Tag Archives: Teatro dell’Elfo

Questa sera la finale del premio Gianni Palladino

7 Giu
il grande Gianni Palladino

il grande Gianni Palladino

Questa sera, sabato 7 giugno 2014, al Teatro Elfo Puccini di Milano, si celebra la finale del Premio Comicità Gianni Palladino, dedicato alla memoria del grande attore comico e anche a un periodo che ruotò attorno al leggendario spettacolo teatrale “Comedians” e al conseguente film “Kamikazen – Ultima notte a Milano” (leggi articolo su Elfo.org).

Il premio nato dalla volontà di Giancarlo Bozzo insieme ad Alessio Tagliento premia i gruppi comici (con un minimo di 4) in un contesto ricco di simboli a partire dal teatro (luogo da cui nacque Comedians), fino alla giuria, composta dagli artefici di quella stagione (Gigio Alberti, Claudio Bisio, Antonio Catania, Elio De Capitani, Gino e Michele, Silvio Orlando, Paolo Rossi, Gabriele Salvatores, Renato Sarti, Bebo Storti). Qui l’elenco dei finalisti: Continua a leggere

il Premio Comicità Gianni Palladino

30 Gen
il logo del premio

il logo del premio

Zelig organizza il Premio di Comicità dedicato alla memoria di Gianni Palladino, importante figura storica di attore e comedian, a 5 anni dalla scomparsa (qui il link dove si può anche scaricare il bando di concorso). La figura di Gianni Palladino è legata ad alcuni progetti leggendari della scena milanese come “Comedians” che fu portata in scena nel 1985/86 su testo di Trevor Griffiths, dalla Compagnia del Teatro dell’Elfo, per la regia di Gabriele Salvatores (leggi qui dal sito di Claudio Bisio):

“E’ la storia di sei aspiranti comici che frequentano un corso serale tenuto da un vecchio attore, sei poveracci ciascuno con le proprie paure, le proprie delusioni, un proprio lavoro «normale» da cui spera di affrancarsi. Griffiths li coglie nel momento in cui l’impresario di una rete televisiva li sottopone a un esame di selezione.”… “il primo atto mostra la preparazione, il secondo i provini veri e propri, il terzo quanto accade dopo. Perché l’impresario è un antico nemico del comico che li ha istruiti, e i suoi gusti sono all’opposto: così, come nella vita, c’è chi tradisce gli insegnamenti del maestro per adattarsi alle circostanze, chi gli resta fedele anche a costo di vedersi scartato, chi vince e chi perde e chi non sa di avere vinto o perso.” Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: