Tag Archives: premi

Manuelita Vella vincente a RidenDro (concorso virtuoso)

31 Ago
Foto: Mosna Natascia G.

Manuelita Vella, che sul blog ha pubblicato un’importante testimonianza critica nei confronti degli Zelig Lab (leggi articolo 1 e articolo 2) questa estate si è aggiudicata un premio al concorso RidenDro & ScherzanDro, gara tra barzellettieri organizzata dal grande Lucio Gardin in quel di Dro, in provincia di Trento.

La serata finale si è svolta il 17 luglio, tra gli ospiti precedenti i Fichi d’India e Pino e gli Anticorpi, conduzione di Nina Senicar. La coincidenza è che Manuelita Vella ha vinto un premio in denaro di 1.000 euro (per il secondo posto), la stessa cifra vinta da Ruben Marosha trionfando a Riso fa buon sangue (vedi post precedente).

Insomma, per l’ennesima volta è stato smentito il teorema “chi critica il sistema è sfigato”. Bravi ragazzi, vi vogliamo così: critici, indignati e vincenti!!! 😉

RidenDro merita un elogio come concorso virtuoso: rimborsi spese a tutti i partecipanti, premi in denaro ai primi 3 classificati, organizzatore che conosce bene il territorio e il mestiere di comico (Lucio Gardin), clima rilassato e attenzione verso gli artisti (e, cosa sana, nessuno snobismo verso una forma popolare come la barzelletta).

Insomma, quando i budget ci sono è possibile remunerare i cabarettisti, basta volerlo (invece l’ampiezza del patrimonio, spesso, è inversamente proporzionale alla lunghezza del braccio).

Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

 

Considerazioni sui concorsi

30 Giu
Claudio Masiero ci manda qualcosa sui concorsi, tema che andrebbe approfondito. Sarebbe bello ripercorrere per esempio  l’epopea di Bravo Grazie, oppure raccontare quella zona di confine non così decisiva come lo è la tv, ma che lascia  perplessi i comici, a volte a ragione, altre volte no, ma che contribuisce comunque ad “assorbire” l’idea di precarietà e di decisioni che “piovono dall’alto”.

Vincere un concorso di cabaret è un biglietto da visita.
I concorsi sono un buon trampolino di lancio per poter avere serate in quel comune o regione dove si svolgono, e poi se vinci un concorso di cabaret, il tuo nome gira, acquisti una certa popolarità nell’ambiente tra gli artisti e gli operatori del settore.
Ce ne sono di varie forme e regole anche a scontro diretto, certo è che se vi si partecipa bisogna stare alle regole del concorso, che sono insindacabili.
Non me la sento di stilare una classifica di quale sia il migliore o il peggiore, quale sia la forma migliore per giudicare o per designare il vincitore.
Dico questo in quanto ogni forma per poter designare il vincitore di un concorso, ha in sé una controindicazione.
Bisognerebbe avere un po’ d’esperienza a garantire un minimo di professionalità, prima di chiedere di partecipare ad un concorso (ma anche ai laboratori aggiungerei)
Una scuola di teatro con una sua compagnia, potrebbe essere un buon inizio.
Tre anni a studiare e poi ci si prova.
Ricordatevi che il palco ha una sua sacralità e va rispettata, non tutti ne sono degni… anche se di questi tempi non lo sembra proprio.
Sarebbe auspicabile, a mio avviso, mettere i comici in condizione di apprendere o di comprendere cosa devono fare per migliorare o fargli capire quali siano anche i loro errori sul palco per migliorare il loro essere artista.
Mi state dando del sognatore, vero?
Sì, sogno…
Sogno un concorso a “buca dichiarata”.
Sogno che il comico dichiari quello che andrà a fare sul palco
Sogno che il comico sia giudicato se ha mantenuto la promessa.
Sogno giudici operatori del settore e comici illustri senza vincoli di agenzia.
Sogno un concorso ove i finalisti vincano in quanto finalisti e non solo il primo arrivato.
Sogno un concorso ove si spartiscano la vittoria in parti uguali, anche il premio in danaro.
Sogno un concorso ove, su carta pergamena ti arrivi il responso critico e tu decida cosa farne.
Attenzione prima di partecipare ad un concorso leggere bene le indicazioni e le modalità d’uso, onde evitare esperienze spiacevoli.
Se aderite alla partecipazione, vivetelo e divertitevi.
A mio avviso i backstage e i viaggi in compagnia sono la parte più bella.
Il bello di raggiungere una meta … è il viaggio.

Claudio Masiero

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: