Tag Archives: Nando Mormone

Napoli: l’eredità di Troisi divisa in due

25 Set

Massimo Troisi (da citynews-napolitoday)

Prendiamo spunto dalla seconda stagione di Fatti Unici, la sitcom live figlia di Made in Sud, che va in onda un po’ a sorpresa su Rai Premium (canale 25 del digitale terrestre). Ieri sera, domenica 24 settembre, l’esordio in prima serata. Fatti Unici si avvale della regia teatrale e della scrittura del grande Lello Arena, già amico fraterno e spalla di Massimo Troisi. La prima stagione era andata in onda su Rai 2 con ottimi risultati di share, ma la seconda (già girata) era in cerca di collocazione.

LA SCISSIONE – Detto ciò, è noto che in città si sia consumata una scissione artistica e manageriale, forse anche umana, tra Nando Mormone (manager, produttore e autore tra l’altro di Made in Sud) e Alessandro Siani (il comico di maggior successo a Napoli, ma popolare in tutta Italia). La scissione si è notata fisicamente nell’ultima stagione di Made in Sud, dove sono venuti a mancare alcuni componenti del cast storico.

Teatro Cilea Academy con Lello Arena e Nando Mormone

Così Francesco Cicchella, Antonio D’Ursi, Pasquale Palma e altri hanno seguito Alessandro Siani  soprattutto in progetti teatrali e cinematografici (con alterne fortune).

Gli altri sono rimasti nel gruppo di Nando Mormone che si è avvalso di un ingresso di grande peso, quello appunto di Lello Arena diventatone oramai vero e proprio direttore artistico.

Il centro creativo dei progetti mormoniani è diventato il Teatro Cilea,  struttura che in senso lato ha sostituito il glorioso Teatro Tam. Continua a leggere

Made in Sud e la rivincita mormonica…

30 Mar

Made in Sud del 29 marzo 2016 ha totalizzato un buon 2.144.000 spettatori e uno share del 10,03%. Per chi volesse sapere cosa è successo, qui il live su Tv Blog a cura di Alberto Graziola.  Da notare la robusta presenza di comici provenienti da Il Boss dei Comici: Rosaria Miele, il trio D’Italia, Rosa e Rossella, Rossana Colace – Trischa, Tommy Terrafino il vegano, mentre in altre puntate si sono visti i 4 Gusti, Fabrizio Brignolo e… (forse qualcuno è sfuggito). A tal proposito, si può osservare come un prodotto figlio di Made in Sud e della gestione del top manager Nando Mormone, stia ottenendo dei risultati inaspettati. Stiamo parlando di Vita Cuore Battito il film che vede protagonisti Gli Arteteca (Monica Lima ed Enzo Iuppariello) nel ruolo dei tamarri:

la locandina di Vita Cuore Battito (da lagazzettadellospettacolo.it)

la locandina di Vita Cuore Battito (da lagazzettadellospettacolo.it)

 Il film, pur essendo prodotto in modo indipendente dalla Tunnel Produzioni, fin dall’uscita si è piazzato ai primi posti del box office, chiudendo il secondo weekend di programmazione con la ragguardevole cifra raggiunta di 1.037.827 euro (nella classifica di ieri, martedì 29 marzo era ancora al quinto posto). E’ la rivincita creativa di Nando Mormone, artefice anche della sceneggiatura, dopo il flop de Il Boss dei Comici. Tra gli interpreti anche Francesco Cicchella, Pasquale Palma, Maria Bolignano (che salutiamo), Salvatore Misticone. Regia di Sergio Colabona (regista anche di Made in Sud)

Che un film tormentone possa avere un certo successo, è una sorpresa, l’ultimo tentativo forse è stato Ti Stimo Fratello di Giovanni Vernia. Altrove sarebbe improponibile, ancora possibile a Napoli dove il cabaret vive una situazione per certi casi di pre crisi. Intanto si appresta Troppo Napoletano, il film coprodotto da Alessandro Siani, con Gigi e Ross.

Ananas Blog (Throw down like a barricade)

un “brava” a Maria Bolignano

17 Dic
una posa plastica di Maria Bolignano

una posa plastica di Maria Bolignano

il 15 e il 16 dicembre 2015 è andata in onda su Rai 2, in seconda serata (cominciata alle 23, una rarità), la sitcom live Fatti Unici, prodotta dalla Tunnel, l’agenzia di Made in Sud. Maria Bolignano dirige un commissariato, ha una storia segreta con un collega, Paolo Caiazzo e un fratello ai domiciliari (Ciro Ceruti). Format di Nando Mormone, scritto con Lello Arena, Ciro Ceruti, Paolo Caiazzo, Maria Bolignano, Francesco Albanese. Tra i protagonisti anche Floriana De Martino (che salutiamo), Giorgio Melazzi e Simone Gallo. La sitcom è come ce la si aspettava: sgarrupata nella struttura, piena di gag e di situazioni che non ci azzeccano l’una con l’altra. Si è salvata, però, da un bagno di sangue di ascolti: il 15 dicembre ha totalizzato: 789.000 spettatori e uno share del 5,18%; il 16 dicembre: 824.000 spettatori e uno share del 5,19%.

In tutto ciò, in un format dove tutto è sgarrupato, non c’è struttura vera e propria e le gag partono alla rinfusa, emerge Maria Bolignano. Come attrice e come attrice comica è sempre sul pezzo. Non perde un colpo. Gioca di sponda con qualsiasi cosa succeda e lo fa in modo efficace. Si era visto che aveva un suo perché anche alla conduzione dello sfortunato Il Boss dei Comici. Qui ha dimostrato il suo valore anche in un contesto ambientale ostico, in cui sarebbe stato facile perdersi. Maria riesce comunque sempre ad azzeccare il tempo teatrale e quello comico, sia fronte alle situazioni spiazzanti, alle “quasi improvvisazioni” e alle situazioni più slapstick. Piaciuta molto. Merita di essere vista anche in altri progetti più importanti. Continua a leggere

a quando il cedimento strutturale di Made in Sud?

16 Nov
Scene così fino a quando?

Scene così fino a quando?

Questo articolo parla di “preveggenza”. Dato che ogni cosa umana ha un inizio, uno sviluppo e una fine, è facile prevedere anche la fine degli scalettoni comici televisivi di prima serata (leggi qui per saperne di più). Anche di quello che adesso sembra godere di maggiore salute, vale a dire Made in Sud.  L’evento è atteso con trepidazione da quelli che soffrono lo strapotere di Made in Sud (soprattutto a Napoli), è temuto da coloro che ne fanno parte (i cosiddetti Neo Mormonici). Un conto, però, è la “cancellazione dai palinsesti” un conto è il “cedimento strutturale”, vale a dire il punto di rottura dopo il quale comincia il declino. Quello di Zelig iniziò con la seconda stagione a conduzione Cortellesi/Bisio; quello di Colorado con la fine della gestione Vodani. Si può notare come quest’anno Colorado farà ben 21 puntate. Quindi tra punto di rottura e cancellazione possono passare anni e anni. In questo post ci concentreremo sui fattori che possono indurre il cedimento strutturale di Made in Sud, cioè il punto in cui giunti in coppa a o Vesuvio, non si farà altro che scendere: Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: