Zelig e il furto delle idee (video di Antonio Covatta)

22 Gen

Il comico professionista Antonio Covatta ha appena pubblicato su YouTube un video di protesta, nel quale lamenta la seguente situazione: dopo una lunga frequentazione con materiale di repertorio, quest’anno ha portato allo Zelig Lab di Roma il personaggio del magnate russo. Ieri sera ha constatato che a Zelig Circus Raul Cremona faceva il personaggio del magnate russo, (di fatto “bruciando” il suo lavoro, poiché d’ora in avanti chiunque gli dirà: “ma questo lo fa già Raul Cremona a Zelig” NDR).

Comunque nel video Antonio spiega molto bene i motivi della “lamentela”. In un post precedente si è fatto notare come il plagio comico in Italia sia inesistente (leggi articolo), ma questo sembra un caso diverso, non di plagio, ma di mancanza di conoscenza, rispetto, considerazione del lavoro che i comici fanno (a loro spese) nei laboratori.

Ananas Blog (l’unico servizio pubblico cabarettistico) 

Annunci

37 Risposte to “Zelig e il furto delle idee (video di Antonio Covatta)”

  1. Anonimo gennaio 28, 2013 a 9:25 pm #

    Menomale che qualcuno ne parla, ma purtroppo penso che non cambierà niente. Tanto rumore per nulla…

  2. Anonimo gennaio 27, 2013 a 3:10 pm #

    Gli autori che seguivano i laboratori, dovevano far presente a Cremona, che il personaggio lo faceva prima di lui Covatta. Ma a quanto pare contano poco e Cremona, probabilmente ha molta voce in capitolo. Lasciamogli anche il magnate…dopo per lui la pensione, visto che non ha altre cartucce da spararsi. Cremona è stato un grandissimo comico…ma orma, il grosso l’ha fatto. Mi dispiace per Covatta, l’avrebbe sicuramente fatto meglio.

  3. Anonimo gennaio 25, 2013 a 8:55 pm #

    Sarebbe interessante vedere i video dei due personaggi per confrontarli e capire qualcosa in più. In ogni caso solidarietà a Covatta.

  4. Oscuro gennaio 25, 2013 a 7:49 pm #

    Se si prova a mettere il video nella pagina FB di Cremona viene subito cancellato. Gatta ci stracova…

    • oscuro gennaio 26, 2013 a 9:36 am #

      anzi, gatta ci Covatta.

  5. Arrant knaves gennaio 24, 2013 a 5:48 pm #

    Ma quindi, alla luce di tutte quete considerazioni, se ad uno non gli fregano il personaggio o le battute, vuol dire che questo è proprio uno sfigato, o no?

    • Anonimo gennaio 27, 2013 a 3:11 pm #

      Chi copia un personaggio è un uomo inutile…

  6. che palle... gennaio 23, 2013 a 5:31 pm #

    Basta coi laboratori!!
    Amatori da 4 lire, andate a lavorare per davvero!
    Professionisti, smettetela di sbavare dietro alla TV!!

    • billycristal gennaio 23, 2013 a 9:09 pm #

      quoto!

  7. pino gennaio 23, 2013 a 5:09 pm #

    qui il caso è davvero grave visto che parliamo di un cabarettista affermato, uno che sa fare e che va al laboratorio per arrivare in TV e gli fregano l’idea.
    Antonio vai avanti e fai valere i tuoi diritti, hai ragione quando dici che i laboratori devono chiudere

  8. Be gennaio 23, 2013 a 1:22 pm #

    Scusate ma Cremona fa il magnate russo? Non fa il solito pezzo che ha fatto sempre (Entro – gioco di parola – gioco di prestigio) travestito da russo? Dov’è il magnate?

    Non ho visto il pezzo di Covatta ma, a meno che non ci sia una struttura, spunti/tematiche o battute identiche, dove sta il plagio?

    Cremona non poteva fare quello dell’ Est perchè c’era già Covatta? Se è per questo allora nemmeno Covatta poteva farlo perchè prima c’è stato Borat. Oppure non poteva fare il magnate perchè prima di lui c’è stato Carcarlo Pravettoni.

    Lo dico provocatoriamente ma invito tutti a riflettere. Un personaggio è un insieme di tante cose. Non è che siccome io faccio un vigile inglese, da domani nessuno puo’ piu’ fare un personaggio che parla in inglese o che è di Londra. Perchè altrimenti anche Don Pizzarro di Guzzanti è un plagio di Don Tonino di Andrea Roncato.

    • ananasblog gennaio 23, 2013 a 1:38 pm #

      Sei un po’ pirla oppure fingi di esserlo: stiamo parlando della seguente filiera:
      a) laboratori in cui si portano idee (a proprie spese) per la tv, che sono visionate dalla direzione artistica
      b) la stessa direzione artistica manda qualcosa di SIMILE in tv ignorando il lavoro (e bruciandolo) di chi si è sbattuto aggratis
      Io credo che sei un po’ pirla, ed è noioso risponderti
      L’Amministratore

      • Anonimo gennaio 25, 2013 a 11:42 pm #

        Io invece credo che tu, Amministratore, voglia condurre il discorso in una sola direzione.
        E credo che la persona che si firma ‘Be’ abbia totalmente ragione.
        Non conosco Covatta per cui MAI mi sognerei di criticare idee o scelte artistiche. Ma è un dato di fatto che condire certi personaggi con mood russo/macedone/slavo/albanese non sia più una novità. Ed è quindi plausibile che più d’uno se ne esca con questa trovata.

        A parte questo, c’è plagio? Non c’è stato plagio?
        Non lo so.
        So che se dai di pirla a chi ti controbatte, non vai lontano.

        • ananasblog gennaio 26, 2013 a 11:38 am #

          Sono discorsi fatti mille volte, nessuno ha l’esclusiva dello slavo, ricordiamo Pozzoli e De Angelis, Bergallo, poi Klobaz, attualmente i Cd Rom…
          La cosa (già detta miliardi di volte) a sfavore è che la tv, per merito proprio di Zelig, funziona per caselline e similitudini (hai un camice? c’è già Migone… Hai una chitarra e fai imitazioni? c’è già Perroni… Fai monologo di costume con accento del nord? C’è già Bertolino…
          Proprio per questa strategia (ripeto) imposta da Zelig, è stato stabilito che il repertorio di Covatta non andasse bene e, sempre stabilito da un autore Zelig, che la “casellina” del russo avesse possibilità di finire in tv, per poi scoprire che la “casellina” era occupata da Cremona. E’ così difficile da capire? Lo spiega benissimo Covatta nel video. L’Amministratore

          • Arrant knaves gennaio 26, 2013 a 1:08 pm #

            Mi permetto di contraddirti, perché in realtà la regola che vale nel mondo della comicità è “c’è già qualcuno che lo fa meglio di te”. Tu fallo ancora meglio ed il posto è tuo

            • super partes gennaio 28, 2013 a 7:41 am #

              Non è così semplice: la televisione (o più in generale la notorietà) ti da in automatico una “autorevolezza” nei confronti del pubblico che parte già ben disposto nei tuoi confronti, ti dà più attenzione, crea un’aspettativa e riderà una volta in più, ed un po’ più forte, di quando non eri nessuno e facevi le stesse identiche cose,
              Quindi se uno famoso ed uno sconosciuto portano un personaggio similie, questo parte avvantaggiato se fatto da chi è già nel giro, piuttosto che da chi non lo è ancora

          • Anonimo gennaio 28, 2013 a 11:36 am #

            Al contrario!
            E’ facilissimo da capire. Infatti si era già capito.
            Quindi se -a parità di bravura e battute- c’è la ‘casella slavo’ e ci sono due che fanno lo slavo (lo slavo, non lo stesso personaggio) io, autore di Zelig, scelgo lo slavo che mi dà più garanzia di ascolti o che ha più riconoscibilità o che mi piace o che ne so io.
            Ma, in tutto questo, che c’è di sbagliato?
            Che due facevano lo slavo e ne è stato scelto uno?
            In quanti programmi vedi due o tre sketches uguali nella stessa puntata. Te lo dico io: in nessuno.
            Perchè le ‘caselle’ non le ha inventate Zelig. Sono parte del normale buonsenso quando prepari un programma, credo.
            Ma, se tutto questo è facilissimo da capire, allora qual’è il significato originale dell’articolo?

            • Anonimo gennaio 29, 2013 a 4:24 pm #

              Ma perchè? PERCHE’???
              Perchè, quando si arriva al motivo per il quale è stato postato l’articolo, non ci sono le risposte dell’Amministratore ?

      • Anonimo gennaio 29, 2013 a 7:37 pm #

        già solo avendo scritto “aggratis” perdi qualsiasi credibilità

  9. Anonimo 2 gennaio 23, 2013 a 12:40 pm #

    Mica pigliano solo i personaggi, si intestano battute e interi pezzi di altri, pazienza non pagando la siae ma neanche riconoscendo la paternità del pezzo, magari in trasmissioni cosiddette “minori” in altre reti, magari quelle delle reti a pagamento che sono la vera palestra per la “grande” trasmissione in una qualsivoglia rete ammiraglia in chiaro e… oplà salta fuori questa e quella battuta non uguale beninteso, ma simile… Così nessuno può contestare apertamente la proprietà di scrittura. Ma sì, tanto lo fanno tutti e avanti tutta.

  10. billycristal gennaio 23, 2013 a 9:40 am #

    il punto è che ..nonostante uno sia un mago e l’altro un magnate..di fatto il team autoriale zelig boccia il magnate accusandolo di somiglianza con il mago..senza pensare che il magnate è nato in ottobre in una struttura da loro patrocinata ed è nato proprio in funzione del loro programma. E’ come un’azienda di moda che chiede delle proposte ad un gruppo di stilisti per la collezione estiva ,poi ne sforna una simile col suo stilista aziendale e liquida lo stilista dicendo che hanno già qualcosa di simile..senza neanche pagargli il disturbo.

  11. Anonimo gennaio 23, 2013 a 9:29 am #

    Siamo alle solite, quando un comico viene copiato tutti a dire: “ma non e’ proprio uguale”, “secondo me quello non lo sapeva”, “ma i laboratori/provini che li fate a fare”, ecc

    Considerando che su questo sito, commentano quasi esclusivamente comici (molti dei quali dilettanti da quello che leggo), rimango sempre più convinto che regni il FINCHE NON CAPITA A ME CHISSENEFREGA.

    Complimenti.

    • Anonimo gennaio 23, 2013 a 9:31 am #

      p.s. le 7(6) domande dell’ amministatore mi sembrano estremamente sensate

    • ananasblog gennaio 23, 2013 a 9:33 am #

      Anonimo, hai centrato il punto: quando capita (e di casi ce ne sono tanti) si prova una colossale incazzatura, la sensazione di aver lavorato per niente, eccetera, visto che si frequenta certi spazi mettendo tutto “se stessi”, sperando di giocarsi un “futuro”. L’A

  12. oscuro gennaio 23, 2013 a 8:50 am #

    Domanda: ma anche tu fai il mago? Perchè alla fine lui di magnate non ha nulla…

    • ananasblog gennaio 23, 2013 a 9:20 am #

      no, no, no hanno “magnate” un casino. L’A

  13. Anonimo gennaio 23, 2013 a 8:07 am #

    Al Presidente del Tribunale Popolare del Cabaret
    perché la giuria popolare possa esprimersi non è che possono essere presentati i video delle due esibizioni o almeno puoi raccontarcele visto che prima di pubblicare un video così pesante avrai sicuramente fatto le tue verifiche? Non foss’altro perché nel descrivere la puntata di Zelig che non ho visto scrivi “Raul Cremona anche lui con un personaggio nuovo: il russo Yuri Papacenko che fa comunque il mago interagendo soprattutto con Forest”.
    Ora maghi (russi o ucraini) e magnati (russi) magari hanno qualcosa in comune (vedi il nostro magnate per eccellenza un mago a raccontare balle), ma detta così la somiglianza si ferma alla provenienza del personaggio dalle repubbliche ex sovietiche.

    • ananasblog gennaio 23, 2013 a 9:25 am #

      Siamo forse più nel campo della st****aggine che del plagio, st****aggine che è comunque una roba brutta. L’A
      PS “reato” di st****aggine aggravato da 4 anni di prestazione di manodopera cabarettistica gratuita

  14. Arrant knaves gennaio 22, 2013 a 7:28 pm #

    Ma non avevamo mica già assolto tutti?

    • Claudio Masiero gennaio 23, 2013 a 8:14 pm #

      Scusa administrator ma me fa troppo ridere ” Ma non avevamo mica già assolto tutti?” fa troppo ridere … vedi a difendere i plagiautori !
      Luttazzi pollice verso!

  15. ananasblog gennaio 22, 2013 a 6:45 pm #

    Domande:
    1) l’autore dello Zelig Lab di Roma ha avvertito Raul Cremona che Covatta faceva già il magnate russo?
    2) l’autore dello Zelig Lab di Roma ha avvertito la direzione artistica di Zelig della cosa?
    3) la direzione artistica di Zelig era a conoscenza di ciò che si faceva al lab di Roma? (le serate vengono registrate e il materiale diventa di proprietà di Bananas)
    4) Chi ha saputo davvero della cosa?
    5) Come ha reagito?
    6) Raul Cremona è stato avvertito in qualche modo?
    7) Si applica la regola che non ci sono regole e ce ne freghiamo?

    • Anonimo gennaio 24, 2013 a 3:58 pm #

      1) SI
      2) SI
      3) NO
      4) Cremona e tutta la Cremonese Calcio
      5) Buggerandosi del rispetto altrui
      6) SI
      7) SI

      • ananasblog gennaio 24, 2013 a 5:55 pm #

        Sembrerebbero risposte aderenti a ciò che è successo, purtroppo c’è l’anonimato quindi come si devono prendere le suddette risposte? L’A

Trackbacks/Pingbacks

  1. Zelig 2013, troppi errori: i senatori deludono e la scaletta si rivela sbagliata | CineTivu - gennaio 29, 2013

    […] il Mago di Milano in salsa russa e offerto nello stereotipo dello slavo mafioso (tra l’altro pare che questo personaggio non sia propriamente originale) i Pali e Dispari non hanno fatto minimamente […]

  2. Russi a confronto « - gennaio 29, 2013

    […] di comportamenti quasi scorretti o ai limiti dell’amoralità? (Come quelli denunciati nel video di Antonio Covatta). I comici sono visti come produttori di materiale in eccesso, le cui registrazioni non si sa che […]

  3. La vignetta del momento: mai nato? « - gennaio 24, 2013

    […] di comportamenti come quello denunciato in questo video? (di cui abbiamo parlato nel post precedente) Ananas […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: