Tag Archives: Paolo Casiraghi

Provato per voi, Twitter e gli Influencer

20 Dic

Provato per voi, format condotto da Omar Fantini, Paolo Casiraghi, Gianluca Scintilla Fubelli, testato su Italia 1, ha ottenuto un deludente 5,37% di share. Eppure su Twitter ha generato un discreto traffico di commenti molto positivi, quasi un plebiscito (“parenti e amici di Fantini” direbbe il complottista di turno, ma non sembra NDR). Riusciranno a fare da Influencer e modificare in qualche modo le scelte della rete Mediaset?

Alcuni Tweet entusiast

Alcuni Tweet entusiasti

La trasmissione ha dei momenti divertenti, innegabilmente: Fantini che fa il modello di nudo, Scintilla che prova l’elettrostimolatore, eccetera, ma un grosso, gigantesco problema: Italia 1, che ha la necessità di avere delle prime serate d’intrattenimento che durino dalle 2 alle 3 ore. Provato per voi è un format da mezzora – un’ora, non di più. Tutte le trasmissioni in cui qualcuno se ne va  in giro a fare delle prove estreme, hanno quella durata lì.

Il resto (lo studio, gli ospiti, il cazzeggio) è un allungamento del brodo. Soprattutto su D-Max ci sono molti esempi simili: Lavori sporchi; Man vs Food; Bear Grylls (e in passato): Brutti sporchi e affamati; Bizzarre Foods; oppure su Rai 5: Scienziati alla prova. Lo studio e la trasformazione coatta in una prima serata aveva già affondato la sketch com italiana, coi risultati deboli degli Ale & Franz Show.

Questo è il problema più grosso.

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

Provato per voi, con Omar Fantini, su Italia 1

18 Dic

Provato per voi

Provato per voi

Questa sera su Italia 1, alle 21 circa, inizia la puntata pilota di Provato per Voi, con Omar Fantini, Gianluca Fubelli, Paolo Casiraghi. Interessante esperimento che se funzionasse potrebbe diventare una serie. (Leggi articolo su tv.fanpage).

“Provato per voi” su Italia 1 Questo il  titolo del nuovo programma che sarà condotto dal trio Paolo Casiraghi, Omar  Fantini e Gianluca Scintilla Fubelli. In studio – in occasione della puntata  speciale – ci saranno Andrea Pucci, il pugile Clemente Russo e la campionessa di  judo Rosalba Forciniti. Cosa combineranno i tre super-eroi? Faranno tutto quello  che la gente non ha il coraggio di fare, ovvero si sostituiranno ai  telespettatori, daranno prova del loro coraggio, o meglio realizzeranno i sogni  dei comuni mortali che si lasciano frenare da paura, titubanze e mancanza di  mezzi. Ecco da dove nasce il titolo: “Provato per voi”. Saranno Paolo,  Omar e Gianluca a provare per voi. Il format nasce da un’idea di Omar Fantini e  Andrea Boin e si prefigge lo scopo di essere uno show esplosivo, divertente,  innovativo e coinvolgente…”

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

la terza puntata di zelig (che è anche la 101)

28 Gen

 

baila guapa, canta, ma non imitar!

La terza puntata di Zelig ha registrato un buon 21,55% di share e 5.467.000 telespettatori (forse approfittando della non concorrenza di Pupo e Albano, ma perdendo un milione di capocce rispetto all’anno scorso). Era pure la numero 101 in generale (detta anche “101 modi di banalizzare la comicità”). Comunque, esaurito l’effetto celebrativo, questa puntata era proiettata verso il futuro. Vediamo cosa è successo (ospite d’onore l’Avatar di Gino Vignali in rosso):

Parte l’ennesimo Demasiado Corazon… Dopo neanche un minuto scatta la promozione al film Benvenuti al Nord… Gianluca De Angelis intercettazioni, Maurizio Lastrico con le terzine (dopo neanche un minuto scatta la metafora della diarrea, del sedere, dei maroni, del mal di pancia), Kalabrugovic (interminabile), Gioele Dix che raschia un po’ il fondo del barile (differenza tra auto di oggi e di una volta, sottraendo repertorio a Enrico Bertolino).

Salve, sono il Gino Vignali: avete visto che inizio? Ci abbiamo messo tutti i pezzi più di qualità che abbiamo, più quelli surreali milanesi, così non ci accusano di essere banali, avete capito?

Rocco Ciarmoli messo in panchina dopo l’orrida chiusa col doppio senso della patata? Bah… SIMONE BARBATO: che fa 30 secondi su 6 minuti, gli altri sono di ammiccamenti da parte di Bisio (sono una coppia ormai), conferenza stampa coi Boiler (bizzarro omaggio a Matteo Monforte), Paolo Labati a schiaffo, Noir con Ale e Franz (quando sembra finito, dura ancora, tipo Quarter to three fatto live da Bruce Springsteen), Paola Cortellesi viene scongelata per cantare Gallipoli, un omaggio in stile Giorgia alla città salentina. Fa vedere che è brava. Stop.

Scusate ancora, sono sempre il Gino Vignali: avete visto che colpo il Paolino Jannacci? Suo padre parlò male di Zelig e noi ci abbiamo assunto il figlio, così abbiamo fatto la figura dei signori e gli è pure passata la voglia di criticare (adesso aspettiamo che la figlia dell’Incontrada sia in età da lavoro…)

Giuseppe Giacobazzi col classicone del monologo sulle pubblicità, Bisio e Cortellesi accennano al famosissimo “testa spalla” di Don Lurio e Lola Falana (Paola ha ancora velleità di show girl, gliele spegneranno a poco a poco). Nuzzo e Di Biase, Claudio e Paola col pezzo simil teatrale, simil Gaber, simil tv in bianco e nero, ma conclusa con un rutto. Gene Gnocchi timbra il cartellino col suo simil Maurizio Milani, allora perché non usare l’originale? Perché Milani ha criticato Gino e Michele?

Sono il Gino, intervengo per smentire: il Maurizio Milani non lo chiamiamo perché c’ha l’aria trasandata, che a Mediaset porta male. Se sei di sinistra, almeno vestiti bene, due disgrazie in una volta non sono accettabili!

Mr Forest, noooooo (scusate). Battuta verità: “Paola si ispira a Belen” (in effetti la conduzione è simile, se Belen migliora nel canto non si nota la differenza). Senso D’oppio. Marco Marzocca filippino, lo fa controvoglia e l’ha pure dichiarato in un’intervista (tra l’altro una volta usciva a un’ora meno tarda). Bisio fa da spalla sgranando gli occhioni almeno una ventina di volte. Lella Costa (che si alternerà a Debora Villa) sperduta in quella scenografia rutilante e poco convinta nel suo monologo sulle donne belle (già sentito).

Bisio e Cortellesi salutano i 60 anni della scuola d’arte drammatica Paolo Grassi… Ma la Cortellesi lo sa che Zelig ha appena “impiantato” delle “false scuole di recitazione” in tutta Italia? Chiude manuel Chuparosa alias Paolo Casiraghi, che alla fine lo prende sempre in quel posto da un gay. L’ultimo blocco ce lo risparmiamo.

Pezzo migliore della serata: Nuzzo e Di Biase.

Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

 

la sesta puntata di Zelig Off

5 Dic

la sesta di Zelig Off

Ieri sera è andata in onda la sesta puntata di Zelig Off, la trasmissione che scatena più emotività di tutte le altre (forse per l’elevatissimo tasso di “cetriolo” che le ruota attorno). E’ un po’ come una finanziaria delle aspettative deluse (per restare in tema) in cui l’età televisionabile si allunga a dismisura o viene tagliata arbitrariamente.

Vediamo i contenuti della puntata: Gianluca De Angelis con le intercettazioni (a schiaffo), dirà una battuta sulla Gelmini (quando hanno registrato era ancora ministro, come vola il tempo…). Massimo Bagnato ripropone lo sketch già fatto in prima serata, arricchendolo al massimo di trovate surreali…

… Chi pensa che stia raschiando il fondo del barile per “convincere” Gino alzi il mouse… Chi pensa che lo stiano tenendo sulla corda con la promessa di un’altra prima serata alzi il mouse… Mi sto facendo prendere dall’animazione? (Alzo il mouse).

Un giovane a schiaffo (ma non viene detto il nome). Stupisce la mancanza di convinzione con cui vengono fatti gli interventi a schiaffo (energia zero). Rocco Ciarmoli se li è mangiati tutti… Bear Teddy… Teresa Mannino festeggia la battuta numero 100 sul fatto che è piatta (ben lontana dalla millesima di Bisio anziano/pelato).

I Pali e Dispari (Capsula e Nucleo 15 anni dopo?) Marco Silvestri parla come Franco Gatti, il nasone dei Ricchi e Poveri. Battuta 101 di Teresa Mannino sul fatto che è piatta (serializzazione, che domini su tutto…), torna, da l’anno scorso, Annalisa Agliotti moglie modello, poi Francesco Damiano con Gianlorenzo… Peccato per la mamma che ogni volta fa sesso con un extracomunitario diverso, un po’ di cattivo gusto (serializzazione, che domini su tutto…)

Hansel e Prezler con l’orologio visual, Armando l’amico di Federico (per fortuna c’è una fuga di notizie e viene detto il nome: Roberto Carnevale, forse i conduttori verranno multati per aver rotto il silenzio sui nomi degli esordienti). Poi un esordio clamoroso: Paolo Casiraghi (la popolarissima Suor Nausica di Colorado) con lo spagnolo Manuel Chuparosa de la Pierna.

 E uno si chiede: ma i motivi della sua assenza da Colorado? Non ha senso rinunciare a un personaggio fortissimo in prima serata per un’oscura apparizione a Zelig Off… Boh…  (lettori, servono retroscena! C’è un “complotto” dietro?). Chiude Andrea Di Marco (e qui si va sul sicuro).

Pezzo migliore della serata: Francesco Damiano.

L’amministratore di Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

 

una curiosità 2: ma nel cast di Colorado… ?

25 Ott

Della serie: curiosity killed the bloggers

Paolo Casiraghi
Quello che stupisce nella presente edizione di Colorado è la macanza di 2 travi portanti delle passate edizioni: Omar Fantini e Paolo Casiraghi (la popolarissima Suor Nausicaa). Le cronache di inizio stagione davano la Colorado Film in preda alla disperazione per la scarsa qualità del cast. Allora perché privarsi di 2 pezzi pregiati?

Certo, lo sketch di Suor Nausicaa era un po’ bollito, ma neanche troppo rispetto ad altri. Sulla pagina Facebook di Paolo Casiraghi c’è stata una specie di rivolta dei fan (col protagonista che si limta a mettere un “mi piace” segno solito di “protesta gentile”). Lo stesso ha frequentato il rinomato Laboratorio Artistico Zelig col personaggio di Manuel Garcia Chuparosa de la Pierna.

Insomma, in mancanza di dati certi la mente vaca (come ha cantato Andrea Mingardi) e sforna le sue congetture:

a) pausa di riflessione… b) altre vie che vengono intraprese, scelte professionali diverse… c) epurazione bergamasca… d) ritorsione per aver portato Ridi’n’Bergamo su Comedy Central… e) rapimento alieni… f) i templari (che c’entrano sempre)… g) “dai che ti prendiamo a Zelig Off, però non devi andare da nessuna altra parte… Ops non sei ancora pronto” (questa è l’ipotesi peggiore).

Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: