Tag Archives: Tom Corradini

FISICO, il Festival del teatro fisico e comico ad Alba

8 Feb

E’ ai nastri di partenza La prima edizione di FISICO (Festival Internazionale del Teatro Fisico di Alba) che si svolgerà nella splendida città piemontese dal 14 al 16 febbraio 2020. (Qui il sito dell’evento). Il Festival è organizzato da Tom Corradini il quale, neanche tanto tempo fa, mi aveva parlato di questa sua aspirazione. Tom è stato di parola e il sogno è diventato realtà.

“Obiettivo del festival è la promozione del teatro fisico nelle sue varie forme mostrando spettacoli con nessuna, o limitata, interazione verbale che abbiano il potenziale di attrarre un pubblico internazionale.

Inoltre, il festival vuole essere un cento di ritrovo per programmatori e operatori professionali che abbiano un interesse specifico in spettacoli di teatro fisico.” 

Mauro Giorcelli

Mauro Giorcelli

In occasione del festival verrà istituito un premio speciale in onore di Mauro Giorcelli, l’indimenticato patron del Festival Nazionale del Cabaret di Torino, scomparso nel 2014.

Il premio andrà al miglior spettacolo comico.

FISICO non è focalizzato sul cabaret, però il teatro della fisicità e la clownerie hanno importanti sviluppi e interazioni col settore comico.

Inoltre Giorcelli, nel cui festival (fondato nel 1992) sono cresciuti tanto artisti poi diventati famosi, era un grande appassionato di teatro.  Continua a leggere

Tobuki, la Guida agli Spazi Teatrali 2019

20 Feb

La cover della Guida agli Spazi teatrali 2019

E’ uscita Tobuki la Guida agli Spazi Teatrali 2019 realizzata da Tom Corradini. Avevamo parlato della prima edizione della guida uscita l’anno scorso (leggi qui). In questa edizione non viene riportato nel titolo  la dicitura “Teatro Off”.  

“Cambiano formato  e contenuti, ma rimangono inalterate le sue finalità: essere un supporto per compagnie, operatori e professionisti del settore… Non solo più una guida esclusivamente dedicata ai cosiddetti teatri off , ma una pubblicazione più inclusiva, dedicata a tutti gli spazi teatrali interessati ad essere centri performativi aperti a nuove proposte di programmazione.”

Vediamo i contenuti della guida:

“140 spazi teatrali italiani e della Svizzera Italiana con contatti della direzione artistica, tipi di spettacoli ricercati, schede tecniche, costi di noleggio, opportunità di alloggio per le compagnie ospitate e tante altre informazioni utili per chi si occupa di distribuzione e produzione teatrale. L’edizione 2019 contiene anche un breve elenco di festival teatrali con contatti e informazioni sui periodi di iscrizione.”

“Il Formato Kindle della guida. Contiene le foto e link attivi degli spazi ed è possibile leggerla su qualsiasi dispositivo (ipad, computer, cellulare) grazie al software Kindle che Amazon mette gratuitamente a disposizione.” 

In parallelo c’è la nascita di un blog dal titolo omonimo: Tobuki – Teatro Senza Confini (vedi qui) “Un sito dedicato alla produzione teatrale e alle arti performative. Per vedere il mondo del teatro da dietro le quinte e per aiutare chi si occupa di teatro a livello professionale.” 

Punta molto sulla concretezza, è’ online da poco e merita tutto l’interesse suggerito da questo blog che, invece, sembra quasi ci sia da sempre 😉

Ananas Blog 

Tobuki, la puntata del 9.11 con recensione Ananas

10 Nov

Il 9 novembre è andata in onda un’altra puntata di Tobuki, il progetto radiofonico dedicato al teatro off. Tobuki è un format radiofonico web prodotto da Tom Corradini Teatro (vedi il sito) in onda ogni 2 settimane su radio MBun e in replica su SoundCloud Il format è dedicato ad artisti ed operatori teatrali con un occhio particolare per quanto succede in Piemonte.

Per la seconda volta Tobuki ha ospitato un podcast curato da Roberto Gavelli, amministratore di Ananas Blog e autore, in cui vengono recensiti artisti di suo gusto. Nella prima puntata si è parlato di Enrico Zambianchi (vedi qui la prima), in quella del 9 novembre la monografia è stata dedicata ad Alessandro Ciacci e Raymond Solfanelli, della new wave comica riminese (dal minuto 14): 

La puntata è anche visibile in durata leggermente più ridotta su Youtube:

Bene, chi sarà il prossimo a essere un “preferito” di Ananas?

Ananas Blog

Tobuki: la nuova stagione, le recensioni, la guida al teatro off

29 Set

Tom Corradini, Roberto Mazzone, Monica Carelli, Alex Curina, Veronica Brunetti

Giovedì 28 settembre (con una diretta su Facebook) è ripartita Tobuki – il teatro a Km zero (di cui avevamo parlato qui). Tobuki è un format radiofonico web prodotto da Tom Corradini Teatro (vedi il sito) in onda ogni 2 settimane su radio MBun e in replica su SoundCloud Il format è dedicato ad artisti ed operatori teatrali con un occhio particolare per quanto succede in Piemonte. Ogni 2 settimane Tom Corradini, Roberto Mazzone, e Monica Carelli intrattengono in maniera ironica e irriverente con le ultime news sul teatro off.

UNA NOVITA’ IMPORTANTE: Tobuki, ogni due, tre puntate ospiterà le recensioni audio di Roberto Gavelli, amministratore di Ananas Blog, con monografie di comici che meritano di essere raccontati, scoperti o approfonditi. Nella puntata in questione la recensione è dedicata a Enrico Zambianchi. Qui sotto la puntata intera, mentre il mio intervento è dal minuto 25.30:

Ci saranno altre recensioni su artisti che meritino e che abbiano avuto a che fare col teatro alternativo e, almeno una volta, con la città di Torino.

ALTRA NOVITA’ IMPORTANTE:

Tobuki si occupa di “teatro off” (tutta l’area che non riceve finanziamenti pubblici e vive staccando biglietti) e oltre al format radiofonico si trasformerà in guida cartacea.

Sempre sotto l’alto patrocinio, di Tom Corradini e Roberto Mazzone, è in preparazione la Guida ai Teatri Off e Spazi Teatrali che verrà distribuita anche attraverso Amazon.

Qui di fianco un’anteprima della copertina di una guida che si candida a diventare una vera e propria bibbia degli spazi e delle compagnie teatrali indipendenti.

Per contatti e segnalazioni anche solo per partecipare a una diretta radio: redazionetobuki@gmail.com

Ananas Blog

Tobuki, il format radiofonico di informazione sul teatro off

24 Mar

Nella foto (da sinistra a destra): Roberto Mazzone, Tom Corradini, e un ospite di una puntata Raffaella Tomellini, attrice teatrale.

Torino si sta affermando come capitale del cosiddetto “teatro off” (tutta l’area che non riceve finanziamenti pubblici e vive staccando biglietti). In questa direzione va Tobuki che è un format  radiofonico sul teatro a Km Zero. In onda al giovedì dalle 19 alle 20 con cadenza bisettimanale su Radio MacBun coi podcast che vengono postati sulla piattaforma SoundCloud. Tobuki è ideato e condotto da Tom Corradini (vedi sito) attore e produttore teatrale e da Roberto Mazzone (critico teatrale).

L’ obiettivo è di promuovere gli artisti “emergenti e non” che operano in Piemonte (e quindi anche provenienti da altre regioni qualora si esibiscano a Torino o zone limitrofe) e, soprattutto, gli spazi off disseminati in tutta Italia e che spesso hanno l’esigenza di reperire spettacoli di qualità per il loro pubblico. Ogni puntata ospita un artista o un personaggio legato al mondo della produzione teatrale e anche ospiti esterni. L’obiettivo è quello di fare “rete” e mettere in contatto artisti, spazi teatrali e pubblico. Non manca anche una sezione dedicata ai grandi eventi e al cosiddetto TEATRO IN curata da Roberto Mazzone. Per gli artisti che vogliono partecipare al programma o per pubblicizzare il proprio spazio off si può scrivere alla redazione di Tobuki al seguente indirizzo email: redazionetobuki@gmail.com

Proprio nella puntata del 23 marzo ho partecipato in quanto autore di Paranoie Comiche (vedi qui) lo spettacolo teatrale sulla crisi del cabaret televisivo nato anche dall’esperienza di questo blog che, recentemente, è passato da Torino presso l’Atelier Teatro Fisico. Paranoie Comiche è scritto da Roberto Gavelli, l’interprete è Stefania Carcupino, la regia è di Davide Colavini. L’occasione radiofonica è servita anche a riflettere sui temi di: successo, notorietà, sfruttamento, stron***gine produttiva. La puntata per chi volesse ascoltarla è postata anche qui sotto.

Ananas Blog

Tom Corradini e la StrunzBank: l’economia spiegata da un comico

28 Set
La locandina di StrunzBank

La locandina di StrunzBank

Tom Corradini è un attore e autore di teatro-comico e clown (qui il sito). Scrive e interpreta spettacoli in italiano e in inglese (è bilingue) per la maggior parte solisti. Attualmente ne ha in repertorio cinque tra cui uno spettacolo comico, dove interpreta Benito Mussolini, dal titolo: “Gran Consiglio (Mussolini)”.

Tra le altre cose si occupa di divulgazione economica e qui il discorso si fa interessante. Come forse si sa, la macroeconomia è connessa alla comicità più di quanto si pensi. Corradini ha il merito di trattare temi di stretta attualità economica… e il demerito di essere un simpatizzante di quel crucco di Friedrich von Hayek ;). Voilà l’intervista:

COS’E’ IL PROGETTO “STRUNZBANK”?

Strunzbank nasce circa 10 anni fa. Avevo creato questo clown dal nome di Otto Grossmunster, un banchiere cinico a capo di una fantomatica banca tedesca, la Strunzbank di Francoforte. È un personaggio che piano piano è cresciuto ed è diventato quasi “organico”. Sono sempre stato un appassionato di macro-economia. Poi improvvisamente questo personaggio è diventato di spaventosa attualità perché il vocabolario dei media si è riempito di tutte queste parole che hanno a che fare con l’economia: deflazione, fiscal compact, quantitative easing, flessibilità, bond subordinati. Per cui ho creato un canale YouTube e ho iniziato a produrre un vero e proprio corso di economia comica. L’economia per la maggior parte delle persone è un argomento “pesante” e Strunzbank lo vuole rendere leggero. Inoltre è anche uno spettacolo live per eventi aziendali o legati a tutto quello che è economia.

COM’E’ STRUTTURATO? DOVE SI PUO’ VEDERE?

Per vederlo cosa più semplice è collegarsi al blog della Strunzbank – il canale YouTube  invece è diviso in unità didattiche presentate per mezzo di sketch comici. A volte giro delle puntate speciali per fare satira su argomenti di attualità che abbiano a che fare con l’economia (bail-in bancario, crescita zero, ecc.). Per quanto ne so io è l’unico canale di economia comica in Europa.

PERCHE’ OCCUPARSI DI ECONOMIA?

Perché oggi o ti occupi di economia oppure è l’economia che si occupa di te. Vent’anni fa se volevi investire i tuoi soldi compravi un appartamento o compravi BOT, non dovevi essere una cima. Oggi invece è cambiato tutto e avere una cultura economica di base è imprescindibile a meno che non ti vuoi affidare ciecamente alle banche. Inoltre il vero potere oggigiorno è in mano ai banchieri centrali e a istituzioni sovranazionali che dettano legge ai governi stessi. Il vero potere oggi è a Bruxelles e a Francoforte. E la satira deve sempre irridere il potere. Continua a leggere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: