Tag Archives: Talent Scout

Terenzio Traisci in finale a Italia’s got Talent!

4 Mar

il bravissimo comico Terenzio Traisci, è approdato alla finale di Italia’s Got Talent, il fortunato show del sabato sera di Canale 5 (ieri sera 6.460.000 telespettatori e il 28,34% di share). Ha superato la semifinale grazie al televoto e al giudizio decisivo della giuria.

Terenzio ha uno stile surreale e nel corso degli anni ha lavorato molto  nel tentativo di migliorarsi. Terenzio è, soprattutto, un comico vero. Perché? Per il semplice fatto che fa ridere, tanto, in qualsiasi circostanza si esibisca (che sia una serata di piazza, una registrazione tv, un laboratorio, un locale, un teatro). Inoltre riesce a prendere le risate sia dei bambini che del pubblico più adulto.

Queste doti sono state riconosciute facilmente e con immediatezza, sia dal pubblico da casa, sia da una giuria formata, tra l’altro, da un super professionista della conduzione come Gerry Scotti e da quella formidabile talent scout che è Maria de Filippi. Scotti, de Filippi e Rudy Zerbi hanno avuto parole molto lusinghiere nei suoi confronti.

Parallelamente, negli ultimi 8 anni, Terenzio Traisci si è speso molto per approdare a qualche possibilità televisiva di cabaret, frequentando laboratori e provini, ottenendo alcune puntate di Central Station (con Terenzio TV, lo stesso pezzo portato a IGT).

L’ottusa burocrazia autorale, in tanti anni, non è ancora riuscita a prendere una decisione su di lui, sottoponendolo alla solita trafila estenuante, il cui scopo sembra non di valorizzare il talento, ma di mortificarlo. Ecco, ci sono i “Talent Scout” e ci sono i “Talent Out”, categoria cui appartengono certi selezionatori…

Terenzio Traisci (vedi suo profilo su Facebook) alterna la professione di comico a quella di Trainer di Yoga della risata e di FormAttore Comico.

Bravo e in bocca al lupo per la finale!!!

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico)

L’inspiegabile caso di Carletto Bianchessi

1 Giu

Di Gat

 

Carlo Bianchessi

CARLO BIANCHESSI, ovvero l’energia dispiegata sul palco, l’abilità di aggredire il pubblico e di strappargli le famose risate di pancia, abilità che si manifesta e ottiene risultati anche nelle condizioni ambientali più difficili.

QUANDO si parla di lui, del fatto che non si è quasi mai visto in tv, ogni tanto qualcuno dei presenti dice che non si è rinnovato, che fa le solite cose da anni, eccetera. Succede sempre così: la colpa è del singolo, mai del sistema.
ALEGGIA talvolta la parola “ingestibile”. Cosa vuol dire? Siccome ci pagano (e talvolta anche bene) non dovrebbe spaventarci l’occasione di gestire un talento. Anzi sarebbe l’occasione per un “allenatore” di dimostrare che sa fare il suo mestiere.
ADESSO che in tv è passato di tutto, e che tante nuove proposte hanno una vita di un paio di anni (se va bene) oppure vivacchiano nelle retrovie, oppure cadono nel dimenticatoio; adesso che anche la “vecchia comicità” viene messa senza imbarazzi in prima serata; adesso che c’è un sacco di gente che sta al palcoscenico come Dracula sta all’aglio, pensiamo che la lontananza di Carletto Bianchessi dalla tv non abbia più motivo di esistere.
POSSIBILE che non ci sia un cavolo di talent scout che non riesca a trovare il modo di usare, al meglio, la sua energia esplosiva?
SI RIDE così poco in tv, in questi anni.
BIANCHESSI è un monologhista, e i monologhi sono stati sdoganati da un pezzo. Fa anche animazione sul pubblico, ma anche l’animazione è stata sdoganata: basta mettere una telecamera o due sul pubblico e il gioco è fatto.
BIANCHESSI fa troppo ridere? Non è televisivo? Non è televisivo far ridere? Ha troppa energia? L’energia in tv non funziona? La telecamera ha un filtro che trattiene la bravura e fa passare le “capacità scarse”? Domande senza riposta… 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: