Tag Archives: Stand up comedian

Una nuova stagione stand up (prima parte)

20 Set

ardegna

Un microfono

dal sito di immagini gratuite https://pixabay.com/

La stagione che si è appena conclusa ha visto un consolidamento del fenomeno stand up in Italia, ed è stata di sicuro una svolta per certi versi inaspettata. Le serate e i luoghi si sono moltiplicati (grazie anche all’azione di Stand Up Comedy Italia, leggi qui). Così come il numero di giovani che ha iniziato a salire sul palco solo con una luce e un microfono. Certo, siamo agli albori, è tutto ancora principalmente open mic, ma il movimento ha la sua vitalità che fa sperare per il futuro. Vediamo di anticipare cosa bolle in pentola:

Bologna ha visto un’intera stagione al BrewDog, locale palestra zeppo di universitari (attirando comedian dalle Marche, dalla Lombardia, e perfino da Berlino, in sinergia tra Stand up Comedy Italia e Riccardo Cantoni) e l’attività della factory Renato Tabacchi, guidata da Bob Ferrari che esordisce il 20 settembre (oggi) presso il Leggere Strutture con lo spettacolo di Max Guidetti. La novità di quest’anno è che si lavorerà sugli spettacoli singoli, (dopo Guidetti, Bob Ferrari, Silvio Perfetti, Ubba, Rossella Cabiddu, Riccardo Cantoni), piuttosto che sulla formula open mic, che verrà riproposta invece al Macondo, a partire dal 28 settembre. La Renato Tabacchi ha lavorato molto anche nell’estivo si segnalano per esempio le esibizioni al parco 11 settembre, sempre di Bologna.

Scendendo a Rimini, il 21 ottobre ripartono le serate al Circolo Milleluci, dopo la riuscita della passata stagione. Anche Rimini ha visto un’attività intensa, arrivando perfino a lambire le serate nei luoghi dedicati alla musica brasiliana. C’è stato un lavoro creativo che ha sconfinato nel teatro, sull’asse Alessandro Ciacci (autore di The Gag in on the Table) e Raymond Solfanelli. Risalendo abbiamo Piacenza, il 13 ottobre inizia la stagione stand up, di cui è artefice il giovane Valerio Airò, presso il Baciccia Cafè.

A Palermo si segnala la rassegna “School of Comedy” a cura di Stand Up Comedy Sicilia, che vedrà alternarsi comedian consolidati come Pietro Sparacino, Clara Campi, Giorgio Magri, Michela Giraud, ad altri più emergenti come Sofia Gottardi e Andrea Saleri.

E Milano? Dal 13 settembre sono riprese le serate open mic del gruppo Melamarcia Comedy, presso La Dogana (via Dogana 2), e riprendono (a breve) le esibizioni stand up organizzate dal grande Dado Tedeschi presso il B-Floor di Milano, Lo stesso Dado curerà una rassegna presso  il JOY, in zona Lambrate, al lunedì. Sono attese altre realtà in partenza, vediamo e vediamo cosa si muove nel resto d’Italia… (Fine prima parte)

Ananas Blog

Annunci

Made in Sud incontra Satiriasi (su Rai 2?)

14 Set

l'incontro di Teano

Giuseppe Giardina incontra Vittorio Emanuele GigieRoss

La notizia arriva da un’intervista video a Gigi e Ross (conduttori di Made in Sud e non solo) rilasciata a DavideMaggio.it (leggi qui). Si sa che i due condurranno Sbandati, il nuovo format di seconda serata di Rai 2 (che prima era stato offerto a Teo Mammuccari) che dovrebbe essere un talk comico satirico sulla televisione. Nell’intervista, Gigi e Ross si sono lasciati sfuggire una gustosa anticipazione:

R: Si parla di tv in un modo dissacrante, divertente.

G: Ci saranno anche i romani di Satiriasi, Filippo Giardina, Velia Lalli, insomma tanti ospiti.

Insomma, lasciata cadere così, vantandosi un po’ en passant, non è davvero una cosa da poco. Filippo Giardina (soprattutto) è il fondatore di Satiriasi, la realtà che ha sdoganato la stand up comedy anglosassone in Italia. E’ soprattutto il teorico della fine del cabaret televisivo in Italia, il cui bersaglio è stato anche ciò che è rappresentato da Zelig, Colorado, Made in Sud, i grandi scalettoni di prima serata. In attesa di comunicati ufficiali non è dato sapere quale sarà l’eventuale ruolo di Filippo Giardina e anche di Velia Lalli.

Ovvio, Gigi e Ross non sono Made in Sud, una seconda serata non è uno scalettone di prima serata, però si tratta di un connubio sicuramente inusuale, una specie di incontro di Teano cabarettistico. Dopo tutto anche un fervente repubblicano come Giuseppe Garibaldi incontrò il Re Vittorio Emanuele II e poi… beh, com’è andata a finire già si sa…

Ananas Blog

Clamoroso! La stand up in prima serata su Rai 2 con Giorgio Montanini

25 Ago

La notizia è ancora ufficiosa, ma circola da giorni nei corridoi televisivi, quindi si può dare per certa. Il tutto è all’interno di un importante cambiamento nei prossimi palinsesti televisivi. Molto infatti si è parlato del passaggio alla Rai dell’inviato storico de Le Iene,  Enrico Lucci che farà parte della trasmissione NEMO, il nuovo programma di informazione di prima serata di Rai 2 (leggi qui post su Davide Maggio) che è una delle novità principali della nuova stagione:  

Enrico Lucci

Enrico Lucci (immagine da Davide Maggio)

“…il nuovo programma di inchieste di Rai2 ideato da un altro nome allievo di Davide Parenti, Alessandro Sortino. Il programma spedirà i suoi inviati per l’Italia e per il mondo a caccia di storie fuori dall’ordinario…”

La news che ci riguarda è che a far parte integrante e presenza fissa del cast sarà Giorgio Montanini. Ovviamente si immagina, come minimo, con dei monologhi stand up. L’evento è uno di quelli che segnano una novità importante, quasi epocale. La stand up di tipo anglosassone (quindi quella che non parla di suocere, traffico, fidanzate rompicoglioni, voli low cost e Ikea) sdoganata in Italia dal gruppo di Satiriasi fondato da Filippo Giardina, era sempre rimasta relegata alla seconda serata, anche su Comedy Central (o con esperimenti non riusciti come #Aggratis).

Giorgio Montanini

Giorgio Montanini a Nemico Pubblico terza stagione

Nemico Pubblico è quasi sempre iniziata a orari impossibili, in estate, laddove anche facendo un buon risultato di share ti seguono in 3/400 mila (per carità, buttali via…). E’ vero che lo stesso Montanini fece due aperture a Ballarò, ma qui si tratterebbe di andare in onda per un’intera stagione, dall’autunno fino a primavera inoltrata e in prima serata, con una visibilità infinitamente superiore.

Il vantaggio potrebbe essere di lasciar perdere le parolacce, autentica fobia per la censura tv ed “equivoco principale” di chi critica la stand up, di concentrarsi sui concetti e sui paradossi (che, a dire il vero, sono quelli più trasgressivi) dovendo poi marcare stretto ciò che succede sull’attualità in Italia e nel mondo. Come potete constatare, adesso che lo sapete, la notizia è notevole ed è di quelle che potrebbero costituire un punto di svolta.

Suggerirei a questo punto di non personalizzare la cosa (su Montanini) e di prenderla, invece, come un salto di qualità per l’intero movimento stand up italiano, come qualcosa che stimoli a creare nuove opportunità. Che sia d’esempio a ognuno per osare, lavorare duro e realizzare cose interessanti, a fronte di un mondo cabarettistico televisivo oramai in crisi profonda di contenuti e di credibilità.

Ananas Blog

Giorgio Montanini dal vivo: recensione

14 Lug
Montanini on stage di fronte al mare di Portonovo (Ancona)

Montanini on stage di fronte al mare di Portonovo (Ancona)

Dal fatto che un comico devi vederlo dal vivo, perché la tv non rende la realtà, nasce l’idea di recensire “Per quello che vale” il nuovo spettacolo di Giorgio Montanini,  tra l’altro in una situazione “da battaglia” di fronte al mare (a Portonovo, Spiaggiabonetti, nella Riviera del Conero). Anche se, come vedremo, la situazione non era così da battaglia. Tranquillizziamo anche chi teme un futuro  tra gli scaffali di un supermercato, visto che Montanini ha un pubblico affezionato che lo segue (i selfie, i complimenti, i fan dichiarati, la gente che ha invaso il locale nonostante la poca promozione).  Inoltre il pubblico era composto in larga parte da giovani. Questi sono due segnali che promettono molto bene per il futuro e allontanano il facchinaggio o il cambiare mestiere.

La situazione era meno da battaglia del previsto, dato che tutti, anche quelli seduti per terra, quelli in piedi in fondo che non vedevano quasi il palco, erano lì per ascoltare, ridere e applaudire, con pochissima distrazione. “Per quello che vale” è uno spettacolo i cui pezzi sono passati in parte da Nemico Pubblico, ovvio che dal vivo sia un’altra musica. La formula è quella del raccontare attraverso il paradosso e, da lì, far ridere, passare a riflessioni più serie, all’invettiva, alla battuta e all’aggancio per altri paradossi. L’errore può essere quello di aspettarsi chissà quale rivelazione sconvolgente, mentre lo show va apprezzato più per il “modo” e lo “stile”. Non ci troviamo di fronte a un predicatore o un filosofo ma di fronte a un comico. Continua a leggere

Nemico Pubblico la puntata del 3 luglio

5 Lug

Giorgio Montanini

Domenica 3 luglio su Rai 3 in seconda serata c’è stata la terza puntata di Nemico Pubblico (399.000 spettatori e il 3.96% di share) con Giorgio Montanini a cui è legato un fenomeno strano: alcuni commentatori del blog (che riflettono probabilmente un sentimento diffuso) lo ricoprono di insulti. La cosa è talmente esagerata che rischia di sortire l’effetto opposto. Il nucleo di tutto è il negazionismo, lo sparare a zero su Montanini che, può anche non piacere, ma qualcosa di importante è innegabile stia facendo. E’ possibile che tutto questo nervosismo sia un indice della crisi del cabaret tv, reduce dall’esperienza umiliante di Eccezionale Veramente e triturata dall’attesa di cosa decideranno quelli di Colorado. La negazione di Montanini servirebbe a dire che siamo tutti nella stessa barca fatiscente e che non ci sono vie d’uscita.

Apertura a Francesco Capodaglio. Montanini che ha incontrato un prete senza vocazione. Sei un prete, nun magnà, sei obeso, fai un sacrificio. Invece per servire Dio: non scopa. Candid Camera col barbone rovinato dalle banche. Montanini: ogni volta che vedo un barbone in strada, lascio sempre dei soldi. Lascio solo due euro, dovrei dare 100 euro al giorno, sarebbero soldi sottratti al gioco d’azzardo, droga, puttane. Sitcom Reparto maternità (con Francesco de Carlo e Daniele Fabbri): il figlio che potrebbe essere gay, arriva il Papa in visita. Montanini limona a bocca aperta una 18enne! Ospite Francesco Montanari (il libanese) Romanzo Criminale è stato venduto in tutto il mondo. Come mai I Cesaroni non va in Francia? Un attore scarso che odi? (Montanini suggerisce Raul Bova).  Contro ospite Graziano Scarabicchi. Musical coi Bugiardini: mi hai accoltellato il cuore. Francesco de Carlo si innamora di un’assassina di quelle famose in tv. Monologo conclusivo. Se il prete fosse umile, quando ti confessi ti direbbe: io non so niente, sono stato solo in seminario. Ma come tutti quelli in divisa si monta la testa. Come l’ausiliario del traffico.

Ananas Blog

Stand Up Comedy la terza stagione su Comedy Central

9 Mag
Il cast della terza stagione (ci sarà la guest di Giorgio Montanini)

Il cast della terza stagione (ci sarà anche la guest di Giorgio Montanini)

L’appuntamento è per questa sera, lunedì 9 maggio, ore 23.10 su Comedy Central, canale 124 di Sky. Al via la terza stagione di Stand Up Comedy. “Lo show late night che mette a nudo i temi più scottanti che la tv non osa trattare: sesso, droga e religione.” Ovvio, rigorosamente vietato ai minori. Il cast è quello mutuato dal gruppo Satiriasi: “Filippo Giardina, Saverio Raimondo, Francesco De Carlo, Mauro Fratini, Pietro Sparacino, Velia Lalli e la partecipazione speciale di Giorgio Montanini.” Giorgio Montanini, infatti, è duramente impegnato nella realizzazione della terza stagione di Nemico Pubblico, che andrà in onda a giugno su Rai 3.

E cogliamo l’occasione per un ricordo personale: era febbraio di due anni fa, un autore comico televisivo che setacciava l’Italia alla ricerca di buffi personaggini pieni di tormentoni, mi appoggiò una mano  su una spalla e, con un tono paterno come se parlasse a un bambino indietro negli studi, mi disse: “La stand up comedy non andrà mai in televisione, rassegnati”. Dopo poco arrivò la notizia della prima stagione di Stand Up Comedy su Comedy Central. Intanto i personaggini stavano iniziando lentamente a morire. 

Scendere a Roma e assistere alle registrazioni è stata un’emozione forte. C’era un clima euforico e la rivoluzione era nell’aria. Rivoluzione che iniziava allora e che, con tutte le difficoltà di ogni cambiamento, non si è mai fermata.

Ananas Blog (Throw down like a barricade)

PS Qui un’intervista video a Filippo Giardina (del settembre 2015) e qui la svolta live di Giorgio Montanini.

La Stand up Comedy sbarca a Venezia

26 Apr

prossimamente-590x280

Sarà Filippo Giardina, col suo celebrato “Contumelie” ad aprire la rassegna di stand up comedy presso il Teatro a L’Avogaria di Venezia (Dorsoduro 1607, Corte Zappa). E’ la prima volta che questa forma di comicità sbarca nella città lagunare, anche se poi ci sarà qualcuno che salterà fuori dicendo: Marco Polo faceva stand up già 800 anni fa! Comunque l’esordio con Giardina è proprio questa sera, 26 aprile, alle ore 21 e sono previsti 4 appuntamenti, con un totale di 7 comedian, gli altri saranno: Francesco Frascà, Stefano Rapone, Daniele Tinti, Edoardo Ferrario, Luca Ravenna e Daniele Fabbri. Tutte le serate saranno presentate da Nicolò Falcone.

Martedí 10 maggio è la volta di Tre comici discretamente divertenti, i romani Francesco Frascà, Stefano Rapone e Daniele Tinti. Sabato 21 maggio l’appuntamento prosegue con Edoardo Ferrario Live e Luca Live Show Ravenna. Appuntamento conclusivo, il 7 giugno, con Daniele Fabbri e il suo monologo Il timido Anticristo. La rassegna è organizzata da Nicolò Falcone coadiuvato da Maddalena Pugliese.

L’Associazione Teatro a l’Avogaria, nasce nel 1969 dalla passione e dalla tenacia di Giovanni Poli, già fondatore del Teatro Universitario Cà Foscari di Venezia, e dagli esordi si pone come laboratorio di ricerca che coniuga un metodo d’improvvisazione teatrale tra la Commedia dell’Arte e le Teorie dell’Avanguardia.

Gli spettacoli, tutti alle ore 21.00, su prenotazione telefonica ai numeri 0410991967-335372889, avogaria@gmail.com    

 Ananas Blog (Throw down like a barricade)

Una prima serata stand up a Bologna (residuo fisso)

11 Mar
La Locandina

La Locandina provvisoria

Il 19 e 20 novembre 2015 a Bologna si è tenuto un work shop sulla comicità stand up, tenuto da Filippo Giardina, fondatore di Satiriasi (leggi qui). L’esperienza è stata positiva e ha avuto una continuità come scrittura di pezzi nuovi e originali, tanto che il tutto avrà un suo esordio giovedì 31 marzo, sempre a Bologna,  presso Altro Spazio – via Nazario Sauro 24f (ingresso libero, per info 347 3276768). Definiamolo come un “saggio” dei Giardina Boys (autodefiniti “Residuo Fisso”). Scherzi a parte, Filippo si è dimostrato un ottimo tutor, preparato, determinato e pieno di passione.

Una sorpresa è che ci saranno poche parolacce (smentendo chi identifica spregiativamente la stand up con roba tipo sbo**a o pom**ni, inserita gratuitamente) poiché ognuno ha preso dal suo vissuto e forse non era un vissuto osceno 😉 Salvatore Petrucci descrive il suo rapporto di soggezione con le parole difficili e i caffè letterari; Fabio Dedioniggi (Dedio) racconta le sue esperienze vere di ragazzo non battezzato, Francesco Abbracciavento del suo difficile lavoro di agente immobiliare, sempre partendo da esperienze reali; Eloisa Macrì della sua parte maschile, che la spinge a essere un maschiaccio in un fisico da Barbie; Loris Talluto si è focalizzato sul suo passato di ragazzo magro e inappetente, prima delle grandi abbuffate alla mensa universitaria. Continua a leggere

Religo: visual e stand up secondo Carlo Della Santa

25 Gen

 

Religo, la locandina

Religo, la locandina

Carlo Della Santa è, tra le altre cose, uno dei massimi rappresentati della comicità visual (il mimo su una base sonora) in Italia. Oltre al cabaret e alla vendita di spettacoli, in questo periodo sta portando in scena lo spettacolo teatrale “Religo”. Il 30 gennaio 2016 sarà al Teatro di Vetro di Paolo Duranti.  Sarà poi a Marzo nella rassegna di teatro del Cicco Simonetta curata da Laura Pozone. C’è la collaborazione ai testi di Riccardo Piferi (che salutiamo) e sulla scena la presenza del fido Alessandro Mennuni.

Il progetto è interessante per diversi motivi. Intanto per l’interazione tra monologhi stand up e comicità visual, con puntate sul cabaret e sul teatro di narrazione, senza che una componente danneggi l’altra. Il tema è quello della satira sulla religione vista come la regia occulta del film che stiamo vivendo. Dopotutto certi passaggi della Bibbia non sembrano pari, pari al celebre “Io so’ io e voi non siete un cazzo” del Marchese del Grillo? Continua a leggere

Comici in… censurati e la stand up che sbarca in Calabria

13 Dic
La Locandina

La Locandina

Partiamo dalla serata del 5 dicembre 2015 e da uno spettacolo rigorosamente stand up, intitolato Comici In… Censurati, che si è svolto al teatro Morelli di Cosenza. Spettacolo di satira sui temi sia del sesso e della crisi, con protagonisti Francesco Arno, Sergio Silvestri, Alvin Tripodi, Vincenzo Comunale, Claudio Masiero e Romina La Mantia. Gli argomenti sono stati trattati in modo reale, a volte crudo, si è parlato tra l’altro di:

la crisi dei migranti vista da chi è un volontario, la riflessione su come  anche in periodi di crisi economica c’è chi ci rimette e chi ci guadagna, la visione della crisi sociale dovuta alla burocratizzazione della società, il sesso proposto in modo subliminale nei programmi televisivi, il ribaltamento dei luoghi comuni sulla semplicità di fare battute sulle donne, la sacralità del pene e della vagina e l’uso di un linguaggio autocensurato ogni qualvolta si parla degli organi genitali. Eccetera. Sempre privilegiando il punto di vista personale del comico. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: