).

Pino e gli Anticorpi non ci saranno poiché, a quanto pare, non hanno trovato l’accordo economico (detto in italiano popolare: si sono ligati sui soldi NDR). Sembra che Pino e gli Anticorpi abbiano commesso l’eresia di chiedere una percentuale sulla Siae.

Altri veterani: Didi Mazzilli, Andrea Viganò (con la sua comicità visual) Max Pieriboni e Gabri Gabra.

Del lato napoletano si sa della conferma di Gino Fastidio, Enzo & Sal e dei Malincomici e della presenza di Barbara Foria; Peppe e Ciccio (esordienti) sul lato romano si punta molto su Michela Andreozzi (già del duo Gretel & Gretel) che recita simulando una paresi da botox. 

Una novità assoluta sarebbe la presenza di alcuni veterani del cabaret (è un po’ il segreto di Pulcinella), ma su questo è meglio attendere, della serie “finché non vedo, non esiste”.

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

2012: lo sbarco di Ridens Lab

30 Mag

Le Lumache Sciò

La Ridens, agenzia che rappresenta Giacobazzi, Bazzoni, Migone, I Fichi D’India, Cevoli e tanti altri artisti (spesso) al top della fama televisiva o del live, sta aprendo una serie di spazi denominati Ridens Lab.  Lo scopo è quello di fare scouting e di lavorare sulla comicità senza farsi troppo influenzare dalla dittatura televisiva. Sempre in questa ottica (di scoperta) gli autori Ridens stanno presenziando alle finali dei concorsi di cabaret in giro per l’Italia.

Ridens Lab a Milano prende vita da Le Lumache Sciò di via Barona, cui avevamo dedicato un post (leggi articolo)  col capo comico Marco Bazzoni e l’autore Marzio Rossi, luogo che privilegia le interazioni tra comici; allo stesso modo lo diventerà … AGGIORNAMENTO: è stata smentita la trasformazione di Cialtronight in Ridens Lab. Invece ci sarà un Ridens Lab a Genova gestito da Graziano Cutrona (notizia arrivata da un commento di Marzio Rossi).

Altri Ridens Lab sono già attivi a Gattinara, presso le Cantine Nervi, tra le botti di vino, con la direzione artistica di Daniele Ceva e i capocomici Mancio e Stigma (gli Emo NDR), laboratorio con band dal vivo e una vocazione più musicale; e presso Verona, precisamente alle Officine Sam di Peschiera del Garda, gestito da Cristian Calabrese.

Sono in corso trattative per aprire altri spazi, precisamente a Roma e Bari. L’iniziativa non pretenderebbe di essere uno “specchietto per le allodole” per foraggiare una prossima trasmissione tv (equivoco in cui ci si imbatte spesso). Nella progettualità futura della Ridens sembra non siano in vista trasmissioni televisive simili a quelle che vanno per la maggiore, ma ci sarebbe un occhio di riguardo verso la rete, con la prossima apertura di una Web TV.

A parte questo, stiamo parlando di un problema generale: le agenzie, ma non solo (diciamo ogni comico e ogni addetto ai lavori) devono fare i conti con la crisi della tv generalista, con la crisi del live e, soprattutto, col crollo di visibilità cui sono destinate le vetrine tradizionali del comico (vedi Zelig e Colorado).

Insomma, ognuno deve pensare (già da ora, ma era meglio farlo “fin da ieri”) a come progettare il futuro.

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: