Tag Archives: Metropolis

Flop comico a San Remo: Luca e Paolo non originali sul matrimonio gay?

15 Feb
Luca e Paolo matrimonio gay a San Remo

Luca e Paolo matrimonio gay a San Remo

Del flop comico di San Remo si è detto molto, soprattutto legato alle performance non brillanti di Angelo Pintus e Alessandro Siani, colpevoli di aver portato del repertorio un po’ fuori luogo (vecchie battute per Siani con luoghi comuni su nani e ciccioni e materiale da Colorado per Pintus), ma, si è detto, per fortuna ci hanno pensato Luca e Paolo a risollevare le sorti: “Con Luca e Paolo finalmente a Sanremo la satira decolla.” commentava quasi commosso l’Huffington Post (Leggi qui). Uno degli sketch più celebrati era quello delle nozze gay che si è chiuso addirittura con un sonoro “Vaffanculo” (vedi qui lo sketch su Rai.Tv).

Peppe e Ciccio matrimonio gay a Metropolis

Peppe e Ciccio matrimonio gay a Metropolis

Il meccanismo comico è semplice: di fronte all’altare Luca Bizzarri è entusiasta della vita a due, Paolo Kessisoglu invece, smonta tutto poiché ne vede l’aspetto negativo. Concetto: alla fine i problemi matrimoniali sono universali. Continua a leggere

Annunci

Comicità 2014, i migliori di categoria

30 Dic

dal sito di immagini gratuite Pixabay.com

dal sito di immagini gratuite Pixabay.com

Dopo le migliori trasmissioni del cabaret televisivo (qui) e i migliori nella categoria “monologhisti” (qui) ecco qua altre categorie che vanno sul podio degli Ananas Awards per il 2014.

Giudizio insindacabile del blog, cominciando da:

MIGLIOR DEMENTE

1) GINO FASTIDIO (Made in Sud) – probabilmente lavora sul principio di arrivare sul palco “già fumato”, forse è così anche nella vita, forse peggio, ma non si può negare che la sua demenzialità sia sincera. “Seghedé, seghedé” è il concetto più sensato che abbia saputo elargire all’umanità.

2) Rubes Piccinelli, Gianluca Impastato (Colorado) – il primo noto per la sua comicità surreale, si è messo in gioco vestendosi da Tarzan sgraziato e saltellante, il secondo nei panni di Mariello Prapapappo non ha paura di alcuna scemata, detta sempre con la tecnica del “ridersi addosso”.

3) TRAGIQUE SENTIMENTAL SONG (Metropolis e Zelig Uno) – Band umbra molto ruspante, sottofondo di Metropolis, riuscita nell’impresa di violare la sacralità del palco di Zelig Uno col “ballo della ciuffa”.

Tarzan - Rubes Piccinelli

Tarzan – Rubes Piccinelli

MIGLIOR PERSONAGGIO

1) SDRUMO (Alessandro Betti) Zelig e Zelig Uno – il rapper incapace di chiudere le rime, ottima spalla per le guest dei rapper veri. Bravura e tempi comici messi a punto da Alessandro Betti, che è (seppiatelo) anche un eccellente attore.

2) JOE BASTIANICH (Cristian Calabrese) Zelig Uno – arrivato in corso d’opera in una trasmissione in crisi, ha “timbrato il cartellino” in modo efficace. Soprattutto il “format Bastianich” ha in seguito consentito a Cristian Calabrese (che è spesso in anticipo su Crozza) di lavorare molto sul live. Continua a leggere

Quelli che (non) aspettano: Comedy Cooking Show

17 Set

Comedy Cooking Show

Comedy Cooking Show è un format che mischia cucina, intrattenimento, musica e comicità, prodotto da Cristian Calabrese. C’è un conduttore e padrone di casa, c’è una cucina, c’è una band live, ci sono le guest comiche. Calabrese è noto per le sue partecipazioni a Central Station, Metropolis e all’ultimo Zelig Uno in cui interpretava la parodia dello chef Joe Bastianich, che gli sta portando anche una certa fortuna negli spettacoli live. Tanti gli amici/colleghi ospiti della prima stagione, impegnati dietro i fornelli: gli Okea (Polidoro, Mazzilli, Viganò), Omar Fantini, Gigi Rock, Felipe, Francesco Damiano, Herbert Cioffi, eccetera. Presenza fissa l’incantevole nutrizionista Barbara Bet. Il format comunque è un prodotto riuscito, che si lascia guardare volentieri, con un bel ritmo. Qui sotto una puntata (quella con ospiti gli Okea):

Cristian Calabrese, oltre ad “aspettare” le eventuali convocazioni di uno Zelig o di un Colorado (a cui non si dice mai di no, ovviamente) è uno di quelli convinti che il lavoro occorre andare a “trovarlo” e che bisogna “produrlo”; che il successo è fatto di tanti piccoli passi e che si costruisce anche sopra gli eventuali fallimenti, l’importante è “fare” e non “aspettare”. Insomma è una di quelle figure eclettiche con una parte artistica e una imprenditoriale che si muovono con determinazione anche nei periodi di crisi nera come questo.

La seconda stagione di Comedy Cooking Show sarà coprodotta dall’emittente scaligera TeleArena e potrà contare su un budget un po’ più consistente. Comunque le puntate della prima stagione sono disponibili su Youtube su questo canale.

Ananas Blog (Long May You Run)

Ruotate il cast, no, ruotate i conduttori!

14 Set
logo dal sito Area Zelig

logo dal sito Area Zelig

Lo scalettone comico, detto anche “varietà comico di prima serata” sta proseguendo nella sua spettacolare e lenta agonia. Ben determinato comunque a sopravvivere, seppur male. Allo stato attuale non ci sono segnali che riprendano Metropolis e SCQR, il sito di Comedy Central non ne dà notizia. I due format potevano passare nella “serie maggiore” così come successe a Made in Sud, nato proprio a Comedy Central, ma è probabile che si fermino qui (parte invece una versione “da prima serata” di Stand Up Comedy e una serie di puntate monografiche sui 7 comedian di Satiriasi NDR).

Colorado è inciampata nella scenografia costosissima (quella con le gambe della ballerina e i pop corn), negli ascolti modesti e nel vuoto di contenuti (turn over selvaggio). La messa in onda è prevista per gennaio 2015 per evitare la concomitanza con Zelig e, sempre per via della scenografia, verranno registrate anche le puntate per l’autunno 2015 (ah, il potere contrattuale della Colorado Film!). A ciò si aggiunge la perdita certa di pezzi da 90 come Angelo Pintus (atteso al salto di qualità come conduttore di altre cose, della serie: ora o mai più o si ritorna nel gruppone dei medio alti senza sfondare davvero).

Made in Sud (leggi l’elogio di Ananas Blog) potrebbe imboccare in questa stagione la parabola discendente. Qualche segnale c’è: le tante serate annullate questa estate per mancanza di “biglietti staccati” che è sempre il primo segnale di saturazione e di declino. Dopo una serie torrenziale di puntate quasi del tutto uguali, ci si chiede cosa andrà in onda che non sia ripetitivo e già visto e stravisto. Continua a leggere

Comici emergenti: intervista ai CD ROM

5 Feb
maxresdefault

I CD Rom a Made in Sud

Quello dei CD ROM è un duo comico giovane che ha bruciato le tappe televisive in fretta: è passato dal Laboratorio “Scusate il Disagio” di Beppe Braida (presso il Cab 41 di Torino), a Metropolis su Comedy Central per finire subito dopo nel cast fisso dell’ultima edizione di Made in Sud, sempre con la parodia dei due Rom.

Ananas Blog li ha intervistati anche per capire il punto di vista di due giovani sul cabaret in tempi (non dimentichiamolo mai) di grande crisi. I nostri eroi sono impegnati anche nella programmazione live, gestendo il cabaret nel locale La Spanciata a Volvera di Torino, quindi hanno un punto di vista ampio sui problemi. Ecco l’intervista:

CHI SONO I CD ROM? Siamo un duo comico nato a Torino nel marzo del 2011. Il duo è formato da Gaetano Dibitonto (quello più sostanzioso NDR) e Luca Bartolino entrambi dell’83. Gaetano nasce come barzellettiere da bar e coltiva la sua passione per la risata tra amici e parenti. Luca nasce come imitatore nei villaggi turistici. Dopo qualche anno abbiamo desiso di far diventare questa passione un lavoro.

COME SIETE NATI ARTISTICAMENTE? CHE OBIETTIVI AVETE? Abbiamo cominciato subito a lavorare con i Cdrom (gli zingari di Made in Sud). La scalata è stata abbastanza veloce supportata da un duro e assiduo lavoro! Dopo qualche mese siamo entrati nel gruppo di Beppe Braida (Scusate il disagio, Cab 41 a Torino). A giugno del 2012 approdiamo ai provini di Zelig con un ottimo risultato. A settembre Zelig ci boccia i personaggi perché secondo loro politicamente scorretti, ma questo non ci scoraggia e dopo una settimana facciamo i provini di Metropolis che con grande piacere ci fa “portare a casa” 10 puntate.

Metropolis non porta un gran che di lavoro ma ci affaccia al mondo del cabaret, soprattutto ci fa notare dall’agenzia Ridens che incomincia a nutrire un interesse nei nostri confronti. A marzo del 2013 facciamo i provini per Made in Sud che, come puoi notare, sono andati molto bene. Made in Sud è stata una grande esperienza,  abbiamo conosciuto grandi persone che ci hanno accolto in quella grande famiglia e che ci ha dato la possibilità di provare il brivido della diretta. Direi fin qui una bella gavetta.

Obbiettivi? Crescere sempre!

 COME SIETE ARRIVATI A MADE IN SUD? A Made in Sud ci siamo arrivati tramite dei provini tenuti al Caffè Teatro di Verghera di Samarate.

 CHE RISULTATI STA PORTANDO L’ESPERIENZA DI MADE IN SUD? Innanzi tutto ci sta facendo crescere molto artisticamente, come detto nella risposta 2, la diretta è un’esperienza che se non la vivi non puoi nemmeno immaginarla. Oltre a questo ci sta facendo lavorare molto nel sud Italia. 

AVETE CONTATTI CON LA COMUNITA’ ROM TORINESE? COME HANNO PRESO I VOSTRI SKETCH?* Ahahahah, bella domanda! Entrambi abbiamo contatti con molti rom torinesi e devo dirti che i nostri sketch li hanno presi molto “sportivamente”, anche perché comunque non insultiamo nessuna etnia ma bensì la “ironizziamo” calcando sui loro problemi!

*NB l’idea dell’intervista nasce proprio dalla voglia di rispondere a un’osservazione fatta su Ananas che lo sketch contenesse degli stereotipi razziali.

SIETE IMPEGNATI NELLA GESTIONE DI UN LOCALE. COM’E’ LA SITUAZIONE VISTA DALLA “TRINCEA DEL LIVE”? Il locale è di Gaetano, ma il lab viene gestito da entrambi.

Gaetano: Come gestore e comico devo dire che è dura da entrambi i lati, mentre per il comico è sempre più difficile fare serate per la crisi ormai padrona di questo paese, dall’altra per un locale sostenere le spese di S.I.A.E. e agibilità Enpals è diventato un suicidio!

 COME GIUDICATE LA SITUAZIONE DEL CABARET IN ITALIA?  La situazione del cabaret in Italia non messa poi così male: la gente ha voglia di ridere e per fortuna c’è chi ha voglia di farla ridere. Poi se la tua domanda si riferisce anche all’ambito televisivo, allora possiamo dirti che la situazione è satura. Ci vorrebbe un’idea vincente che rinnovi questi scalettoni trita comici. A parer nostro il futuro è il web. 

COSA SI PUO’ FARE PER ARGINARE LA CRISI? Purtroppo siamo dell’idea che la crisi si debba arginare dai piani alti: dimezzare politici e stipendi statali… Noi non possiamo far altro che riderci sopra!

 UN MESSAGGIO ALLA “COMMUNITY COMICA ITALIANA”? Oooooooooooooooooooooooooh, MERDA MERDA MERDA!!!

Ananas Blog

Metropolis in Colorado? (Mistero)

4 Nov
Melita Toniolo + Metropolis + Colorado

Melita Toniolo + Metropolis + Colorado

Ieri sera al teatro Barrio’s di Milano si è svolta la presentazione (alla rete Comedy Central) del cast di Metropolis, la trasmissione comica prodotta dalla Zodiak Active e dalla Ridens le cui prove + registrazioni inizierebbero già lunedì e martedì di settimana prossima (11 e 12) e condotta da Omar Fantini e Melita Toniolo. 

Si è esibito essenzialmente il cast dell’anno scorso, con l’aggiunta di qualche new entry come il Giorgio Verduci di Zelig (assenti i Progildan, Catavolo e altri, non si sa per motivi logistici) mentre alcuni come i CD Rom sono approdati ad altri lidi.

Ma la cosa strana è che prima di tutto (e senza spiegazioni) si sono esibiti diversi comici di Colorado: Leonardo Manera col dottor Mazza, Max Pieriboni e Francesca Macrì (principe e principessa), Rino Ceronte e Francesca Giannuzzi (italiano e italiana medi) e Margherita Antonelli.

Buffo che una presentazione ufficiale di una trasmissione comica venga usata per provare i pezzi di un’altra trasmissione. E’ come se alla presentazione dell’Atalanta uscissero prima fuori Balotelli e Pirlo a fare dei palleggi. Oppure c’è una logica che sfugge? Si immagina lo sgomento dei comici. Forse è uno degli esempi più paradossali di quella “melassa comedy” che è diventato il cabaret italiano.

Ananas Blog

PS: scrive Massimo Zoli patron di Ridens, nella sezione commenti,  per chiarire che:

Ciao Roberto, ti svelo volentieri il grande mistero…. ieri sera non si è svolta nessuna presentazione ufficiale di Metropolis ma una serata Lumache nella quale, vista l’imminente partenza delle registrazioni, si sono esibiti  molti comici che faranno parte del cast di Metropolis, alcuni altri che non avevamo ancora visto e che stiamo valutando e alcuni comici di Colorado che abitualmente frequentano Le Lumache per provare i loro pezzi.
Attenzione Attenzione Forse c’era anche qualche comico che farà Zelig One….
Come direbbe Prapapappo…. Mistero risolto! 

L’unico inghippo sarebbe che alcuni comici hanno ricevuto la convocazione via mail con la dicitura “presentazione ufficiale Metropolis”, cosa che cercherò di approfondire. L’A

i provini per Metropolis

31 Ago

I provini per la seconda stagione di Metropolis, su Comedy Central, come molti sanno, si terranno a Milano il 12 settembre. Per chiedere di partecipare bisogna scrivere al seguente indirizzo: metropolis.ridens@gmail.com
Ovviamente ci sarà un certo (anzi notevole) sovraffollamento, tenendo presente che i primi a essere considerati saranno quelli del cast dell’anno scorso. Probabile, anzi certo, che per questo format i monologhisti siano poco considerati.
Ananas Blog

lo stato dei provini

26 Ago
ricomincia Metropolis?

ricomincia Metropolis?

I provini comici sono sempre un po’ un mistero, anche perché gli stessi laboratori sono dei “provini permanenti” e nell’ambiente si sa un po’ tutto di tutti. Comunque dovrebbe arrivare a breve la conferma della seconda stagione di Metropolis, il format andato in onda su Comedy Central, condotto da Omar Fantini e Melita Toniolo. Gli autori sono Marco del Conte, Andrea Boin, Raffaele Bruscella detto Skizzo (provate a contattarli).

C Factor, il reality comico targato Rai 1 (di cui Ananas si è occupato in questo articolo) e condotto da Gabriele Cirilli, una specie di X Factor per cabarettisti, non sembra avere un “bando Continua a leggere

pensieri di un comico autore guardando Melita Toniolo

11 Feb
Melita Toniolo

Melita Toniolo

Metropolis ha esaurito il suo ciclo su Comedy Central. Purtroppo Ananas Blog non è riuscito a seguire il contenuto di tutte le puntate, nonostante il notevole interesse che questo format ha suscitato presso i suoi lettori (quasi pari a Made in Sud). Per rimediare, pubblichiamo un documento inedito: la trascrizione dei pensieri di un comico autore mentre guarda Melita Toniolo, dietro le quinte di Metropolis.
Ci sono dentro desideri segreti, quello che gli uomini non dicono, ma si capisce benissimo dalla faccia. L’importanza del documento è quella di chiarire il rapporto tra bella ragazza famosa e comicità. Dietro ci sono sempre speranze incoffessabili…

Eccola, lì… ma quanto è carina… che F..(a)!… Proprio simpatica… da divorare su una Continua a leggere

Metropolis, la prima puntata del 2013

5 Gen

 

Balera, del mio paeseeeee...

Balera, del mio paeseeeee…

Questo è il resoconto della quinta puntata di Metropolis, su Comedy Central, di giovedì 3 gennaio 2013, un po’ in differita per non accavallarlo col racconto di Made in Sud (troppe emozioni, in una volta…). Entra Melita Toniolo (che, promettono, migliori  via via che procedono le puntate) entra Beatrice Spiros a schiaffo, Melita introduce Omar Fantini, in giacca rosa, preso di mira dalla band Tragique; l’incredibile Hulk a schiaffo; i Progildan con le arti marziali; ritmo frenetico, addirittura più di Made in Sud, molte urla, disannuncio pure lui urlato.

Giorgia Battocchio la pierre (ti devo briffare); Bob Russo, il venditore di penne e calembour (un posto in America dove hanno tutte le allergie: il massaetciùssets, quasi da Mariello Prapappo); il leggendario Franco Rossi da Lodi col clamoroso cantante di liscio dello Studio Zeta (direttamente da Tribbù, dove prese i complimenti di Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: