Tag Archives: Zelig prima serata

depressione da reality… e il cabaret?

3 Mag
Enrico Lucci

 Mercoledì 21 aprile Le Iene si sono occupate di Depressione Post Reality, che coglierebbe soprattutto gli ex partecipanti al Grande Fratello, una volta passata la sbornia della popolarità. Il fenomeno è già conosciuto in Inghilterra, India, Stati Uniti.

Enrico Lucci ha realizzato un servizio per molti versi duro e shockante (guarda il video).

Il disagio è intuibile: passi da una situazione in cui tutti ti riconoscono, fai serate in discoteca, gli sponsor ti cercano a una in cui non ti fila più nessuno. Il ricordo della “sbornia” ti perseguita. Tornare a fare un mestiere normale è difficilissimo.

Che poi ci fosse come conseguenza anche la depressione, non era così scontato.

Nel campo del cabaret esiste una situazione simile? È strano, ma la decisione definitiva di aprire il blog è arrivata quando mi sono stati segnalati casi di depressione tra ex di Zelig Circus ritornati a fare i laboratori. È quella la molla che ha fatto scattare il “Se non ora, quando?”

Non ho mai avuto modo di approfondire l’argomento, ma ritengo possibile che le devastazioni psicologiche post Zelig (e Zelig/Colorado) siano molto, ma molto più gravi di quel che si pensi.

Il problema rimane nascosto anche  per gli atavici sensi di colpa che i comici provano (è tutta colpa degli individui, quindi è tutta colpa mia) e dalla mancanza di informazione.

Con i reality ci sono delle differenze: per esempio la popolarità da Zelig prima serata è passata per molti, però il sistema ha offerto loro ancora una dose di speranza: tornare a fare i laboratori e i provini (che forse è peggio). La porta non si chiude mai del tutto, come invece succede agli ex Gieffini.

Il sistema comico, per certi versi, è molto più crudele, soprattutto verso quelli che non ce l’hanno ancora fatta. La gente viene sottoposti a cicli continui di speranze pompate al massimo e di delusioni cocenti, spesso senza arrivare neanche a fare una puntata di Zelig Off.

Forse è peggio di quanto si pensi, ma la verità è assorbita dal principio che chi sta in alto e comanda è innocente, chi sta sotto è colpevole delle proprie condizioni.

Forse un giorno ci sarà qualcuno che romperà il muro del silenzio e avrà voglia di raccontare…

Roberto Gavelli, Amministratore di Ananas Blog (è un lavoro pulito, ma qualcuno lo deve fare)

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: