Tag Archives: il boss dei comici

a quando il cedimento strutturale di Made in Sud?

16 Nov
Scene così fino a quando?

Scene così fino a quando?

Questo articolo parla di “preveggenza”. Dato che ogni cosa umana ha un inizio, uno sviluppo e una fine, è facile prevedere anche la fine degli scalettoni comici televisivi di prima serata (leggi qui per saperne di più). Anche di quello che adesso sembra godere di maggiore salute, vale a dire Made in Sud.  L’evento è atteso con trepidazione da quelli che soffrono lo strapotere di Made in Sud (soprattutto a Napoli), è temuto da coloro che ne fanno parte (i cosiddetti Neo Mormonici). Un conto, però, è la “cancellazione dai palinsesti” un conto è il “cedimento strutturale”, vale a dire il punto di rottura dopo il quale comincia il declino. Quello di Zelig iniziò con la seconda stagione a conduzione Cortellesi/Bisio; quello di Colorado con la fine della gestione Vodani. Si può notare come quest’anno Colorado farà ben 21 puntate. Quindi tra punto di rottura e cancellazione possono passare anni e anni. In questo post ci concentreremo sui fattori che possono indurre il cedimento strutturale di Made in Sud, cioè il punto in cui giunti in coppa a o Vesuvio, non si farà altro che scendere: Continua a leggere

il Boss dei Comici: risultati deludenti

29 Ott

risultati deludentiSono tornati i dati Auditel dopo 15 giorni di stop, che avevano coperto le prime due puntate de Il Boss dei Comici andate in onda domenica 18 e 25 ottobre, in prima serata su La7. Quello che risulta andando a ritroso è un risultato poco superiore all’1%  di share con meno di 300.000 spettatori. Il dato è postato dal sito Dagospia, riportando un articolo di Carlo Tecce su Il Fatto Quotidiano (Leggi qui):

“Caro Auditel, dove sono i disastri? Il boss dei comici. Cosa? Il boss dei comici, la trasmissione che interrompe il flusso dei talk show di La7. Il nome vi è nuovo? Non temete, lo conoscono in pochi, meno di una nicchia, meno degli elettori di Scelta Civica, roba da condominio. Il boss dei comici va in onda la domenica in perfetta solitudine: 300 mila spettatori arrotondando per eccesso (share 1,26% e 1,52).”

Adesso che succede? Si crea un’unità di crisi per correggere ciò che non va nel format con l’intensità con cui i pompieri corrono verso un incendio per spegnerlo? (Sembrerebbe la soluzione più logica). Si va avanti a oltranza? (Sarebbe meno logico). E’ un marchettone che può permettersi di floppare, tanto non cambia niente? (questo spiegherebbe in modo logico perché si andrebbe avanti a oltranza). Mistero…

Ananas Blog (Throw down like a barricade)

il Boss dei Comici seconda puntata

26 Ott

Boss

La seconda puntata de il Boss dei Comici, su La7 non ha riscontri di pubblico, causa nota sospensione dati auditel. Il Boss questa volta è Michele Placido, noto per il tormentone “Piovra, piovra, piovra!”. Ananas Blog recensisce solo la prima parte per l’eccessiva lunghezza (Qui la cronaca completa su Tv Blog). Il Boss dei Comici nella prima puntata aveva sollevato alcune domande sull’incomprensibilità del format, sul talent che non è un talent, ma non è neanche la parodia di un talent, forse è un laboratorio di Made in Sud, eccetera. Difficilissimo che la gente possa premiare la trasmissione, se guardandola non capisce bene cosa stia succedendo. Si potrebbe ipotizzare un insuccesso di pubblico (che è quasi certo). Vabbè, vediamo cosa è successo:

Maria Bolignano, Alessia Reato, Davide Marotta il pizzino. Si nota che Maria Bolignano ha gambe addirittura più belle di quelle della Reato, sicuramente più slanciate e armoniose. I coach: Antonio D’Ausilio, Antonio Ornano, Sergio Sgrilli, Paolo Caiazzo, Antonio Giuliani, Omar Fantini. Video di alcuni provini (più rispetto alla prima puntata) Enzo Avitabile tra il pubblico. Il Vallotto Antonio Furia (discendente del grande Giacomo Furia?) fa il balletto Minion (chissà se le pagano ‘e royalties…) il poeta contadino e la sua badante sudamericana gnocca. Il finto presentatore a disturbo, la fan degli One Direction sempre a schiaffo. Presentazione Michele Placido. Voce off di un altro talent annuncia le “blind audition” (che sarebbero state una di quelle idee che avrebbero sollevato un po’ il format. Accoppiamento coach e comici, che dicono sia avvenuto settimana scorsa (?). Altra cosa bizzarra: i coach sono 6, ma i concorrenti sono 4 (?). Continua a leggere

il Boss dei Comici, la prima puntata

19 Ott

Il Boss dei Comici

Domenica 18.10.2015, su La7, la prima puntata de Il Boss dei Comici, prodotto dalla squadra di Made in Sud. I coach: Paolo Caiazzo, Antonio Giuliani, Sergio Sgrilli, Paolo Migone,  Daniele Raco e Omar Fantini (nelle puntate successive ci sarà qualche turn over). Fa piacere vedere in tv gente valida come Raco e Fantini o che trabocca di saggezza comica come Sgrilli e Migone. Alla conduzione Maria Bolignano ed Alessia Reato. Il Boss della puntata: Tullio Solenghi. Davide Marotta il “pizzino” del boss, Antonio Furia Il Vallotto. Il format è stato annunciato non come un  talent, ma come una parodia dei talent. Non c’è riscontro Auditel causa blocco dati. (Qui il live completo su TvBlog) Ananas Blog recensirà solo la prima parte, dell’interminabile prima serata:

Sigla con Napoli di notte. Maria Bolignano in ottima forma fisica. Presentazione dei coach. il Pizzino. Alessia Reato. Flash sui provini, ma buttato un po’ lì. Il Vallotto vestito di giallo balla coi pupazzi Minions. Il poeta e la sua badante. A schiaffo una fan degli One Direction. Viene presentato Tullio Solenghi, che imita Il Padrino. Finisce l’anteprima senza sapere in cosa consista la trasmissione. Primi comici in gara il Trio D’Italia, i motori di ricerca Google, Yahoo, Ash. Il meccanismo è quello tradizionale Made in Sud (Ditelo Voi, Malincomici, eccetera): il primo dice una cosa seria, il secondo una semiseria, il terzo una cazzata. Si avvalora il sospetto che la trasmissione sia un gigantesco laboratorio per la prossima edizione di Made in Sud, su Rai 2 (così come suggerito da amici complottisti). Continua a leggere

Claudio Bisio cerca nuovi comici

16 Set
Claudio Bisio fa un gesto come dire

Claudio Bisio fa un gesto come dire “Venite, venite comici!” (da TvBlog)

La notizia è interessante, forse è un’anticipazione di come sarà il varietà comico in futuro. Segnali ce ne sono già. In abbondanza. Claudio Bisio, impegnato come giurato nella nuova edizione di Italia’s Got Talent su Sky Uno, sta lavorando a una trasmissione che vada alla ricerca di talenti comici in tutta Italia. L’occasione è stata la presentazione dei palinsesti (sky upfront)  al Teatro Arcimboldi di Milano (luogo evocativo). Qui il post e l’intervista video a Bisio. Si tratterebbe di una sfida tra giovani comici. La ricerca non sarebbe ristretta solo ai palchi, ma anche al web, anche alle future web star. Bisio sembra aver fatto una crasi delle sue esperienze presenti e passate (la tecnologia Sky, la nostalgia del palco, le radici cabarettistiche, l’adrenalina dei talent):

“Dopo un anno a Sky ho ammirato il livello tecnologico, la sapienza. Il linguaggio televisivo mi sembra molto moderno. Io, però, ho la mia età e sono legato al cabaret, ai comici. Per quanto mi riguarda è una sfida nei confronti della televisione. Ci proviamo. A me è piaciuto, da spettatore, vedere X Factor o fare il giudice a Got Talent. Mi è piaciuta questa adrenalina della gara. Però mi piace anche lo show, gli ospiti. Io con questo progetto mi immagino sul palco, non seduto con le spalle al pubblico”. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: